16°

29°

Parma

2009: per letto il greto del torrente

2009: per letto il greto del torrente
Ricevi gratis le news
10

Ancora una immagine che testimonia una situazione drammatica, e scandalosa, che ancora nel 2009 si vive nele nostre città, compresa Parma. Dopo l'immagine realizzata da noi domenica in Pilotta , questa mattina alcuni passanti hanno notato, dal parapetto di viale Toschi, una persona che dormiva in un sacco a pelo nel greto sottostante dove evidentemente aveva trascorso la notte.
 

E' stata avvisata la Polizia Municipale e due agenti hanno risvegliato e fatto allontanare il giovane da quell'umido ( e sicuramente scomodo) giaciglio.

La fotosegnalazione è del lettore Massimo Mari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Marco

    25 Novembre @ 15.38

    Complimenti sinceri per il tuo gesto, Demianlee, però il tuo esempio, come possono esserlo altri, non è particolarmente rappresentativo, perchè c'è anche chi alla prima ondata di albanesi giunti in gommone aveva ospitato in casa persone o talvolta coppie che se ne erano poi andate senza neanche salutare e magari portandosi dietro qualche ricordino....

    Rispondi

  • marco

    24 Novembre @ 19.36

    Grazie a te G.B. Ad Andrea invece rispondo che io anni fa, prima di sposarmi e avere figli, ho ospitato per 7 mesi in casa mia un ragazzo albanese in difficoltà abitativa. Non me ne sono mai pentito, ora è sposato con un figlio e mi viene a trovare ogni tanto per far giocare insieme i figli quando torna dalla messa (a differenza di me che sono mangiapreti lui è un praticante). L'ho fatto perchè ho conosciuto il dolore e se posso alleviarlo al prossimo lo faccio volentieri. Ho guadagnato un buon amico. Se vuoi te lo faccio conoscere questo bau bau straniero.

    Rispondi

  • gazzettadiparma.it

    24 Novembre @ 19.17

    Pe Demianlee - Questa volta il discorso è chiarissimo,e in buona parte anche condivisibile. Mi limito quindi a due precisazioni, che non vogliono togliere nulla al tuo discorso. La prima riguarda il sito: qui (e mi fa piacere che da fuori non si noti) siamo in pochissimi: oggi due giornalisti a seguire dalle 7 alle 21 le notizie, dalla cronaca nera alle notizie internazionali, dallo sport al conssiglio comunale agli spettacoli (qualcuno dirà che potremmo evitare il gossip, ma a volte serve anche questo: perfino se poi vuoi fare ai lettori discorsi seri come il tuo. Altrimenti rischi di fare un sito per due gatti). Quindi sul web, anche per la natura stessa del mezzo, non è sempre facilissimo andare in profondità, tantomeno su un sito "generalista" come inevitabilmente è il nostro. Ma poco per volta stiamo provando a fare anche questo: per risponderti ho interrotto un mini-speciale sulla Giornata mondiale contro la violenza alle donne, altro tema che certo meriterebbe approfondimenti. Le due notizie su chi dorme all'aperto erano brevi non perchè l'argomento non meritasse di più, ma perchè abbiamo usato la filosofia, che è tipica del web, della segnalazione dei lettori. Dò per scontato che l'analisi debba poi essere più ampia e profonda, ma intanto mi sembrava già importante aver lanciato un nuovo sassolino su questo problema. Il nostro scambio di opinioni, e in particolare il tuo ultimo post, mi fa pensare che non è stato proprio del tutto inutile. E spero che lo stesso valga per tutti quelli che ti (ci) hanno letto. - L'altra cosa: credo che la Gazzetta di carta in passato abbia dedicato spazi maggiori all'argomento, anche ascoltando le associazioni dei rifugiati e registrando le polemiche che su questo tema sono frequenti. Non è abbastanza: sono d'accordo con te. ma a volte, una foto + 10 righe (o anche solo una foto, eloquente come quella di ieri) può essere già molto efficace. - Sul problema sicurezza, che si parli di via Palermo o via Tagliaferri, credo di poter dire che ci sono sia esagerazioni (a volte dei giornalisti, a volte dei politici, a volte degli stessi cittadini) sia sottovalutazioni, perchè qualcuno vive davvero problemi concreti. Anche qui bisogna trovare equilibrio: discutendone insieme ,come stiamo facendo oggi, si può forse trovare la strada giusta. Grazie, sinceramente. (G.B.)

    Rispondi

  • Andrea

    24 Novembre @ 18.58

    Iniziate a dare il buon esempio. . . OSPITATELI IN CASA VOSTRA. . .nel vostro nene! e quando le vostre case sono piene quelli senza dimora. . . rispediti nel loro paese. . .A CASA (c/raccomandata di ricevuta)!!!

    Rispondi

  • marco

    24 Novembre @ 18.41

    Ok, vediamo di spiegare. C'è una diffusa sensazione in molti (compresi alcuni Giornalisti) che vi sia una speculazione su fatti di microcriminalità e degrado urbano allo scopo di non parlare di cose REALMENTE importanti che incidono sulla vita delle persone. Se in certi i articoli ci fosse traccia di una consapevolezza della responsabilità VERA di certe situazioni, la reazione di lettori affini a me sarebbe diversa. Via Palermo (per fare un esempio) è una situazione drammatica e al tempo stesso ridicola. 4 scappati dalle capanne africane che tengono in scacco un quartiere dovrebbero far notizia perchè mettono in luce l'incapacità di chi amministra a livello locale e nazionale di gestire situazioni per le quali basterebbero una o 2 pattuglie che passino frequentemente. Il poveraccio che dorme all'addiaccio testimonia un paese ipocrita, capace di attaccarsi ai crocefissi-simbolo tradendo l'idea che sta dietro al cristianesimo. Mai una presa di posizione sulla gazzetta, un'indagine sui perchè. Io non ritengo che sia giornalismo dire che uno dorme alle porte dell'inverno per strada e i vigili lo hanno cacciato via e morta li, magari facendo notare il danno d'immagine per poi giustificarsi dicendo che si voleva sollecitare la discussione. Su via tagliaferri poi (per fare un altro esempio) vi hanno risposto in maniera efficace 2 abitanti della via smentendo CLAMOROSAMENTE le cose scritte (gente spaventata, slalom addirittura tra le siringhe, drogati e malviventi....BUM) Credo nel giornalismo con le palle, che fa domande e si chiede i perchè. Un giornalismo che si limita a dire che sono arrivati i vigili a cacciare o multare un poveraccio che mostra con la sia miseria il degrado e l'incapacità di una città di chiedersi e chiedere a chi di dovere il perchè di tanto abbandono non è giornalismo ma qualcosa che va solo a stuzzicare la parte peggiore delle persone e insinua il sospetto che si crei ad hoc un fastidio se non proprio un nemico che non è reale o ingestibile con mezzi normali. Il fastidio per la miseria, per il disagio.....sempre + gente è alle prese con la perdita del salario, della sicurezza sociale. Il mio problema non è il taccheggiatore (al quale mi unirò presto se non arrivano i soldi della cassa integrazione o non trovo un altro lavoro e come me tantissimi altri) ma un sistema che manteniamo noi lavoratori (compreso te giornalista) e che si scorda di noi puntando il dito su finti nemici. Voi, partecipate a questo gioco. Il giornalista è una missione, ha una responsabilità, per questo m'incazzo. Voi avete il potere d'influenzare l'opinione pubblica: questi articoli mi sembrano una crudele presa per i fondelli. Se servono altri chiarimenti sempre pronto al dialogo.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Trovato a terra sulla pista da motocross: è gravissimo

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

5commenti

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

10commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

3commenti

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

verdi off

Bianchi, rossi, verdi: variazioni (e sorrisi) a tema pic-nic al Parco Ducale Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

paura

Fuori da Buckingham Palace con un taser, arrestato

Firenze

Un sedicente artista rompe un quadro in testa a Marina Abramovic

SPORT

3a giornata

Roma ko a Bologna, crisi nera. E quel Parma lì, chi l'avrebbe detto Risultati, classifica

MotoGp

Ad Aragon vince Marquez davanti a Dovizioso. Rossi solo ottavo

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

LA PROVA

Kia Sportage diventa «Mild Hybrid»

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse