17°

29°

Parma

Tardini: su il sipario fra divieti, nuova viabilità e le polemiche sulla sicurezza - Ghirardi: "E' uno degli stadi più sicuri"

Tardini: su il sipario fra divieti, nuova viabilità e le polemiche sulla sicurezza - Ghirardi: "E' uno degli stadi più sicuri"
Ricevi gratis le news
24

Il Tardini alza il sipario sulla serie A. Ma alla festa sportiva (Catania permettendo) del ritorno nella msssima serie, continua ad affiancarsi il dibattito sulla sicurezza del Tardini. Anche se le istituzioni negano contrapposizioni, da una parte c'è il Comune che con la deroga firmata dal sindaco Vignali ha deciso di garantire lo svolgimento della gara, e dall'altra c'è il questore Gallo che stamattina ha ribadito ai giornalisti le attuali lacune del Tardini sul fronte sicurezza: mancanza di parcheggi, mancanza di percorsi separati per l'afflusso-deflusso delle due tifoserie, mancato potenziamento dell'illuminazione esterna.

Una situazione - ha fatto capire il questore - che andrà sanata nelle prossime settimane. E in assenza di questi lavori, il prefetto (come prevede la legge) potrebbe disporre ulteriori limitazioni, fino all'estermo provvedimento della gara a porte chiuse.  Anche se questa è ovviamente una ipotesi-limite, ed è probabile che le istituzioni possano cercare ne prossimi giorni una soluzione che accontenti tutte le esigenze e consenta agli sportivi di assistere regolarmente alle gare del Tardini.

Sullo sfondo di questo dibattito contingente, c'è poi il decennale dibattito sulla collocazione dello stadio. I tifosi (come si è visto proprio nel forum sul nostro sito, con decine e decine di mail) sono affezionati al "vecchio" Tardini, dove tanti parmigiani arrivano a piedi o in bicicletta. E questo è lo scenario del ritorno in A del Parma, così come "da serie A" tornano ad essere anche le caratteristiche dell'isola pedonale intorno allo stadio nei giorni delle gare.

GHIRARDI: "NON CAPISCO QUESTE POLEMICHE, E' UNO DEGLI STADI PIU' SICURI" - «Non capisco perchè attorno allo stadio si debbano fare sempre delle polemiche. Il Tardini è il nostro stadio, si cerca di sistemarlo al meglio e penso sia uno dei migliori e sicuri d’Italia». Il presidente del Parma Tommaso Ghirardi ha replicato così alle polemiche sulla situazione sicurezza allo stadio Tardini e dopo le dichiarazioni del questore di Parma Gennaro Gallo.
«Tranne il tristissimo episodio dell’anno scorso (quando perse la vita un tifoso vicentino cadendo da una balaustra) non succede mai nulla di importante – ha concluso -. Ringrazio il sindaco che ha firmato la deroga che permetterà di disputare l'incontro di domani sera. Ci sarà un clima festoso e sogno una stadio con ventimila tifosi».
Il presidente ha commentato anche gli ultimi acquisti del mercato. «Amoruso è stato un acquisto mirato perchè possiede caratteristiche che gli altri attaccanti non hanno. Zaccardo? Sono orgoglioso del suo arrivo a Parma perchè è un onore che un campione del mondo venga a giocare con noi».

AIELLO: "GLI ALBERI NON SONO MAI STATI UN PROBLEMA" - Sui lavori di adeguamento dello Stadio Tardini alle prescrizioni della Commissione vigilanza, l´assessore ai lavori pubblici Giorgio Aiello spiega che "Tutti i lavori previsti a seguito del sopralluogo della Commissione di vigilanza, ad eccezione del taglio delle piante, sono stati già eseguiti o saranno ultimati entro la prossima partita casalinga del Parma Calcio.
Per quanto riguarda lo spostamento degli alberi, sarà oggetto di altre valutazioni. Ci sorprende che questi alberi, che si trovano in quella posizione da sempre (anche quando il Parma giocava davanti a 28 mila spettatori) possano diventare oggi un problema".

DOMANI LA PRIMA PARTITA CON IL CATANIA: "ISTRUZIONI PER L'USO" - Scatta l'operazione sicurezza per la «prima» al Tardini. Domani sera alle 20,45 il Parma affronterà il Catania, con una tifoseria fra le più «calde», che in passato ha già creato problemi nella nostra città.
Per garantire la massima sicurezza prima, dopo e durante la partita, saranno adottate una serie di misure innovative rispetto agli anni scorsi.
In un'ordinanza firmata dal comandante della Municipale, Giovanni Maria Jacobazzi, vengono illustrati nei dettagli tutti i cambiamenti alla viabilità previsti in occasione della partita. Nelle vicinanze dello stadio sarà inoltre vietato vendere bevande in bottiglie di vetro e lattine, ma anche alcolici e superalcolici.
In viale Partigiani d'Italia  dalle 14,30, circa sei ore prima dell'inizio della partita, i pedoni non potranno utilizzare il marciapiedi sul lato est, ma dovranno servirsi di quello sul lato opposto. Verrà inoltre ristretta la corsia est dello stesso viale e le auto non potranno più transitare nella bretella di collegamento tra via Torelli e viale Partigiani d'Italia.
Questo perchè sono necessarie varie ore di lavoro per allestire un'area di prefiltraggio per la curva nord, con barriere nell'area adiacente all'ingresso, che ingombrano parte della carreggiata del viale.
Gran parte degli altri divieti partiranno invece dalle 18,30; anche se l'orario potrà subire leggere variazioni a seconda del momento in cui i tifosi inizieranno a raggiungere lo stadio, e delle richieste del funzionario dirigente i servizi di ordine pubblico. Gli automobilisti  non potranno inoltre circolare in un'area simile a quella degli anni in cui il Parma giocava in serie A.
I tifosi a partire dalle 18,30, non potranno recarsi in determinate vie, variabili a seconda della squadra. Il divieto di circolazione pedonale è previsto in via Torelli per i tifosi di casa (tra piazzale Risorgimento e via Monte Bardone), mentre per quelli ospiti in via Duca Alessandro, (tra piazzale Risorgimento  e via Viotti), via Viotti, (tra via Torelli e via Duca Alessandro), e in via Massari, (tra via Montagnana e via Torelli). 
L'assessore al Commercio Paolo Zoni ha  firmato un'ordinanza che istituisce il divieto assoluto di vendita, nelle vicinanze dello stadio Tardini, di bevande in vetro e lattine.
Il divieto di vendita di alcolici e superalcolici è previsto soltanto in alcune partite segnalate dalla questura, tra cui Parma Catania. Lo stop varrà nelle tre ore precedenti e in quella successiva alla fine della gara, in un'area piuttosto vasta.
L'ordinanza tocca infatti tutti i locali che si trovano all'interno dell'area delimitata da via Montebello, via Zarotto, via Mantova, tangenziale nord, via Moletolo, via Europa, viale Piacenza, via Pasini, piazzale Santa Croce, viale dei Mille, barriera Bixio, via Villetta, via Stirone, via Po, e ponte Dattaro.
Importanti anche gli interventi ultimati all'interno dello stadio.
Nuove telecamere sono state installate per facilitare l'identificazione di tifosi violenti. Terminati anche i lavori per l'adeguamento dei parapetti (ora alti da 1 metro e 35 a 1 metro e 45), e l'ampliamento delle scale, per evitare che si formassero imbuti in prossimità delle uscite.
Sono infine in corso gli interventi per installare altre telecamere all'esterno dello stadio, nelle zone nevralgiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • viator1495

    02 Settembre @ 08.41

    Domenica sera, verso le 19, mi reco in un bar a circa 1 km dallo stadio per bermi una birretta, mi viene detto dal barista che non può vendere alcolici. Alla mia reazione stupita mi tranquillizza dicendomi che mi può dare una birra solo se mi compro anche un toast. Mi guardo intorno, delle ragazze vogliono un aperitivo, il barista si ripete: solo se comprate anche un panino! Dopo essermi assicurato di non essere finito in un racconto di Kafka esco dal bar e vado in Curva Nord a bermi due Borghetti... ASSURDO.

    Rispondi

  • lepo

    01 Settembre @ 11.44

    Non vorrei smentirti, ma ogni anno al GP di imola tanto per farti un esempio ci sono circa un centinaio di arresti e/o denunce tra risse, bagarinaggio, schiamazzi, entrate senza biglietto ecc, non esiste però un'organizzazione dietro come nel calcio e il tutto viene preso come fenomeno estemporaneo. Nel calcio giustamente questo non è estemporaneo ma ha dietro un organizzazione quale è un gruppo ultras ed una sua curva, c'è chi come i boys organizza il tifo le coreografie ecc e c'è chi come i romani esempio organizza la violenza. Sarebbe bello poter creare un esempio positivo di ultras come i boys, ma secondo te simone chi viene perseguitato e represso, chi ci mette la faccia come Boys o chi gira con il coltello?

    Rispondi

  • saimon

    31 Agosto @ 22.05

    Lepo , la cosa e' molto piu' semplice di quello che uno possa pensare. Il concetto base e' : PERCHE' CHI VA A VEDERE UNA PARTITA NON GUARDA LA PARTITA IN COMPAGNIA , URLA , SALTA , CANTA MA SENZA ROMPERE NIENTE , SENZA PICCHIARE NESSUNO E SENZA CERCARE RISSE? Io avro' sempre in mente il mio viaggio a vedere la motogp al Mugello. 85000 PERSONE TUTTE INSIEME SENZA RETICOLATI SENZA BARRIERE E TUTTI INSIEME IN AMICIZIAAAA! Perche' nel calcio questo non e' possibile , sempre polemiche sempre casini ... te lo dico io il perche' , perche' ormai il calcio italiano e' ammalato e sara' sempre peggio. Mi spieghi come mai ad esempio nel rugby certe cose non succedono? Atletica leggera , sci , formula uno , pallavolo , pallacanestro? Provate a spegarmi. Saluti a tutti.

    Rispondi

  • lepo

    31 Agosto @ 17.54

    La situazione è molto semplice, se qualcosa va male la colpa è con molta probabilità degli Ultras. Se le cose vanno così così la colpa è di chi non permette alla questura di lavorare bene, per mancaza di finaziamenti, personale scarso, violenze inaudite ecc. Se le cose vanno bene il merito è tutto loro per gli sforzi ed i sacrifici compiuti.....

    Rispondi

  • ciao

    31 Agosto @ 00.16

    Bravo Simone, come sei furbo. Parli di asili devastati, ma chi l'ha devastato l'asilo? Gli interisti. Chi ce li ha portati in città gli interisti? Risponditi da solo, magari ce la fai. Pestaggi e disordini, beh, ce n'erano di ben peggiori vent'anni fa. Vetri rotti, macchine demolite, eh sì, mio cugggino mio cugggino. Io, invece, più che ai residenti in Cittadella sono vicina agli sfortunati abitanti di via Farini e zone limitrofe e propugno la delocalizzazione della movida. Che dici, non è una buona idea? Basta notti insonni, basta vetri rotti, basta risse, basta ubriachezza molesta. Dopo il Tardini modello cattedrale nel deserto, avanti con la movida in mezzo alla campagna. E i residenti della Stazione? Perché non delocalizziamo anche quella? Dai, facciamo diventare Parma una città dormitorio ancora più di quanto non sia già. Ma non prendiamoci in giro. Cosa c'entra la Società se la balaustra era qualche centimetro in meno di quanto sancito dalla legge? L'ha forse costruito Ghirardi il Tardini? Non fare manutenzione, lasciare ancora i tubi innocenti, è proprio una tattica. Una tattica per far dire ai comuni cittadini, che dell'argomento sanno poco e niente (e si vede), "ecco! lo Stadio non è sicuro! Mandiamolo a Baganzola". E così farà la fine del Giglio e dell'Euganeo. Ecomostri che portano al fallimento della società, orridi giganti di cemento armato, magari firmati da Calatrava, sai che bello! Si chiama modello inglese, no? Peccato che il "modello inglese" preveda stadi in centro e tifosi che continuano tranquillamente a darsele di santa ragione in periferia. Ah, lontano dagli occhi, lontano dal cuore, vero? E poi cosa faremo per i biglietti, ci toccherà ogni volta andare a Baganzola? E gli anziani allo Stadio ce li portate voi? O si devono fare 12 chilometri in bici? A proposito di bici, grazie agli splendidi provvedimenti dei nostri Prefetto e Questore, che hanno vietato pure le biciclette, le ho dovute parcheggiare in Viale Campanini. Risultato? Me le hanno rubate tutte e tre. Grazie... Grazie a voi è sempre un piacere andare allo Stadio. Continuate pure così, che andate alla grande.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Un nuovo amore (americano) per Scialpi dopo la separazione

gossip

Un nuovo amore (americano) per Scialpi dopo la separazione

1commento

Festa per i soci di Parma partecipazioni calcistiche: ecco chi c'era   Fotogallery

Noceto

Festa per i soci di Parma partecipazioni calcistiche: ecco chi c'era Foto

Felino: tanti auguri a Martina

FESTE PGN

Felino: tanti auguri a Martina Fotogallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ritorna bambino: dai cartoni ai super eroi il meglio dei nostri quiz

GAZZAFUN

Torna bambino e decidi qual è il miglior cartone animato degli anni '80!

Lealtrenotizie

Colpo nella notte al Mercatone uno di via Mantova

PARMA

Ladri nella notte al Mercatone Uno di via Mantova: rubata la cassaforte

Sfondata una finestra nel retro dell'edificio

1commento

calestano

Cade da una scarpata: un 40enne motociclista è grave al Maggiore

evento

Una suggestiva (senza auto) piazza Garibaldi pronta per la Notte del Terzo Giorno Video

calciomercato

Balotelli al Parma? Qualcosa di più concreto del fantacalcio

LANGHIRANO

In fila sulla Massese per chiedere più sicurezza e per ricordare le vittime della strada Foto

Una giornata di iniziative a Langhirano

1commento

CARABINIERI

Banda del caveau: ecco come i malviventi si orientavano nel sottosuolo di Parma Video

2commenti

weekend

Tra fiori, cavalli e la Notte del Terzo giorno: l'agenda del sabato

PARMA

Rissa con feriti: la questura sospende per 20 giorni l'attività di un circolo

VIA CALATAFIMI

Rubata la borsa lasciata in auto: dentro un tablet e 300 euro

1commento

Violenze alla materna

Una mamma: «In un video ho visto mio figlio maltrattato»

CALCIO

I calciatori del Parma in municipio. Domani arriva Lizhang Video

Il ds Faggiano: "I big? Solo se hanno voglia"

GAZZAREPORTER

Auto in fiamme: l'intervento in viale Vittoria Video

Ecco un video sull'emergenza di ieri pomeriggio

FIDENZA

Camion perde una barriera «new jersey», tragedia sfiorata

PARMA

Anziana truffata da un finto addetto Iren in via Furlotti Video

E' intervenuta la polizia: ecco la notizia del 12 TgParma

OLTRETORRENTE

Premio da 10mila euro con un "gratta e vinci" in via D'Azeglio

CARABINIERI

Traffico di droga: sequestrati beni per 500mila euro a un 45enne agli arresti domiciliari a Parma

Leonardo Losito, pregiudicato, è accusato di essere l'organizzatore di un traffico di droga nella zona di Andria, in Puglia

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Conte in mezzo a un braccio di ferro

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

Il ristorante: «Il buonumore» - Il «pescato» del giorno nel piatto

ITALIA/MONDO

Il caso

Rossella fu abusata per settimane dalla banda di Izzo

nasa

E' morto Bean, il quarto uomo a sbarcare sulla Luna

SPORT

Calcio

Il Real batte il Liverpool e vince la Champions per la terza volta consecutiva

formula uno

F1, Gp Montecarlo: una "pole" che cambia il mercato piloti

SOCIETA'

studenti

Il FabLab in una manciata di secondi Video

LIBRI

Fra blues, avventure noir e... Bollywood: serata parmigiana con Massimo Carlotto Video

MOTORI

IL TEST

Nuova Mercedes Classe A. Come va

il test

Skoda Superb, la sicurezza non è più un optional