17°

28°

Parma

Accoltellamento davanti all'Ipsia

Accoltellamento davanti all'Ipsia
Ricevi gratis le news
45

I familiari del ferito li riconosci da lontano. Troppo vistose le loro barbe, troppo colorati i loro turbanti per passare inosservati anche nella bolgia del pronto soccorso. Anche se poi sono soprattutto gli sguardi a colpire: increduli, sorpresi. Gli sguardi di chi non capisce.  «Cosa possiamo dire? Lui è andato a scuola e poi è stato colpito», mormora uno dei parenti del giovane con le gambe ferite. Lo stesso ragazzo che steso sulla lettiga si guarda intorno. Come se aspettasse una risposta. «Lui è arrivato in Italia da poco tempo, meno di un anno -,  aggiunge il cugino a fianco. - La scuola la frequenta solo da qualche mese e anche l'italiano lo parla poco».
Questa la testimonianza dei parenti di uno dei due 18 enni indiani accoltellati ieri alle 12,30 nel piazzale dell'Ipsia (l'articolo completo oggi sulla Gazzetta in edicola). L'aggressore è un 20enne albanese: è stato arrestato con l'accusa di tentato omicidio.
I due feriti sono in condizioni gravi: in particolare uno dei due, che si trova in medicina d'urgenza dove è stato sottoposto ad un intervento chirurgico. Il giovane rischia la vita.

LA CRONACA DI IERI
LA RICOSTRUZIONE
- I due ragazzi, che frequentano la terza dell’Istituto professionale per l’industria e l’artigiano Primo Levi, erano sotto al porticato di un edificio a pochi metri di distanza dalla loro scuola e stavano mangiando quando sono stati avvicinati dall’aggressore. L'uomo, con un coltello a serramanico ha prima colpito alle gambe uno dei due ragazzi, poi si è avventato sull' altro ferendolo al volto e procurandogli alcune lesioni. L’aggressore ha poi tentato la fuga ma è stato inseguito dai carabinieri, subito avvisati dai testimoni che hanno assistitoalla scena, ed è stato identificato e condotto in caserma.

I due studenti feriti sono invece stati trasferiti all’ospedale Maggiore di Parma. Il giovane colpito alle gambe ha purtroppo perso molto sangue e le sue condizioni sono definite dai medici molto gravi. «Episodi del genere non si sono mai verificati nella nostra scuola ¨ ha commentato Anna Berna, preside dell’Ipsia Levi diParma ¨ I due ragazzi feriti non avevano mai avuto alcun problema e non mi spiego proprio cosa sia successo. Fino ad oggi il loro comportamento era stato irreprensibile».

FUTILI MOTIVI? - Secondo una prima ricostruzione daparte dei carabinieri, i due indiani avrebbero avuto un diverbio, probabilmente per futili motivi, con un albanese che frequenta lo stesso istituto scolastico. Poi i tre sarebbero stati raggiunti dal 28enne armato di coltello che, per difendere il connazionale, prima avrebbe colpito alle gambe uno dei due studenti indiani e poi l’altro, ancora alle gambe e al volto.

Il primo dei due feriti, colpito da un fendente all’inguine, ha perso molto sangue e sarebbe in pericolo di vita. Il giovane è stato ricoverato nel reparto di Chirurgia d’urgenza dell’ospedale Maggiore di Parma ed è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico.

Altri particolari e testimonianze sulla Gazzetta di Parma in edicola 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • fabio

    26 Dicembre @ 10.14

    STRANIERO MIO PRIMO NEMICO..!!!

    Rispondi

  • massimo

    24 Dicembre @ 23.24

    Per menokebab più anolini, sono totalmente d'accordo con te. Perchè non leggiamo di Parmigiani all'estero che uccidono per futili motivi compagni di scuola? Poi un qualche matto ce lo abbiamo anche noi ma si tratta di malati e non del risultato di una cultura. Anche la nostra tifoseria ripudia la violenza e i coltelli. Nel nostro dna non c'è l'uso della forza e della violenza. Chiedere che vengano rispettate le regole di convivenza civile non è razzismo, chiedere la fine di un fenomeno che chiaramente ha avuto inizio con la massiccia immigrazione di questi anni non è razzismo. 10 anni fa all'ipsia c'erano risse si come in tutti i posti ..ma non accoltellamenti 10 anni fa non c'erano tutti gli albanesi i rumeni e i marocchini che ci sono adesso. Quelli che c'erano erano rispettati e in tanti casi coccolati. Ditemi se non è vero? Sono convinto che ci sia tanta gente proveniente da i paesi che ho elencato che cercano solo il modo di vivere degnamente molto spesso facendo lavori pesanti (come tanti italiani sono delle balle che gli italiani non li vogliono fare) . Ci vogliono leggi più dure per chi disturba l'ordine pubblico, che si tratti di una semplice rissa o di un furto o di schiamazzi. Ci vogliono organismi in grado di processare i delinquenti più rapidamente. Certezza della pena e zero sconti. I costi dei disordini provocati dai cittadini stranieri devono essere addebitati ai rispettivi paesi o se no devono essere create delle carceri Italiane in quei paesi. Non è giusto che per ogni detenuto debbano lavorare sei italiani al giorno anche perchè un detenuto costa allo stato 300€ al giorno, si può dire che un delinquente ci viene a costare sia dentro che fuori dal carcere ed è un costo che per quanto riguarda i paesi stranieri non ci compete. Diminuiamo il numero di permessi di soggiorno per paese in relazione alla percentuale di delinquenza e non adattamento sociale di quei paesi per esempio se sappiamo che da un paese c'è un'alta incidenza di reclutatori di terroristi e non parlo solo di cittadini regolari. In modo tale di filtrare la brava gente che viene a lavorare e i delinquenti. L'Italia è stata fatta con sudore e lacrime e chi la vuole veramente se la deve sudare. Come gli italiani che hanno lasciato tutto per andare in un Paese straniero.

