15°

24°

Parma

Troppi pericoli per i ciclisti. Bisogna correre ai ripari

Troppi pericoli per i ciclisti. Bisogna correre ai ripari
Ricevi gratis le news
0
Muoiono in Italia 352 ciclisti all'anno: in media un ciclista al giorno. Nel 2008 i ciclisti feriti sono stati 14.535, i pedoni 20.525. Il 40% del totale delle vittime per incidenti stradali in città sono pedoni e ciclisti: un abisso ci divide dall' Europa, dove la percentuale è del 20%. 
Non credo che il dato di Parma si discosti dalla media nazionale. Dare spazio alla circolazione delle auto e non produrre inquinamento alcuno non salva quindi il ciclista, che paga la sua scelta esponendosi costantemente a pericoli. 
Le statistiche dicono che nella stragrande maggioranza dei casi chi va in bicicletta muore per la velocità incontrollata delle macchine e per investimenti alle spalle. L’inadeguatezza dei controlli, la mancanza di regole e più ancora la politica urbanistica imperante hanno fatto sì che i ciclisti, come i pedoni, siano considerati poco più che degli ospiti nel paesaggio urbano, dove paiono esistere solo le macchine. In questo ambito Parma è malinconicamente all’avanguardia. Le auto occupano spesso aree che non competono loro: marciapiedi, spazi pedonali, piste ciclabili, scivoli per disabili. 
Il problema è ripristinare regole; il che significa rispettare gli utenti più deboli: ciclisti, pedoni, anziani, bambini. Quest'emergenza non si risolve certo con piste ciclabili ridicole e fatiscenti atte a provocare diverbi fra ciclisti e pedoni, a mo’ dei capponi di Renzo. Occorre anzi tutto che molti marciapiedi siano ricondotti a dimensioni ragionevoli (in molte arterie cittadine essi gareggiano in larghezza con quelli della Quinta Strada a New York). Solo così si potrà evitare che il ciclista sia costantemente sfiorato da automezzi in corsa, specie filobus e autobus. Urge soprattutto eliminare le righe blu dovunque esse queste - riducendo le carreggiate a budelli - rendano impossibile il transito delle biciclette. Occorre eliminare le muraglie divisorie che, piazzate al centro di carreggiate, ne restringono la larghezza costringendo i ciclisti, anche in quel caso, a mettersi in salvo sui marciapiedi. 
Va posto poi un limite di velocità ai ciclomotori elettrici (impropriamente chiamati «biciclette elettriche») in città: una volta preso l’abbrivo questi mezzi si trasformano in autentici bolidi ancor più pericolosi degli scooter perché ti piombano alle spalle silenziosissimi. 
Due anni fa lo scrivente sollecitò da queste colonne i parlamentari eletti a Parma a far approvare una norma che imponesse l’installazione di un cicalino a bordo dei suddetti motoveicoli al fine di segnalarne la presenza in strada: parole al vento. Probabilmente solo quando qualche vip - uscito con la testa rotta perché investito da predetto bolide - intenterà causa giudiziaria con richiesta di salatissimo indennizzo per i danni subiti, ci si deciderà a imporre l’obbligo dell’assicurazione anche chi fa uso di questi mezzi a motore.
E vengo al problema-principe che angustia i ciclisti parmigiani. Le piste ciclabili hanno senso se consentono risparmio di tempo. Invece accade che occorrano oggi tempi spropositati per andare in bicicletta - cito solo qualche percorso - da barriera Bixio all’incrocio di via Mantova; dall’arco di San Lazzaro a piazza Garibaldi; dal cosiddetto «Ponte delle Nazioni» all’ospedale Maggiore. E ciò a prescindere dal fatto che tuffarsi in quei percorsi da gimkana - tra continue curve, pedoni da schivare, strisce pedonali da attraversare, labirinti di saliscendi da un marciapiedi all’altro, rientrature ai semafori e alle «rotonde» - é un’esperienza a dir poco angosciante per chi vi si avventuri in bici. 
E’ chiaro che chi ha progettato siffatte «piste ciclabili» sulla bicicletta (o sul triciclo) ci è salito solo da piccolo.
C’è poi il dato riconducibile alla nostra storica arretratezza. In Italia la percentuale degli spostamenti in bicicletta è ferma al 4%. In Olanda è del 25%. La carta europea della mobilità sostenibile prescrive alle città di raggiungere almeno la quota del 15% sul totale degli spostamenti. E c'è una ragione. Se si arriva al 15%, gli incidenti in bicicletta cominciano a diminuire perché gli automobilisti si abituano alla presenza delle biciclette in strada e lasciano loro spazio. 
A proposito: avete mai visto un vigile non dirò multare, ma almeno redarguire un automobilista che, ignorando l’esistenza dei ciclisti, li obbliga a mettersi in coda alle auto anche ai semafori? Insomma, sarebbe gran vantaggio per tutti se troppi sederi che conoscono solo le poltrone di guida delle auto, venissero di tanto in tanto depositati sulla sella di una bicicletta! Se si seguisse l’esempio del futuro premier britannico, il leader del partito conservatore David Cameron, il quale non solo non si vergogna di muoversi per Londra in bicicletta   (come invece si vergognano, a casa nostra, tantissimi «fasiòr»), ma la usa persino per recarsi a Westminster!  
Sergio Caroli  
 
 
 
 
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ricovero urgente per Gallo, il bassista di Vasco

musica

Ricovero urgente per Gallo, il bassista di Vasco

Baccanale, gli amici di Angela: ecco chi c'era

FESTE PGN

Baccanale, gli amici di Angela: ecco chi c'era Foto

Gay Pride: spot a Pompei con Ciretta Cascina e Cristina Donadio, la Scianel di Gomorra

CAMPANIA

Gay Pride: spot a Pompei con Ciretta Cascina e Cristina Donadio, la Scianel di Gomorra Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il «Chianti Governo», fresco e fragrante

IL VINO

Il «Chianti Governo», fresco e fragrante

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

'Ndrangheta, chiesti 30 anni per il boss Bolognino

Michele Bolognino in una foto d'archivio

Processo Aemilia

'Ndrangheta, chiesti 30 anni per il boss Bolognino

E' il presunto referente della cosca nel Parmense. Richiesta una pena pesante anche per Aldo Ferrari

noceto

I sindacati: "Tragedia annunciata: sospendere le lavorazioni alla polveriera" Video

L'operaio di 37 anni è stazionario

3commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Addio a Roberto Bettati, campione di sollevamento pesi: aveva 54 anni

Gioco d'azzardo: giro di vite sulle slot machine a Parma

politica

Pizzarotti: "A Conte direi scappa a gambe levate"

Il sindaco di Parma è stato intervistato su Rai Radio1 durante il programma "Un Giorno da Pecora"

8commenti

12 tg parma

Tormenta la cassiera di un market: divieto di avvicinamento per lo stalker Video

12 Tg Parma

Auto abbandonata fra i rovi e riempita come un cassonetto Video

12 tg parma

Il latte delle mamme donato ai prematuri: la "banca" arriva a Parma Video

12 tg parma

Dal 28 maggio la Polizia municipale al lavoro h24 Video

6commenti

PARMA CALCIO

Sabato la premiazione in Comune, domenica la festa. Poi si pensa al ritiro estivo Video

12 tg parma

Promozione in A, il video di Dino Baggio: "Coi gobbi chiamatemi"

taneto

“Vampirizzano" il serbatoio del tir: denunciati tre dipendenti infedeli di un'azienda parmense

Parco Ducale

Chi ha ucciso Milly, la «mamma oca» del laghetto? E' morta per difendere le sue uova

11commenti

Lutto

Addio a Tony Wolf, il «papà» del pinguino Pingu. Era nato a Busseto

1commento

GAZZAREPORTER

Il raduno della grande famiglia Peracchi: in 74 a Varano Marchesi

meteo

Sapore d'estate, nel weekend sole e punte di 30 gradi

Piogge e temporali fino a mercoledì, poi "rimonta" alta pressione

PARMA

Alimenti preparati fra sporcizia e scarafaggi: chiusi due locali in strada dei Mercati e in via D'Azeglio Foto

15commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quel patto sul premier è la fine del centrodestra

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 20 nuove offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

MILANO

Litiga con la madre per il cellulare e cade dalla finestra: salva dopo un volo di 10 metri

SENTENZA

La Cassazione: "Ustica, i ministeri devono risarcire Itavia"

SPORT

calcio

L'Uefa rinvia a giudizio il Milan sui conti: Coppe a rischio

ciclismo

La Var anche al Giro: Aru penalizzato di 20 secondi

SOCIETA'

testimonial

Barilla, Federer-Oldani: nuove lezioni in cucina

REALITY SHOW

Grande Fratello, Mariana: "Bacio? Luigi ci ha provato con tutte" 

MOTORI

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv

IL TEST

Mercedes Classe A, l'auto che parla? C'è molto di più