17°

28°

Parma

Influenza A: donna ricoverata al Maggiore

Influenza A: donna ricoverata al Maggiore
Ricevi gratis le news
2

C'è un altro paziente parmigiano, affetto dall'influenza A, ricoverato al Maggiore per le complicanze del virus. Si tratta di una donna di 36 anni, residente in città e di origine indiana (ma non ha contratto il virus all'estero), che si è presentata al Pronto soccorso nella notte fra martedì e mercoledì scorso con febbre alta, oltre i 38 gradi. I raggi x al torace hanno evidenziato un focolaio broncopneumonico e i medici - contrariamente al caso del giovane parmigiano poi ricoverato a Monza - hanno deciso di eseguire il tampone che ha confermato la presenza del virus e hanno iniziato la terapia del caso. (L'articolo completo di Monica Tiezzi è sulla Gazzetta di Parma in edicola)

MIGLIORA IL 24ENNE A MONZA. Fabio F., il 24enne ricoverato all'ospedale San Gerardo di Monza con la «nuova influenza», presenta «lievi segni di miglioramento della funzione respiratoria». Lo hanno detto i medici lombardi, ieri attraverso un comunicato diffuso dalla direzione ospedaliera. La sovrainfezione polmonare appare sotto controllo, ma il giovane resta in circolazione extracorporea e ventilato. «Le sue condizioni rimangono critiche e la prognosi riservata». Intanto il Tribunale del malato chiede: "Aveva febre a 40. Perché non gli è stato assegnato il codice giallo?". (Tutti i dettagli e gli approfondimenti sono sulla Gazzetta di Parma in edicola).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Francesco

    05 Settembre @ 13.53

    Ho appena finito di rispondere ad un messaggio all' articolo su questo caso che è adesso passato nelle pagine interne, ed ecco qua che ne salta fuori un altro in prima pagina ! Premetto che, secondo me , il Tribunale del Malato- Cittadinanza Attiva è un' Associazione Benemerita nella difesa dei Cittadini che si ritengono vittime di disservizi sanitari , e, per questo, è anche un prezioso collaboratore del Servizio Sanitario stesso con le osservazioni che può fare ed i suggerimenti che può dare. La Presidente , poi, signora Gelmini, ha un "curriculum" meritorio per la sua pluridecennale dedizione a questa causa. Ciò premesso, l' Edizione "cartacea" della "Gazzetta" attribuisce alla signora Gelmini questa frase :" Mi risulta che il giovane si sia presentato in Pronto Soccorso con la febbre a quaranta . Perché non gli è stato assegnato il "bollino giallo" che indicava la gravità del caso ? E se il "bollino giallo" gli è stato assegnato dagli operatori del "triage", perché l' indicazione non è stata rispettata dal Medico di turno ? E' una vicenda molto grave, da approfondire". Che, nella vicenda, ci siano cose da approfondire, è possibile. Non per nulla l' Assessorato alla Sanità della Regione ha chiesto informazioni al Direttore Generale dell' Ospedale di Parma, che pare le abbia mandate. Ma, signora Gelmini , il problema, se problema c' è, non è nel "bollino" del "triage" . Il "codice giallo" indica una persona che, pur non avendo, al presente , un' evidente compromissione delle funzioni vitali, si ritiene possa trovarsi, da un momento all' altro , in tale condizione. Un giovane con la febbre, per quanto elevata, si fa fatica a farlo rientrare in questa categoria, a meno che non sia in istato di "shock settico" , nel qual caso sarebbe stato "codice rosso". Certo, allo scopo di dare un po' di "comfort" in più a un ragazzo con la febbre alta , si poteva anche pensare di attribuirgli un "codice" un pò superiore a quello teoricamente previsto. Penso comunque che la presenza della mamma dell' ammalato , dipendente dell' Ospedale, possa essere stata d' aiuto nel gestire il caso. Ma quella frase " se il "bollino giallo" gli è stato assegnato dagli Operatori del "triage" , perché l' indicazione non è stata rispettata dal Medico di turno ? " cosa vuol dire ? A Lei risulta, signora Gelmini , che ci sia stata , per così dire, una "divergenza d' opinioni " tra Infermiera e Medico nell' assegnazione del codice ? Sono certo che anche Lei non vorrebbe che , alla fine, questa diatriba "cromatica", si rivelasse frutto di "ripicche"....... Andiamo avanti ! La mancata assegnazione , o il mancato recepimento ,del "codice giallo" ha comportato un' attesa tale da produrre danno alla salute dell ' ammalato ? Parlo di "danno alla salute" non di danno al "comfort", che senza dubbio c' è stato, ma è un' altra cosa........ Il Medico, quando il Paziente gli è stato assegnato dal "triage", cosa stava facendo ? Normale lavoro "di routine" , per cui avrebbe potuto riceverlo subito, o era già impegnato da altri ammalati gravi, con codici gialli o rossi ? I Medici in servizio al Pronto Soccorso dovevano essere almeno due. Se il primo era impegnato , prevedibilmente per un certo tempo, non si poteva assegnare il caso all' altro ? Mi permetta, signora Gelmini, di essere chiaro e sincero. Il "punto", in questa dolorosa faccenda, non è il "codice colore" , ma è se ,già alla prima visita, c' erano , o no, segni , sia pur iniziali, di insufficienza respiratoria , cioè di difficoltà a respirare, o di insufficienza renale. Se c' erano, forse sarebbe stato opportuno prendere in considerazione la possibilità di ricoverare il Soggetto , piuttosto che rimandarlo a casa. Se non c' erano, l' opzione del rientro a domicilio poteva essere accettabile . Ma non è ancora finita ! La decisione di mandare a casa il giovane è stata presa dal Medico del Pronto Soccorso da solo , o con la consulenza di qualche Specialista , ad esempio della Divisione Infettivi ? Non sempre, in Divisione Infettivi, c' è "di guardia" un Medico di quella Specialità. Quella sera lo era o non lo era ? Nel caso in cui si fosse ritenuto di ricoverare il Paziente, il posto-letto c' era o non c' era ? Si è sentito dire che, prima di rivolgersi al Pronto Soccorso, il ragazzo si era rivolto alla Guardia Medica . E' vero o non è vero ? Se è vero, la Guardia Medica cos' ha detto e cos' ha fatto ? L' ammalato , tra il primo ed il secondo accesso al Pronto Soccorso , è stato a casa quattro giorni, durante i quali era sotto la competenza del suo Medico Curante. In questo tempo il suo Medico Curante è stato informato della situazione o chiamato ? In caso affermativo, cos' ha detto e cos' ha fatto ? Allora, signora Gelmini , io sono perfettamente ed assolutamente d' accordo con Lei che, in questa vicenda, ci possono essere cose "da approfondire" , ma, per "approfondire" esaurientemente e correttamente, bisogna rispondere a queste domande. Buon lavoro e tanti auguri !

