16°

29°

Parma

Inquinamento e obesità: bambini sempre più a rischio - Il governo annuncia un piano antismog

Inquinamento e obesità: bambini sempre più a rischio - Il governo annuncia un piano antismog
Ricevi gratis le news
9

Emergenza clima e salute a rischio: a Parma da oggi fino al 12 marzo i ministri di 53 Paesi si incontrano nella quinta Conferenza ministeriale Ambiente e Salute, per valutare il loro operato sulla protezione della salute dai rischi ambientali e per combattere le minacce emergenti.
Per l'Italia partecipano alla conferenza stampa iniziale i ministri della Salute Ferruccio Fazio e dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo, insieme a Zsuzsanna Jakab, Direttore regionale Oms Ufficio regionale per l'Europa, e al sindaco Pietro Vignali.  I 53 Paesi della Regione Europea dell’Oms si riuniscono per la prima volta in oltre 5 anni per negoziare e adottare una Dichiarazione.
In generale, le patologie attribuibili a cause ambientali, nel pianeta, sono tra il 25 e il 30 per cento, secondo i dati più recenti del dipartimento di Sanità pubblica e ambiente dell’Oms. I bambini sotto i 4 anni sono i più vulnerabili al caldo e nei Paesi in via di sviluppo la diarrea è la seconda causa di mortalità infantile (1,5 milioni di decessi l’anno).

IL MALTEMPO RALLENTA L'ARRIVO DEI MINISTRI. La tabella di marcia dei lavori del summit è in ritardo. Anche al parco ex-Eridania e nella zona dell'auditorium sono al lavoro i mezzi spalaneve. Anche i ministri Prestigiacomo e Fazio hanno subìto le conseguenze della nevicata. I ministri sono partiti da Roma per Parma ma, visto che l’aeroporto "Verdi" è stato chiuso, i ministri sono atterrati a, Milano raggiungendo Parma in auto. Con tutte le difficoltà del caso. Molti altri ministri non sono ancora in città. Gli incontri che coinvolgono le autorità sono rimandati, mentre i gruppi di lavoro sui singoli temi hanno iniziato le riunioni.
Il maltempo ha fatto saltare anche diverse altre attività collaterali riservate ai giovani.
Il ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo ha commentato così i ritardi e i disagi subiti a causa della nevicata: «Non sorridete, il cambiamento climatico c'è, lo dice la scienza. In questi giorni chi mi incontra - ha detto il ministro al Paganini - mi fa una battuta sui cambiamenti climatici ma dobbiamo affidarci alla scienza che dice che gli eventi estremi sono le conseguenze di questi cambiamenti e che gli effetti sulla salute sono molto forti».

PRESTO UN PIANO ANTISMOG. Saranno approvate a giorni le linee guida per il piano nazionale di interventi contro lo smog. Lo ha annunciato il ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo, aprendo la Conferenza di Parma su ambiente e salute. Sono due i settori sui quali si concentreranno le misure del piano di qualità dell’aria: trasporti pesanti ed efficienza energica, con particolare attenzione al riscaldamento. «Si tratta - ha detto il ministro Prestigiacomo - di un ventaglio di misure che andranno ad incidere nei settori maggiormente responsabili del Pm 10» un «piano trasversale», ha proseguito il ministro, che impegna i ministeri dello Sviluppo economico, dei Trasporti e dell’Agricoltura e che «necessita di risorse importanti».
La Prestigiacomo ha sottolineato la collaborazione con il ministero della Salute sulle polveri sottili «per una seria informazione ai cittadini». E sulla questione del Pm 10 il ministro ha chiesto «un'analisi qualitativa per individuare quelle parti delle polveri che hanno più effetti negativi sulla salute».

SINERGIA FRA MINISTERI. La Prestigiacomo ha sottolineato l’azione del ministero per il monitoraggio della qualità ambientale nelle scuole, le linee guida messe a punto nell’ambito del Protocollo acqua e salute delle Nazioni Unite per l’adattamento della gestione delle acque agli eventi climatici estremi nelle regioni della Grande Europa e dell’Asia centrale, dove più elevati sono i rischi per la sicurezza dei bambini in caso di inondazioni e alluvioni mentre. Il ministro ha infine riferito che è ancora in corso un programma di biomonitoraggio finalizzato alla valutazione dell’esposizione prenatale e perinatale alle sostanze tossiche persistenti e ai rischi connessi con la salute dei bambini.

FAZIO: "345 BAMBINI MORIRANNO DI INCIDENTE IN TRE GIORNI". Di bambini ci si occupa molto, in questa prima giornata del maxi-vertice. Il ministro della Salute Ferruccio Fazio ha iniziato la sua visita a Parma con una notizia-shock: si stima che «durante i tre giorni della conferenza di Parma moriranno in Europa circa 345 bambini a causa di un incidente». In particolare, ha riferito Fazio, in Italia ogni anno a livello generale, gli incidenti domestici causano almeno 4.500 decessi, 130mila ricoveri ospedalieri e 1,3 milioni di accessi al pronto soccorso. E un bambino di meno di cinque anni rischia cinque volte di più di un adulto. «A più di 20 anni dalla conferenza di Francoforte - ha detto Fazio - sono stati compiuti progressi ma ci sono ancora questioni aperte». Tra queste, il problema dell’inquinamento indoor, il fumo passivo, l’obesità. «Parliamo - ha riferito il ministro - di effetti importanti sulla salute e per questo nel piano nazionale di prevenzione, quella primaria riguarda l'ambiente, dalla sicurezza alimentare all’acqua».

L'ARIA DELLE SCUOLE? PIU' INQUINATA DI QUELLA DELLA STRADA. Ecco una delle prime notizie che emergono dai lavori del vertice mondiale su salute e ambiente di Parma: l'inquinamento si insinua fra i banchi. Nelle aule delle scuole italiane c'è un tasso più alto di aria "malata" rispetto alle trafficate strade cittadine. Pm10 e formaldeide (un gas emesso dagli arredi interni) sono presenti in concentrazioni maggiori in classe che all’aria aperta con rischi di asma e allergie. L’analisi è contenuta nello studio «Qualità dell’aria nelle scuole, un dovere di tutti, un diritto dei bambini», promosso dal ministero dell’Ambiente in collaborazione con il Rec, il Regional Enviironmetal Center di Budapest e presentato alla conferenza.
In particolare sono 13 le scuole italiane osservate in 6 Regioni (Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Lazio, Sicilia e Sardegna) e circa mille gli alunni coinvolti. La fotografia scattata è quella di edifici scolastici piuttosto anziani, circa il 50% è stato costruito prima del 1960, il più vecchio si trova ad Ispra in Lombardia, costruito ai primi del '900 e il più moderno a Roma e risale agli anni '90. In particolare per il Pm10, i valori sono sempre superiori all’interno della scuola per il cumularsi delle polveri sottili esterne derivanti dal traffico a quelle generate all’interno, come il gesso delle lavagne. Le più alte concentrazioni di Pm10 in classe sono state registrate in Piemonte (185 microgrammi m3), le più basse nel Lazio con 35 microgrammi metri cubi.

OLTRE IL 33% DELLE MALATTIE DEI BIMBI E' DOVUTO A FATTORI AMBIENTALI. Più del 33% delle malattie nei bambini al di sotto dei 5 anni è dovuto a fattori ambientali, fattori che sono anche causa del 24% delle malattie e del 23% delle morti nel mondo a livello di popolazione generale. Lo dice un altro studio presentato oggi all'auditorium Paganini, realizzato dall'Oms. In particolare per l’Europa, l’emergenza resta il Pm10: il 92% della popolazione urbana vive in città in cui i limiti raccomandati dalle linee guida dell’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) sono superate. E per i bambini i rischi si chiamano malattie respiratorie (12% della mortalità infantile per tutte le cause e fino al 25% di adolescenti che soffre di malattie legate ad asma e allergie), incidenti stradali e domestici (in Italia un bambino con meno di 5 anni ha un rischio almeno 5 volte maggiore di un adulto di finire ricoverato per incidente domestico) e l’obesità (fino al 30% dei bambini europei tra gli 11 e i 15 anni). 

L'OBESITA' "MINACCIA" I BAMBINI.  Nel suo intervento, il ministro Fazio ha sottolineato anche l'importanza di lottare contro l’obesità dei più piccoli. Lotta che non passa solo attraverso una sana dieta e una tavola di qualità. Serve anche «l'attività fisica» e questa è una delle strategie inserite per affrontare la questione del sovrappeso nel piano nazionale di prevenzione.
«L'attività fisica come medicina», ha detto Fazio, riferendo che è stata inserita nei livelli essenziali di assistenza (Lea) in alcune regioni. Una "medicina" «per evitare l’accumulo di fattori di rischio per la salute», ha spiegato il ministro. E i dati in Europa non sono confortanti. Dal 3 al oltre il 30 per cento dei ragazzi tra gli 11 e i 15 anni sono in sovrappeso e obesi ma oltre il 50% dei ragazzi di 11 anni non pratica sufficiente attività fisica - come energe dallo studio dell’Organizzazione mondiale della sanità Europa presentato a Parma che riguarda 20 anni di salute in Europa - e la proporzione è maggiore tra coloro che hanno 13-15 anni. Fazio ha quindi sottolineato la stretta correlazione ambiente e salute e in ciò «l'eccellente collaborazione tra i ministeriche si occupano delle due materie».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Alberto

    11 Marzo @ 22.09

    Tranquilli, il primo passo per combattere l'inquinamento e lo smog e' la costruzione dell'inceneritore. E viste le dimensioni dell'impianto e la quantitá di rifiuti prodotti a Parma l'impianto e' sovradimensionato. Cosa faranno? Faranno bruciare rifiuti di altre cittá fino alla saturazione dell'impianto facendosi pagare profumatamente. Proviamo a indovinare chi ci guadagnera'.........

    Rispondi

  • Paolo

    11 Marzo @ 15.20

    Scusate, oltre a fare venire i tumori ( http://www.ukhr.org/incineration/kirklees.pdf ) e non lo dico io lo dicono fiore di scienziati in tutto il mondo tranne che in Italia, gli INCENERITORI non termovalorizzano alcunché, perché se dal loro bilancio togliessimo i contributi CIP6 che noi paghiamo per le fonti rinnovabili (ma che ossimoro!!!) sarebbero in perdita economica secca. Amministratori Parmigiani, VERGOGNATEVI!

    Rispondi

  • Mauro

    11 Marzo @ 13.50

    Ecco un'altro bel esempio di facciata, questi pseudo politici non perdono mai l'occasione per mettersi in mostra per cose inutili, parole parole parole fatti zero e noi continuiamo a pagare per il nulla.Meditate gente meditate.

    Rispondi

  • Michele

    10 Marzo @ 19.37

    E L'INCENERITORE in costruzione? vergogna! ma pensate voi che farsa di vertice....e intanto noi paghiamo....

    Rispondi

  • Pietro

    10 Marzo @ 19.23

    Il terrmovalorizzatore dove lo mettiamo? Per funzionare bene deve bruciare pet. La Plastica che brucia sprigiona diossina, se poi ci aggiungiamo che lo vogliono fare viciono ad un industruia Alimentare di importanza modiale. Quando sara Finito vdedrò di acquistare alimenti che provengono da altre parti. Seveso Insegna Bella publicità per la capitale della Food valley

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

DOMENICA 1

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

7commenti

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Chiuso per un giorno il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

12commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

6commenti

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

Pallavolo

La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante a Pratospilla

TENDENZE

Nuovi alimenti: presto i primi prodotti sul mercato. Ma non vedremo i grilli nel piatto

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno