19°

Parma

I Nostri Borghi: "Centro storico sempre meno sicuro"

I Nostri Borghi: "Centro storico sempre meno sicuro"
Ricevi gratis le news
14

 

 «Bronx? No, centro storico di Parma»: così inizia la lettera dif­fusa ieri dall'associazione «I No­stri Borghi» sulla recente ag­gressione ai danni di tre univer­sitari, avvenuta in via Saffi, una zona centrale della città e vicina all'ateneo.
  «Una cena con gli amici finita malissimo è l'ennesimo episodio che rende il centro storico di Par­ma, ma forse tutta la città, luogo sempre meno sicuro e tranquil­lo. continua il presidente del l'associazione, Fabrizio Pallini ­Non ci sono orari strani, era mez­zanotte, nè luoghi ameni, siamo in via Saffi, per trovare delle scu­se plausibili che rendano meno amaro l'episodio brutale che ha coinvolto tre studenti universi­tari, colpevoli di cenare con ami­ci in centro, alla fine del mese di febbraio. La loro passeggiata verso l'auto, parcheggiata in via­le Mentana, si è trasformata in un incubo, in cui sono entrati tre immigrati ubriachi».

«Fortuna­tamente - continua Pallini - non si parla di danni irreparabili, ma certo il segno forte nell'animo rimarrà dentro a questi nostri ospiti, a Parma per frequentare l'università. Questa volta le in­dagini serrate e silenziose hanno dato i loro frutti e gli energumeni sono stati infine consegnati alla giustizia».
  Secondo «I Nostri Borghi», «è la Parma di oggi che in certi angoli del centro è conquistata da bande in cerca di alcol che si fronteggiano quasi ogni sera. Ac­cade ormai di continuo, e gli abi­tanti ne sono i testimoni ama­reggiati e sconfitti".

L'articolo completo sulla Gazzetta di Parma oggi in edicola
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • PAOLO MORETTI

    20 Marzo @ 02.02

    Quando io scrivevo all onerovele Rcco Caccavari 10 anni fa di cosa sarebbe successo,sapete quale fu la risposta?Che se continuavo inviare mail allacamera dei deputati sarei stato denunciato! Adesso a distanza di 10 ani godoooooooo,a vedere che tutto quello che avevo previsto si sta avverando.Midispiace molto vdervi ridotti cosi,poveri italiani e PARMIGIANI.

    Rispondi

  • gianluca

    19 Marzo @ 21.20

    Propongo di non commentare più gli interventi del signor Mauro, in quanto sono solo provocatori e vogliono solleticare i cosidetti "razzisiti". D'altro canto che commenti possiamo fare ad una persona che giustifica un atto di violenza come il frutto di un mancato inserimento nella società? Nessun commento, si sta zitti e si isola. Fine.

