18°

30°

Parma

Multato perché dorme in Pilotta: 450 euro a un senzatetto

Multato perché dorme in Pilotta: 450 euro a un senzatetto
Ricevi gratis le news
21

Francesca Lombardi

L'albergo più costoso di Parma ha letti di cartone. Ci ha dormito anche Mohammed Hessine Echarif. Prezzo: 450 euro, con una ricevuta speciale firmata dalla Polizia municipale. Per capire che si trattava di una multa, Mohammed si è dovuto rivolgere alla Caritas, perché  l'italiano lo capisce poco.

La violazione, verbale alla mano, è all'art.1 dell'ordinanza del sindaco del 12 settembre scorso “in quanto alle ore 7,30 (Mohammed) veniva visto dormire con cartoni e panni sulla scalinata di accesso alla Galleria Nazionale”. Seguono le dichiarazioni del trasgressore - “Non ho lavoro, non ho casa” -, le modalità di pagamento, quelle di opposizione e le firme di chi ha “trasgredito” e di chi ha verbalizzato.  Mohammed, 35enne del Sudan, permesso di soggiorno in regola e status di rifugiato, insomma, ha dormito dove non poteva: in strada. Bivaccare “fuori dagli appositi spazi ed aree attrezzate, su tutto il territorio comunale” è infatti proibito.
Lo dicono l'ordinanza del sindaco, e il pacchetto sicurezza approvato l'anno scorso dal Governo.

“Personalmente condivido – spiega Giovanni Maria Jacobazzi, comandante della Polizia municipale -: se si vuole combattere il degrado occorre impedire che persone dormano per strada”. Ad essere multato per aver dormito all'aperto, non è stato solo Mohammed. “Fra giugno e luglio le contravvenzioni sono state cinque-sei”, spiega il comandante. E prima, sostiene, ne sono state elevate altre. Nessuno, fino adesso, le ha pagate. Un conto, continua Jacobazzi, è applicare l'ordinanza, un conto è dire se le contravvenzioni funzionano: "l'importo, per esempio, è stabilito dal decreto Maroni, e un agente non puo' cambiarlo a suo piacimento. “Sono multe prive di buon senso – replica Emilio Rossi, presidente del Ciac, il centro immigrazione asilo e cooperazione internazionale -, già l'ex sindaco Ubaldi le aveva definite 'grida manzoniane' perché è assurdo dare multe a persone che per definizione non possono pagare. Occorre ridefinire il senso del bivacco e agire in un altro modo, non certo con le multe”.

E pensare che Mohammed, che ogni giorno nasconde le coperte e i cartoni sotto un albero vicino alla stazione per poi andarli a riprendere la sera, è un rifugiato: per lui lo Stato, spiega Rossi, “si è impegnato formalmente”. Tra il dire e il fare, però, si sa cosa ci sta di mezzo: così finisce che l'impegno assunto se lo palleggino Comuni e Stato senza arrivare a una soluzione.
Mohammed intanto, continua a dormire in Pilotta. “Purtroppo – dice – a uno che non ha nulla non si può togliere nulla”. Vorrebbe parlare con il sindaco, dice, “vorrei portare attraverso la mia voce l'esperienza di tanti”. I tanti non sono solo i rifugiati, ma tutte quelle persone che, una volta aiutati dal Ciac con lunghi percorsi appositi volti a trovare loro il lavoro, tutt'un tratto lo perdono e si ritrovano sulla strada. “Servirebbe una seconda rete di protezione sociale rivolta a queste persone”, spiega Rossi.
Attualmente, le case gestite dal Ciac sono 10-12 in tutta la Provincia, due i dormitori (uno maschile e uno femminile) della Caritas. Tutti occupati. “Da noi-dice il vicedirettore della Caritas Nello Calvi – si libera un posto al giorno”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giordana

    18 Luglio @ 19.42

    Propongo di dotare i vigili di nuovi e più funzionali moduli da utilizzare per comminare queste multe. Si tratta di rotoli di carta molto leggera,infatti dopo aver preso atto che le suddette multe non verranno mai incassate (quindi tempo perso e città esposta al ridicolo),il modulo sarà destinato al suo naturale utilizzo ...

    Rispondi

  • Matteo

    17 Luglio @ 20.18

    Per Monica. Stai facendo il giro dalle 7 chiese dicendo la stessa cosa. In svizzera la socialità dlle istituzioni è pu presente

    Rispondi

  • francesco

    17 Luglio @ 18.20

    Penso che a Parma i modelli di vita siano diventati Cambi, Bormioli e Tanzi, gente che onesta fino in fondo proprio non è. E' vero che forse pagheranno, ma vediamo come andrà. Intanto padre Lino, che serviva i carcerati anche attraverso una rete di aiuti ed amicizie all'interno dell'intera città, che aveva praticamente creato coesione contro le sfortune della vita capitate a tanti poveracci, è finito dimenticato in un angolo di cuore soffocato da paura ed egoismo che, invece, fanno gridare all'invasione dei barbari e all'innalzamento di frontiere impenetrabili anche per chi ne avrebbe diritto. Guarda caso un rifugiato politico, che secondo la convenzione di Ginevra "temendo a ragione di essere perseguitato per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza ad un determinato gruppo sociale o per le sue opinioni politiche, si trova fuori del Paese di cui è cittadino e non può o non vuole, a causa di questo timore, avvalersi della protezione di questo Paese" ha fatto parlare di se e di quella orrenda e inumana legge anti-clandestini che è stata approvata con disgusto anche da Napolitano (perchè l'ha firmata poi...?). Quanti sono i clandestini con i diritti di rifugiati politici che respingeremo? Quanti moriranno in mare dopo essere sfuggiti alla guerra? Quanti torneranno in una terra che è un pericolo per loro? A NOI la sentenza sulla loro vita. Chi se la sente di prendersi tale responsabilità? Chi pensa sia giusto che un altro decida di farci rischiare la pelle 2 volte? Non se ne può più, altro che mendicare a Kabul, sarebbe meglio essere accoglienti e offrire un servizio in più rispetto ad una multa!

    Rispondi

  • claudio

    17 Luglio @ 17.54

    comprendiamo la situazione, ma non possiamo lasciare agli agenti discrezionalità. Se esistono delle norme vanno rispettate. A ginevra, se proviamo a sederci sul prato della piazza delle nazioni unite, ci fanno sloggiare subito di giorno, di notte nella civilissima svizzera ci portano al distretto di polizia. Meno demagogia

    Rispondi

  • giordana

    17 Luglio @ 16.41

    CHE SCHIFO .........!!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Madonna compie 60 anni. Tre giorni di festa a Marrakesch

compleanno

Madonna compie 60 anni. Tre giorni di festa a Marrakesch

Motoraduno a Lesignano: le foto

FESTE PGN

Motoraduno a Lesignano: le foto

Casa Anthony Bourdain a NY in affitto 14.000 dollari al mese

stati uniti

La casa di Anthony Bourdain a New York in affitto per 14mila dollari al mese

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Retro-Gusto», pizza e pesce cucinati con passione

CHICHIBIO

«Retro-Gusto», pizza e pesce cucinati con passione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Femminicidio in vacanza, le amiche di Rita: "Ultimamente Paolo era cambiato"

collecchio

Femminicidio in vacanza, le amiche di Rita: "Ultimamente Paolo era cambiato"

L'arresto

Blitz dei carabinieri al distributore: così Zoni è finito in manette

gazzareporter

E il Ferragosto porta l'interconnessione tra Parma e la Tav Foto

3commenti

nuoto paralimpico

Giulia Ghiretti, farfalla d'argento nei 100 rana a Dublino

calcio

Gervinho torna in Italia: è a un passo dal Parma. E spunta anche Montolivo

1commento

Mezzani e Sorbolo

I sindaci: «Basta con i tir che passano nei paesi»

CLUB DEI 27

Addio a Umberto Tamburini

Monticelli

Addio a Bruno Medici, «Al Cavalier»

Sangue

Padre Fausto Guerzoni, il recordman delle donazioni

Fidenza

Record di turisti nel 2017

1commento

Baseball

Casanova carica il Parma Clima

12Tg Parma

Val Gardena: 64enne di Madregolo uccide la moglie 60enne. Fermato dai carabinieri a Bolzano Video

GENOVA

Crolla il ponte Morandi sulla A10: 26 morti accertati, ma si cercano molti dispersi, 440 sfollati - Foto Video

Auto accartocciate, centinaia di soccorritori al lavoro. Il viceministro Rixi: "Tutto il ponte sarà demolito"

6commenti

FATTO DEL GIORNO

Collecchio: incredulità in paese per la morte di Rita Pissarotti

noceto

Teneva d'occhio i vicini per andare a rubare assegni dai loro libretti: arrestato

CALCIO

Storia, orgoglio e tradizione: ecco la prima maglia del Parma

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Erdogan e i limiti del sovranismo in economia

di Paolo Ferrandi

1commento

DIGITALE

Ecco la Summer Promo: 2 mesi di Gazzetta a prezzo di 1

ITALIA/MONDO

genova

Il sindaco: "Le case sotto il ponte non si possono salvare". Sono 311 le famiglie sfollate Foto

genova

Crollo del ponte, salgono a 39 le vittime: i primi nomi. Si continua a scavare. 632 gli sfollati Video Foto

1commento

SPORT

PONTE CROLLATO

L'ex giocatore del Cagliari Davide Capello tra i sopravvissuti di Genova

FORMULA 1

L'addio di Alonso: non correrà nel Circus nel 2019

SOCIETA'

VERSILIA

Ferragosto: il Comune vieta il vetro alle "dune" di Forte Marmi

CALDO 

Fornelli addio, la lasagna si fa in frigo o col sole

MOTORI

NOVITA'

La Opel Corsa diventa GSI. E ha 150 Cv

TECNOLOGIA

Ford mette un freno alla guida... contromano. Ecco Wrong Way Alert