Parma

Ris, il colonnello Garofano lascia l'Arma

Ris, il colonnello Garofano lascia l'Arma
Ricevi gratis le news
14

Il colonnello Luciano Garofano lascia l'Arma dei carabinieri.
Garofano ha presentato domanda di congedo al comando generale dei carabinieri. E la sua domanda è stata accolta: in queste ore il colonnello lascerà l’Arma domani, con il titolo di generale.
Garofano era attualmente in servizio al Racis, (Raggruppamento investigazioni scientifiche), da cui dipendono i vari Ris compreso quello di Parma, di cui il colonnello è stato a lungo comandante. In occasioni delle recenti elezioni europee Garofano si era candidato nella lista Mpa-La Destra-Pensionati-Alleanza di Centro nella circoscrizione Nord-Orientale, ma non era stato eletto.

Le dimissioni di Garofano dall'Arma non sarebbero collegate con la vicenda che lo vedrebbe indagato in seguito all’esposto dell’avvocato Taormina, ma sarebbero da ricondurre a motivazioni personali legate al suo trasferimento da Parma. Il trasferimento infatti era stato ordinato dopo che Garofano si era presentato alle ultime elezioni europee, senza però essere eletto: in base alla legge, infatti - questa almeno la motivazione alla base del trasferimento disposto dal Comando generale dell’Arma - Garofano non poteva più continuare ad esercitare là dove si era candidato. Il colonnello ha contestato questa motivazione e ha fatto ricorso al Tribunale amministrativo regionale contro il provvedimento. Il Tar in un primo momento aveva accolto la richiesta di sospensiva, bloccando il trasferimento, ma il Consiglio di Stato ne ha successivamente riconosciuto la legittimità. Il colonnello Garofano è stato dunque trasferito da Parma al Racis di Roma, il Raggruppamento operativo scientifico dell’Arma, una decisione che l’ufficiale ha continuato a non condividere. Questa, sempre secondo quanto si è appreso, la ragione principale delle sue dimissioni dall’Arma.

PROSEGUE L'INCHIESTA SULLE CONSULENZE. Intanto continua l'indagine iniziata con un esposto dell'avvocato Carlo Taormina.
L’indagine era approdata in un primo tempo davanti alla magistratura militare, poi trasferita per competenza alla magistratura civile, competente per territorio, a proposito di presunte irregolarità compiute dai Ris sotto la guida di Garofano per lo svolgimento di consulenze tecniche su diversi e importanti casi giudiziari. I reati ipotizzati dall’esposto sarebbero quelli di truffa ai danni dello Stato, abuso di ufficio e falso ideologico. La guardia di finanza proprio per acquisire la documentazione necessaria a verificare la fondatezza delle accuse contenute nell’esposto è andata diverse settimane fa e anche mercoledì 11 novembre nella sede del Ris di Parma.
Il procuratore di Parma Gerardo La Guardia ha confermato l’apertura di un fascicolo nei confronti dell’ex comandante del Ris, il colonnello Luciano Garofano. L’iscrizione di Garofano sarebbe stata fatta per le ipotesi di reato di peculato e truffa ai danni dello Stato. Al momento l’ex comandante del Ris è l’unico indagato.

TAORMINA: "PREPARO UNA DENUNCIA CONTRO GAROFANO". «Due anni fa presentai al pm militare Barone - dice l'avvocato Carlo Taormina, secondo quanto riporta l'agenzia Ansa - una denuncia su tutte le consulenze svolte da Garofano come consulente di varie procure e non come comandante del Ris. Garofano ha utilizzato attrezzature e personale appartenente all’Arma durante l’orario di ufficio e ha percepito i compensi dalle consulenze tecniche affidategli quando il consulente tecnico nominato dai pubblici ministeri o dai giudici per legge non può essere considerato pubblico ufficiale ma privato cittadino». Secondo Taormina, al vaglio della magistratura di Parma, del pm Paola Dal Monte, a cui sono stati trasmessi gli atti dalla procura militare di Roma che avrebbe ritenuto di competenza della magistratura ordinaria le ipotesi di reato, vi sarebbero una quarantina di consulenze svolte da Garofano dal 2002 al 2009 tra cui quelle per inchieste come Cogne, Garlasco, Erika ed Omar, Via Poma.
«Ora sto preparando una denuncia per diffamazione nei confronti di Garofano - aggiunge Taormina - per quanto scritto dal colonnello nel suo ultimo libro "Il processo imperfetto", sul caso di Cogne dove mi dedica una cinquantina di pagine sostenendo che avrei avuto comportamenti più o meno scorretti nella difesa di Annamaria Franzoni che, per inciso, ho lasciato prima della sua condanna».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Paolo Porta

    26 Luglio @ 17.14

    Ho conosciuto il Generale Garofano ad un convegno a San Miniato di Pisa rivolto a soccorritori del 118, ho avuto la fortuna di avvicinarlo e di parlarci, ho letto alcuni suoi lavori e quando capita in tv lo seguo sempre con attenzione, visto che sono un "appassionato" di casi irrisolti o di difficile risoluzione. Mi piacciono i suoi interventi soprattutto quando spiega, e molti non l'anno capito compreso alcuni mass media, che il compito del RIS non è accusatorio ma bensi studia le tracce e la probabile successione di eventi sulla scena del crimine, le conclusioni e le accuse spettano solamente alla Magistratura. Mi piacerebbe poter incontrare il Generale e magari invitarlo a pranzo per poter discutere di investigazione scientifica...comunque per il momento leggerò i libri!

    Rispondi

  • Francesca

    05 Dicembre @ 11.38

    Ho avuto l\'onore e la fortuna di conoscere il generale Garofano assistendo ad una sua interessante \"lezione\" e devo dire che è una persona veramente eccezionale! Solo sentendolo parlare si capisce quanta passione e professionalità mette nel suo lavoro! Taormina la smetta di nascondersi dietro denunce fatte per distogliere l\'attenzione su di se. Infatti nel caso Cogne lo capisce anche uno stupido che c\'è sempre stato sotto qualcosa! Generale Garofano non si arrenda, lei è un grande!!!"

    Rispondi

  • Francesco

    17 Novembre @ 15.02

    Occorre decidere il ruolo da svolgere quando si ricoprono importanti incarichi. Per non cadere in errore il generale poteva continuare a fare il generale.... ora gli resta la carriera politica!!!

    Rispondi

  • gazzettadiparma.it

    16 Novembre @ 20.36

    Abbiamo inserito solo a tarda ora la mail firmata Pasquale Fenu, perchè - con tutti quei precisi riferimenti - prima della pubblicazione avremmo voluto svolgere delle verifiche. Purtroppo il flusso delle notizie di oggi ci ha impedito questa indagine (che del resto sarebbe materiamente impossibile viste le numerose decine di mail che ci arrivano ogni giorno). Ci sembrava però giusto specificarlo: e ovviamente restiamo a disposizione per eventuali rettifiche/chiarimenti, così come me approfittiamo per ribadire che lasciamo ad ogni lettore la responsabilità delle proprie affermazioni.

    Rispondi

  • adriano

    16 Novembre @ 16.35

    Una grande persona che ha lasciato il segno nella storia della città, dell'Arma e della Nazione. Auguri. i

    Rispondi

    • tega

      16 Novembre @ 20.39

      Rispetto il gen. ma meglio avrebbero fatto a fermare la promozione fino al chiarimento della vicenda,anche se in italia è normale gratificare chi è imperfetto.Lui poteva dimettersi il giorno prima della promozione(tanto la pensione era discreta ugualmente).

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Melissa Satta e Kevin Prince Boateng: matrimonio (e amore) al capolinea

gossip

Melissa Satta e Kevin Prince Boateng: matrimonio (e amore) al capolinea

Giornata di sole sul LungoParma: le foto di Luca Radici a Michelle Maccagni

fotografia

In posa sul LungoParma in una giornata di sole Foto

Langhirano: i bellissimi delle feste alla Taverna Ponte

PGN

Langhirano: i bellissimi delle feste alla Taverna Ponte Ecco chi c'era: foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Locanda del culatello

CHICHIBIO

«Locanda del culatello» C'è del nuovo e del buono nella Bassa

di Chichibio

Lealtrenotizie

Un'auto si ribalta in A1: grave un giovane. Per ore code a Terre di Canossa

AUTOSTRADA

Un'auto si ribalta in A1: grave un giovane. Per ore code a Terre di Canossa

Autocisa: pioggia tra Fornovo e Pontremoli

via della Repubblica

Benedizione degli animali in Sant'Antonio: tradizione che si ripete (con successo) Foto

PARMA

Controlli antidroga: sequestrato mezzo chilo di hashish al parco Falcone e Borsellino Video

1commento

Viarolo

Cercano di far esplodere il bancomat della Cassa Padana ma il colpo fallisce Video

1commento

anteprima gazzetta

3 milioni per Parma 2020, l'assessore Alinovi fa il punto

L'anniversario

La mamma di Filippo Ricotti: «Sono passati due anni. Ma per mio figlio nessuna giustizia»

rugby

Zebre in crescita, sabato contro la terza potenza del Top 14 Video

PARMA

Il pusher fugge e fa resistenza con violenza: un cittadino aiuta i carabinieri ad arrestarlo Video

La cronaca del 12TgParma

2commenti

Intervista

Giulia ce l'ha fatta: «Vado a Oxford a studiare matematica»

CALCIO

Diakite: «Insulti razzisti? Io non ho sentito nulla»

Tribunale

Perseguita un uomo con messaggi anonimi: collecchiese condannato per stalking

Sentenza

Guerra dell'acqua, Montagna 2000 deve 600mila euro a Berceto

2commenti

PARMA

Aeroporto Verdi, siglato l'accordo con Bologna per il rilancio e nuovi voli  Video

3commenti

GAZZAREPORTER

"Il cielo di un giovedì mattina" Foto

Zibello

È morto Corrado Tencati: preparò lo strolghino record del November Porc

PARMA

Incidente in viale Duca Alessandro: disagi al traffico ma nessun ferito Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

C'ERA UNA VOLTA

Il viaggio e l'avventura: l'età dell'autostop

di Italo Abelli

EDITORIALE

Come cambia la nostra vita in mezzo agli umanoidi

di Patrizia Ginepri

ITALIA/MONDO

IL DECRETONE

Reddito di cittadinanza, così cambia il sostegno alle famiglie

Inghilterra

Incidente alla guida per Filippo d'Edimburgo (97 anni): illeso è sotto choc

SPORT

calcio

Anche Mayweather alla festa nello spogliatoio della Juve per la Supercoppa

FORMULA 1

Ferrari, l'uomo giusto è il parmigiano Almondo?

SOCIETA'

20 GENNAIO

Torna la domenica ecologica: limitazioni al traffico all'interno delle tangenziali Mappa

la storia

Il piccolo migrante annegato con la pagella cucita addosso (reso noto da una vignetta)

MOTORI

CROSSOVER

Fiat 500X: ecco la versione Mirror Cross

PROMOZIONE

Suv, l'offensiva "doppio zero" di Hyundai