    Rispondi

  • maesto

    05 Settembre @ 09.41

    che ospedale mal gestito......da sempre!\\r\\n

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Le serate al Chiosco di Collecchio

FESTE PGN

Le serate al Chiosco di Collecchio Foto

Nadia Toffa, post dopo la bufala sulla sua morte: "Mi hanno allungato la vita..."

LE IENE

Nadia Toffa, post dopo la bufala sulla sua morte: "Mi hanno allungato la vita..." Foto

La festa del Parma, cori al Tardini: tifosi scatenati

CALCIO

La festa del Parma, cori al Tardini: tifosi scatenati Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ritorna bambino: dai cartoni ai super eroi il meglio dei nostri quiz

GAZZAFUN

Torna bambino e decidi qual è il miglior cartone animato degli anni '80!

Lealtrenotizie

Maltrattamenti, oggi gli interrogatori delle due maestre arrestate

COLORNO

Maltrattamenti, oggi gli interrogatori delle due maestre arrestate

INTERVISTA

La testimonianza di una mamma: «Segnalai la maestra di mia figlia, ma fui intimidita»

Oltretorrente

Il pensionato anti-pusher

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Soragna

Premiato il culatello supremo

Festa a Pontetaro

Incontrarsi sulla via Emilia

Politica

Pizzarotti: «L'obiettivo? Le regionali 2019».

Via Bixio

I commercianti: «Noi esclusi dalla festa del vino»

Carabinieri

Sempre più anziani truffati: come difendersi

CALCIO

La festa del Parma al Tardini: Lucarelli si ritira. Lizhang: "Abbiamo mostrato il nostro coraggio" Video Foto

Ritirata la maglia numero 6. D'Aversa: "A Spezia un'escalation di emozioni". Carra ringrazia i tifosi. Faggiano: "Ce l'abbiamo messa tutta"

PARMA CALCIO

Lucarelli parla alla curva con il megafono: "Siamo diventati una forza bellissima" Video

ANTEPRIMA GAZZETTA

Violenze in classe e conseguenze sui bambini: parlano la mamma di una piccola vittima e una psicologa

Le principali notizie della Gazzetta di Parma in edicola: le anticipazioni del vicedirettore Claudio Rinaldi

PARMENSE

"Cantine aperte": le foto di una domenica... di gusto

cultura

La magica Notte del Terzo giorno: scatti tra le ali di folla (e di arte)

PARMENSE

Berceto, 46 cani stipati in una jeep: denunciata coppia della Lunigiana Video

SANT'ILARIO

Vuole impedire che la fidanzata si droghi e accoltella il pusher: denunciato 40enne 

I passanti hanno chiamato i carabinieri. Denunciato anche il pusher, un 25enne nigeriano

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Per Salvini sarà comunque una vittoria

di Luca Tentoni

1commento

LA PEPPA

La ricetta - Cotolette vere e cotolette finte

ITALIA/MONDO

ROMA

Conte rimette il mandato al presidente Mattarella. Salvini: "Ora al voto"

2commenti

POLITICA

I vertici M5S: "Si ragiona sull'impeachment di Mattarella". No comment del Quirinale

1commento

SPORT

CALCIO

La festa al Tardini: "finalissimo" Video

FORMULA UNO

Ricciardo sa controllare la gara. Sul podio sono tutti contenti

SOCIETA'

IL DISCO

Jethro Tull, cinquant'anni fa “This was” Video

PARMA

Quattro cani cercano casa Foto

MOTORI

IL TEST

Nuova Mercedes Classe A. Come va

motori

Prova Yamaha Niken la “carver bike”