19°

Parma

Risalendo la Parma moribonda

Risalendo la Parma moribonda
Ricevi gratis le news
5

di Roberto Longoni

Sotto il ponte delle Nazioni non scorre né il Tamigi dei salmoni né la Senna delle spiagge urbane. Nemmeno la Parma ci scorre, perché del torrente è rimasto solo uno scheletro di pietre e alghe rinsecchite. E dove l'acqua c'è (appena a monte, fino quasi al ponte Verdi) sarebbe meglio non ci fosse, perché è una liquida putredine marrone ricoperta di verde. Immobile. Eccola, la Parma Morta. Non c'è bisogno di andare fino a Colorno, per trovarla. D'accordo, lì c'è quella deviata da Maria Luigia. Ma qui in città c'è quella prosciugata  dal calendario. Siccità,  sete dei campi e degli uomini e inquinamento: l'estate costa ogni anno la vita al torrente che attraversa Parma. Un filo d'acqua (sporco e stentato) entra nell'invaso della cassa d'espansione, un filo d'acqua ancora più marcia scende oltre gli ultimi quartieri, per perdersi nella Bassa. In mezzo, un rivolo che compare e scompare tra alberi, discariche e bivacchi.
 
Oltre la città. Tre sedie, un tavolo improvvisato, un materasso, immondizie e i resti di un falò. A Moletolo, accanto allo sterrato che segue il crinale dell'argine, è come se ci fosse un posto di guardia a due passi dal greto. Oltre i pioppi che finiscono sotto a ogni piena, c'è acqua marrone e stagnante, intrappolata tra le «esse» disegnate dal torrente. E' così debole il suo corso che il vento la soffia da una parte e dall'altra: difficile capire dove stia davvero andando. Bisogna camminare per un po', per scoprirlo, vedendo una correntina  che si perde in un intrico d'arbusti e alberi. Un materassino per bambini e un vecchio mobile sono tra i rami di un tronco portato giù da una piena. Dalla riva a picco, alta tre metri, spuntano sacchetti di plastica. Qui un tempo c'era una discarica, che ora sputa fuori ciò che non è riuscita a digerire. Inutile nascondere i rifiuti sotto terra: ciò che l'uomo semina, il torrente raccoglie.    Si deve tornare sull'argine, per raggiungere la tangenziale, dalla parte opposta. Chi sfreccia sul viadotto al massimo vede un riflesso tra gli alberi sull'acqua scura. E' andandoci a piedi che ci s'infila in un angolo maleodorante e oscuro di città. Giovani immigrati si muovono come ombre tra i bassi piloni, nascosti alla vista del mondo come la  carcassa di una vecchia Alfa accartocciata. E' stata  una piena a farla rotolare fino a lì: forse solo un'altra piena la sposterà. Sotto il viadotto, la Parma forma una grossa pozza. Insetti a sciami ci vorticano sopra. Ovunque volano libellule: dai riflessi blu o rossi. Impossibile vedere pesci nel torbido. Sui piloni, un tale Walid il 12 agosto si è dichiarato a una tale Assunta. «Mi fai patsire» ha scritto con lo spray. Qualcuno, meno romantico,  si è limitato a un  «Ci sono camere». Sotto questo tetto di cemento e asfalto, nel ronzio delle zanzare e nel rumore rabbioso delle auto, si dorme (e magari si commercia ciò che non può essere ceduto alla luce del sole): sembra evidente. Si esce lungo un passaggio che costeggia la corsia nord della tangenziale e il cortile della Toyota. Qualcuno ha provato a chiuderlo, legando un nastro bianco e rosso alla recinzione e a una vecchia sedia. Una burla. Il nastro ora svolazza nel vento. Si risale. Tra il Milan Club e la Ca' Rossa l'acqua  ferma è velata da una patina oleosa. Una piccola giungla sporca di immondizie e  «scarti biologici» le fa ombra. Qua e là, mucchi di rifiuti, residui di demolizioni. Una piena - ammesso che riesca a portarli via - non farebbe che distribuirli a valle, insudiciando altrove.
 
In centro. Sul tratto più urbano del torrente, almeno le rive sono state sfalciate. Un tappeto dal verde riarso sul quale qualcuno ha pensato bene di gettare sacchetti dall'altezza della pensilina appena oltre la rotonda della Pilotta. Ma nel greto cambia poco. Sopra ponte Verdi, una lunga pozza inizia e finisce con una distesa di melma, tra copertoni di camion. Un  rivolo scende dal gradino di cemento sopra le arcate: sotto, l'acqua cola a gocce da un fianco. L'odore di alghe putride prende alla gola. Ma non è niente rispetto a quello che si sente risalendo ancora. Il tanfo aumenta con la portata d'acqua. Sotto ponte Caprazucca il torrente forma una cascatella che ricade formando dubbie bollicine. Un airone bianco è in agguato su una pietra vicina. Un altro è poco sotto. Da qui al ponte di Mezzo, l'acqua si tiene vicina alla sponda sinistra. Alla ringhiera del lato a valle qualcuno ha legato con un filo di nylon due bottigliette vuote: il vento le fa dondolare tra le arcate. Chissà a che cosa servono. Verso monte, il greto ospita vecchi alberi e un prato. D'acqua ce n'è: lo si capirebbe anche a occhi chiusi, per il lezzo. Sotto ponte Italia, quello che non viene con la corrente sale dai resti di un accampamento tra le arcate. Un materasso matrimoniale con una lurida trapunta è poggiato su due reti di ferro, un altro è a terra: sparsi attorno, cartoni, contenitori di plastica, vestiti sudici. Ovunque, siringhe sporche di sangue (le più con l'ago scoperto). Lì in mezzo, i «Salmi della tenerezza»: non si capisce se siano stati gettati o  se qualcuno li stia leggendo.
 
Verso monte. L'acqua non schiarisce nemmeno nella cascatella che si getta nella pozza sotto ponte Dattaro. Ha il colore e l'odore di una fogna a cielo aperto, anche se la concentrazione di aironi  cinerini e garzette farebbe pensare a un parco. Non è la Parma a scorrere qui sotto, ma il Cinghio. Non un canale, ma un ricettacolo di scoli urbani. Dalla sua foce in su, il greto del torrente torna secco (e almeno più accettabile all'olfatto). L'acqua ricompare  a Marano. Ma è un filo appena, e comunque inquinato, e le bocche delle casse d'espansione sono spalancate: a espandersi qui sono solo le erbacce. Dalle pozze risicate nel grande invaso germani reali si levano con un battito d'ali pesante; aironi gracchiano nervosi per posarsi appena più in là, tra un'infinità di piccoli salici e cespugli alti un metro. Lo sguardo va lassù, ai monti dove la Parma scorre chiara. Sembrano così lontani. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • pellaccio

    03 Settembre @ 10.31

    captazioni selvagge ed abusive di tutte le sorgenti....frantoi che \\\"spianano e abbassano la falda\\\"....scarse piogge ecc. la causa di questo triste spettacolo, che naturalmente non è solo della parma ma di tutti i torrenti della nostra provincia e anche delle limitrofe e d\\\'altra parte è il prezzo che dobbiamo pagare per vivere così come viviamo, che fare???\\r\\nsi può migliorare almeno un poco la situazione?\\r\\nLa Provincia ha fatto uno studio approfondito sull\\\'acqua...magari possiamo attenderci una dichiarazione in merito.

    Rispondi

  • Pasquale

    01 Settembre @ 13.51

    Ma mi dig.... Ma con tutti i soldi che si spendono/sprecano a cementificare la nostra bella citta', ma non possono un'estate dare una bella ripulita a greto e argini? Venendo da fuori fa proprio schifo da vedere. Basta una ruspa e buona volonta'.

    Rispondi

  • adriano

    01 Settembre @ 12.48

    Bell'articolo, merita una risposta da chi di dovere. Fruibilità delle casse d'espansione? Il Cinghio puzza come una fogna e sotto il ponticello del Baganza esce un liquido che definire terribile è dir poco. Sempre chi di dovere, potrebbe occuparsene e vedere di bonificarlo? Si parla di ambiente di qualità dell'aria, di blocco del traffico in inverno ecc. e poi davanti a situazioni così manifeste non si pensa di intervenire?

    Rispondi

  • mattia

    01 Settembre @ 11.30

    Grazie ad un corretto utilizzo delle casse di espansione (che nonostante le promesse si sono rivelate un flop dal punto di vista della fruibilità...), ad un risanamento del Cinghio con relativa gestione oculata del prelievo idrico a monte, si potrebbe garantire un minimo deflusso di acqua anche neiu mesi estivi. E' inutile che si insista col discorso di "Parco Urbano" per poi avere di fronte, per tre mesi, una fogna a cielo aperto.

    Rispondi

  • gian luca

    01 Settembre @ 10.06

    Credo che il torrente Parma da che me lo ricordo io da bambino ( fine anni 60 ...) nel periodo estivo era sempre in secca , leggendo cronache datate mi pare che anche nei secoli passati la cosa non fosse diversa , le casse di espansione potevano fungere da serbatoio sempre che a monte ci fosse acqua , l'altro giorno passando sul ponte della Parma a Langhirano non mi pare che ci fosse acqua che scendesse. Cmq il discorso sulla sporcizia è assolutamente giusto , bisognerebbe rimuovere almeno i rifiuti e sgombrare gli accampamenti . Se almeno il Cinghio e gli altri canali che scaricano nel torrente non fossero sporchi.....

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno