19°

31°

Parma

Editoriale - E' il simbolo delle nostre radici: non va toccato

Ricevi gratis le news
23

di  Giuliano Molossi 

La sentenza emessa ieri dalla Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasbugo che ha disposto la rimozione dei crocifissi dalle aule scolastiche non è un esempio di laicità ma di stupidità. Come si fa a dire che la sola presenza di un crocifisso appeso dietro alla cattedra può ledere la libertà di religione degli studenti? 
Come si può ritenere che un simbolo, quale è il crocifisso, rappresenta una violazione della libertà dei genitori di educare i figli secondo le loro convinzioni religiose? Non possono educarli come preferiscono perché glielo impedirebbe quel piccolo crocifisso di legno, appeso dietro alla cattedra dell'insegnante? E' quello che glielo vieta? La presenza del crocifisso  è forse vissuta da qualcuno come presenza offensiva o limitante della libertà di credo religioso, o di pensiero?
Il crocifisso trasmette un messaggio d'amore, di un uomo, il figlio di Dio, che ha sacrificato la sua vita per quella di tutti gli altri uomini, non di violenza. Il crocifisso non è lì per «violentare» i non cristiani. Non esponiamo il crocifisso per imporre il cristianesimo ai fedeli di altre religioni. Esponiamo il crocifisso perché non è solo il segno della religione cristiana, ma è molto di più. E' un simbolo radicato nella coscienza degli italiani, un simbolo della storia e della cultura di questo Paese, delle sue tradizioni, dei suoi valori, della sua identità culturale. Un'identità nazionale, ma anche europea, che affonda le sue radici nella storia del cristianesimo. E questo nessuna sentenza di nessuna Corte potrà mai cancellarlo o negarlo. E' con decisioni come queste che si vuol favorire l'integrazione? La convivenza pacifica tra culture e religioni differenti può essere messa in pericolo da un simbolo? 
La presenza del crocifisso è tutt'altro che un elemento di discriminazione, proprio perché, come si diceva prima, non vuole forzare le convinzioni di nessuno. E' lì, nelle nostre scuole e nei nostri uffici, a ricordarci le nostre origini e i nostri valori. Non è lì per dire: fatti cristiano. E' un messaggio di carità, non di propaganda. Il crocifisso non impone un atto di fede, non cerca adesioni, non viola la libertà di nessuno. Che fastidio dà? Non crediamo, al contrario di quello che pensano a Strasburgo, che il crocifisso sia una causa di turbamento per i fedeli di altre religioni.  La sensibilità dei non cristiani non è offesa dalla vista del crocifisso, così come la nostra di cristiani non lo è dalla vista dei simboli delle religioni ebraica, musulmana o buddista. 
La laicità non si difende vietando l'esposizione del crocifisso. Si difende con i comportamenti quotidiani, con la tolleranza, con la libertà, con l'attenzione e il rispetto verso coloro che hanno idee diverse dalle nostre, verso chi professa religioni differenti da quella cattolica. 
Negli anni Ottanta, come ha ricordato ieri il giornalista Antonio Socci, la scrittrice Natalia Ginzburg, che era di origini ebraiche e di idee di sinistra, scrisse sull'Unità: «Non toccate quel Crocifisso, tutti ci ritroviamo nel simbolo di un uomo massacrato». La Corte di Strasburgo, fatta evidentemente di gente di scarse letture, e di ancor meno sensibilità, lo ha toccato, dicendoci di staccarlo dalla parete e di riporlo in un cassetto. Non lo faremo.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • aldo

    06 Novembre @ 11.49

    grazie sig. Andrea del suo intervento, ma le ribadisco quanto segue. Il termine nelle scritture è stato arbitrariamente tradotto croce, ma si riferisce ad un solo palo di legno. Infatti nei libri di Luca,Pietro e Paolo si usa anche il termine greco "xylon" ( legno o trave o palo diritto ). Avevo inoltre affermato che la croce non è nata nel III secolo, ma in quel periodo è stata adottata dalla cristianità prelevandola dal paganesimo quale simbolo della morte di Cristo. In ogni caso uno stato laico deve astenersi da ogni influenza religiosa. saluti

    Rispondi

  • giordana

    06 Novembre @ 08.23

    Egr.Direttore lei forse da cattolico sentirà questo trasporto verso il simbolo della Croce. Io da atea proprio non riesco a capire perchè bisogna ostentare dei simboli religiosi laddove non devono essere rappresentati, o meglio allora mettiamoli tutti, perchè tutti i simboli e le religioni professano amore ......in apparenza. perchè se andiamo alle radici del cristianesimo vediamo quante guerre sante sono state fatte in simbolo della Croce. Quindi siccome il discorso diventa antipatico e lungo direi solo una cosa : la croce come qualsiasi altro altare o simbolo siano nelle case dei singoli privati, ma nel pubblico no.

    Rispondi

  • A.C.

    05 Novembre @ 10.30

    Buongiorno, in completo accordo con il Direttore, scrivo comunque per far notare al Signor Aldo, che il suo intervento non è assolutamente corretto. E' si vero che il termine "stauros" in greco letterale significa "palo", ma si è riscontrato in svariate occasioni che lo stesso termine indica anche la croce come da noi intesa. Inoltre la maggior parte dei vocabolari di greco antico traducono direttamente "stauros" con "croce". Mi permetto inoltre di correggere l'affermazione del Signor Aldo riguardo la datazione della prima comparsa della croce vera e propria. Non è assolutamente vero che compare nel III secolo. A Roma era in uso già dal 200 a.C. (ricordo infatti la pena della croce inflitta a Spartaco e i suoi ribelli intorno al 70 a.C.: i sopravissuti alla battaglia furono catturati e crocifissi lungo la Via Appia). Sul fatto che la croce fosse di origini pagane mi sembra una specificazione offerta dal Signor Aldo abbastanza scontata, penso che nessuno credesse che la croce se la fosse inventata Gesù o i suoi Discepoli per farvisi inchiodare. Saluti

    Rispondi

  • adriano

    05 Novembre @ 10.01

    Da agnostico anticlericale seppur di destra, a me il crofisso non da alcun fastidio. Un oggetto come un altro. Ognuno è libero di vederci quello che vuole.

    Rispondi

  • Roby

    05 Novembre @ 09.24

    E’ chiaro che ognuno la pensa come vuole ma riassumendo per macrocategorie: - La UE vuole togliere il crocifisso [dalle scuole] per limitare la "potenza" della Chiesa nelle questioni laico/politiche - I cattolici vogliono togliere il crocifisso perché pensano che l’esposizione in luogo laico ne sminuisca il valore - I laici fondamentalisti (anti clericali) lo vogliono togliere perché hanno paura di una nuova Crociata (ma da che epoca sono usciti questi?) - I laici moderati lo vogliono lasciare perché è il simbolo di gran parte della storia passata del nostro paese e delle nostre radici Curioso, no?!?!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Furto in casa Gassmann: rubati anche i cimeli di papà Vittorio

Alessandro Gassmann in una foto d'archivio

ROMA

Furto in casa Gassmann: rubati anche i premi di papà Vittorio

Scarlett Johansson è l'attrice più  pagata  del 2018 secondo Forbes

CINEMA

Scarlett Johansson è l'attrice più pagata del 2018 secondo Forbes Foto

Un giorno in piscina: «Colline d'acqua», suggestivo scenario Foto

TABIANO

Un giorno in piscina: «Colline d'acqua», suggestivo scenario Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate"

FOTO

Gazzareporter: "Racconta l'estate" Gallery

Lealtrenotizie

Crollo ponte: tedesco disperso telefona a prefettura

genova

Crollo del ponte, Albert telefona: "Sono vivo". Solo Mirko, originario di Monchio, resta disperso

carabinieri

Arriva anche a Parma la droga etnica: due arresti in via Cenni

parma

Il minuto di silenzio in piazza Garibaldi per le vittime del crollo del ponte Video

1commento

forte dei marmi

Parmigiano pestato dai buttafuori della Capannina: mascella rotta

3commenti

monchio

Si ribaltano con un piccolo trattore: un ferito

INCHIESTA

I «nostri» ponti sul Po: vecchi e ammalati

WEEKEND

Finale della fiera a Felino, cene sull'aia e visite a castello: l'agenda del sabato

CALCIOMERCATO

Parma: Gervinho, Sprocati e Deiola gli acquisti "last minute" di Faggiano

Sfumate in extremis le trattative per Edera, Di Gennaro e Karamoh

4commenti

Calcio

Tifosi, piace il nuovo Parma

Sorbolo

Addio ad Andrea Battilocchi, infermiere per passione

IL '68 A PARMA

Duomo occupato, le tre ore che sconvolsero la Chiesa parmigiana

IL CASO

Quattro decreti d'espulsione, ma rubava ancora: condannato

2commenti

PANOCCHIA

La storia di Fiorello, un cavallo adottato da tutto il paese

AVEVA 59 ANNI

Annunziata Squitieri, una vita ad aiutare i più deboli

COLORNO

I cittadini: "I parchi sono in situazione disastrosa". E mostrano le foto

bolzano

Uccisa in albergo in Val Gardena: Zoni tace davanti al giudice. E resta in carcere

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Genova, il governo fa demagogia sui morti

di Domenico Cacopardo

5commenti

EDITORIALE

Ma Autostrade ha colpe molto gravi

di Vittorio Testa

ITALIA/MONDO

stati uniti

E' morto Kofi Annan, ex segretario generale dell'Onu

Genova

Funerali di Stato per 18 vittime del crollo del ponte. Il lungo applauso ai vigili del fuoco Foto

SPORT

Calcio

L'addio di Marchisio alla Juventus Video

MOTORI

Alex Zanardi torna in pista dopo tre anni a Misano

SOCIETA'

Meteo

Weekend fra sole e temporali, risalgono le temperature

Alopecia

Far ricrescere i capelli si può: nuova tecnica tutta italiana

MOTORI

NOVITA'

La Opel Corsa diventa GSI. E ha 150 Cv

TECNOLOGIA

Ford mette un freno alla guida... contromano. Ecco Wrong Way Alert