14°

26°

Parma

"Ridateci il treno delle 7.36": il calvario dei pendolari

"Ridateci il treno delle 7.36": il calvario dei pendolari
Ricevi gratis le news
9

di Francesco Bandini 

Se tutti i giorni sei costretto a stare fuori di casa dalla mattina alla sera perché il posto di lavoro non ce l'hai proprio dietro l'an­golo, ma a Milano, ogni volta che ti cambiano gli orari dei treni e ti costringono a uscire un po' pri­ma e a fare ritorno un po' più tardi, senti che quello è tempo rubato alla tua vita, anche se si tratta «solo» di una mezz'ora o di un'ora. Rubato perché è tem­po sottratto alla tua famiglia, al­la tua casa, al piacere di stare nella tua città; perché hai la cer­tezza che sia tempo perso inu­tilmente in un viaggio che po­trebbe essere più veloce, su treni più puntuali, in orari realmente studiati per chi viaggia tutti i santi giorni.
E'  la spiacevole sensazione che provando i tanti pendolari par­migiani che ogni mattina pren­dono il treno per andare a la­vorare a Milano, e che ieri la «Gazzetta di Parma» ha accom­pagnato in uno dei loro sposta­menti quotidiani. E lo pensano ancor di più dallo scorso 13 di­cembre, quando il nuovo orario delle Ferrovie dello Stato entrato in vigore quel giorno ha riservato loro qualche spiacevole sorpre­sa: cancellato il regionale delle 7.19; l'Eurostar city delle 7.36 po­sticipato alle 8.10, per di più sen­za la fermata fondamentale a Mi­lano Rogoredo (dove si prende la metro che ti porta in centro); un nuovo regionale introdotto alle 7.05, di fatto però inservibile per­ché impiega quasi due ore per arrivare a destinazione.
Risultato: in una delle fasce orarie più calde per gli sposta­menti dei pendolari, ovvero dalle 7.05 alle 8.10, adesso di fatto non ci sono più treni diretti al capo­luogo lombardo.

Leggi l'inchiesta sulla Gazzetta di Parma oggi in edicola
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • VINCENZO R

    02 Febbraio @ 11.21

    Grazie alla Gazzetta per il lavoro professionale e meritorio. Aggiungo solo ai giusti commenti che il nuovo treno delle 8.10, oltre a non rispondere alle esigenze dei pendolari, è anche partito da Parma SEMPRE in ritardo (e solo 4-5 volte con recupero in arrivo) dalla sua attivazione il 13 dicembre (quando non soppresso). Sempre. Tutti i giorni. Ma proprio tutti!! Tra i 10 e i 30 minuti, stando alla segnaletica delle ferrivie. (e proviene da Bologna pure...)

    Rispondi

  • Lino

    27 Gennaio @ 22.35

    Buongiorno a tutti....provate a prendere il regionale per MI delle 8.13....è una cosa indecorosa....in tanti anni di pendolarismo ( 15 ) non ho mai preso una pattumiera simile....provate....provate....

    Rispondi

  • Roby

    27 Gennaio @ 21.16

    Con il nuovo orario ho ben 3 nuove possibilità per andare al lavoro a Milano: 1) alzarmi 40 minuti prima 2) arrivare al lavoro con 40 minuti di ritardo 3) andare in auto e spndere 30 euro al giorno in più. Tutto questo quando non ci sono scioperi, senza ritardi e in assenza di cancellazioni... Grazie Moretti, che vita piatta e monotona sarebbe senza di te!

    Rispondi

  • mario

    27 Gennaio @ 16.53

    e non parliamo della pulizia

    Rispondi

  • ciao

    27 Gennaio @ 12.34

    Oramai non ci sono più parole per descrivere lo stato in cui versa Trenitalia, quello che mette in pratica è nient'altro che una vessazione e rimango sempre più basita da come questo monopolista-azienda privata-a partecipazione statale continui imperterrita a NON offrire un servizio. Già di per sé recarsi al lavoro non mette di buonumore, tantomeno quando devi percorrere più di cento chilometri, in più devi sborsare e metterci un'eternità. Già, perché non solo dal 13 dicembre ci è stato soppresso l'unico treno "decente", ma per di più i prezzi dei biglietti sono aumentati (tra Eurostar City plus e Frecce Bianche). E mai che venga spiegato il motivo dell'aumento. Ci sono più treni? No. Quelli esistenti sono in condizioni migliori, sono più puntuali, le biglietterie efficienti? No, no e no. Quindi, perché? E si aggiunga a questo che l'ad Moretti a Natale ci aveva consigliato di portarci coperte e panini da casa. Ma non si vergognano nemmeno un po'? E' accettabile che nel 2010 viaggiamo con vagoni degli anni Settanta, su rotaie del Ventennio, con percorsi per l'80% a binario singolo (eh sì, ecco perché i treni spesso si fermano nel nulla, per farne passare un altro che ha la precedenza). Citando il magnifico Gioele Dix: "La frase peggiore è quella che il capotreno dice per ultima: "Grazie per aver scelto Trenitalia". Scusa?! Perché, c'era forse un'alternativa?".

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nadia Toffa per la prima volta senza parrucca

social network

La prima volta di Nadia Toffa senza parrucca: selfie con la mamma

Swinging Ballroom Closing Party: ecco chi c'era alla festa

FESTE

Swinging Ballroom Closing Party: ecco chi c'era alla festa Foto

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

manifestazione

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

LA MOSTRA

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

Lealtrenotizie

Operazione antidroga a Parma: cinque arresti

polizia

Operazione antidroga a Parma: cinque arresti

VIA SIDOLI

Scende dall'autobus: 83enne assalita e rapinata

FURTI

Notte di raid nelle assicurazioni: cosa cercavano i ladri?

2commenti

Addio

Giancarlo Bonassi, l'antesignano delle guide turistiche

L'agenda

"Nel segno del giglio" e non solo: un sabato tra dischi in vinile, libri e musica

Tribunale

Picchia e perseguita la fidanzata: condannato a due anni

SALSO

Elezioni, spunta una nuova lista civica: Salso Futura

Busseto

Rapina alla Banca popolare di Lodi, due condannati

Cooperativa Molinetto

Un viaggio in Islanda per coronare un sogno

Intervista

Franconi Lee: «Tosca al Regio come un thriller di Hitchcock»

via zanardelli

Il pensionato e l'officina in nero: sequestro e multa da 10mila euro Video

8commenti

carabinieri

Colpì il giardiniere a badilate: arrestato commerciante di Langhirano

1commento

FATTO DEL GIORNO

Strattonano un'anziana, la fanno cadere e la rapinano alla fermata del bus

2commenti

PARMA

Un logo per la Barilla, concorso al Toschi: ecco le studentesse premiate Foto

Un concorso per premiare i dipendenti con 25 anni di anzianità in azienda

polizia

Aggressione nella notte in via D'Azeglio

1commento

segnalazione

San Leonardo, bossoli di arma da fuoco sul marciapiede

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La crisi e l'alibi del voto regionale

di Luca Tentoni

NOSTRE INIZIATIVE

"Il terzo giorno": la mostra in 8 pagine speciali

ITALIA/MONDO

MUSICA

Il produttore e dj svedese Avicii è stato trovato morto in Oman: aveva 28 anni Foto

Genova

Cinque Terre, misteriosa macchia bianca in mare

SPORT

MOTOGP

Austin: Iannone il più veloce. Quarto Rossi

RUGBY

I giocatori delle Zebre allenano i piccoli giocatori Foto

SOCIETA'

GAZZAFUN

“La morta in Tär" e le belle storie in dialetto: rispondi al nostro quiz

usa

"Carrie" tifa per l'amica "Miranda" governatrice di New York

MOTORI

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover

NOVITA'

Audi A7 Sportback: linea da coupé, qualità da ammiraglia