15°

24°

Parma

Corradi: "Perché niente test a Parma per il 24enne ricoverato a Monza?"

Corradi: "Perché niente test a Parma per il 24enne ricoverato a Monza?"
Ricevi gratis le news
22

L'operaio di Parma ricoverato a Monza per una grave complicanza polmonare causata dal virus dell’influenza A è in condizioni «clinicamente stabili». Lo comunica la direzione dell’ospedale San Gerardo, dove il 24enne è ricoverato da alcuni giorni. «Il paziente - si legge nella nota diffusa questa mattina dall’ospedale lombardo - rimane sedato e assistito con i supporti necessari
per sostenere le funzioni vitali (assistenza respiratoria extracorporea e depurazione renale). La prognosi rimane riservata».

Intanto l'Azienda Usl di Rimini ha precisato di non essersi mai occupata del 24enne parmigiano. L’Ausl, «in merito alle notizie di stampa», spiega di non aver mai avuto a che fare «del caso in questione». Il riferimento è al fatto che il giovane parmense aveva fatto una vacanza a Riccione e quando era rientrato era stato sottoposto a due visite a Parma. Attualmente la situazione epidemiologica dell’influenza AH1N1 nel territorio della provincia di Rimini, è simile a quella del resto del territorio regionale.

REGIONE, INTERROGAZIONE DELLA LEGA. Il consigliere regionale della Lega Nord Roberto Corradi ha presentato un'interrogazione alla Giunta per sapere le ragioni che hanno indotto l’ospedale di Parma a non compiere il test dell’influenza A H1N1 sul giovane parmigiano ricoverato a Monza, dove invece - ricorda Corradi - è stato «immediatamente praticato l’esame».
Corradi vuole sapere dall’assessorato regionale se l'eventuale tempestiva diagnosi del virus avrebbe potuto attivare terapie tali da scongiurare i pericoli corsi dal paziente; se il trasferimento a Monza si è reso necessario per eventuali carenze tecniche o di attrezzature a Parma, se vi siano responsabilità da accertare nella vicenda e misure da prendere per evitare episodi analoghi. Il consigliere leghista domanda poi una dettagliata relazione dell’assessore alla commissione Salute e Politiche sociali.

La cronaca di domenica 30 agosto
LIEVI SEGNI DI MIGLIORAMENTO.
E' ancora sedato e intubato all’ospedale San Gerardo di Monza F.F., 24 anni, di Parma, colpito dal virus A/H1N1, la cosiddetta influenza A. I medici, però, hanno riscontrato «lievissimi segni di miglioramento», anche se le sue condizioni vengono definite sempre «gravissime». Intanto i familiari del ragazzo parlano di «lacune» e «negligenze» nel diagnosticare i sintomi da parte dell’ospedale Maggiore di Parma (leggi l'articolo). «Ci stiamo chiedendo se ci siano state delle negligenze - ha spiegato la madre -. Se qualcuno ha tardato nel modo di assisterlo, arriverò sino in fondo». Forse solo nel reparto di rianimazione del Maggiore, ha aggiunto la donna, dipendente dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Parma, «sono stati tempestivi contattando l’equipe di Monza, ma comunque credo che ci siano state delle lacune. Abbiamo già contattato un avvocato per verificare ogni dettaglio». La madre, infatti, lamenta che, nel corso delle due visite effettuate il 18 e il 22 agosto nell’ospedale emiliano, dopo che il giovane era rientrato da una vacanza a Riccione, «nessuno ha pensato di effettuare il test per il virus». La donna e suo marito, intanto, sono in costante contatto telefonico con i medici dell’ospedale di Monza, dove il giovane è ricoverato da martedì scorso. Entrambi, infatti, devono rimanere in isolamento domiciliare per via dell’influenza che ha colpito anche il padre del giovane.

Sul caso interviene anche l'assessore regionale alla Sanità della Lombardia, Luciano Bresciani. Dopo essersi consultato con i medici che hanno in cura il ragazzo, «manteniamo - ha detto Bresciani interpellato dall'agenzia Ansa - la situazione di gravità, e il paziente necessita ancora di tutti i supporti di cui ha avuto bisogno ieri», tra cui c'è anche una macchina che lo assiste nella respirazione, perchè l’influenza ha compromesso la funzione dei polmoni.
«Ma il giovane dimostra un miglioramento progressivo delle funzioni di tutti gli organi, comprese quelle dell’apparato respiratorio, seppure in modo lieve. Questo ci porta a ulteriori speranze di un esito non infausto, e questi segnali di recupero dimostrano che i supporti, le terapie e la risposta del giovane sono stati sicuramente determinanti per il miglioramento. Con questo quadro clinico, insomma - conclude Bresciani - si aggiunge rispetto a ieri un altro filo di speranza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • lorenzo

    02 Settembre @ 00.33

    Signor Vercingetorige, Non metto in dubbio che in sede di prima visita l'esecuzione del test sarebbe stata azzardata, lo benissimo; ma a distanza di tre giorni, a fronte di un quadro clinico (a quanto si legge nei media) ingravescente, tanto da richiedere un rx torace (MI spieghi per che cosa è stato chiesto se non per problemi respiratori che, guarda caso, rientrano nei sintomi di allarme indicati dalle "Linee Guida" del Suo Ministero del Walfare e del mio CDC Statunitense), mi chiedo come mai non sia stato fatto in quel frangente. Credo che la maggior parte della gente si domandi questo.. Per quanto riguarda il consulto tra due medici è certamente vero ciò che Lei sostiene, ognuno ha la propria opinione ed interpretazione; sul fatto della "complice copertura", come Lei stesso l'ha definita, non esprimo giudizio alcuno, certo è che nel corso degli anni se ne sono sentite parecchie e ben poche confermano il Suo parere. Tengo a precisare che il mio non è un attacco alla categoria dei Medici, l'errore ,purtroppo, è sempre dietro l'angolo, soprattutto in una professione difficile come questa.. Non ne faccia una questione personale, è solo per fare chiarezza in un paese che, a mio avviso, spesso ne è carente.

    Rispondi

  • Francesco

    01 Settembre @ 19.27

    Signor Attila , mi scusi, ma, se si è andato a leggere il Sito del Ministero del Welfare sull' influenza "AH1N1", avrà visto che l' esecuzione del "test" su "tampone" non era indicata in sede di prima visita, e che la procedura che è stata seguita è quella raccomandata dalle "linee-guida" internazionali. La "sintomatologia del virus H1N1" è quella di tutte le altre influenze. Poi, in questo caso, c' è stata un' evoluzione drammatica e del tutto eccezionale. Normalmente tutto finisce con tre o quattro giorni di raffreddore. Lei dice che, qualche "leggerezza" , secondo Lei, c' è stata. Non lo so . Non sono in grado di risponderle. Vuole che facciamo una "sparata" , se la Redazione ce la lascia passare ? Se, alla prima visita, non c' era insufficienza respiratoria , è stato verosimilmente corretto rimandare il Paziente a casa con terapia sintomatica. Poi , mi scusi, devo fermarmi qui. Se c' erano già segni di insufficienza respiratoria , sia pure iniziale, non lo so. Ma sono certo che, chi di dovere, ci ha pensato. Sulla questione della reciproca e complice "copertura" fra Medici, signor Attila, non ci conti troppo........... provi a consultare due Medici sullo stesso problema, poi ne riparliamo....

    Rispondi

  • Francesco

    01 Settembre @ 18.46

    CARO SIGNOR "RUSSO G." , condivido, ancora una volta, i suoi auguri al giovane Paziente che si trova in condizioni critiche a Monza. Ciò premesso, mi congratulo con Lei per il fatto che non fa abuso ed uso improprio del Pronto Soccorso, ma ciò non toglie che abuso ed uso improprio siano una delle principali cause delle difficoltà del Pronto Soccorso stesso. Poi nessuno vuole accusare Lei personalmente. Che i Medici di Famiglia siano "pochi" è una sua opinione, ma l' Italia è uno dei Paesi col maggior numero di Medici per Abitante. Come le ho già detto nel messaggio precedente , ma, forse, non sono stato abbastanza chiaro, gli stessi Medici di Medicina Generale sono contrari a diminuzioni del "massimale" . Sul fatto, poi, degli extracomunitari , è vero che tra gli "approfittatori" dell' Ospedale ce ne sono molti, ma il problema non sono soltanto loro. Per la faccenda del "facchinaggio" , mi perdoni, non mi sembra questa la Sede.. Nessun Medico , o Pediatra, ha prevenzioni contro i "tamponi", che, però, vanno fatti quando servono. In Italia il problema non è che si facciano pochi "esami" , ma esattamente il contrario, cioè se ne fanno troppi, non di rado inutili. PER QUANTO RIGUARDA LE ESTENUANTI ATTESE IN PRONTO SOCCORSO , che, pure, esistono, RISPONDO A LEI ED ANCHE ALLA SIGNORA (O SIGNOR) "GIO". Come si sa, all' arrivo in Ospedale, i Pazienti vengono accolti da Infermieri Professionali che fanno il cosiddetto "triage" ed attribuiscono a ciascuno un "codice-colore". Il "rosso" è il più grave , significa "immediato rischio per la vita" , e non aspetta neanche un minuto. Poi , in ordine di gravità decrescente, c' è il "giallo" . Vuol dire che un rischio immediato per la vita non c' è, ma potrebbe verificarsi in tempi brevi. Il "giallo" può arrivare ad aspettare una diecina di minuti. Quindi c' è il "verde" , che ha disturbi minori , o cronici stabilizzati, e non corre pericoli immediati. Questo, naturalmente, vien visto in ordine d' arrivo , dopo i "gialli" e i "rossi", e può capitare , nei momenti in cui il Servizio è più affollato, che aspetti anche qualche ora. Infine ci sono i "bianchi", che hanno , per usare un termine non scientifico , delle "sciocchezzuoline". I "bianchi" possono aspettare molte ore. Larga parte dei "codici verdi" e dei "codici bianchi" sono abusivi , cioè persone che non si trovano in situazioni di Urgenza-Emergenza e non dovrebbero rivolgersi al Pronto Soccorso. E' anche loro la responsabilità delle lunghe attese di chi ha veramente bisogno. Questo riguarda i tempi prima di essere visitati. C' è poi l' altro aspetto del problema, quello, cioè, dei Pazienti che sono già stati visitati , per i quali i Medici hanno posto l' indicazione al ricovero, e aspettano in Pronto Soccorso di avere un posto-letto disponibile. Spesso aspettano diverse ore, qualche volta anche da un giorno all' altro, ma questa non è una colpa del Pronto Soccorso, per il quale è molto più comodo mandare l' ammalato in Reparto , che non tenerselo lì. La principale ragione è che , quarant' anni fa , a Parma c' erano circa 2100 posti-letto agli Ospedali Riuniti , che comprendevano il "Maggiore" ,l' "Ugolino" e la "Neuro". In più c' erano circa 300 posti allo "Stuard" , e circa 400 posti al "Rasori". In tutto poco meno di 3000 posti-letto negli Ospedali Pubblici della Città, senza contare le Case di Cura Private. Oggi lo "Stuard" non c' è più, i suoi resti sono al "Cattani". Il "Rasori" è stato incorporato dal "Maggiore" e, di 7 Reparti , ne ha conservati 2. L' "Ugolino" è adibito ad Uffici, e la "Neuro" diventerà un Condominio , o un Albergo. Sapete quanti posti-letto sono rimasti oggi nell' Ospedale Pubblico di Parma ? Circa 1350 ! La metà di quarant' anni fa ! Non vi fate ingannare dall' aspetto faraonico di "Torri" , "Piastre" e "Monoblocchi" ! L' Ospedale nuovo è molto meno capiente del vecchio ! Certo, forse, ai vecchi tempi, si ricoverava spesso con un pò troppa facilità, ma, comunque, si crede che , in questi quarant' anni , la domanda sanitaria sia così tanto diminuita ? Al contrario, direi ! Verosimilmente è aumentata ! Ma non basta ! Ancora quarant' anni fa, nella Provincia di Parma , c' erano 7 Ospedali Pubblici . "Riuniti" di Parma, "Stuard" , "Rasori" , Colorno , San Secondo, Fidenza e Borgotaro. Ne sono rimasti 3. Parma, Fidenza e Borgotaro. Lo "Stuard" ed il "Rasori" sono stati assorbiti dal "Magghiore", Colorno è stato chiuso ed è diventato un Poliambulatorio , San Secondo è stato chiuso ed è diventato una Lungodegenza. Allora mi sembra chiaro che , se ci sono pazienti, anche gravi, che aspettano giorni interi e notti intere prima di avere un posto-letto disponibile, il Pronto Soccorso c' entra quanto i cavoli con la merenda ! Un' altra ragione dei tempi lunghi è che , una volta, il Paziente da ricoverare andava direttamente al Reparto, ed era in Reparto che si facevano esami e cure. Oggi si vuole che almeno i primi accertamenti e, se necessario , le prime più urgenti cure, vengano fatte in Pronto Soccorso. Una volta l' elettrocardiogramma lo faceva il Reparto , gli "esami del sangue" li faceva il "Reparto" , le "lastre" le faceva fare il Reparto . Oggi si vuole che l' ammalato arrivi con l' elettrocardiogramma già fatto , con i primi "esami" già fatti, con le prime radiografie già fatte. Tutto questo , naturalmente, richiede tempo, e non poco. Finisco osservando che , forse per colpa mia, che non sono stato abbastanza chiaro , il Signor ( o signora) "Gio" non ha afferrato molto del mio messaggio precedente. "Non si deve guardare al peggio ma al meglio" ? Giustissimo , ma, se si va a guardare in giro, si vede che il Pronto Soccorso di Parma è dalla parte del "meglio", non dalla parte del "peggio". Non si dice che siamo "meglio degli altri", ma neanche peggio ! Si deve sempre cercare di migliorare ? Non c' è dubbio ! Però dire che il Pronto Soccorso di Parma è scadente non è vero . Poi, certo, si deve sempre cercare di far meglio, e noi Parmigiani potremmo contribuire limitando gli accessi abusivi ed impropri . "Qui è una vita che......molti si fanno volontari o donano soldi......Si deve vedere la mentalità e la civiltà di un popolo......" Signor (o signora) "Gio" , io sono parmigiano come Lei e la civiltà e la mentalità del popolo la conosco non meno di Lei. Inoltre, conosco molto bene il Mondo del Volontariato. Vogliamo , magari privatamente, scambiarci i nostri rispettivi "curricula" sulle attività di Volontariato che abbiamo svolto nella nostra vita ? Ma perché vuole scadere in polemiche banali di questo genere ? Dire che il Pronto Soccorso dell' Ospedale è permanentemente intasato, per almeno il 50 per cento, da una massa di abusivi che non ci dovrebbero essere , non è una calunnia. E' una realtà sotto gli occhi di tutti. Non mi stancherò mai di ripetere che è pericoloso, è molto pericoloso. Il sovraccarico sottrae risorse a chi ne ha veramente bisogno , e rende più facili gli errori , le omissioni e le sottovalutazioni ! Poi, quando succede qualcosa, si grida alla "malasanità" ! Signor Russo G. , Lei dice che il nostro Sistema Sanitario "deve cambiare" . Ci proponga Lei il Modello di Sistema che vorrebbe adottare, ma mi permetto di ricordarle che , con questo Sistema , solidaristico ed universale , chiunque di noi debba sottoporsi ad un intervento chirurgico a "cuore fermo" può farlo senza spendere un centesimo. In altri Paesi , anche famosi , dovrebbe vendersi la casa , se basta e se ce l' ha......Se no , sono affari suoi, s' arrangi ! Mi permetto di ricordarle quante persone girano con un "pace maker" cucito sotto il petto. Sa quanto costa un "pace maker" ? Qualche diecina di migliaia di Euro, signor Russo. Non sono molti, nel Mondo, i Sistemi che assicurano un' assistenza del genere , che, certo, costa cara ed incide in maniera determinante sul Debito Pubblico, per cui molti, come Lei auspica , vorrebbero cambiarlo. Ma faccia attenzione, signor Russo , perché , se il Sistema cambia, e molti ci stanno lavorando, di "tamponi" potrà farne quanti ne vuole, purché abbia i soldi per pagarseli.......

    Rispondi

  • lorenzo

    01 Settembre @ 18.26

    Caro Vercingetorige, basta leggere ciò che viene pubblicato sui siti specializzati circa la diagnosi o la sintomatologia del virus H1N1.. ed esempio potrebbe aggiornarSi sul sito www.cdc.gov/.. Errore o non errore, non tocca al sottoscritto dirlo, ma un po' di "leggerezza" secondo me c'è stata.. Esistono cluster infettivi locali, non serve andare all'estero per prendere la nuova influenza.. Poi parliamo chiaro..qual è quel collega che si permette pubblicamente di puntare il dito contro un altro collega??

    Rispondi

  • Giorgio Russo

    01 Settembre @ 13.41

    Caro Vercingetorige NON SI DEVE GUARDARE AL PEGGIO MA AL MEGLIO E cercare di MIGLIORARE SEMPRE ! ALTRIMENTI anche per la questione sicurezza saremmo a posto guardando il peggio di alcune città! Ma ci faccia il piacere. Che ragionamenti sono noi siamo meglio di altri ? La gente qui è una vita che paga le tasse per avere ospedale e altri servizi e per mentalità si molti fanno i volontari o donano soldi per migliorare le cose. Si deve vedere la mentalità e la civiltà di un popolo prima di scrivere certe cose ! LE DEVO RACCONTARE QUANTO SI ATTENDE (accaduto in famiglia) QUANDO SI è GRAVI E SI STA molto MALE al Pronto soccorso prima di arrivare nel reparto giusto ?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Luca Carboni

Luca Carboni

MUSICA

Carboni, lo "Sputnik Tour" fa tappa anche a Parma

Ricovero urgente per Gallo, il bassista di Vasco

musica

Ricovero urgente per Gallo, il bassista di Vasco

Baccanale, gli amici di Angela: ecco chi c'era

FESTE PGN

Baccanale, gli amici di Angela: ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Oggi nuovo esame di scienze: che voto ti darebbe Piero Angela?

GAZZAFUN

Esame di cultura nerd: scopri se Sheldon ti promuoverebbe!

Lealtrenotizie

Maltrattamenti e violenze sui bimbi, arrestate due maestre a Colorno

colorno

Maestre arrestate per maltrattamenti: denuncia partita da una mamma Il video-choc

Le due hanno 47 e 59 anni, e da anni insegnavano nella scuola materna Belloni

9commenti

12 tg parma

Colorno, i carabinieri: "Bimbi terrorizzati e per ore in punizione" Video

COLLECCHIO

Conigli morti per avvelenamento? Chiuso l'intero parco Nevicati

Già partita una denuncia contro ignoti

6commenti

Azzardo

Entro l'anno via le slot da 252 esercizi pubblici

13commenti

Con la Gazzetta

Parma in A, storie, emozioni, ricordi, sondaggio: domani speciale 28 pagine

12 tg parma

Parma in A, il Comune: " E ora ristrutturiamo il Tardini" Video

4commenti

calcio

Parma in A, Faggiano già al lavoro per costruire la squadra del prossimo anno Video

soldi

A Parma cresce la spesa per luce e gas Video

scomparso

James è stato ritrovato: era stato accompagnato in ospedale

Lutto

Muore campione di powerlifting

evento

"Massese più sicura", sabato 26 camminata Langhirano-Parma Video

Bedonia

Telefonini, da 15 giorni l'Alta val Ceno è isolata

Il sindaco Berni: «Proteste dagli abitanti di Anzola, Volpara e Casalporino

1commento

Oltretorrente

Passante segue e fa arrestare un ladro

5commenti

Tribunale

Picchiava e violentava la moglie: condannato

1commento

IL CASO

Sorbolo Mezzani, molti cittadini a rischio truffa

Nella zona di via Montanara

Commessa vittima di uno stalker

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Gli acculturati: i nuovi nemici da combattere

LA BACHECA

Ecco 20 nuove offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

taranto

Prof chiede la sospensione di uno studente, picchiato dal papà

lutto

Addio a Philip Roth, gigante della letteratura americana

1commento

SPORT

CALCIO

C'è l'accordo: Ancelotti allenerà il Napoli

calcio

L'Uefa rinvia a giudizio il Milan sui conti: Coppe a rischio

SOCIETA'

ARTE

Scoperto un nuovo Mantegna a Bergamo

SCUOLA

Anni di piombo: la lezione all'Astra con il Bertolucci e le ricerche del Toschi su Moro

MOTORI

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv

ANTEPRIMA

Nuova Audi A6, la tradizione continua. E il mild-hybrid è di serie