10°

27°

Parma

Morgan, la droga e Valentina

Morgan, la droga e Valentina
Ricevi gratis le news
9

Pino Agnetti

 Egregio signor Marco Castoldi in arte Morgan, mi vorrà scusare se - non conoscendoci di persona - le scrivo dalle colonne del giornale più antico d’Italia. Ma vorrei raccontarle brevemente una storia di cui mi sono già occupato proprio su queste pagine: la storia di Valentina.

Una ragazza di diciott’anni, l’età di molti dei concorrenti di quell’«X Factor» a cui lei deve la sua resurrezione artistica.
Dicono gli amici e i parenti che Valentina fosse una studentessa modello. Questo, almeno prima di scivolare in una depressione sempre più nera. Come la notte in cui ci ha lasciati, schiantata da un micidiale mix di droghe. 
Ora, lei ha appena dichiarato su «Max» che la droga può essere un ottimo aiuto proprio contro la depressione. «La uso come antidrepessivo», sono state le sue testuali parole registrate e, come tali, confermate per filo e per segno dal mensile. 
Insomma, secondo lei la droga non è altro che un rimedio. Un po' come una compressa effervescente per il raffreddore. L’aglio cotto sotto la cenere per i calli. O una crema solare contro le scottature. E allora vai con la ricetta del «dottor Morgan», un po' principe dark e un po' novello «poète maudit» alla Rimbaud: «Avercene di antidepressivi come la cocaina. Fa bene. E Freud la prescriveva. Io la fumo perché non ho voglia di tirare su l’intonaco dalle narici. Me ne faccio di meno, ma almeno è pura». 
Con tanti aristocratici saluti a quei poveracci in fila ogni giorno davanti ai Sert (tanto lei si fa curare a Londra dai suoi strapagati medici personali).
Complimenti, signor Marco Castoldi in arte Morgan. Complimenti per la sublime messa in scena. Con tanto di smentite psicodrammatiche («Sono stato frainteso, mi hanno teso una trappola!»), messianici controappelli («Nooo! La droga fa male…») e un polverone tale da oscurare perfino la polemica sul legittimo impedimento e il processo breve. Non a caso, adesso tutti la cercano e la vogliono. Da Vespa, dove si è già divertito da matti a recitare la parte di cappuccetto rosso tradito da quei malvagi lupi mannari di «Max».
A Giletti e alla sua ex-collega di «X Factor», Simona Ventura, che l’attendono frementi a braccia aperte. Una vera e propria beatificazione mediatica, a cui manca solo l’annuncio della sua fulminea conversione a Padre Pio. E che le varrà mille volte più di una fugace apparizione al Festival, come confermato dalla sua stessa «eroica» decisione di non andare a Sanremo anche se riammesso. Quella possibilità comunque negata a Valentina congedatasi appena diciottenne, e senza possibilità alcuna di esservi «riammessa», dal ben più impegnativo palcoscenico della vita. 
In questi giorni, il pm ha chiesto per i due pusher che avevano fornito alla ragazza tutto l’occorrente per «uscire dalla depressione» una condanna a quattro anni di carcere. Ma per chi come lei ha il potere immenso di ergersi a simbolo e modello per centinaia di migliaia di giovani come Valentina, quale dovrebbe essere allora la condanna? Io ne avrei una da suggerirle, caro Morgan. Venga qui a Parma, ma in forma privata e senza tanti codazzi mediatici. E io la condurrò in segreto sulla tomba di Valentina, per deporvi un fiore e chiedere umilmente perdono.  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • satin

    08 Febbraio @ 14.59

    Io mi chiedo chi sia lei per condannare una persona. E' colpa di Morgan o è responsabilità personale se una ragazza decide di drogarsi? Ce l'ha spinta lui? La famiglia dov'era? Questa ragazza ha pagato un prezzo troppo alto per il suo disagio, la sua depressione o la voglia di 'sballo' (non so cosa l'abbia spinta, come non so cosa spinga migliaia di ragazzi), ma mi sembra che finchè ognuno di noi non si prenderà le sue responsabilità, sia troppo facile e sia una scusa dare la colpa a 'modelli' visti in tv o ascoltati alla radio. Non capisco, fra i centinaia di messaggi negativi, centinaia di personaggi tv che si drogano, quali siano le responsabilità di una persona che non ha mai parlato di droga, tranne un giorno a un giornalista scambiato per 'amico' o 'confidente' che ti ha convinto a sfogarti con lui, avendoti visto particolarmente depresso e avendo fiutato il possibile 'colpaccio'. Morgan, se ha ascoltato, già aveva suonato per i ragazzi di Don Mazzi, e si stava curando da solo, in silenzio, con un programma dei narcotici anonimi. E quello che riguarda il suo dramma privato, la sua depressione, la depressione del padre e il suo suicidio quando lui era adolescente, riguarda lui solo. Non vedo di cosa si debba scusare, nel caso dovrebbe farlo come dovremmo farlo tutti per essere arrivati ad avere generazioni di ragazzi che ci si tuffano per lo sballo, per avere di più, per far parte del 'gruppo', per essere più disinvolti e più sfrenati. Le consiglio di visionarsi i video delle interviste dei mesi passati in cui il signor Morgan parla dell'alcool, e dà dei 'cog....i' a coloro che si mettono alla guida di auto avendo bevuto. Oppure quando parla della vigliaccheria di chi se la prende con i più deboli, coi ragazzini più fragili, quando insomma attacca i 'bulli' di cui la società d'oggi è piena. Oppure quando si racconta dicendo di essere un non-violento, anche quando i ragazzetti del quartiere volevano picchiarlo e lui non si difendeva per scelta, perchè non concepisce la violenza. Oppure quando dice che i meno interessanti 'economicamente' sono i più interessanti. Oppure quando parla dell'assurdità della discriminazione per omosessualità. Oppure quando fa indossare ai suoi ragazzi magliette con personaggi non così famosi morti nei campi di concentramento. O quando porta i ragazzi a Casa Verdi, casa di riposo per musicisti in pensione e li fa parlare con queste persone anziane a cui fa molto piacere incontrare persone che han voglia di ascoltarli. O quando parla della musica, della cultura, della necessità dell'impegno e dello studio. E ci sono infiniti altri esempi. Tutto questo è Morgan, e attribuirgli colpe che non ha per una mezza confidenza fatta in un giorno di depressione più nera del solito, mi sembra un enorme torto. Al suo posto rifletterei un pò.

    Rispondi

  • giordana

    08 Febbraio @ 09.42

    ma chi è lei sig. Agnetti, la Sacra Inquisizione? ma dove vive? ha mai visto dei concerti? pensi ai Beatles che dall'aria di bravi ragazzi, baronetti della Regina, prima di entrare in palcoscenico, e anche dalla Regina, si facevano nei camerini di tutte le droghe possibili, mi ricollego a Corrado perchè se una serata fosse dedicata ai superstiti Beatles faremmo carte false per averli, così come Paris Hilton, ubriaca dalla mattina alla sera, eppure simbolo delle ragazzine.....e quanti altri. ma la smetta di fare il moralista a casa degli altri, Morgan ha avuto coraggio, quel coraggio che gli serve per uscire dal tunnel della droga. Io ho un figlio sig. Agnetti, di 35 anni, grazie al cielo non sa cos'è la droga, eppure ama Billy Idol, e tutti i gruppi più trasgressivi, e anche lui suonava in un gruppo, io amo il rock e anch'io tutto quello che è musica forte, ma la ns. famiglia ha dei valori che nessuno dal di fuori può scalfire, e le droghe ci fanno paura.

    Rispondi

  • Fabio

    07 Febbraio @ 19.39

    W la sincerità di Morgan. Almeno lui dichiara di avere un grosso problema. Sono in molti ad avere problemi nella vita con Depressione e problemi di Droga ma si nascondono, per poi in pubblico molto ipocritamente condannare chi ne fa uso. Sappiamo di quanta gente dello spettacolo ha questo problema... che lo ammettino e si curino! Questo è il giusto messaggio da dare!

    Rispondi

  • giordana

    07 Febbraio @ 14.50

    Ma lei pensa veramente che i giovani si droghino per effetto delle canzoni o comportamenti dei vari Rolling Stons (brown sugar),Jim Morrison,Kurt Cobain,Eric Clapton,Manu Chao,Jimi Hndrix,per citare i più noti fino ai nostrani emiliano romagnoli che assumono alcool in quantità industriali presentandosi spesso ubriachi sul palcoscenico? Lei ha l'ipocrita attaggiamento che ha assunto la Rai nell'escludere Morgan da Sanremo,mentre sono sicuro accoglierebbe a braccia aperte i vari Rolling Stones,Clapton e i nostri conterranei alcolisti. La smetta di fare il moralista attribuendo colpe di morti per droga a chi non ne ha!

    Rispondi

  • simon

    07 Febbraio @ 13.13

    articolo di un buonismo stucchevole, da quel che ha scritto scommetto che non conosce nè la storia di Valentina nè il mondo che tanto accusa. Ormai pubblicate proprio di tutto sulla gazzetta...

    Rispondi

    • Giuseppe

      07 Febbraio @ 22.33

      Complimenti a Pino Agnetti, davvero un bel articolo! Volevo anche sottolineare come questi "famosi personaggi" che tanto si scagliano contro le mafie che proprio facendo uso di droghe ne alimentano la macchina!! W chi è contro le droghe!!

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Lavoro all'estero: il requisito dei 183 giorni

L'ESPERTO

Lavoro all'estero: il requisito dei 183 giorni

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, nel mirino sponsorizzazioni a squadra di basket parmigiana

16 indagati e sequestro per 25 milioni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

2commenti

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita

gazzareporter

La segnalazione: "Capolinea del bus davanti a passo carrabile?"

Mariano

«Via Parasacchi, pericolo erbacce»

libri

Jeffery Deaver, il maestro del thriller americano  torna a Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

genova

Toti: "Il ponte si può costruire in 12-15 mesi: non accetteremo ritardi"

vezzano sul crostolo

Pizzaiolo coltiva marijuana in un bosco, preso con la "fototrappola"

1commento

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

l'indiscrezione

Versace in vendita a un gruppo americano?

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street