17°

29°

Parma

Editoriale - Domani le primarie: l'ultimo treno del Pd

Editoriale - Domani le primarie: l'ultimo treno del Pd
Ricevi gratis le news
1

Giuliano Molossi

E'  difficile dar torto a Giampaolo Pansa quando dice che il nuovo segretario del Pd do­vrebbe avere il fascino di Cac­ciari, il pragmatismo di Chiamparino e la cattiveria di D'Alema. Quello sì che potreb­be dare del filo da torcere a Berlusconi. Ma un personag­gio simile non esiste e quindi il popolo del centrosinistra de­ve accontentarsi di scegliere quello che passa il convento.
  A parte l'outsider Ignazio Ma­rino, la scelta è fra Pierluigi Bersani, favorito sin dal gior­no della sua candidatura, e l'attuale segretario-traghetta­tore Dario Franceschini. A causa del cervellotico mecca­nismo della competizione, per vincere occorre superare il quorum del 50 per cento più uno dei voti. In caso contrario ci sarebbe un terzo tempo (do­po il voto degli iscritti che ha premiato Bersani e quello, do­mani, degli elettori) e il pal­lino passerebbe all'assemblea nazionale del partito il 7 no­vembre con il ballottaggio fra i primi due.
 

Franceschini ha ereditato da Veltroni un partito a pezzi, collassato, reduce da sconfit­te brucianti e ha fatto quel che poteva, tenendo la barca a galla. Ha però dato l'im­pressione di soffrire molto l'offensiva di Di Pietro e ha collezionato nella sua foga antiberlusconiana alcune uscite infelici come quella che aveva preso di mira i figli del premier, suscitando la lo­ro indignazione. I sondaggi, inoltre, non sono mai stati dalla sua parte, nemmeno nei momenti più difficili di Berlusconi, in coincidenza con i gossip su Noemi e sulla D'Addario. Il Pd è sempre stato stabile o in leggero calo, mentre l'Italia dei Valori rad­doppiava i consensi.

Il centrodestra è diviso. Alcu­ni tifano Franceschini (uno così debole, dicono, non lo troviamo più), altri invece preferirebbero che a prevalere fosse il più pragmatico Bersa­ni con quel «diabolico» D'A­lema che lo sponsorizza. Ber­sani non possiede un grande carisma ma sembra avere una marcia in più rispetto al suo avversario. Sui temi economi­ci dimostra di destreggiarsi molto meglio del rivale, nei dibattiti televisivi non è facile per nessuno metterlo sotto.
  Ha buon senso, è equilibrato, ha la battuta pronta, è simpa­tico alla gente. Se vince, Ber­sani può tentare di ricucire con gli altri movimenti della sinistra che oggi viaggiano in ordine sparso, convinto com'è che solo una coalizione unita può sperare di mandare a ca­sa il governo di centrodestra.
  D'altra parte lo stesso Prodi, prima di essere impallinato dal fuoco amico, aveva scon­fitto due volte Berlusconi. Il problema non è di presentarsi alle elezioni insieme ma è quello di restare insieme an­che dopo, anche quando si go­verna, è quello di fare una sin­tesi delle posizioni delle varie forze che vanno a comporre l'alleanza. In questo Prodi aveva fallito. Bersani ha l'am­bizione di riprovarci.

La prima sfida per chiunque vinca sarà quella di cercare di fare del Pd un partito vero e non la somma di due ex partiti come è avvenuto fino­ra. Poi dovrà inventarsi qual­cosa di nuovo e di concreto che vada al di là di un os­sessivo e forse controprodu­cente antiberlusconismo: proporre, ad esempio, rifor­me costituzionali, come quel­la del dimezzamento del nu­mero dei parlamentari, che sono certamente gradite dal­l'opinione pubblica, e sfidare su questo terreno il governo.
  Liberare la Rai dalla lottizza­zione dei partiti, ridare ai cit­tadini il diritto (oggi negato) di scegliere da chi farsi rap­presentare in Parlamento, af­frontare una buona volta il tema del conflitto di interessi che valga per Berlusconi co­me per chiunque altro, avere comportamenti da opposi­zione responsabile, ferma e intransigente, rintuzzando colpo su colpo scelte gover­native ritenute discutibili o dannose ma non ostacolan­do, nell'interesse del Paese, quelle condivisibili. Sono so­lo alcuni degli obiettivi che il Pd del nuovo segretario do­vrebbe darsi invece di rincor­rere, come ha fatto finora, il sogno impossibile di veder cadere, per mano di un ma­gistrato o di una escort, l'o­diato avversario di sempre. 

PARMA: ultimi appelli
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • dario

    24 Ottobre @ 15.10

    Perfettamente d'accordo sul pragmatismo di Chiamparino e la determinazione di D'Alema ma, sarà certamente colpa mia, mi sfugge il fascino di Cacciari. Franceschini ha ricevuto un partito " a pezzi " da Veltroni? Può darsi ma era un partito che valeva il 33% dell'elettorato.Il politico dei calzini turchese lo ha ridotto ad un misero 25/26% e meno male che ha fatto quel che poteva, se si fosse impegnato alla grande chissà dove sarebbe finito il Pd.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Un nuovo amore (americano) per Scialpi dopo la separazione

gossip

Un nuovo amore (americano) per Scialpi dopo la separazione

Festa per i soci di Parma partecipazioni calcistiche: ecco chi c'era   Fotogallery

Noceto

Festa per i soci di Parma partecipazioni calcistiche: ecco chi c'era Foto

Felino: tanti auguri a Martina

FESTE PGN

Felino: tanti auguri a Martina Fotogallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ritorna bambino: dai cartoni ai super eroi il meglio dei nostri quiz

GAZZAFUN

Torna bambino e decidi qual è il miglior cartone animato degli anni '80!

Lealtrenotizie

Colpo nella notte al Mercatone uno di via Mantova

PARMA

Ladri nella notte al Mercatone Uno di via Mantova: rubata la cassaforte

Sfondata una finestra nel retro dell'edificio

1commento

LANGHIRANO

In fila sulla Massese per chiedere più sicurezza e per ricordare le vittime della strada Foto

Una giornata di iniziative a Langhirano

1commento

CARABINIERI

Banda del caveau: ecco come i malviventi si orientavano nel sottosuolo di Parma Video

1commento

calciomercato

Balotelli al Parma? Qualcosa di più concreto del fantacalcio

weekend

Tra fiori, cavalli e la Notte del Terzo giorno: l'agenda del sabato

PARMA

Rissa con feriti: la questura sospende per 20 giorni l'attività di un circolo

VIA CALATAFIMI

Rubata la borsa lasciata in auto: dentro un tablet e 300 euro

1commento

Violenze alla materna

Una mamma: «In un video ho visto mio figlio maltrattato»

CALCIO

I calciatori del Parma in municipio. Domani arriva Lizhang Video

Il ds Faggiano: "I big? Solo se hanno voglia"

GAZZAREPORTER

Auto in fiamme: l'intervento in viale Vittoria Video

Ecco un video sull'emergenza di ieri pomeriggio

FIDENZA

Camion perde una barriera «new jersey», tragedia sfiorata

PARMA

Anziana truffata da un finto addetto Iren in via Furlotti Video

E' intervenuta la polizia: ecco la notizia del 12 TgParma

OLTRETORRENTE

Premio da 10mila euro con un "gratta e vinci" in via D'Azeglio

CARABINIERI

Traffico di droga: sequestrati beni per 500mila euro a un 45enne agli arresti domiciliari a Parma

Leonardo Losito, pregiudicato, è accusato di essere l'organizzatore di un traffico di droga nella zona di Andria, in Puglia

1commento

MALTRATTAMENTI

Insulta, picchia e minaccia la compagna con un'accetta: condannato

Arbitri

Clara e Alberto, due generazioni con il fischietto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Conte in mezzo a un braccio di ferro

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

Il ristorante: «Il buonumore» - Il «pescato» del giorno nel piatto

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Investita del treno: gamba aputata ad una donna. Indaga la Polfer

OMICIDIO-SUICIDIO

Calciatore sequestra l'ex a Prato, la uccide e si suicida.

SPORT

formula uno

F1, Gp Montecarlo: una "pole" che cambia il mercato piloti

CICLISMO

Giro d'Italia: trionfo di Froome, a Roma in maglia rosa

SOCIETA'

studenti

Il FabLab in una manciata di secondi Video

LIBRI

Fra blues, avventure noir e... Bollywood: serata parmigiana con Massimo Carlotto Video

MOTORI

IL TEST

Nuova Mercedes Classe A. Come va

il test

Skoda Superb, la sicurezza non è più un optional