    Rispondi

  • Jhon

    24 Dicembre @ 14.05

    ma perchè la gente fa queste cose BASTA non è possibile anare avanti in questo modo.

    Rispondi

  • gianluca

    24 Dicembre @ 13.56

    Molti lettori continuano a darmi del razzista ma, in fondo, non è normale che girano coltelli nelle tasche dei ragazzi. Comunque sono sempre extracomunitari; è la loro cultura di essere grandi solo di fronte a violenza e sangue. Vengono istruiti cosi: piu' fai del male piu' sei forte e rispettato. Non c'è niente da fare. Di fronte a questo ennesimo episodio confermo la mia ostilità nei confronti degli extracomunitari che non si integreranno mai (anche perchè non ne hanno proprio voglia). Alcuni giorni fa in questo formu ha scritto un albanese (certo julian); leggendo il suo commento salta fuori un richiamo a "sradicare la colonna vertebrale" o qualcosa di simile: vedete di nuovo violenza e violenza. Io continuo con la mia idea; E non si offenda chi non la pensa come me. Disponibile al dialogo e a cambiare idea. Un saluto a tutti

    Rispondi

  • Robina

    24 Dicembre @ 11.17

    dico solo che non doveva succedere in fondo guri è innocente e basta e ke resterà sempre nei nostri cuori

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein lascia la stazione di Polizia, dove si è consegnato, in manette

Harvey Weinstein

molestie e violenza

Weinstein lascia la stazione di Polizia in manette Video

Doppietta Ronaldinho, sposa entrambe le fidanzate

nozze

Ronaldinho, che doppietta: sposa entrambe le fidanzate Video

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco

PGN

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ritorna bambino: dai cartoni ai super eroi il meglio dei nostri quiz

GAZZAFUN

Torna bambino e decidi qual è il miglior cartone animato degli anni '80!

Lealtrenotizie

In manette la banda delle fogne: voleva fare il bis

Carabinieri

In manette la banda delle fogne: voleva fare il bis

Violenze alla materna

Una mamma: «In un video ho visto mio figlio maltrattato»

weekend

Tra fiori, cavalli e la Notte del Terzo giorno: l'agenda del sabato

Noceto

Festa per i soci di Parma partecipazioni calcistiche: ecco chi c'era Foto

Arbitri

Clara e Alberto, due generazioni con il fischietto

FIDENZA

Camion perde una barriera «new jersey», tragedia sfiorata

VIA CALATAFIMI

Rubata la borsa lasciata in auto: dentro un tablet e 300 euro

MALTRATTAMENTI

Insulta, picchia e minaccia la compagna con un'accetta: condannato

EVENTO

Langhirano-Parma: camminata per chiedere più sicurezza sulla Massese

Saranno lanciati in cielo dei palloncini nei punti dove furono investiti Filippo Ricotti, Giulia Demartis, Marina Tansini in Schianchi e Marco Bottazzi

CALCIO

Dai tifosi azionisti un caldo abbraccio ai gialloblù

CARCERE

Cento detenuti in più rispetto alla capienza normale

1commento

carabinieri

Via Cavour, nel covo e nel tunnel della banda del caveau: le foto Video

1commento

serie A

Mercato crociato: il procuratore Raiola a Parma. Balotelli al Parma? Video

allarme

Auto in fiamme in viale Vittoria: vigili del fuoco al lavoro Gallery

anteprima gazzetta

Nel carcere, cento detenuti in più alla capienza ottimale

12Tg Parma

Gli audio dei rapinatori: "Faranno un film su di noi"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il nodo Savona e lo scontro istituzionale con Mattarella

di Stefano Pileri

1commento

EDITORIALE

Le gesta del trio Salvini, Di Maio, Berlusconi

di Vittorio Testa

4commenti

ITALIA/MONDO

sangue sulle strade

Incidente stradale: scontro auto-scooter, morto un 25enne a Reggio Emilia

ROMA

Mostro del Circeo, Izzo rivelazione choc: uccidemmo anche un ragazza veneta

SPORT

ciclismo

Impresa di Froome, nuova maglia rosa e le mani sul Giro d'Italia

SERIE A

Parma: il futuro in tre mosse

SOCIETA'

como

Folle inversione ad U di un tir al casello Video

cultura

Il documentario sulle pastore alla volata finale del crowdfunding

MOTORI

il test

Skoda Superb, la sicurezza non è più un optional

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv