13°

26°

Parma

"Anche il cielo ha pianto per Chicco e Dino"

"Anche il cielo ha pianto per Chicco e Dino"
Ricevi gratis le news
0

di Laura Frugoni

Michael ha quella scritta spiritosa («barcollo ma non mollo») sulla sua maglietta preferita, e leggerla oggi ti dà il primo strappo al cuore. I riccioli biondi scompigliati sugli occhi che tiene  incollati al pavimento, quando li alza fissano un chissà dove remoto: due laghi affranti, inondati da tutta la disperazione di un bambino di 12 anni che non trova pace e tanto meno un perché.
In questi giorni non riusciva  a piangere, adesso le lacrime sono arrivate come un diluvio. Un uragano di singhiozzi che scuote il suo corpo esile e poi si placa all'improvviso.
Michael ha gli stessi occhi cerulei di suo fratello Francesco e di suo padre Demetrio. Chicco e Dino Petta, che domenica sera se ne sono andati per sempre su una Yamaha scaravoltata sull'asfalto di via Cremonese.
Nella cameretta al numero 7 di via Aleotti i letti dei due fratelli sono appaiati, identici copriletti blu. Michael era tornato da quindici giorni dall'istituto che l'ospitava, due settimane appena per sentirsi respirare nel sonno, risvegliarsi fianco a fianco proprio come facevano anni fa. Il fratellone grande di Michael adesso non c'è più. Sorride da un rosario di foto custodite nel computer in salotto. Francesco era tornato a casa sua da due mesi.
Di quell'adolescente silenzioso la  «Gazzetta» aveva ripercorso l'odissea nei giorni della bufera Cavanà, aveva ospitato l'appello della famiglia che voleva riportarlo a casa a tutti i costi. Francesco ora finalmente stava riprendendo in mano la sua vita. Dei giorni bui del Cavanà preferiva non parlare, anche se proprio lui nei prossimi mesi sarebbe stato uno dei testimoni chiave dell'inchiesta su maltrattamenti e fialature.
 «Era felicissimo di essere tornato a casa, finalmente sereno, s'era fatto nuovi amici, ragazzi a posto, il sabato pomeriggio andavano in centro a fare le vasche», piange seduta sul copriletto di Chicco la zia Gaia, attenta a non  farsi vedere da sua sorella Rosaria, «devo essere forte, per lei».
Rosaria e Gaia, la madre e la zia. Insieme sono andate ad appoggiare due mazzi di fiori su quel pezzo d'asfalto: gialli per Dino e bianchi per Chicco. Insieme anche nel passo più duro: riconoscere i corpi di padre e figlio. «Francesco aveva il viso bello: sembrava che dormisse», sussurra Rosaria. Quando è arrivata con i fiori in via Cremonese, il cielo è diventato di piombo, poi pioggia a dirotto. «Era Dio che piangeva per loro», dice mamma Rosaria, il viso cereo, non riesce a inghiottire nulla da domenica eppure sa che non può chiudere il mondo fuori dalla sua stanza per fare entrare solo tutto il suo dolore. Non può permetterselo, nemmeno oggi si può fermare Rosaria: ci sono i due figli più piccoli da andare a prendere alla casa di accoglienza di Pavia, loro ancora non sanno cos'è successo al papà e al fratellone. Questa settimana resteranno ospiti da Gaia a Trecasali, e poi quel che resta della famiglia Petta si dovrebbe riunire, anche se ormai è tardi, troppo tardi per Chicco e Dino. La Gazzetta aveva raccontato anche la lunga battaglia di Rosaria e di suo marito per riavere i loro quattro figli (allontanati da casa nel 2006 dal tribunale dei minori). Adesso però è il momento solo di piangere. E di ricordare chi era Dino, chi era Francesco.
  Siciliano di San Giuseppe Iato, il capofamiglia era approdato a Parma a 21 anni in cerca di lavoro. Aveva cominciato a lavorare alla cooperativa Taddei, facchino stagionale dal '93 e poi fisso dal '96. Con Rosaria s'erano conosciuti e sposati in un batter d'ali, avevano appena festeggiato i 18 anni di matrimonio. «Per me era l'aria che respiravo, un marito straordinario: l'avrei risposato mille volte». Sempre insieme, anche quando era piombata la cattiva sorte. Giocherellone, disponibile, Dino anche nei momenti di scoramento riusciva a tirarsi su, stringeva i denti. Barcollo ma non mollo.  Nel salotto di via Aleotti sono arrivate da Palermo sua mamma Pina e le tre sorelle Enza, Raffaella e Giusy. «Anche se eravamo lontani - dice Giusy - bastava un semplice ciao al telefono, era sempre lui a darmi coraggio».  Chi era Francesco lo ricorderanno le voci dei suoi amici al funerale  che dovrebbe celebrarsi sabato nella chiesa delle Sacre Stimmate, il rosario venerdì sera. «Speriamo che arrivino in tanti a salutarlo per l'ultima volta», dice Gaia. Sua figlia Giada, 13 anni, si appende al telefono perché anche a lei preme dire quanto Chicco fosse speciale: «Era lui a dirmi quello era giusto o pericoloso fare. Bastava chiamarlo: “Fra', ho bisogno di te” e lui era lì. Era diventato più maturo. Più saggio dei ragazzi della sua età». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore senza paura!": dai libri al porno, un tuffo negli anni della rivoluzione Video Foto

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

musica

Vasco Rossi: "Ecco perche' ho sempre detto no a Pavarotti"

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Tutte le foto del  royal baby

FOTOGALLERY

Tutte le foto del royal baby

Lealtrenotizie

Botte e minacce alla compagna anche davanti alla figlia: condannato

MALTRATTAMENTI

Botte e minacce alla compagna anche davanti alla figlia: condannato

Fidenza

Addio a Pederzani, una vita per il calcio

La polemica

Concerto, via Farini chiusa: «Un danno per il commercio»

festa

25 Aprile: un parmense di appuntamenti in piazza, in bici e in musica L'agenda

Concerto in città con Baustelle e Mara Redeghieri

striscioni

L'oltraggio di Forza Nuova al 25 Aprile

Fidenza

Matilde Farnese, da barista ad attrice

Intervista

Baustelle: «Non archiviamo il 25 aprile»

Polesine Zibello

Per i soldi per la dose minaccia il padre con un coltello

Ticket

«Stangata» sulle cure per la psoriasi

L'ASTA

Il 9 maggio si saprà il destino del centro sportivo di Collecchio

FORNOVO

L'autobus degli studenti divorato dalle fiamme a Riccò Video

Scarpa e Pezzuto: "Sottovalutate le segnalazioni sulla vetustà e cattiva manutenzione dei mezzi"

1commento

tg parma

Punta un'arma contro la fidanzata del figlio: paura in via Rezzonico Video

il fatto del giorno

Botte alla compagna sotto gli occhi della figlia: condannato Video

tg parma

Cerca di fuggire: pusher "placcato" e arrestato dai carabinieri in Viale Vittoria Video

Un cittadino polacco è stato denunciato per furto

2commenti

SPORT

Centro sportivo di Collecchio: c'è una nuova offerta, si riapre la gara

L'offerta è stata fatta dall'Istituto per il credito sportivo (Ics). Il Parma Calcio 1913 rassicura i tifosi: "Parteciperemo alla prossima asta pubblica"

9commenti

PARMA

Incendio in uno scantinato: vigili del fuoco in zona San Lazzaro

E' successo in via Bondi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Governo, quante baruffe. E l'interesse del Paese?

1commento

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

ROMA

Napolitano colto da malore: intervento al cuore

londra

Per il giudice Alfie può andare a casa, ma non in Italia. I medici frenano

SPORT

CHAMPIONS

La Roma si sveglia tardi: il Liverpool vince 5-2

Gallery sport

Sbk di nuovo a Imola. La madrina? Aida Yespica Fotogallery

SOCIETA'

social

Da odio a sesso, le linee guida di Facebook sui post vietati

curiosità

La filastrocca sull'aereo Pippo recitata nei luoghi di Parma sotto le bombe Video

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

LA NOVITA'

Lamborghini, ecco Urus: un toro travestito da Suv

1commento