19°

32°

Parma

Coruzzi e Radio Parma: la diretta continua

Coruzzi e Radio Parma: la diretta continua
Ricevi gratis le news
0
Mara Varoli
 
Gironzoli per la città, a caccia di quel regalo, che di questi tempi va di moda. Ti fermi un attimo ed entri in un portone di via Bruno Longhi: auditorium Banca Monte Parma, là dove la secolare Società Dante Alighieri programma gli incontri culturali.  Storie e personaggi. Che salgono in cattedra e si raccontano. Ieri c'era Mauro Coruzzi. Passa appena un'ora ed esci soddisfatto, da una sala per la verità mezza vuota: nessuna colpa da parte di chi ha messo in piedi il pomeriggio. Ma è cosa che mette il malumore, perchè certe occasioni vanno bene per tutti e spesso capita che Parma perda il tram. La Società merita di più e Coruzzi è sempre un bel regalo.
Liliana Chini Artusi, storica presidente della Dante, e la sua vice Isa Guastalla con l' onestà d'animo, la sapienza e le parole puntuali e affettuose, lo presentano. Per quell'ora, Mauro si allontana dai battibecchi televisivi e ritorna il ragazzo di San Lazzaro, con i pettegolezzi, i ricordi, gli amori e i suoi insegnanti. Come quella Irma Traversa Coscia, la sua prof delle magistrali. E lui, predisposto naturalmente alla malinconia, comincia: «Una donna di grande eleganza, trucco perfetto e visone. Che sapeva essere moderna: mi insegnò Moravia e ad avere coraggio». 
«A Cesare quel che è di Cesare - sentenzia la Artusi -. E' per questo che consideriamo Coruzzi un amico e gli diamo del tu. Una persona dall'animo delicato e sempre riconoscente a chi gli ha dato qualcosa. E per la Dante oggi è un giorno di festa».
La scuola, la maturità e l'università a Bologna, tra i 18 e i 20 anni, giù di lì: «Sono anche gli anni in cui è nata Radio Parma, la prima emittente provinciale d'Italia - continua Coruzzi -. Io andai con le mie canzoni a fare un provino. E lì  c'era Robi Bonardi, che mi disse se volevo provare a tenere il microfono in mano. E così progressivamente abbandonai gli studi». Eccolo il tema del pomeriggio: Radio Parma, la prima e l'unica.  Bonardi e le speaker, tra cui Coruzzi non dimentica la simpatia di Anna Maria Bianchi e di Elisabetta Zanlari. E l'informazione? «Lì c'era Carlo Drapkind. Ci si trovava in via Garibaldi alla mattina  per andare all'edicola a prendere la mazzetta e poi si telefonava all'ospedale per sapere se era morto qualcuno. Non venivamo pagati, ma a pranzo e a cena potevamo andare a tavola Da Marino, in via Fo. Piano piano i soldini cominciavano ad arrivare».
 
Uno come lui, che il mestiere lo ha imparato sul campo, facendo giorno per giorno, come un soldato: d'altronde, è la scuola di Drapkind. Uno che è tradizione e rivoluzione: crudo e cotto. Da qui, al mitico locale dell'Oltretorrente che Coruzzi aprì  con amici e a cui diede il nome di «Picasso»: bello quel «rifugio». Sì perchè è dalla fine è dagli anni Ottanta che Parma non è solo tortelli d'erbetta. E adesso che «Plati» sta a Milano non nasconde l'idea che un giorno gli piacerebbe ritornare alla sua Radio Parma, «magari con le mani che tremano». E lo si capisce quando in una storia ancora tutta da riscrivere, si sofferma sulla città della moda, dalle Sorelle Fontana a Matteo Cambi. Tra una chiacchiera e l'altra, viene fuori il progetto di una sceneggiatura per una fiction. E Coruzzi starebbe pensando a  Tamara Baroni. Donne di Parma e splendide attrici: Olga Ghirardi, ma anche Lydia Alfonsi. «Una meraviglia - dice - quasi dimenticata. Già le dive sono poche e noi ne abbiamo una. Basterebbe un evento a lei dedicato una volta all'anno». Dai sceneggiati in bianco e nero con «Mastro Don Gesualdo», che come dice la Guastalla «farebbe tanto bene ai ragazzi di oggi» fino al Chiambretti Night con Aldo Piazza, in arte Maionchi. «Chissà perchè la travestita a Parma vien grassa?», arriva il mea culpa. Personaggi e amici, ma anche affetti cari. E nella storia dei figli la mamma c'entra, sempre o quasi. Nel suo caso sì, testimone «di quell'amore senza condizioni, senza nessuna pretesa». E qui, il cuore si ruba le sue emozioni, persino con gli omaggi che la Dante con la sua presidente Artusi e la sua vice Guastalla consegnano a quel ragazzo di Parma: fiori e violette per la sua assistente personale Stefania Perego, la medaglia dei cento anni, il volume firmato da Francesco Soncini e un pacchetto infiocchettato ancora chiuso  per Mauro: «E' un cotechino?», così spera. 
 
Sì, c'era poca gente all'auditorium, ma si può rimediare in futuro per rivalutare il calendario tra i borghi, che non è minore a quello della Piazza, tra le immagini e i volti che sanno ancora rendere nota ai più questa piccola città. 
«Come quella donna che girava in via Cavour tanti anni fa - chiude Mauro Coruzzi -. Girava in bicicletta, aveva i capelli lunghi e grigi, una volta neri. Non so chi fosse, ma era una donna strepitosa. E Parma mi piace ricordarla così. Una città che oggi conosco meglio, ancora alle dipendenze di quel pettegolezzo che ha il sapore di nebbia».
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Furto in casa Gassmann: rubati anche i cimeli di papà Vittorio

Alessandro Gassmann in una foto d'archivio

ROMA

Furto in casa Gassmann: rubati anche i premi di papà Vittorio

Scarlett Johansson è l'attrice più  pagata  del 2018 secondo Forbes

CINEMA

Scarlett Johansson è l'attrice più pagata del 2018 secondo Forbes Foto

Un giorno in piscina: «Colline d'acqua», suggestivo scenario Foto

TABIANO

Un giorno in piscina: «Colline d'acqua», suggestivo scenario Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate"

FOTO

Gazzareporter: "Racconta l'estate" Gallery

Lealtrenotizie

Crollo ponte: tedesco disperso telefona a prefettura

genova

Trovato il corpo di Mirko: originario di Monchio era l'ultimo disperso. Muore un ferito: le vittime sono 43

carabinieri

Arriva anche a Parma la droga etnica: due arresti in via Cenni

terremoti

Scossa di 2.4 nella zona di Borgotaro: avvertita da diverse persone

parma

Il minuto di silenzio in piazza Garibaldi per le vittime del crollo del ponte Video

1commento

parma calcio

D'Aversa: "Con l'Udinese non tutti i nuovi saranno pronti ma c'è voglia di far bene" Video

forte dei marmi

Parmigiano pestato dai buttafuori della Capannina: mascella rotta

5commenti

estate

Weekend a traffico intenso: code nei tratti parmensi delle autostrade Tempo reale

monchio

Si ribaltano con un piccolo trattore: un ferito

INCHIESTA

I «nostri» ponti sul Po: vecchi e ammalati

WEEKEND

Finale della fiera a Felino, cene sull'aia e visite a castello: l'agenda del sabato

CALCIOMERCATO

Parma: Gervinho, Sprocati e Deiola gli acquisti "last minute" di Faggiano

Sfumate in extremis le trattative per Edera, Di Gennaro e Karamoh

4commenti

Calcio

Tifosi, piace il nuovo Parma

Sorbolo

Addio ad Andrea Battilocchi, infermiere per passione

IL '68 A PARMA

Duomo occupato, le tre ore che sconvolsero la Chiesa parmigiana

IL CASO

Quattro decreti d'espulsione, ma rubava ancora: condannato

3commenti

PANOCCHIA

La storia di Fiorello, un cavallo adottato da tutto il paese

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Manovra finanziaria tra equilibrismo e magia

di Marco Magnani

1commento

COMMENTO

La Freccia di Ferragosto e Parma «interconnessa»

di Francesco Bandini

1commento

ITALIA/MONDO

stati uniti

E' morto Kofi Annan, ex segretario generale dell'Onu

genova

Crollo del ponte, l'ad di Autostrade Castellucci: "Mi scuso profondamente"

SPORT

12 TG PARMA

Parma, mercato ricco ma poche uscite. Due soli potenziali titolari dalla B Video

Calcio

L'addio di Marchisio alla Juventus Video

SOCIETA'

Pietrasanta

Struttura in legno in riva al Twiga, il capogruppo Pd chiede spiegazioni

Alopecia

Far ricrescere i capelli si può: nuova tecnica tutta italiana

MOTORI

NOVITA'

La Opel Corsa diventa GSI. E ha 150 Cv

TECNOLOGIA

Ford mette un freno alla guida... contromano. Ecco Wrong Way Alert