17°

28°

Parma

Boys: "Tardini, fermare l'assurdo"

Ricevi gratis le news
0

COMUNICATO STAMPA
Tardini: fermare l’assurdo!

A Parma va tutto benissimo. La mafia non c'è (l'ha detto il Prefetto), e forse neppure chi trucca gli appalti, chi da le mazzette ai politici, chi spaccia, chi ruba, chi si prostituisce, chi accoltella, chi controlla i media per farsi gli affari suoi, chi toglie alla comunità per dare a sé stesso, chi vive di soprusi e di abusi. Se a Palermo il problema è il "traffico", a Parma il problema è il verde, questo almeno per la Commissione dell'Ordine Pubblico (presieduta dal prefetto e composta dal questore, dal sindaco, dal presidente della provincia, e da comandanti delle forze pubbliche). A meno di una settimana dalla prima partita in casa (Parma-Catania) arriva puntuale l'ultimatum: o si tagliano le piante o l'agibilità del Tardini sarà di soli 14.000 posti (in A gli stadi devono averne almeno 20.000). Ragioni di "sicurezza" (dicono loro), come per le ringhiere, le gabbie, il proibizionismo sugli alcolici (che colpirà quasi tutta la città!), la chiusura delle vie ai parmigiani (consegnate agli ospiti!), i divieti per i tifosi ciclisti, e l'incremento della videosorveglianza. Ma a Parma si può fare tutto ciò che si vuole senza rendere conto a nessuno? Addirittura radere al suolo il verde additandolo come problema? Ma allora, se invece di tagliare tre piante ne tagliassero (ad esempio) sette, la capienza salirebbe a 40.000? Qualcuno ha consegnato le chiavi della città ad Attilia senza dircelo? Per altro se i giornali evitano qualsiasi analisi, critica, o semplice considerazione; se i politici girano la testa dall'altra parte; se il Parma preferisce rimanere in silenzio per paura; tutto diventa molto facile. E chi ha ricevuto l'autorità può ritenere di poter fare quello che gli pare e piace, senza render conto a nessuno. Solo noi abbiamo il coraggio di prendere posizione, che sia per questo che vogliono colpirci con la Tessera del Tifoso?
Tutte queste misure chi le ha ideate e suggerite? Sembrano funzionali a creare disagio, dando linfa a chi parla di trasferire lo stadio fuori città. Per altro lo stesso Prefetto lo aveva dichiarato qualche mese fa: «Stadio da spostare», ovviamente per le solite ragioni di "sicurezza". Una sicurezza capace di generare ricchissimi appalti, quelli (magari) che in città si aggiudicano sempre i soliti noti. Ma ovviamente sarà una coincidenza...
Il Parma Calcio subisce gravissime pressioni, che a pochi giorni da Parma-Catania, suonano vagamente come minacce ed eventuali rappresaglie. Proprio adesso, che le squadre di Serie A stanno esaminando la Tessera del Tifoso, quella misura repressiva invocata dal Ministro Maroni, mediante letterina a prefetti e questori. Ma ovviamente (anche questa) sarà una coincidenza...
In queste ore notiamo che si sta anche cercando di far credere che ci sia tensione tra la tifoseria etnea (che domenica arriverà a Parma) e la nostra, facendo finta di non sapere che tra noi e loro non c'è alcuna ostilità, anzi: c'è rispetto. Chi è stato in trasferta a Catania (e noi ci siamo stati) può testimoniarlo. Questa opera di disinformazione sembra finalizzata a giustificare l'ingiustificabile: decisioni che sfregiano la città nascondendosi dietro la "sicurezza". O addirittura, e speriamo di no, che si vogliano fomentare incidenti come a Parma-Inter? Ma ovviamente (anche questa) sarà una coincidenza...
Se si vuole parlare di Catania, magari, sarebbe il caso di domandarsi chi ha effettivamente ucciso l'ispettore Raciti, perché la "verità" diffusa nell'immediatezza degli eventi (che diede il via alla solita feroce repressione anti-ultras), non sembra affatto così certa. Tant'è che il caso, da allora, sembra esser stato dimenticato (o oscurato?)... Ma dai media, non certo da noi. Noi vogliamo sempre la verità. E magari anche giustizia. Ma invece, se un tifoso catanese fa un gesto esecrabile (un gesto!) va in galera (Parma-Catania del 15 ottobre 2007), se invece un poliziotto ammazza un ultras (18 novembre 2007) non paga neppure pegno.
Vogliono delocalizzare il nostro stadio, il nostro verde, la nostra gente, i nostri diritti, la nostra passione. Ma gli unici da delocalizzare sono loro, che con le loro direttive e i loro atteggiamenti, mostrano di non avere alcun rispetto per la nostra città, per la nostra comunità, e per la nostra squadra.
Parma si svegli! Ci appelliamo a tutte le persone di buona volontà. Chi dice di rappresentare la Comunità si mobiliti, i giornalisti denuncino ciò che sta accadendo, la gente dica no a questo attacco alla città.

BOYS PARMA 1977
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Le serate al Chiosco di Collecchio

FESTE PGN

Le serate al Chiosco di Collecchio Foto

Nadia Toffa, post dopo la bufala sulla sua morte: "Mi hanno allungato la vita..."

LE IENE

Nadia Toffa, post dopo la bufala sulla sua morte: "Mi hanno allungato la vita..." Foto

La festa del Parma, cori al Tardini: tifosi scatenati

CALCIO

La festa del Parma, cori al Tardini: tifosi scatenati Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fisco: le linee guida se la Srl uninominale opera all'estero

L'ESPERTO

Fisco: le linee guida se la Srl uninominale opera all'estero

di Daniele Rubini

Lealtrenotizie

La festa del Parma al Tardini: Lucarelli si ritira. Lizhang: "Abbiamo mostrato il nostro coraggio"

CALCIO

La festa del Parma al Tardini: Lucarelli si ritira. Lizhang: "Abbiamo mostrato il nostro coraggio" Video Foto

Ritirata la maglia numero 6. D'Aversa: "A Spezia un'escalation di emozioni". Carra ringrazia i tifosi. Faggiano: "Ce l'abbiamo messa tutta"

PARMA CALCIO

Lucarelli parla alla curva con il megafono: "Siamo diventati una forza bellissima" Video

ANTEPRIMA GAZZETTA

Violenze in classe e conseguenze sui bambini: parlano la mamma di una piccola vittima e una psicologa

Le principali notizie della Gazzetta di Parma in edicola: le anticipazioni del vicedirettore Claudio Rinaldi

PARMENSE

"Cantine aperte": le foto di una domenica... di gusto

cultura

La magica Notte del Terzo giorno: scatti tra le ali di folla (e di arte)

PARMENSE

Berceto, 46 cani stipati in una jeep: denunciata coppia della Lunigiana Video

SANT'ILARIO

Vuole impedire che la fidanzata si droghi e accoltella il pusher: denunciato 40enne 

I passanti hanno chiamato i carabinieri. Denunciato anche il pusher, un 25enne nigeriano

1commento

incidente

Cade in bici nei Boschi di Carrega: ferito 44enne

Curiosità

Il sindaco di Medesano si sposa con Elena Levati, assessore di Collecchio

berceto

Valbona, crolla una parte di "castello". Inagibile la casa di una pensionata

BASSA

Sicurezza, il Comune di Fontevivo ingaggia le guardie giurate

2commenti

Bellezza

Miss Mondo: le parmigiane Lorena e Fabiana in corsa per il titolo nazionale

Traversetolo

Raid alla Sandrini Legnami. «E' il dodicesimo, non ne possiamo più»

ramiola

Cade nella rotatoria: motociclista ferito

montecchio emilia

Vende gift card per Amazon ma è una truffa: denunciato 25enne

Un 20enne reggiano ha speso 300 euro per la gift card, che però era abilmente contraffatta

Sfida

Giochi delle 7 frazioni: si torna all'antico

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Per Salvini sarà comunque una vittoria

di Luca Tentoni

1commento

INIZIATIVE

Nell'inserto economia si parla di Rider e Gig Economy

ITALIA/MONDO

ROMA

Conte rimette il mandato al presidente Mattarella. Salvini: "Ora al voto"

2commenti

POLITICA

I vertici M5S: "Si ragiona sull'impeachment di Mattarella". No comment del Quirinale

1commento

SPORT

CALCIO

La festa al Tardini: "finalissimo" Video

FORMULA UNO

Ricciardo sa controllare la gara. Sul podio sono tutti contenti

SOCIETA'

IL DISCO

Jethro Tull, cinquant'anni fa “This was” Video

PARMA

Quattro cani cercano casa Foto

MOTORI

IL TEST

Nuova Mercedes Classe A. Come va

motori

Prova Yamaha Niken la “carver bike”