    Rispondi

  • nicola

    19 Marzo @ 18.57

    Qualche anno fa, ma si parla di almeno 25 o più anni, si discuteva del disarmo nucleare, si discuteva del disarmo di tutti gli stati e si credeva nella bontà del prossimo, che una volta visto che eri disarmato, non ti avrebbe sparato ma a sua volta avrebbe deposto le armi nella speranza o certezza di un mondo futuro senza armi. Allora io ero per l'esercito e ne difendevo la necessità. Non solo. Credevo nel valore civico di una Riserva, declinata financo in protezione civile, ma da utilizzarsi anche per casi di ordine pubblico. Eri un fascista, se la pensavi così. Ora mi chiedo se Parma, i suoi cittadini, animati da alto senso civico, gelosi e orgogliosi delle proprie abitudini e tradizioni, così come i nuovi parmigiani provenienti dalle più disparate aree del mondo, magari che non hanno ancora imparato il dialetto ma tuttavia apprezzanti lo stile di vita, il rispetto della persona, la possibilità di lavoro e quindi integrati in questo tessuto sociale, non indosserebbero la divisa per difendere la propria casa, i propri figli, il proprio diritto ad un'esistenza tranquilla. Sempre i soliti, dicevano e ancora dicono: via l'esercito italiano da tutti i posti; esercito sì ma per difesa; e via con le bandiere con la scritta PACE, e se non eri d'accordo, ancora una volta eri un fascista. Ora si tratta di difesa delle proprie case, dei suoi abitanti, delle nostre abitudini. Possiamo usare le mani (non i fucili, per carità), per fermare questo sfacelo? Possiamo scendere in strada e cercare di arginare questa dilagante ed incontrollata violenza? Vogliamo dare alle forze dell'ordine la soddisfazione di mandare a quel paese con biglietto solo andata, coloro che delinquono e che sono costati a loro sforzi, sofferenze e frustazione? quale percentuale di ferite, contusioni, tentati stupri, risse, pestaggi, dobbiamo raggiungere per voltare pagina e dare finalmente la giusta pena a chi delinque? In altri paesi, presi spesso ad esempio per la loro civiltà, lo si fa da un pezzo. In Italia no. A meno che, tutto ciò non sia un disegno -tutt'altro che divino, tutt'altro che sociale- di cui ci sfuggono i tratti nebulosi e ancor più la mano che stretta stringe la matita. Se così fosse, allora è meglio tornare a parlare di calcio e di politica.

    Rispondi

  • CLAUDIO

    19 Marzo @ 17.19

    SOLUZIONE MOLTO SEMPLICE ; CALCI NEL CULO ALLE PERSONE CHE NON RISPETTANO GLI ALTRI, ITALIANI E STRANIERI ,NESSUNA DIFFERANZA. PERSONALMENTE SONO RAZZISTA CON GLI IMBECILLI,QUELLI NON HANNO UNA NAZIONALITA' PARTICOLARE,NASCONO D'APPERTUTTO. I BORGHI VANNO SALVATI TUTELANDO LE PERSONE SERIE CON INIZIATIVE DI CONTROLLO DEL TERRITORIO E TUTELA DA PARTE DELLA POLIZIA E DEI CARABINIERI. POTREBBERO ILLUMINARE DI PIU' LA ZONA E METTERE TELECAMERE AD OGNI ANGOLO,LE SOLUZIONI CI SONO ,MA VANNO ADOTTATE CON INTELLIGENZA. E UNA COSA FONDAMENTALE (PIU LICENZE AGEVOLATE PER I RESIDENTI) BASTA CON NEGOZI CHE NON HANNO NULLA A CHE VEDERE CON LA NOSTRA TRADIZIONE. 20 ANNI FA NON ESISTEVANO QUESTI PROBLEMI....CHISSA'PERCHE'????

    Rispondi

  • pier luigi

    19 Marzo @ 15.58

    Giusto Vercingetotige, adesso tocca ai parmigiani, l'aria si stà 'aprendo', i lavori della ghiaia procedono sono lì da vedere, l'illuminazione è adatta a richiamarci in strada. La tradizione ci portava in attesa della Pasqua a 'visitare le chiese nella sera del Giovedì Santo, era la tradizione e non è colpa del 'comune' se adesso i parmigiani abitano 'fuori porta' in maggioranza. Aggregazione in ghiaia? certo tornerà un centro che favorirà il ritrovarsi per gli acquisti e per due chiacchiere e sentiremo ancora i vari 'dialetti' sperando che rimanga in prevalenza il nostro.Per quanto riguarda l'ospedale vecchio se volete mantenerlo per quello che è tenetelo pure sarebbero soldi risparmiati e lavoro in mento per operai e quanto altro, siamo andati avanti così per quarant'anni e più. Mettevano sulla carta progetti che mai realizzavano e mi ripeto colpa loro tutto il traffiso di via sidoli corre intorno al petitot e ponte Italia (e per fortuna che c'è la circonvallazione altrimenti vedremmo in queste strade i tir.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Via Europa, il cantiere provoca il caos

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

All'Esselunga di via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno