19°

Parma

Il D'Azeglio dice "no" al film su Bonsu: "Processo in corso". Ma il Ciac protesta

Ricevi gratis le news
2

E' polemica fra il cinema D'Azeglio e Forum Solidarietà, organizzatore delle serate nell'arena estiva del cinema, per il film - documentario "Il mio nome è Emmanuel" , la pellicola girata da Andrea Tinari che racconta il caso Emmanuel Bonsu.  
Molti parmigiani erano convinti ieri sera di poter assistere alla proiezione del video girato per la trasmissione di Raitre "Un mondo a colori": peccato però che il gestore del D'Azeglio Luigi Lagrasta non ne sapesse nulla. "In programma - dice - c'era un altro film. Io ho saputo per caso da una mia amica del video su Bonsu". Così, continua, ha chiamato gli organizzatori e ha chiesto di sospendere la proiezione "per un discorso di rispetto" e "in via cautelativa visto che c'è un procedimento in atto".

Insieme alla decisione di Lagrasta, però, sono scoppiate le polemiche. "La visione di questo brevissimo documentario, che non entra  nella vicenda giudiziaria nata dall’inchiesta sul pestaggio di  Emmanuel Bonsu, non è stata possibile perchè il gestore ne ha negato la priezione -, ha detto Emilio Rossi, presidente del Ciac, l'associazione parmigiana che tutela i diritti degli immigrati e degli stranieri  -Il gestore ha sostenuto assurdamente che il documentario non poteva essere proiettato perchè sul  caso Bonsu è in corso un procedimento della Magistratura. Questa vicenda la dice lunga su che aria tira a Parma».

"Non abbiamo nessuna remora - replica Lagrasta -. Chi conosce il D'Azeglio, conosce anche la pulizia e il coraggio sociale che ci contraddistinguono. Per rispetto alla società civile di Parma, è giusto affrontare temi di questo genere ragionandoci insieme". Non, quindi, proiettando un semplice documentario, ma anche discutendone. "A marzo, per esempio, abbiamo dedicato una serata alla sicurezza e all'integrazione con ospiti e rappresentanti, ed è stata una serata bellissima".

Il Ciac insieme alle associazioni di solidarietà e  volontariato che partecipano a Parma multiculturale si è fatto  promotore di una raccolta di fondi a sostegno degli stranieri  vittime di episodi analoghi a quello accaduto a Emmanuel Bonsu  lo scorso settembre, quando, secondo l'accusa,  il ragazzo ghanese di 22 anni fu  fermato e picchiato nel corso di un’operazione antidroga  condotta dalla polizia municipale di Parma che lo aveva  'scambiato' per il palo di uno spacciatore. La Procura della  città emiliana ha chiesto il rinvio a giudizio per dieci  appartenenti al Corpo di polizia (otto agenti, un ispettore e un  commissario capo). La prima udienza di fronte al Gup si terrà  l'8 ottobre.

Del caso si è discusso anche in  Consiglio comunale. Il  consigliere del Pd Danilo Amadei ha presentato una  interrogazione urgente chiedendo se i «co-organizzatori  dell’evento, ovvero assessorati alla Cultura, alla Famiglia e  all’Ambiente fossero al corrente della censura e se il Comune  avesse avuto comunicazione dirette con il gestore sulla  vicenda».
Il vicesindaco Paolo Buzzi ha risposto che non c'è stata  «nessuna censura, piuttosto – ha detto – c'è stato un colpo di  mano da parte degli organizzatori che avevano comunicato la  proiezione del film 'Come un uomo sulla terrà per poi  sostituirlo all’ultimo minuto. Il gestore del cinema, in piena  autonomia, non avendo ricevuto comunicazione per tempo del  cambiamento e non avendo visionato il filmato, ha deciso di non  proiettarlo». Amadei ha fatto notare come le locandine che  annunciavano la proiezione de 'Il mio nome è Emmanuel' fossero  state in circolazione da almeno una settimana. Amadei ha anche  contestato la spiegazione fornita dal gestore del cinema, che  c'era un processo in corso e non si volevano turbare le  indagini. «Un’assurdità ¨ ha commentato il consigliere del Pd  -, le indagini sono già terminate».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Antonio

    09 Luglio @ 23.53

    qui qualcuno non la conta giusta, non so i motivi reali, ma non sono certo quelli riportati nell'articolo e se è vero che il gestore ha fatto quelle dichiarazioni può essere smentito perchè io ho la locandina con l'annuncio della serata da più di 15 giorni, c'erano ospiti pronti per il dibattito che Lagrasta auspica e che ci sono rilmasti basiti, il breve documentario è stato prodotto dalla Rai e trasmesso più volte per cui non è certo ignoto il contenuto, che tra l'altro non entra nel merito delle indagini allora in corso, ma che ora sono finite con il rinvio a giudizio. Il caso Bonsu a Parma è ancora tabu e dopo le figure magre che tanti hanno fatto mi sembra anche comprensibile, ma la figura fatta mercoledì è veramente penosa.

    Rispondi

  • Francesco

    09 Luglio @ 19.06

    Piena solidarietà , credo non solo mia, al signor Lagrasta.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Via Europa, il cantiere provoca il caos

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

All'Esselunga di via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno