12°

26°

Parma

Stop alla metropolitana coda di polemiche sul decreto del governo

Ricevi gratis le news
0

 Dopo lo stop alla metro, fioccano  prese di posizione, con tanto di repliche e  polemiche sul decreto del governo.

I dubbi di Pagliari
«Il punto è centrale e pericoloso». Il capogruppo del Pd in consiglio comunale, Giorgio Pagliari, interviene sul caso metrò.  «Il fatto che nel decreto ci sia scritto che il finanziamento residuo, ovvero 60/70 milioni di euro, “può” - e non “deve” -  essere destinato a Parma - continua Pagliari -  significa che quei soldi non sono certi:  insomma, non è detto che arriveranno,  e in caso positivo non è detto che arriveranno integralmente. Tutto è lasciato alla discrezione del ministero dell'Economia».  Secondo Pagliari, a questo punto, il Comune dovrebbe  fare in modo che «in sede di conversione (nei prossimi due mesi il parlamento è  chiamato a trasformare il decreto in legge, ndr)  vengano apportate le   giuste modifiche per evitare che un cavillo giuridico possa ritorcersi contro Parma.  E quindi ritengo  che alla prima riunione utile il Consiglio comunale sia chiamato ad una presa di posizione ufficiale. Serve un ordine del giorno in cui si chieda di modificare il decreto scrivendo che la quota di finanziamento statale “è devoluta integralmente  su richiesta dell'ente pubblico territoriale di riferimento”, ovvero il Comune di Parma». Quanto  al finanziamento, Pagliari ritiene che debba essere utilizzato «per un progetto legato alla mobilità pubblica: mi auguro che non si facciano operazioni a pioggia che non servono a nessuno, e men che meno  interventi per  risanare il bilancio». Il giorno dopo le dichiarazioni rilasciate dal sindaco Pietro Vignali alla «Gazzetta», Pagliari prende atto che «il primo cittadino finalmente ammette le criticità  che abbiamo sempre messo in luce: mi riferisco al fatto che si trattava di un'infrastruttura sovradimensionata, che presentava problemi di natura tecnica e  senza un rapporto costi-benefici. Bene,  rispetto a tutto questo oggi il sindaco ci dà ragione».
La replica di Zannoni
 «Sarebbe sufficiente  leggere il decreto 40/2010 del Governo in maniera non strumentale, per capire che viene usata la parola “può” al posto di “deve” perché, come Pagliari ben sa,  per l’erogazione del finanziamento è necessaria una  richiesta del Comune. Cosa che il Comune farà appena i tempi tecnici lo consentiranno». Così risponde il capogruppo di Impegno per Parma Gianfranco Zannoni. «Ringraziamo per i consigli, ma se in questi anni avessimo seguito le indicazioni del Pd, nulla di quanto è stato fatto in città avrebbe visto la luce e anche questi 70 milioni avrebbero preso altre vie. Bisogna invece riconoscere che in anche in questa occasione l’Amministrazione ha agito con senso di responsabilità»
Stopmetro: nostra vittoria
«Si è finalmente concluso il lungo iter della Metropolitana di Parma. L'opera, che da anni contestiamo, non si farà piú. Abbiamo, quindi, vinto noi!». Così inizia il comunicato di Stopmetro. «A cosa è dovuto questo repentino cambio d'opinione? Ci piace pensare che  sia merito nostro, o anche merito nostro. L'insistente e costante opera di  informazione, ma anche i numerosi esposti nelle opportune sedi  istituzionali, avevano scoperto tante delle menzogne che si celavano dietro il progetto MetroParma. Forse firmare quel progetto, con quelle cifre, era  diventata una responsabilitá ingombrante anche per il Sindaco.  In ogni caso, abbiamo vinto. Ora in tanti diranno che avevamo ragione,  altri che siamo stati fortunati, altri chiameranno in causa la crisi economica.  Resta il fatto che StopMetro, per primo, da sempre, ha contrastato l'opera  con ogni mezzo. Per questo di può dire che è una vittoria di un metodo, è  la vittoria di un movimento, è la vittoria di StopMetro».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Traversetolo: calici e musica sul tramonto

FESTE PGN

Traversetolo: calici e musica sul tramonto Foto

Morto Vinnie Paul, batterista e co-fondatore Pantera

musica

E' morto Vinnie Paul, batterista dei Pantera

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon  Gallery

newcastle

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

CHICHIBIO

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Ladri scatenati a Felino, settimana di furti in paese

12Tg Parma

Ladri scatenati a Felino: settimana di furti in paese

CALCIO

Asprilla, Veron, Apolloni e gli altri: la giornata "Parma Legends" al Tardini Foto

La partita è finita 5-2

SORBOLO

Si sente male in casa, salvato da sindaco e carabinieri Video

PARMA

Lauryn Hill entusiasma la Cittadella: le foto della serata

agenda

E' il sabato di San Giovanni, ecco tutte le tortellate (e non solo)

LUTTO

Addio a Benecchi, storico oste di borgo dei Grassani

3commenti

PARMA CALCIO

Caso sms, la rabbia di Lucarelli: "Danno pesantissimo all'immagine del club" Video

1commento

PARMA

Spaccio in Oltretorrente, i residenti: "Chiediamo l'identificazione dei clienti" Video

7commenti

Processo

Public money, le difese: «Assolvete Costa e Villani»

3commenti

brescello

Spray urticante in faccia al venditore per non pagare l'iPhone: in carcere 26enne

Il giovane aveva risposto a un annuncio online

Ambiente

Le Guardie ecologiche: «Non possiamo più tutelare la natura come prima»

2commenti

BORGOTARO

Addio a Maria Rosaria Brugnoli, colonna del volontariato

PARMA

Proges, positivo il bilancio 2017. Michela Bolondi alla presidenza

Traversetolo

Musulmani, la polemica sul cambio di sede

1commento

Collecchio

Rompono i vetri ma nell'auto non c'è niente

1commento

BEDONIA

Addio alla maestra Maria Luisa Serpagli

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Censimento dei rom e schedature più urgenti

di Filiberto Molossi

5commenti

EDITORIALE

Contro il Parma il più assurdo dei processi

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

LUBIANA

Il corpo trovato in un fiume in Slovenia è di Davide Maran, 26enne di Ferrara

cattolica

Ceffone al figlio che fuma uno spinello: padre denunciato

SPORT

FORMULA UNO

Mercedes davanti a tutti: non è solo questione di gomme

calcio

Mondiali, Puyol censurato dalla tv iraniana: ha i capelli lunghi

SOCIETA'

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

Piacenza

Capriolo incastrato fra le sbarre: lo liberano i vigili del fuoco Video

MOTORI

MOTORI

Hyundai i20: restyling di sostanza

RESTYLING

La nuova Jeep Renegade in 5 mosse