16°

21°

Parma

San Leonardo: ecco lo spaccio a tutte le ore. Abitanti e commercianti esasperati

San Leonardo: ecco lo spaccio a tutte le ore. Abitanti e commercianti esasperati
Ricevi gratis le news
53

 

 

1) IL CONSIGLIO COMUNALE L'emergenza San Leonardo arriva in Consiglio comunale. Dopo gli episodi, le proteste e le polemiche di questi giorni, l'assessore alla Sicurezza Fecci dice : "Si' all'aiuto dei militari per il controllo della zona di via Trento per il futuro. Intanto ci saranno presidi fissi serali dei vigili e nuove telecamere: la situazione è delicata, ma non di gravita' assoluta".

 

 

2) LE VOCI DEL SAN LEONARDO

Ilaria Moretti  (Gazzetta di Parma 20-10-2009)
 

La voglia di sicurezza non ha nazionalità. Da un lato all’altro della strada, dal cavalcavia della stazione in poi, dove il centro mano a mano si allontana e l’at ­mosfera diventa quella della pe­riferia, i commercianti di via Trento, anche se in tasca hanno passaporti diversi, parlano la stessa lingua.
  Quella di chi è stanco di una situazione assicurano diversi di loro ormai al limite del sop­portabile. Droga, ubriachi, ca­pannelli «minacciosi» di perso­ne di colore che bivaccano sui marciapiedi non appena cala la sera. E poi la violenza, la stessa che venerdì sera ha portato all’aggressione di un tunisino di 26 anni titolare di una kebabe­ria, «colpevole» di avere chiesto a un gruppo di spacciatori di co­lore di spostarsi dall’ingresso del suo negozio. E' già tornato al la­voro, il giovane straniero, e non vuole essere considerato l’unica vittima.
  Per lui, vittime sono tutti co­loro che hanno a che fare con questa strada problematica. «Cosa posso ancora dire si con­fida , l’unica cosa che chiedo è solo un po' più di sicurezza. Il problema non è solo mio ma di tutta questa via. Basta dare un’occhiata fuori: ecco che si so­no formati i soliti gruppetti. Quattro-cinque persone ferme ogni 10 metri».  

«Ho aperto a maggio - con­fida un altro -  e devo dire la verità, se avessi saputo che la situazione era questa non lo avrei fatto. I clienti calano giorno dopo gior­no ». 

 

3) IL DOCUMENTO - NELLA FOTO, UNA SCENA ORMAI ABITUALE A OGNI ORA: LO SCAMBIO DI DROGA IN VIA PALERMO FRA UN PUSHER ED UN CLIENTE: DOMANI ALTRE FOTO E AMPI SERVIZI SULLA GAZZETTA DI PARMA 

4) Le interviste del Tg Parma: guarda il video
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • nicola

    21 Ottobre @ 12.06

    Il fenomeno della delinquenza da strada segue di pari passo l'arrivo indiscriminato di gente straniera che, se non viene perchè vuole lavorare , viene perchè sa che l'Italia è molto più garantista e tollerante (per non dire assente, nel settore) del loro paese d'origine. A questa delinquenza si deve poi sommare quella locale, che per qualità e capacità non ha nulla da invidiare a quella straniera. Forse il problema non sta tanto nel fatto che arrivano gli stranieri, ma nel fatto che già con i nostri avevamo un gran daffare. Si vuole l'esercito? Non credo possa essere la soluzione definitiva, e comunque anche questo ha un costo che credo nessuno voglia veder ricadere sul proprio elenco di tasse, ahimè già lungo. Le ronde cittadine? Può darsi. E' però un discorso molto delicato. Io dico invece che la costituzione di un corpo di ex militari, ex forze dell'ordine, coordinati dalla protezione civile (credo che il nome sia azzeccato, in questo caso), possa fare qualcosa. Parlo di ex militari perchè abituati a servizi simili, non per vedere altre armi in giro... Rispondendo invece a Maverick, Lo pregherei di non fare paragoni azzardati con un periodo di storia che nulla, ma proprio nulla ha a che vedere con la situazione attuale. Le "masse", come Le chiami tu, sono in realtà cittadini con specifici problemi di sicurezza in specifiche aree della città. Il problema potrebbe tuttavia diventare più grande, certo, ma non tanto da invocare rivoluzioni o guerre civili. Ma per favore.

    Rispondi

  • mauro

    21 Ottobre @ 10.22

    è risaputo che la storia è stata fatta dalle masse.Il sentore che si ha, è che la gente comune non ne possa proprio più.Non c'è nulla di più pericoloso di una popolazione che si sente abbandonata, tradita da chi dovrebbe difenderla e offesa da orde di.... non mi viene un termine appropriato. Se non si interviene al più presto, la rabbia potrebbe tramutarsi in qualcosa di incontrollabile.Allora si che le masse scriverebbero un'altra pagina di storia. Chi le condannerebbe ? non sarebbe come la guerra partigiana ? in fin dei conti siamo stati invasi, fanno quello che vogliono, dettano legge e se ne fregano delle nostre. La storia si ripete.....diciamo che ha buone probabilità di ripetersi.

    Rispondi

  • Pier Luigi

    21 Ottobre @ 09.11

    OGUNO DEVE FARE IL PROPPIO LAVORO. I delincuenti lo fanno bene, quando si tratta di controllare un cittadino le forze preposte ne troviamo a iosa da chi telefona in bici a chi lascia l'auto dove non dovrebbe ecc.., in questi casi si rischia poco al massimo un vaffa...e si raccoglie denaro. con i delincuenti veri si cagan.... sotto hanno paura, DATEVI DA FARE O CAMBIATE MESTIERE

    Rispondi

  • anna

    21 Ottobre @ 09.03

    Perchè si è arrivati a questo punto?Sembra ci sia stata una volontarietà precisa affinchè il tutto si portasse all'esasperazione fino all'estrema richiesta di aiuto da parte dell'esercito,dopo anni di richieste e segnalazioni sempre cadute nel vuoto.Mi stupisce che in una città dove tanto si fa per cultura,sport ed avvenimenti sempre all'avanguardia ci sia una zona di Parma lasciata completamente in mano alla delinquenza,dopo diversi episodi molto spiacevoli quando arrivo in stazione alle 20.30 devo farmi venire a prendere perchè più volte sono stata pesantemente importunata percorrendo il tratto di strada che porta al parcheggio DUC,o vogliamo dissertare di una Via A.Cecchi -chiusa-dove sembra di entrare in una zona franca dove tt può accadere compreso il commercio di biciclette o pezzi rubati?

    Rispondi

  • Crociato 99

    21 Ottobre @ 08.17

    SVEGLIAAA !!!!!! Solo adesso la stampa, i politici si sono accorti veramente del problema? Nel passato solo sporadicamente si era affrontato il problema adesso speriamo che si cerchi anche di risolverlo; basta con i proclami e le belle parole le viarie " carte " . Controlli severità non guardare in faccia a nessuno ( il colore della pelle non c'entra niente ). Se serve l'esercito che si faccia arrivare, non so cosa aspetta . Comunque per me che ci abito da 40 anni riconosco che è uno schifo non è il più il mio quartiere.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tre figli e... un matrimonio: Hugh Grant  convola a nozze con Anna Eberstein

cinema

Tre figli e... un matrimonio: Hugh Grant convola a nozze con Anna Eberstein

L’ex gieffina Veronica Graf rilancia: presto in Italia per presentare la sua prima collezione di costumi

TELEVISIONE

Da Grande Fratello e Sex Time alla moda: Veronica Graf lancia una linea di costumi

Proposta di matrimonio sugli spalti di San Siro

Immagine da Sky Sport

MILANO

La proposta di matrimonio arriva con uno striscione... a San Siro

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Leoni, zebre, rapaci: il fascino della natura africana vista da un giovane di Soragna

FOTOGRAFIA

Leoni, zebre, rapaci: il fascino della natura africana vista da un giovane di Soragna Foto

Lealtrenotizie

Alimenti preparati fra sporcizia e scarafaggi: chiusi due locali in strada dei Mercati e in via D'Azeglio Foto

PARMA

Alimenti preparati fra sporcizia e scarafaggi: chiusi due locali in strada dei Mercati e in via D'Azeglio Foto

7commenti

Fidenza

Camion perde una lastra di cemento a San Michele Campagna Video

Paura per una donna incinta, al volante dell'auto dietro al camion: è stata portata al pronto soccorso

PARMA

Grosso ramo cade in via XXII Luglio: strada chiusa, disagi anche sullo Stradone Foto

Problemi al traffico nel tardo pomeriggio anche in Strada Elevata a causa di un incidente

ANTEPRIMA GAZZETTA

Uccisa un'oca al Parco Ducale: è polemica

La promozione del Parma: analisi, dati e curiosità

noceto

Esplosione alla Polveriera: un operaio di 37 anni in Rianimazione

1commento

Spavento

Bimbo scappa dalla materna. Trovato dopo mezz'ora

4commenti

regione

Via libera alle fusioni Colorno-Torrile e Sorbolo-Mezzani. Entro l'anno il referendum

REGIONE

Borgotaro: è nato il tavolo di controllo ambientale sulle emissioni Laminam

Il Tavolo di garanzia sarà coordinato da Paola Gazzolo

12 tg parma

Domenica festa-promozione con Lizhang. Serie A: ecco le date-chiave 2018-2019

Quattro squadre dell'Emilia-Romagna si affronteranno nella massima serie. Si inizia il 19 agosto

PARMA

Peppe incontra... Giuseppe: il maestro Vessicchio sulla panchina di Verdi

1commento

VIABILITA'

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

POLITICA

Intesa Lega-M5S: alta affluenza nei gazebo a Parma e provincia Video

La cronaca e le interviste del 12 Tg Parma

Polemica

Ubriachi in via D'Azeglio. Protesta dei residenti

PARMA

Intonaco pericolante: via Garibaldi chiusa questa mattina Foto

Sono intervenuti i vigili del fuoco

In strada

Ciclisti e automobilisti, convivenza difficile

7commenti

carabinieri

Lite in via Europa: accoltellato un 21enne dominicano

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quelli delle Br non furono “errori”: furono crimini

di Michele Brambilla

3commenti

L'ESPERTO

Lavorare per una società straniera: ecco come muoversi

di Daniele Rubini e Davide Manzelli

ITALIA/MONDO

ancona

Litiga con la moglie, le spara col fucile da caccia e la uccide

firenze

Albero cade su un bus turistico: 5 feriti Foto

SPORT

parma calcio

Lucarelli: "E ora possiamo dire a chi ci ha fatto male: 'Siamo tornati' " Video

2commenti

L'INTERVISTA

L'ad Carra: «Parma in A con merito e sofferenza»

SOCIETA'

Band

I Nomadi venerdì a Salso, intervista a Carletti

LA PEPPA

La ricetta Crostatine alle pesche, dolci che fanno gola a tutti

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuovo Vw Touareg, il Suv supertecnologico Foto

IL TEST

Mercedes Classe A, l'auto che parla? C'è molto di più