14°

26°

Parma

Ascom e Comune a Barcellona "studiano" i centri commerciali naturali

Ascom e Comune a Barcellona "studiano" i centri commerciali naturali
Ricevi gratis le news
0

Centri commerciali naturali e mercati attrattivi per i negozi della zona: Ascom accompagna il Comune a visitare il modello Barcellona. La delegazione guidata dal presidente dell’ Ascom/Confcommercio Ugo Margini e dal direttore Enzo Malanca ha ospitato una rappresentanza del Comune. Erano presenti il sindaco Pietro Vignali, l’assessore al Commercio Paola Colla e quello all’Urbanistica Francesco Manfredi.

Diversi gli incontri con esponenti del Comune di Barcellona e con le associazioni che gestiscono le assi commerciali, quelle che in Italia sono conosciuti come Centri commerciali naturali. Nella città catalana, modello europeo di buona gestione del commercio, ci sono infatti 24 aree commerciali (di cui 19 Centri naturali) e 46 mercati (di cui 40 alimentari). Di questi mercati, 19 sono stati recentemente riqualificati o ristrutturati, con investimenti totali per 50 milioni di euro. “Barcellona ha scelto la terza via, alternativa ai centri commerciali in periferia e ai negozi di vicinato in centro”, ha spiegato alla delegazione il dirigente del Comune di Barcellona Fernando Gonzales. La strategia è avere attrattori come mercati e supermercati nel cuore della città, tipologie, costruite spesso all’interno di contenitori vuoti, che diventano motivo di attrazione per i negozi limitrofi.

“Quando negli anni Novanta è scoppiata la crisi – dice Gonzales – ci siamo chiesti cosa fare. Abbiamo puntato sui mercati e sui supermercati quali motori del commercio, ricettori sociali ed economici, ed abbiamo vinto la scommessa”. Un po’ quello che avverrà per la Ghiaia, che dovrà essere un attrattore per buona parte del centro storico.

I centri commerciali naturali
L’idea a Parma è già allo studio da alcuni anni ed è quella di creare un’associazione fra una serie di negozi “vicini” e farli comportare come se fossero all’interno di un centro commerciale. Una sorta di unione che fa la forza, dove tutto viene fatto insieme: le iniziative, le promozioni, l’assistenza. Con il risultato di una riduzione delle spese e un aumento della fidelizzazione e del commercio. Una strategia accompagnata da interventi in campo viabilistico e urbano. A Barcellona sono 19 i centri commerciali naturali, fra i più importanti c’è quello di Sant’Andrea, un distretto alla periferia di Barcellona con 150mila abitanti. Qui è stata creata una società di gestione finanziata dai commercianti. A capo c’è Joan Mateu, che spiega come “i 200 associati discutano su tutto, dalle iniziative ai regolamenti, dai contratti con le banche per ottenere i migliori finanziamenti possibili fino agli interventi dei lavori pubblici”. In questo senso la caratteristica di Sant’Andrea sono le “zone 30”, dove i protagonisti sono i pedoni e le biciclette mentre le macchine hanno un’asse stradale ridotto che li costringe, anche, a velocità contenute. La società di gestione, poi, organizza altri servizi come la spesa a domicilio e i baby parking, spazi vicino ai negozi dove i genitori lasciano i bambini durante la spesa. Quindi feste e momenti di incontro anche promozionali: “E la gente è contenta – spiega Mateu – perché c’è vita, c’è socialità e quindi maggiore sicurezza fra le strade”. Banalità? Forse, ma i numeri dicono che in dieci anni le visite ai negozi del distretto sono passate da 9 a 19 milioni.

Santa Caterina
E’ un mercato esclusivamente alimentare con dentro anche pubblici esercizi, un ristorante e punti degustazione. E’ uno dei tanti motori del centro di Barcellona, siamo vicinissimi alla Sagrada Familia, con 75 banchi che espongono carne, pesce, polleria, frutta, verdura, salumi e altra merce alimentare. Il concetto è quello di integrarsi perfettamente con l’esterno dove invece si vendono prodotti “secchi”. Anche per questo mercato, che assomiglia tanto alla Ghiaia se non altro perché è luogo di incontro e di commercio, perché è stato appena ristrutturato, perché è sormontato da una vela, perché ha i punti di carico e scarico nel piano interrato e perché è valorizzato alla sua estremità da alcuni reperti romani, i risultati hanno dato ragione a chi, alcuni anni fa, ha puntato alla sua ristrutturazione. Il mercato è tecnologicamente attrezzato con il wi-fi, organizza feste, eventi eno-gastronomici, anche con cuochi famosi, e fa della responsabilità sociale (educazione alimentare, raccolta differenziata) un motivo di orgoglio e di promozione.

Il sindaco Pietro Vignali giudicato l'esempio di Barcellona come una “realtà interessante che conferma il percorso intrapreso dalla nostra Amministrazione e che si concretizzerà nei prossimi mesi con progetti condivisi fra commercianti e istituzioni a sostegno della vivibilità, della socialità, della sicurezza e dell’economia della città”. Il presidente di Ascom Ugo Margini spiega l’importanza della “conoscenza e dell’informazione come premessa di ogni scelta. Questa è la molla che ha spinto il viaggio di studio, per vedere e toccare con mano un’eccellenza europea in cui si riscontrano sinergie tra pubblico e privato, con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita della città”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nadia Toffa per la prima volta senza parrucca

social network

La prima volta di Nadia Toffa senza parrucca: selfie con la mamma

Swinging Ballroom Closing Party: ecco chi c'era alla festa

FESTE

Swinging Ballroom Closing Party: ecco chi c'era alla festa Foto

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

manifestazione

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

LA MOSTRA

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

Lealtrenotizie

Operazione antidroga a Parma: cinque arresti

polizia

Operazione antidroga a Parma: cinque arresti

VIA SIDOLI

Scende dall'autobus: 83enne assalita e rapinata

FURTI

Notte di raid nelle assicurazioni: cosa cercavano i ladri?

2commenti

Addio

Giancarlo Bonassi, l'antesignano delle guide turistiche

L'agenda

"Nel segno del giglio" e non solo: un sabato tra dischi in vinile, libri e musica

Tribunale

Picchia e perseguita la fidanzata: condannato a due anni

SALSO

Elezioni, spunta una nuova lista civica: Salso Futura

Busseto

Rapina alla Banca popolare di Lodi, due condannati

Cooperativa Molinetto

Un viaggio in Islanda per coronare un sogno

Intervista

Franconi Lee: «Tosca al Regio come un thriller di Hitchcock»

via zanardelli

Il pensionato e l'officina in nero: sequestro e multa da 10mila euro Video

8commenti

carabinieri

Colpì il giardiniere a badilate: arrestato commerciante di Langhirano

1commento

FATTO DEL GIORNO

Strattonano un'anziana, la fanno cadere e la rapinano alla fermata del bus

2commenti

PARMA

Un logo per la Barilla, concorso al Toschi: ecco le studentesse premiate Foto

Un concorso per premiare i dipendenti con 25 anni di anzianità in azienda

polizia

Aggressione nella notte in via D'Azeglio

1commento

segnalazione

San Leonardo, bossoli di arma da fuoco sul marciapiede

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La crisi e l'alibi del voto regionale

di Luca Tentoni

NOSTRE INIZIATIVE

"Il terzo giorno": la mostra in 8 pagine speciali

ITALIA/MONDO

MUSICA

Il produttore e dj svedese Avicii è stato trovato morto in Oman: aveva 28 anni Foto

Genova

Cinque Terre, misteriosa macchia bianca in mare

SPORT

impresa

Scialpinismo: record italiano alla Patrouille des glaciers

MOTOGP

Austin: Iannone il più veloce. Quarto Rossi

SOCIETA'

GAZZAFUN

“La morta in Tär" e le belle storie in dialetto: rispondi al nostro quiz

usa

"Carrie" tifa per l'amica "Miranda" governatrice di New York

MOTORI

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover

NOVITA'

Audi A7 Sportback: linea da coupé, qualità da ammiraglia