14°

25°

Parma

Estate nera sulle strade: come fermare la strage?

Estate nera sulle strade: come fermare la strage?
Ricevi gratis le news
10

Mara Varoli

Morti ammazzati sulle strade. Per lo più giovani, che non arrivano ai vent'anni. A volte per stanchezza, spesso per l'alcol nelle vene. E allora si corre ai ripari. Bologna chiude le serrande alle 22 a tutti i negozi che vendono dalla birra in su, Milano dà un giro di vite alla movida, Parma blocca la vendita di alcolici a kebab e pizza al taglio dopo le 21, senza dimenticare che da oggi sul tutto il territorio nazionale scatta il divieto di vendita e somministrazione di alcolici per i carretti ambulanti, grazie a una direttiva comunitaria. Ma tutto questo basterà per fermare il «bollettino di guerra» sulle strade italiane? O arriveremo al coprifuoco o al proibizionismo?

Le soluzioni alle «stragi» Già la «Gazzetta» lo aveva anticipato con la proposta dei deejay del «Taro Taro Story»: perchè non chiudere le discoteche qualche ora prima? In pista alle dieci di sera e tutti a letto alle 2 di notte. Beppe Severgnini sul «Corriere» aggiunge la polizia davanti ai locali armata di etilometro, nonchè un appello per sistemare le vie della morte.
(...)«A me non piace il proibizionismo - confessa l'assessore alla Sicurezza del Comune Fabio Fecci -, sono per la libertà dei giovani. Ma il divertimento deve essere sano. Ritengo che stare alzati troppo la notte e con uno stato psico-fisico alterato è dannoso e pericoloso. Vengono meno la prontezza di riflessi e la capacità comportamentale. La chiusura anticipata dei locali può aiutare, tuttavia il problema è che ci sono altre offerte per tirare tardi la notte. A Parma, con gli ultimi divieti, abbiamo voluto limitare la vendita facile di alcol: c'è una responsabilità morale e penale».

(...)«I locali aprono alle 22 - aggiunge Ernesto Mendola, presidente del Silb -, ma la moda è quella di entrare in discoteca all'una di notte, perchè prima si va alla movida. E nemmeno chiudendo le discoteche alle due il problema si risolverebbe. Le persone non vanno a letto prima delle quattro, per cui finirebbero la nottata nelle feste private e in luoghi abusivi. Invece c'è una grande sensibilizzazione da parte degli imprenditori dei locali da ballo, quando un'ora prima della chiusura del locale si fa decompressione e si abbassano i volumi. Oltre al guidatore designato: si informano i giovani sui rischi della strada. Bisogna ringraziare le forze dell'ordine e le istituzioni che fanno prevenzione e repressione».

L'articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola con gli interventi del comandante della Polizia municipale Giovanni Maria Jacobazzi, dell'assessore Luca Sommi, l'assessore regionale ai trasporti Alfredo Peri. In più, un articolo sui dispositivi salvavita installati sulle auto di prestigio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuse

    30 Luglio @ 08.45

    Ma quale orari di chiusura , introduciamo il tagliando obbligatorio al cervello dei giovani che ,vivono in un mondo virtuale che non esiste, Buttarsi via per apparire e da fuori di testa . Ma non lo capite che vogliono farvi divebtare il cervello quadrato come la tv per poi maneggiarvi come pare a loro . SVEGLIA siamo nel 2009 alias terzo millennio.

    Rispondi

  • Giorgio Russo

    29 Luglio @ 16.52

    Concordo con il Sig. Galbulli Antonio e dico a Matteo che intanto si comincia a chiudere le discoteche a orari "umani" e poi vedremo. Cercheremo di educare i nostri figli di ragionare e far capire che per divertirsi non occorre arrivare a casa alle 4 oppure alle 5 del mattino. Probabilmente è venuta a mancare la fantasia e la voglia di stare in compagnia per davvero. Potrebbero intervenire dei dottori e dire cosa accade quando non si dorme e quali danni può arrecare alla memoria e ad altro . . . . e ancora colpi di sonno !

    Rispondi

  • Giorgio Russo

    29 Luglio @ 16.45

    Concordo con il trasporto in Pulman per i nostri giovani che vanno in discoteca. Credo comunque che si esageri con gli orari di chiusura oltre le tre. Siamo stati giovani tutti ma sappiamo che andare oltre le tre del mattino e di frequente non si riesce in modo naturale e anche quando si riesce è comunque dannoso. Si ha necessità di dormire specialmente quando si è giovani ! ! Siamo andati "verso una strada del tardi a tutti i costi " che non serve a nulla e fa morire in un modo o nell'altro tantissimi giovani. Mi dispiace tantissimo.

    Rispondi

  • Pavlik

    29 Luglio @ 11.56

    Ma il problema in fondo non è la discoteca, o l'orario di chiusura, ma è il mezzo di trasporto. Solo trasporti pubblici tra le 23:00 e le 08:00 del mattino. Con mezzi dedicati a portare i ragazzi nei locali, pagati dai gestori dei locali se il problema è di pagare mezzi e personale.. Insomma.... è inutile accanirsi contro le discoteche e l'alcool. Il problema è comportamentale. Ogni ragazzo dovrebbe capire che è lui che si prende la responsabilità se si mette al volante senza essere nello stato psico-fisico idoneo. E' un problema di cultura e di conseguena di educazione. Non dovrebbe servire la legge per imporre un comportamento rispettoso verso se stessi e verso il prossimo.... Ma allo stesso tempo, bisogna capire dove sta realmente il problema e risolverlo alla base ( le auto il sabato notte) e non cercare capri espiatori (birra, discoteca, ecc......)

    Rispondi

  • Francesco

    29 Luglio @ 11.23

    PERSONALMENTE NON NE POSSO PIU' DI QUESTI RICORRENTI SCANDALI PER I MORTI SULLE STRADE , ANCHE SE, NATURALMENTE, RECITO PER LORO UNA PREGHIERA E SONO SOLIDALE COL DOLORE DELLE LORO FAMIGLIE ! E' SEMPRE LA SOLITA "MENATA" ! La causa della strage sulle strade italiane è che il Codice della Strada, da decenni, è diventato l' "oggetto misterioso". PERCHE' NON C' E' POLIZIA SULLE STRADE , e il Codice non lo rispetta più nessuno, ed andrà sempre peggio , finché Polizia , Carabinieri , Vigili Urbani continueranno a stare in Ufficio, alla scrivania , a spedire per posta verbali fatti con la fotografia di qualche macchinetta nascosta in mezzo alle frasche ! La velocità indubbiamente aggrava le conseguenze degli incidenti, perché, chiaramente , un conto è scontrarsi a 20 chilomentri all' ora, altro conto è scontrasi ai 180, ma se , ad un incrocio, chi deve dare la precedenza non la dà , la strage non è mica colpa della velocità , è del mancato rispetto della precedenza ! E non mi si venga a dire che, però, se i veicoli andavano più piano , potevano fare in tempo a fermarsi , perché allora , secondo questa logica, per eliminare completamente i morti sulle strade , basterebbe proibire le automobili , e andare in tram ! CI VUOLE LA POLIZIA SULLE STRADE a fermare e sanzionare chi non rispetta la precedenza , chi sorpassa mentre ci sono veicoli in arrivo dalla direzione opposta (infrazione non solo pericolosissima , ma anche molto stupida , oltre che, purtroppo, molto frequente, perché il morto non è detto che debba essere sempre quell' altro ! ), e così via....... E BISOGNA SANZIONARE TUTTI : AUTOMOBILISTI , CAMIONISTI , MOTOCICLISTI, SCOOTERISTI, CICLISTI E PEDONI, PERCHE' IL CODICE VALE PER TUTTI , e le storielle sul mezzo "ecologico" e sull' "utente debole" non valgono una cicca ! Anche un SUV è un "utente debole" rispetto a un TIR ! Al Comandante della Polizia Municipale Jacobazzi , bisogna ripetere che la velocità è la causa delle uscite di strada , soprattutto da parte di conducenti inesperti o ubriachi, ma non è la principale causa degli incidenti , che è , invece , il mancato rispetto della precedenza ed il sorpasso irregolare, che i suoi uomini lasciano impuniti. UFFA ! Io , 'sta faccenda della "strage sulle strade" ,non la commenterò più. Mi pare di aver detto e ripetuto, fino alla nausea , tutto quel che c' era da dire . Anticipare la chiusura delle discoteche , o fare "paternali", non serve a niente !

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paola Di Benedetto dall'Isola al Grande Fratello: faccia a faccia con il suo ex Matteo

TELEVISIONE

Sexy Paola dall'Isola al Grande Fratello: faccia a faccia con il suo ex Matteo Foto Video

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore!": dai "massaggiatori" ai film porno, la rivoluzione sessuale passo per passo Video Foto

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Affitti, a Parma sono ancora tanti quelli che non pagano

INCHIESTA

Affitti, a Parma sono ancora tanti quelli che non pagano

TRUFFA

Vende il camper, ma gli rifilano un assegno falso da 30mila euro

Lutto

Addio a Sergio Alfieri, il partigiano «Felice»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

PARMA BASEBALL

400 giocatori in 60 anni di storia

INTERVISTA

Andrea Carè: «Davanti a Pavarotti mi tremarono le gambe»

Intervista

Jack Savoretti: «Fiero delle origini italiane»

Hobby

Pezzali e i trattori, storia di un amore

Via Farini

Ladro di cellulari incastrato dall'app

25 APRILE

In 5mila in piazza Garibaldi. I Baustelle sul palco

tg parma

Azzannata da un pitbull e insultata per il velo: la denuncia di una donna a Parma Video

La proprietaria del cane se n'è andata dopo il violento episodio

ANTEPRIMA GAZZETTA

Inchiesta sugli affitti: 2 sfratti al giorno in media a Parma e provincia Video

Inquilini abusivi: proprietario di un appartamento "accolto" con un coltello

fidenza

Si sente male mentre è alla guida e provoca incidente: gravissimo 67enne

politica

25 Aprile, Pizzarotti e "quei parlamentari che non hanno partecipato al corteo..."

Cavandoli: "Entrambe le parti erano mosse da motivazione valide e giuste"

6commenti

sfilata

Parma, 25 Aprile: tutti i colori della libertà Foto

AUTOSTRADE

Schianto in A1: due in Rianimazione. Incidente in A15 in serata

Una moto è finita a terra in A1 tra Fidenza e il bivio per l'A15

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il 25 aprile e la memoria perduta degli italiani

di Michele Brambilla

LA BACHECA

Ecco 20 nuovi annunci per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

CAMERINO

Dopo la condanna per abusi assume un mix farmaci: morto prof di Anatomia

TECNOLOGIA

WhatsApp vietato ai minori di 16 anni in Europa

1commento

SPORT

CHAMPIONS

Il Real Madrid sbanca Monaco: 2-1 al Bayern

PARMA CALCIO

Verso Vercelli: Vacca torna in gruppo, si lavora per il recupero di Scavone Video

SOCIETA'

COPENHAGEN

Ergastolo all'inventore del Nautilus per l'uccisione della reporter

Gallery sport

Sbk di nuovo a Imola. La madrina? Aida Yespica Fotogallery

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

2017: IL SORPASSO

La CO2 emessa dai benzina supera quella dei diesel