18°

28°

Parma

Conferenza ministri, ex Eridania off-limits

Conferenza ministri, ex Eridania off-limits
Ricevi gratis le news
5

 Da oggi il parco dell'Ex Eridania sarà chiuso al pubblico: è il primo effetto  della quinta Conferenza  ministeriale  su ambiente e salute che vedrà arrivare a Parma circa 60 tra  ministri, viceministri e segretari di Stato  di 53 Paesi.  Ieri mattina si è tenuto un summit in prefettura per organizzare la macchina della sicurezza in vista  della tre giorni internazionale che andrà in scena mercoledì, giovedì e venerdì all'auditorium Paganini  e al Centro congressi.    Tutti i componenti del Comitato provinciale per l'ordine pubblico  si sono seduti attorno ad un tavolo per  cominciare ad analizzare le misure da adottare: la prima, appunto,  sarà in vigore da oggi e prevede che il parco  del Paganini sia off limits  ai non addetti ai lavori.

 Durante i giorni della Conferenza, poi, l'accesso  all'area verde di via Toscana sarà chiuso, mentre quelli di viale Barilla e di via San Pio rimaranno aperti, ma dotati di metal detector: entreranno solo le persone accreditate dall'Oms.   Si temono   le manifestazioni di protesta che spesso   fanno da corollario a questo tipo di conferenze internazionali? I vertici di questura e Comune smorzano ogni tipo di allarmismo.  
 
Altri particolari sulla Gazzetta di Parma oggi in edicola
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • francesca bicchieri

    08 Marzo @ 12.39

    Io al Parco ci vado a correre e mi scoccia l'idea di non potere accedere al parco per i circa 60 ministri, viceministri e segretari di stato che per discutere di ambiente e salute fanno chiudere una zona verde... Scelta interessante

    Rispondi

  • gazzettadiparma.it

    07 Marzo @ 19.18

    Luca, questa volta trovo molto più convincente e stimolante il suo intervento. Le rispondo volentieri...anche in giorno di riposo (oggi è un altro collega a reggere da solo il peso del sito), e al di là della sua battuta parto proprio da qui, perchè sicuramente è anche un problema di risorse. Il sito della Gazzetta di Parma, per sua natura, è inevitabilmente un sito generalista e ad impronta locale: cimentarsi con altre dimensioni, oltre che "fisicamente" impossibile con tre giornalisti, sarebbe anche presuntuoso. E prima di passare alla parte in cui concordo con lei, mi lasci spezzare una lancia per l'importanza dell'informazione locale, e del riflettere sulle piccole-grandi vicende di casa nostra: anche perchè questo lo può fare SOLO una gazzetta (di Parma o di Vicenza ecc.), mentre il resto lo si può trovare in rete in mille altri posti, anche sul web. La vicenda, purtroppo finita tragicamente, della bimba investita è qualcosa che concretamente colpisce e commuove una comunità, ed era giusto che avesse il primo posto (quello che mi piace di meno del web, semmai, è quando l'incalzare delle notizie ti "obbliga" a gestire l'home page anche sulla base delle notizie "nuove". Adesso abbiamo al primo posto il Parma, ma poteva essere lo sciopero di ieri del Romagnosi o l'arresto del tecnico di Solignano. Questa è una riflessione che va fatta da tutti i giornalisti-web). Detto questo, però, ripeto che lei dice una cosa che condivido in pieno. Mi piacerebbe poter dire che in parte stiamo già cercando di farlo, lanciando temi/inchieste che partono dal locale ma vanno certamente oltre i confini (penso all'inchiesta "lunga un anno" che abbiamo lanciato sull'immigrazione e che presto rivedrà in home page. E domani vedrà interventi sulla "festa della donna" che sono made in Parma ma toccano problemi anche globali). Però lei mi direbbe che non l'ho ancora convinta: e avrebbe ragione. Pur senza rinunciare al locale (questo non ce lo chieda !), è giusto sprovincializzarsi. La conferenza dei prossimi giorni è sicuramente un tema da valorizzare: e proveremo a farlo. Credo che un salto di qualità lo faremo con lo strumento dei blog, che di qui a poco dovremmo riuscire a inserire nel nostro sito. E poi, non la prenda per una sviolinata, è importante il ruolo dei lettori, specie se sanno criticare in modo costruttivo come ha fatto lei. Anche se temo che lei sia in minoranza: ma questo, lungi dall'essere per noi un alibi, può essere per tutti noi uno stimolo in più. Grazie ancora. (G.B.)

    Rispondi

  • luca

    07 Marzo @ 18.07

    Ringrazio l'onnipresente Balestrazzi per la cortese risposta (dica la verità, ma lei dorme ogni tanto?) e l'ammissione sulla scarsità dei mezzi a disposizione. Non è certo mia intenzione gettare la croce sul singolo redattore, la mia critica era decisamente più "strutturale". Le sue argomentazioni non mi hanno convinto del tutto: spesso vi vedo aprire con articoli che di certo riguardano "notizie" e di certo hanno il carattere della "drammaticità", ma che guardati con il dovuto distacco uscirebbero ridimensionati. Mi permetto di consigliarle "Homo videns" di Sartori, che, pur parlando di televisione, in alcuni passaggi affronta argomenti affini a quelli qui discussi e sicuramente potrà risultarle interessante. Qualche citazione: "A forza di sotto-informare, e al tempo stesso di privilegiare e gonfiare le notizie locali, finisce che il mondo in grande viene «perso di vista» e che non interessa quasi più." "Se l'uomo della strada non sa nulla del mondo, è evidente che non se ne interesserà. Inizialmente anche l'informazione (come il leggere) è un «costo». L'informarsi richiede un investimento di tempo e di attenzione; e diventa gratificante - è un costo che paga - solo dopo che l'informazione immagazzinata arriva a una sua massa critica." "Se le preferenze degli ascoltatori si concentrano sul domestico e sulla cronaca nera è perché le networks hanno prodotto cittadini che nulla sanno e che si interessano di nullità."

    Rispondi

  • gazzettadiparma.it

    07 Marzo @ 08.44

    Luca, lei è ovviamente libero di dissentire. Ma anche dopo aver letto il suo commento, per il quale la ringrazio, non cambierei le scelte di ieri, e provo a spiegarle il perchè. L'incontro sull'ambiente è certamente importantissimo, e sicuramente avrà la nostra apertura nei giorni in cui si svolgerà: aprire ieri mi sarebbe sembrato eccessivo. Lei dice di non aver potuto vedere il giornale (e qui faccio il pubblicitario: ci si può abbonare anche dall'estero usufruendo della possibilità di sfogliare la Gazzetta online): proprio a quello rimandavamo per l'approfondimento della notizia, alla quale ieri era dedicata una intera pagina. E naturalmente questo non significa che non ci sarà ampio spazio anche sul sito: al momento giusto. - Ieri il sito, è giusto che i lettori lo sappiano, aveva un solo redattore, e le notizie da coprire vanno dalla cronaca allo sport: è normale che l'approfondimento sia delegato alla Gazzetta "di carta". Inoltre non condivido affatto il modo con cui lei "snobba" ("se ne può fare a meno", "le vecchine"...) l'episodio di San Michele. E' una notizia drammatica in sè, e a sua volta corrisponde anche a un problema sociale, qual è quello degli incidenti. - Infine lo "spauracchio": come lei ben saprà, in manifestazioni come queste il timore di incidenti o di presenze "esuberanti" è reale, e quindi non vedo perchè non avremmo dovuto accennarne. Insomma, grazie del pungolo che certamente raccoglieremo, però mi permetta di dissentire a mia volta dalla sua "linea editoriale", che mi pare contenga qualche semplificazione di troppo. (Gabriele Balestrazzi, caposervizio gazzettadiparma.it)

    Rispondi

  • luca

    06 Marzo @ 21.59

    Permettetemi di dissentire con la politica editoriale che seguite sul vostro sito (non parlo del giornale perché mi trovo attualmente all'estero e non ho modo di giudicare). Per una volta che Parma - anche se mi verrebbe da dire l'Italia - ospita un evento di una tale risonanza, voi aprite con l'episodio della bimba investita. Senza nulla togliere alla drammaticità dell'evento, l'opinione pubblica ne può fare tranquillamente a meno, e sicuramente le vecchine sotto i portici troveranno comunque il modo di parlarne. Il basso profilo e l'approfondimento inesistente dato a questa conferenza stride ancora di più con il fatto che il parco ex Eridania sia chiuso al pubblico e il tutto si svolga quasi sotto silenzio (ho saputo solo pochi giorni fa dell'avvenimento, nonostante il tema mi interessi decisamente). Non è forse questa l'occasione perfetta per sviscerare l'evento, informare la cittadinanza, dare modo a una coscienza critica di formarsi, creando i presupposti per quella parolina magica chiamata Partecipazione? Mi fa sorridere, infine, l'accenno finale allo spauracchio delle manifestazioni di protesta: meglio che anche questi facinorosi rimangano a commentare la cronaca nera?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

L'amarezza di Pizzarotti e Casa: «Poliziotti in più solo grazie a Minniti»

SICUREZZA

L'amarezza di Pizzarotti e Casa: «Poliziotti in più solo grazie a Minniti»

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

VIABILITA'

Via Europa, insieme al cantiere partono anche i disagi

Lentigione

Piena dell'Enza, risarcimenti e polemiche

STAZIONE

Sfilò 15 euro a un giovane e lo aggredì, condannato

TIZZANO

Frana di Capriglio, l'ira del sindaco Bodria: «I lavori subito o evacuo il paese»

Fontevivo

«Grattato» il parmigiano: giallo alla Festa dell'Uva

SERIE A

Parma, che tour de force

sicurezza

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

5commenti

anteprima gazzetta

"La (poca) sicurezza a Parma sta diventando un caso nazionale"

2commenti

sissa trecasali

Un altro rave party sulle rive del Po (a Coltaro): 28 denunciati Video

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

5commenti

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

2commenti

gazzareporter

"Acqua alta" in un vagone del treno Bologna-Milano

centro

Ponte Romano, lavori finiti: apertura confermata il 7 ottobre Video

Parma (e regione)

Ondate maltempo 2016-2107, entro il 23 ottobre le domande di risarcimento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

MONZA

Portata in Pakistan con l'inganno chiede aiuto (con una lettera) a scuola

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: la più piccola è morta

SPORT

Pallavolo

Mondiale: Slovenia rimontata, en plein Italia

CHAMPIONS

Magie di Icardi e Vecino, l'Inter vince all'ultimo respiro

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

gossip

Il re delle notti? "Troppo noioso", la moglie lascia Bob Sinclar

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design