17°

28°

Parma

Editoriale - Vogliamo le riforme non le elezioni

Ricevi gratis le news
2

di Giuliano Molossi

Voglia di elezioni, titola a tutta pagina, a caratteri cubitali, «Il Giornale». Chi vuole le elezioni? Feltri? Bossi? Berlusconi? Può darsi, dopo il terremoto politico provocato dalla rivolta di Gianfranco Fini. Ma una cosa è sicura: le elezioni non le vuole la gente. Nemmeno quelli che votano il centrodestra, nemmeno i leghisti.
La gente chiede a gran voce un'altra cosa: le riforme. Quelle riforme promesse dal presidente del Consiglio, a Parma, appena due settimane fa al convegno di Confindustria. C'è bisogno di ricordarlo? Tagli alla spesa pubblica, diminuzione delle tasse e snellimento del sistema fiscale, federalismo, più soldi per ricerca, innovazione e infrastrutture. Abbiamo davanti a noi tre anni senza elezioni, il governo non ha più alibi, aveva detto la Marcegaglia al premier. In pochi giorni, è cambiato tutto. L'alibi oggi può essere Fini. Se la maggioranza non riuscisse a marciare spedita come vorrebbe, Bossi potrebbe aver la tentazione di staccare la spina. Il governo non vuole essere logorato dall'ostruzionismo, o peggio dal boicottaggio, dei parlamentari rimasti fedeli a Fini, non può rischiare di andar sotto a ogni votazione. Fini, riferisce Bondi, ha promesso scintille alla Camera fin dai prossimi giorni. Nel suo ruolo di presidente, se vuole, ha i mezzi per mettere i bastoni fra le ruote a Pdl e Lega. Uno dei suoi deputati ha detto al «Riformista»: «La nostra strategia è stancarli, sfinirli. E non sarà difficile». Ma subito è arrivata la risposta: al primo impiccio che ci creano, si apre la crisi e si va a votare.
Non è così scontato che il banco salti al primo giro. Fini è abile e intelligente, valuterà le mosse da fare con la pazienza e l'attenzione di un bravo scacchista. Potrebbe rivelarsi meno incendiario del previsto. Più cauto, più riflessivo. Dimostrando, ad esempio, lealtà verso un programma di governo che lui stesso ha condiviso, anche se, dopo il durissimo scontro con Berlusconi alla direzione del Pdl, nulla sarà più come prima. La sparuta pattuglia di parlamentari finiani rivendicherà ad ogni piè sospinto il diritto al dissenso, farà le pulci ai provvedimenti poco graditi, come quelli in arrivo sulla giustizia e sul testamento biologico.
Ma la vera sfida si giocherà sul federalismo fiscale, che per la Lega è la madre di tutte le battaglie. Sarà qui che vedremo se la maggioranza riuscirà a reggere, a costo di mediare e di individuare una soluzione che vada bene a tutti. Ci sarà da far i conti anche con gli umori di Bossi, che un giorno strilla per farsi sentire dai suoi («Siamo dinanzi al crollo verticale del governo e probabilmente alla fine dell'alleanza con il Pdl»), e il giorno dopo corregge, sfuma, frena.
Non dovremo attendere molto per sapere come andrà a finire. Per capire quali sviluppi potrebbe avere lo scontro nella maggioranza sarà interessante vedere quel che dirà Fini oggi pomeriggio su Rai3, ospite di Lucia Annunziata e martedì a Ballarò. Farà il piromane o il pompiere?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Matteo

    25 Aprile @ 10.13

    Nei prossimi tre anni questo governo, come al solito, non potrà mantenere le promesse fatte ai suoi elettori. Del resto anche nei primi due anni della legislatura non è stato fatto niente di quello promesso, in parte per la sfavorevole congiuntura economica, ed in parte perché occupato a tamponare le questioni giudiziare personali del presidente del consiglio. Anche oggi in TV il ministro dell'economia Tremonti ha annoverato il resoconto del FMI sullo stato del debito italiano tra i successi del Governo Berlusconi, dimenticando che per raggiungere questo obbiettivo il loro programma elettorale (dimunuizione della pressione fiscale, aiuto alle famiglie, aiuti alle imprese ecc. ecc.) non è stato affatto attuato. Il federalismo fiscale, come riconosciuto da tutti gli economisti, richiederà, almeno all'inizio, non poche risorse economiche, sarei curioso di sapere da dove Tremonti le ricaverà. Per questi motivi non credo che le elezioni politiche anticipate siano così remote nella mente dei nostri attuali politicanti ai quali dei problemi della gente non interessa molto. Bisognerebbe smettere di votare questi politici, ripristinando la possibilità di scegliere i nostri rappresentanti e svecchiando le aule del parlamento (aule che potrebbero essere ridotte ad una).

    Rispondi

  • w l'italia

    25 Aprile @ 10.03

    Si si 3 anni di stabilità e riforme...Ah ah ah e questi sono uomini al servizio del paese? che lavorano esclusivamente per l'interesse della nazione? Con questo non voglio accusare ne fini ne la lega ne berlusconi ne l'opposizione (questi ultimi men che meno ... non stanno facendo niente) Ogni paese ha la classe politica che si merita

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Da Dua Lipa al figlio Matteo: un album ricco di duetti per Andrea Bocelli

MUSICA

Da Dua Lipa al figlio Matteo: un album ricco di duetti per Andrea Bocelli

Belen Iannone

VIP

Belen ha lasciato Iannone: sul web impazza il gossip

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale

Ecco i progetti annunciati dal Comune

PARMA

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

LAGASTRELLO

Un fungaiolo cade in un dirupo e muore fra il Parmense e la Lunigiana

Il recupero del corpo è difficile, perché si trova in una zona impervia

PARMA

Riporta il carrello dopo la spesa e la borsa sparisce dall'auto: denunciato un 29enne

INCIDENTE

Auto sbanda e finisce contro un albero: muore un 69enne a San Polo d'Enza

Montechiarugolo

E' morto Mino Bruschi, fu psicoterapeuta nella clinica di Monticelli

Fidenza

Audi nel mirino dei ladri: da una rubato anche il volante

INCIDENTE

Ciclista investito in via Langhirano

INCIDENTI

Auto incastrata sotto un camion in Autocisa: muore una donna

Felino

Incendio di Poggio Sant'Ilario: Mohon condannato a dieci anni

MOBILITA'

In bici sulla pista ciclabile numero 4, tra buche e lampioni

6commenti

SIVIZZANO

Addio all'imprenditore Romano Schiappa

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

PARMA

Ponte Romano, sopralluogo in vista dell'inaugurazione Foto

calcio

Riecco Ciciretti

STORIA

C'era una volta Parma sul tram (e sui primi bus): inaugurato l'Archivio storico Tep Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le Olimpiadi dei litigi nel Paese dei campanili

di Aldo Tagliaferro

3commenti

FATTO DEL GIORNO

Parma Europa, lo sport, "Parma-Reggio A/R" e altri programmi: ecco come cambia 12 TvParma

ITALIA/MONDO

OMICIDIO-SUICIDIO

Uccide la madre e si getta da un ponte nel Reggiano

CULTURA

E' morta Inge Feltrinelli, aveva 87 anni

SPORT

Calciomercato

Inter, vicino il rinnovo di Icardi

CHAMPIONS

La Juve in dieci stende il Valencia. Roma travolta dal Real

SOCIETA'

McDonald’s

Il Big Mac compie 50 anni: nacque dall'idea di un italoamericano

bergamo

15enne scopre dopo un anno che dall'altra parte della chat erotica c'è il papà

5commenti

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design