11°

26°

Parma

Mameli o Verdi? Sull'Inno Parma si divide

Mameli o Verdi? Sull'Inno Parma si divide
Ricevi gratis le news
3
Roberto Longoni
Un inno ufficiale e uno «parallelo».  Mameli e Verdi, storia vecchia. E ora è una polemica che va dagli spartiti ai partiti. Due i cori: contrapposti, come  in Italia vuole ogni questione politica che si rispetti.  A gridare a una voce sola il «sì» al Va' pensiero, tranne rare eccezioni, sono i leghisti: quelli che già aprono feste e riunioni cantando il capolavoro del Cigno di Busseto. Gli altri (compresi gli esponenti delle formazioni che a Roma si ritrovano dalla stessa parte del Carroccio) mostrano  pollice verso di fronte alla possibilità che il coro del Nabucco accompagni uno sventolio di tricolori.
 «Non è una questione sulla quale perdo il sonno - esordisce Roberto Corradi, segretario provinciale della Lega Nord -, ma da parmigiano non può che farmi piacere avere come inno una delle più belle musiche nate dalla nostra terra. Non si tratta solo di una provocazione: la gente non è mai stata innamorata del “Fratelli d'Italia”. La maggior parte degli italiani nemmeno conosce le parole del suo testo». E il coro del Nabucco, siamo così sicuri che tutti lo conoscano? «Di sicuro a Parma sì. E poi c'è anche una questione musicale: lo spessore di Verdi, come compositore, è nettamente superiore rispetto a quello di Mameli e Novaro. Anche per questo la proposta va presa in considerazione. Inoltre, le polemiche sono pretestuose, perché la Lega è impegnata quotidianamente su temi che toccano da vicino i cittadini. Si concentra solo su queste questioni chi non lo vuole ammettere».
E anche qui si affrontano due spartiti, due musiche per la stessa storia. «Penso che sia solo una delle solite esternazioni agostane di Bossi - dice Giuseppe Luigi Villani, coordinatore provinciale del Pdl, vicepresidente dell'assemblea legislativa regionale -. “Fratelli d'Italia” va preservato perché rappresenta l'unità d'Italia. E' meraviglioso ascoltare il coro del Nabucco al Teatro regio, ma il significato è ben lontano da quello del nostro inno: non rappresenta il Tricolore e il sangue di tanti nostri caduti. Credo che la gente dovrebbe esprimersi su ben altre cose». Un falso problema, insomma. «Come quello del dialetto: se uno ci tiene davvero, la famiglia può essere una buona palestra. A scuola si dovrebbe imparare l'inglese e magari un po' meglio l'italiano».
Nient'altro che una boutade per Massimo Moine. «Siamo alle solite uscite estive della Lega - dice il vicecoordinatore provinciale del Pdl  -. Il vero problema politico sono le gabbie salariali, le questioni che saranno sul tavolo del Governo a settembre. Io sono per l'inno di Mameli, per l'unità. Il Fratelli  d'Italia non si tocca e il Paese deve affrontare altre questioni».
Andrea Zorandi, segretario cittadino del Carroccio, si dice stupito dal fatto che «ci sia un no a priori, come con i dialetti. Tutti ne parlano, ma quando lo fa la Lega, si levano gli scudi. Il Va' pensiero è superiore, per noi della Lega ha un significato che va oltre, indica un'appartenenza politica all'interno della nostra tradizione». Già, ma il coro del Nabucco è degli ebrei in esilio, che cosa c'entra con la nostra storia? «A volte anche noi ci sentiamo un po' in esilio. Come quando assistiamo inermi a fenomeni di immigrazione violenta. Questo inno rappresenta la riappropriazione delle nostre tradizioni combattute dalla sinistra, da culture aggressive». Ma il Va' pensiero non è già l'inno della Lega? «E l'italiano non è forse nato dal dialetto fiorentino?» 
Per Giorgio Pagliari, capogruppo del Pd in Comune, una questione «assolutamente risibile, che non sarebbe nemmeno da commentare. Credo ci sia solo da rattristarsi, al pensiero che questo tema sia ritenuto degno di guadagnare la ribalta della scena politica nazionale. E' una delle manifestazioni peggiori della crisi politica dell'Italia di oggi. E' una strumentalizzazione degna della demagogia leghista, una battaglia priva di significati storici e politici».
Proprio una questione storica è invece posta da Giovanni Torri. «Mameli non è nemmeno tanto bello da sentire - esclama il senatore leghista -, ha fatto il suo tempo. A questo punto la modernità impone dei cambiamennti. Certo, con il Tricolore basta aggiungere i simboli regionali, alla Costituzione si possono apportare ritocchi, ma l'inno va proprio cambiato. E poi Verdi è Verdi. Chi gliel'ha commissionato l'inno a Mameli? Che cos'ha fatto d'altro?» Poi,  un ritorno alle origini della Lega. «Noi la nostra scelta per Verdi l'abbiamo fatta pensandoci a lungo. Per un po' come introduzione cantavamo i Carmina burana».
   Non si tratta di scegliere, per alcuni. E' la storia a scegliere: Fratelli d'Italia ha parole e  musiche ormai incise nel nostro Dna, che piacciano o meno. «L'inno nazionale l'abbiamo già - dice Barbara Lori, segretario provinciale del Pd, oltre che sindaco di Felino -. Lascerei le cose come stanno, sottolineando dal punto di vista istituzionale l'importanza dell'unità d'Italia. Sono altre le cose su cui lavorare».
Date a Verdi quel che è di Verdi  e a Mameli il suo inno, sembra voler dire Luca Laurini, sindaco di Busseto. «Che il Va' pensiero sia amato non può che  farmi piacere, e vorrei ma da italiano sono legato al nostro inno. E poi, per favore, non mischiamo Verdi con la politica» 
Ma quanto per la Lega siano importanti i simboli è cosa nota. «Non solo - sottolinea il deputato del Carroccio Fabio Rainieri -. Noi siamo più radicati nel territorio. Verdi è uno della Padania, che a sua volta s'identifica con lui. E in sostanza, Bossi dice che la Padania è il territorio principale del nostro Paese. Ma lo vogliamo dire che l'inno di Mameli non è mai stato scelto dalla gente? Le parole, chi le conosce?» Parole che a volte non vanno proprio giù al popolo leghista. «Per esempio: perché l'Italia dev'essere “schiava di Roma”? E quel “siam pronti alla morte”: credo che anche ai non leghisti piaccia fino a lì».  
 
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Maria Villarreal

    21 Agosto @ 19.27

    Verdi e la politica del suo tempo si davano la mano. "Va pensiero" parla degli Ebrei perche` se avesse parlato degli Italiani sarebbe stato censurato; gli Italiani, comunque, erano i veri protagonisti nel cuore del compositore. L'Inno di Mameli e` molto marziale e non ho mai visto la gente commuoversi quando lo suonano. Quando "Va pensiero" viene intonato, invece, sia gli occhi degli Italiani in Italia che quelli degli Italiani all'estero si inumidiscono.

    Rispondi

  • Michele

    19 Agosto @ 13.00

    Come spesso accade i leghisti straparlano di cose che neppure comprendono. Cerchiamo di fare ordine: dicono che nessuno conosce le parole di Fratelli d'Italia, cosa falsa ma allora quanti sono a conoscere almeno le altre 5 parole che seguono l'incipit del coro del Nabucco: 'Va pensiero sull'ali dorate..' e poi? Fanno popopopopopopopo finché non finisce la musica? Dai, adesso tutti a cercare le parole su internet e poi correte qui a dire: io le so! Dicono 'perché l'Italia dev'essere “schiava di Roma”?' Beh, non lo so neppure io, infatti se si leggesse quello che c'è REALMENTE scritto, si leggerebbe che è la vittoria ad essere schiava, infatti porge la chioma, come segno si tottomissione, alla Roma dei Cesari ovvero alla storia d'Italia. Sempre su questopunto è poi interessante vedere il solito doppiopesismo italico (strano che arrivi da un leghista): secondo lui l'Italia non deve eessere schiava di Roma (che ho già spiegato essere un'interpretazione 'volutamente' sbagliata) però va bene il canto del Nabucco intonato da PRGIONIERI ebrei SCHIAVI dei babilonesi. Curioso no? Evidentemente va bene essere schiavi degli stranieri per la Lega? Non parliamo poi dei 'Carmina burana' che vengono messi in mezzo, perché se uno li avesse DAVVERO letti, ci troverebbe tante di quelle invettive contro la chiesa che i cattolicissimi leghisti si troverebbero spaesati da tutta questa serie di contraddizioni... solo per citarne alcune. W l'Italia. W la Repubblica.

    Rispondi

  • ososita

    19 Agosto @ 11.31

    secondo me gli italiani sono affezionati all'inno di Mameli più di quanto vogliano far credere. E cmq la scelta del Va' Pensiero è pessima: bella l'aria in sè, ma come inno nazionale è assolutamente inadatto. Intanto perchè è riferita al popolo ebraico in esilio e poi perchè sarebbe un inno lagnoso! Immaginatevi una scena sciocca me molto elementare: l'italia vince il il mondiale di qualcosa e parte l'inno nazionale.... Col Va' Pensiero si addormenterebbero tutti! Almeno Fratelli d'Italia ha un po' di brio, è un pochino più coinvolgente...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

PARMA

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

La 2° C della scuola Vicini visita la Gazzetta di Parma

SCUOLE IN REDAZIONE

La 2° C della scuola Vicini visita la Gazzetta di Parma

Benny Benassi  ricorda Avicii: "E' stato bello conoscerti e aprire il tuo show a Ibiza"

MUSICA

Benny Benassi ricorda Avicii: "E' stato bello conoscerti e aprire il tuo show a Ibiza" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani in omaggio lo speciale agricoltura

INSERTO

Domani in omaggio lo speciale agricoltura

Lealtrenotizie

Via d'Azeglio, la lite finisce a morsi di pitbull

RISSE NELLA NOTTE

Via d'Azeglio, la lite finisce a morsi di pitbull

1commento

Incidente a Pastorello

Federico Miodini, «il Miodo» giovane padre innamorato della vita

Coltaro

Luigi Bertolotti «un amico meraviglioso, ottimo lavoratore»

Noceto

Morto improvvisamente a 47 anni Filippo Virgili, lavorò per il Papa

Soragna

Ragazzi rapinati, notte di terrore alla «Ponzella»

infortuni

Infermeria Parma calcio, cattive notizie per Munari e Lucarelli

4commenti

PARMA

Incidente in tangenziale sud: rallentamenti fra le uscite Campus e via Montanara

Disagi fra le 9 e le 10

Intervista

Carminati: «Tosca è una tavolozza perfetta»

AMORE SENZA FINE

Laura e Raffaele, marito e moglie muoiono a 24 ore di distanza

FIDENZA

Svincolo killer, finalmente i lavori per renderlo sicuro

PARMENSE

Ancora sangue sulle strade: morti due uomini a Coltaro e Pastorello

In entrambi i casi, le auto sono uscite di strada

indagini

Alcol a bimba di 4 anni: famiglia denunciata per maltrattamenti

I protagonisti della vicenda abitano a Parma

2commenti

baseball

Un monte che fa sognare: Parma pareggia a Nettuno

tg parma

Mille persone a Corcagnano per ricordare Giulia Demartis Video

boretto

Spinto giù dalla finestra durante una lite: denunciato un 22enne residente a Parma

1commento

VERITA' CHOC

Il bimbo morto a 18 mesi aveva assunto metadone

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La generazione che rinuncia a educare i propri figli

di Michele Brambilla

3commenti

IL VINO

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

SCRUTINIO

Elezioni in Molise: si rafforza il vantaggio del centrodestra

NEW YORK

Stop alle auto a Central Park dopo un secolo Video

SPORT

MOTOGP

Austin, domina Marquez. Iannone 3°, Rossi 4°. Dovizioso leader del Mondiale

1commento

SERIE A

Campionato riaperto: il Napoli batte la Juve ed è a -1

SOCIETA'

lutto

Morte di Avicii: "Non ci sono sospetti criminali"

low cost

Aerei, arrivano i sedili a forma di sella da cavallo per l'ultima classe Foto

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Bmw M2 Competion, 410 Cv più "democratici"

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover