14°

22°

Parma

Bernazzoli: «I cittadini hanno apprezzato un certo stile di governo»

Bernazzoli: «I cittadini hanno apprezzato un certo stile di governo»
Ricevi gratis le news
0

di Marco Federici 

Il segnale è che  a Parma c'è un centrosinistra che vince». Lo dice  chi lo guida, quel centrosinistra:  Vincenzo Bernazzoli, confermato alla presidenza della Provincia con venti punti percentuali in più del suo avversario. E quando lo dice  si rivolge a tutti: agli avversari, ma  anche -  per non dire soprattutto -  ai suoi, a quel centrosinistra che non vince. Che non ha vinto in passato, non ha vinto  quindici giorni fa (otto i Comuni persi per strada)    e non ha vinto ieri:  già, perchè l'affermazione  netta  nella corsa per piazza della Pace è stata annacquata dalla sconfitta  arrivata sul  filo dei voti da Fidenza.  «Il  risultato positivo che ho ottenuto   - aggiunge Bernazzoli  -  dimostra che  i cittadini hanno apprezzato un certo stile e una certa cultura di governo,  molto orientata a realizzare progetti più che a fare annunci».

Fin qui il concentrato  del suo commento politico alla vittoria. Adesso c'è spazio per il «colore» della maratona elettorale. Sono circa le sei  e mezza del pomeriggio quando  in via della Costituente, circolo del Pd, si può brindare.  La bottiglia  di spumante classico,  del Trentino, è pronta per essere sturata col botto. «Ma no dai, sembra Capodanno» sorride e scuote la testa Bernazzoli. Compare persino un pupazzo caricato a pile, assomiglia ad un asinello  su due piedi,  che balla. Cin, gragnuola di flash e foto della giornata che finisce  in archivio.  Il ballottaggio di Bernazzoli comincia alle tre del pomeriggio, quando si chiudono le porte dei seggi   e si aprono le urne. Lui, che è pure sempre il presidente uscente, deve presenziare all'assemblea dell'Unione parmense degli industriali: si mette in prima fila tra il prefetto e il  presidente della Camera di commercio. Dal pulpito parla il presidente dell'Upi Daniele Pezzoni, Bernazzoli è attento,  ma si vede che frigge da come aggrotta la fronte. E difatti   appena sul palco sale  il presidente della Camera Gianfranco Fini, il  candidato presidente sgattoiola fuori dal Regio e raggiunge un'abitazione  di amici, lontano dai supporters e dalle telecamere,  per seguire l'esito dello scrutinio. Che non è mai in discussione: fin dalle prime sezioni  Bernazzoli si assesta sul sessanta per cento e da lì non si schioderà più. Mano a mano che sui siti della Provincia  e del ministero dell'Interno vengono caricati i dati la vittoria è sempre più saldamente nella  sue  mani.  Non fosse che Fidenza lascia tutti con il fiato sospeso,  in via della Costituente sarebbe già festa grande.  E' vero che i ribaltoni possono sempre accadere, ma quando  ci sono venti punti percentuali di differenza dopo un terzo delle sezioni scrutinate, l'esperienza insegna che è fatta. Non c'è più storia.  E quando alle sei Bernazzoli sbuca da piazzale Picelli - al suo fianco c'è Alfredo Peri, assessore regionale ai Trasporti - parte un lungo applauso. «Meglio dell'altra volta - si schermisce  il presidente confermato -  gente di poca fede».  Le pacche sulle spalle  si sprecano. Gli abbraccipure, a ben  guardare  più o meno calorosi. Sfumature, certo,  perchè il giorno della vittoria non c'è spazio per le occhiate oblique.    Gli si fanno incontro gli assessori uscenti: alla rinfusa,  Ugo Danni e Manuela Amoretti,  Gabriella Meo  e  Gabriele Ferrari.  E sempre alla rinfusa  si congratulano l'eurocandidata Simona Caselli, i consiglieri comunali  Matteo Caselli, Franco Torreggiani, Massimo Iotti e Gabriella Biacchi, i neo eletti in Consiglio provinciale  - adesso sicuri di essere in maggioranza -    Cristina Merusi, sindaco di Sala Baganza,   e Massimo Pinardi.  Oppure consiglieri uscenti come Antonio Bertoncini,  gente  della  area-Bernazzoli  come Johann  Marzani.
 
Nella saletta,  dove c'è un computer aperto sul sito della Provincia,  ci sono il suo capo di gabinetto Jenny Sandei e l'ex vice presidente della Fondazione Cariparma Marcella Saccani.  L'elenco non può essere completo, anche perchè c'è tanta gente che va e viene, facce note della politica, persone che lavorano nell'ombra e gente comune, magari semplici elettori che mettono un attimo dentro il naso. A  Bernazzoli passano  cellulari come se piovesse: nemmeno lui sa  con chi deve parlare. «Chi è?», urla il presidente per   avere la meglio sulla mancanza di campo. «Ah, ciao Titti...». Stretta di mano e altro cellulare: stavolta è una direttrice  di non si capisce bene quale istituto privato. Uno telefonata, invece,   tiene a farla lui.  «Ciao Antonio, visto, è andata bene...». Antonio, dipendente Enìa in pensione, è quel signore con i capelli grigi che si è messo al volante dell'auto e in tre mesi ha macinato 18mila chilometri per portare Bernazzoli dall'Appennino alla Bassa, andata e ritorno chissà quante volte.

Poi si passa all'analisi del voto, all'esito del  ballottaggio. Alle sei e mezza del pomeriggio c'è già stata una telefonata con l'avversario Lavagetto. «Sì, ci siamo sentiti poco fa.  Ci siamo fatti reciprocamente i complimenti perchè nessuno dei due ha portato attacchi personali all'altro.  Ci siamo anche detti che collaboreremo nel reciproco rispetto dei nostri ruoli:  gli ho ribadito che  non ho pregiudizi ideologici e che  sono pronto a valutare  buone proposte».  Una forbice così ampia, nemmeno Bernazzoli se l'aspettava. «Dopo il primo turno - dice il presidente - non ho  fatto previsioni. Poi va detto che  l'astensionismo  rappresentava un elemento di incertezza oggettivo».   Poi il lavoro, a partire da  oggi. «Appena tornerò in ufficio  - aggiunge - comincerò subito ad occuparmi della crisi economica perchè l'autunno è già alle porte e bisogna subito prenderla di petto:  contatterò di nuovo tutte le realtà del territorio. Quindi comincerò a lavorare  per realizzare quanto promesso nei primi cento giorni di governo».  Quando è sera, a Bernazzoli   cade  in testa la tegola di Fidenza. Catini ha vinto e Montanari no: «Faremo un'analisi dettagliata  di quanto successo per individuare anche le responsabilità che ci sono state. Colgo l'occasione per ringraziare Montanari: una persona seria che si è messa in gioco  e si è spesa gratuitamente». Una macchia nera nel bianco della festa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Avicii, la famiglia rivela: "Non poteva più andare avanti"

MUSICA

Avicii, la famiglia rivela: "Non poteva più andare avanti"

Baye litiga con Aida per il tiramisù: invettive e intimidazioni. E il "Grande Fratello" minaccia provvedimenti

TELEVISIONE

Baye-Aida, violento litigio: il "Grande Fratello" minaccia provvedimenti Foto Video

Cafè Tano: la laurea  di Biagio Foto: ecco chi c'era alla festa

PGN FESTE

Cafè Tano: la laurea di Biagio Foto: ecco chi c'era

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore!": dai "massaggiatori" ai film porno, la rivoluzione sessuale passo per passo Video Foto

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Ponte chiuso fra Colorno e Casalmaggiore

BASSA

Ponte sul Po fra Colorno e Casalmaggiore: a giugno il bando, in primavera la riapertura

Il ponte sarà restaurato e riaperto al traffico: ecco le prossime tappe dell'iter

1commento

ANTEPRIMA GAZZETTA

L'holter rivela l'infarto: parmigiano salvato dopo una giornata di ricerche

L'uomo ha promesso una pizza per tutti i suoi soccorritori

vigili del fuoco

Pitone di oltre un metro in un tombino di via Treviso Video

5commenti

il caso

L'inquilina (abusiva) accoglie i proprietari con il coltello

3commenti

Evento

Torna (parco Ex Eridania) il concerto del 1° Maggio a Parma Il programma

TRUFFA

Vende il camper, ma gli rifilano un assegno falso da 30mila euro

3commenti

Prevendita al via

Parma-Ternana, torna "Porta due amici in curva"

GOVERNO

Danni da maltempo: dichiarato lo stato di emergenza anche per l'Appennino di Parma

MUSICA

Concerto del 25 Aprile, piazza Garibaldi si accende con i Baustelle Le foto

1commento

POLITICA

Pizzarotti e il Pd : "Corteo del 25 Aprile, parlamentari leghisti assenti: è grave"

4commenti

Hobby

Pezzali e i trattori, storia di un amore

viabilità

Nuova rotatoria tra via Fleming e via Colli: via libera della Giunta

9commenti

Via Farini

Ladro di cellulari incastrato dall'app

Dal 7 maggio

Torna Cibus: 1.300 novità alimentari sul mercato

tg parma

Azzannata da un pitbull e insultata per il velo: la denuncia di una donna a Parma Video

La proprietaria del cane se n'è andata dopo il violento episodio

6commenti

tg parma

Fidenza: sono ancora in Rianimazione il 67enne colpito da malore e il cicloamatore ferito Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Pd-Di Maio ultima chance per evitare le elezioni

di Vittorio Testa

6commenti

CHICHIBIO

Ustaria dal m’rcà: tradizione fatta in casa con fantasia

1commento

ITALIA/MONDO

PORTOGRUARO

E' morto l'imprenditore Pietro Marzotto: aveva 80 anni Foto

PIACENZA

Bimbo schiacciato dal trattore: il padre è indagato

SPORT

PARMA BASEBALL

400 giocatori in 60 anni di storia

Calciomercato

Milan, per l'attacco c'è Muriel

SOCIETA'

Posta elettronica

Google cambia Gmail: ora i messaggi si autodistruggono

GAZZAREPORTER

Lago Santo: 25 Aprile al rifugio Mariotti

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

2017: IL SORPASSO

La CO2 emessa dai benzina supera quella dei diesel

2commenti