10°

23°

Parma

Editoriale - Vogliamo le riforme non le elezioni

Ricevi gratis le news
2

di Giuliano Molossi

Voglia di elezioni, titola a tutta pagina, a caratteri cubitali, «Il Giornale». Chi vuole le elezioni? Feltri? Bossi? Berlusconi? Può darsi, dopo il terremoto politico provocato dalla rivolta di Gianfranco Fini. Ma una cosa è sicura: le elezioni non le vuole la gente. Nemmeno quelli che votano il centrodestra, nemmeno i leghisti.
La gente chiede a gran voce un'altra cosa: le riforme. Quelle riforme promesse dal presidente del Consiglio, a Parma, appena due settimane fa al convegno di Confindustria. C'è bisogno di ricordarlo? Tagli alla spesa pubblica, diminuzione delle tasse e snellimento del sistema fiscale, federalismo, più soldi per ricerca, innovazione e infrastrutture. Abbiamo davanti a noi tre anni senza elezioni, il governo non ha più alibi, aveva detto la Marcegaglia al premier. In pochi giorni, è cambiato tutto. L'alibi oggi può essere Fini. Se la maggioranza non riuscisse a marciare spedita come vorrebbe, Bossi potrebbe aver la tentazione di staccare la spina. Il governo non vuole essere logorato dall'ostruzionismo, o peggio dal boicottaggio, dei parlamentari rimasti fedeli a Fini, non può rischiare di andar sotto a ogni votazione. Fini, riferisce Bondi, ha promesso scintille alla Camera fin dai prossimi giorni. Nel suo ruolo di presidente, se vuole, ha i mezzi per mettere i bastoni fra le ruote a Pdl e Lega. Uno dei suoi deputati ha detto al «Riformista»: «La nostra strategia è stancarli, sfinirli. E non sarà difficile». Ma subito è arrivata la risposta: al primo impiccio che ci creano, si apre la crisi e si va a votare.
Non è così scontato che il banco salti al primo giro. Fini è abile e intelligente, valuterà le mosse da fare con la pazienza e l'attenzione di un bravo scacchista. Potrebbe rivelarsi meno incendiario del previsto. Più cauto, più riflessivo. Dimostrando, ad esempio, lealtà verso un programma di governo che lui stesso ha condiviso, anche se, dopo il durissimo scontro con Berlusconi alla direzione del Pdl, nulla sarà più come prima. La sparuta pattuglia di parlamentari finiani rivendicherà ad ogni piè sospinto il diritto al dissenso, farà le pulci ai provvedimenti poco graditi, come quelli in arrivo sulla giustizia e sul testamento biologico.
Ma la vera sfida si giocherà sul federalismo fiscale, che per la Lega è la madre di tutte le battaglie. Sarà qui che vedremo se la maggioranza riuscirà a reggere, a costo di mediare e di individuare una soluzione che vada bene a tutti. Ci sarà da far i conti anche con gli umori di Bossi, che un giorno strilla per farsi sentire dai suoi («Siamo dinanzi al crollo verticale del governo e probabilmente alla fine dell'alleanza con il Pdl»), e il giorno dopo corregge, sfuma, frena.
Non dovremo attendere molto per sapere come andrà a finire. Per capire quali sviluppi potrebbe avere lo scontro nella maggioranza sarà interessante vedere quel che dirà Fini oggi pomeriggio su Rai3, ospite di Lucia Annunziata e martedì a Ballarò. Farà il piromane o il pompiere?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Matteo

    25 Aprile @ 10.13

    Nei prossimi tre anni questo governo, come al solito, non potrà mantenere le promesse fatte ai suoi elettori. Del resto anche nei primi due anni della legislatura non è stato fatto niente di quello promesso, in parte per la sfavorevole congiuntura economica, ed in parte perché occupato a tamponare le questioni giudiziare personali del presidente del consiglio. Anche oggi in TV il ministro dell'economia Tremonti ha annoverato il resoconto del FMI sullo stato del debito italiano tra i successi del Governo Berlusconi, dimenticando che per raggiungere questo obbiettivo il loro programma elettorale (dimunuizione della pressione fiscale, aiuto alle famiglie, aiuti alle imprese ecc. ecc.) non è stato affatto attuato. Il federalismo fiscale, come riconosciuto da tutti gli economisti, richiederà, almeno all'inizio, non poche risorse economiche, sarei curioso di sapere da dove Tremonti le ricaverà. Per questi motivi non credo che le elezioni politiche anticipate siano così remote nella mente dei nostri attuali politicanti ai quali dei problemi della gente non interessa molto. Bisognerebbe smettere di votare questi politici, ripristinando la possibilità di scegliere i nostri rappresentanti e svecchiando le aule del parlamento (aule che potrebbero essere ridotte ad una).

    Rispondi

  • w l'italia

    25 Aprile @ 10.03

    Si si 3 anni di stabilità e riforme...Ah ah ah e questi sono uomini al servizio del paese? che lavorano esclusivamente per l'interesse della nazione? Con questo non voglio accusare ne fini ne la lega ne berlusconi ne l'opposizione (questi ultimi men che meno ... non stanno facendo niente) Ogni paese ha la classe politica che si merita

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

A Fidenza i party cult Foto

PGN FESTE

A Fidenza i party cult Foto: ecco chi c'era 

Grande Fratello, soddisfazione a Canale 5: "Esordio da incorniciare"

TELEVISIONE

Grande Fratello, Canale 5: "Esordio da incorniciare" Foto: la casa

Yanchen Gar  2 -  Filippo Chiesa

ARTE

"Yarchen Gar", il corto di Filippo Chiesa premiato a Los Angeles

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

IL VINO

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Parco del Dono, abitanti contro migranti

Polemica

Parco del Dono, abitanti contro migranti

13commenti

DISASTRO COLPOSO

Alluvione, chiesto il rinvio a giudizio di Pizzarotti

10commenti

L'INCHIESTA

Maxi frode, via agli interrogatori di garanzia

PARMA

Trovata una bicicletta: di chi è?

La polizia municipale pubblica la foto su Twitter

PROGETTO

Esselunga, formazione per nuove assunzioni

mezzani

Rems più sicura: dopo la fuga di Solomon saranno alzate le recinzioni

1commento

SERIE B

Parma: stop anche per Dezi

2commenti

Varese Ligure

Comune vs parroco: la "guerra" di don Sandro, podista per protesta

Montecchio

«Nuvola», morta la maestra paladina della natura

Sala

Colpi a raffica: rubati soldi, gioielli e una banana

droga

Cocaina per oltre 1500 euro nascosta nelle scarpe: arrestato un 23enne

9commenti

PROSCIUTTO

Inchiesta sulle Dop, sospesi i certificatori. Il Consorzio: "Produttori parte lesa"

Decisione del ministero: stop per 6 mesi e impegno a correzioni

2commenti

FINANZA

Maxi frode dei malati immaginari, ecco tutti i nomi e le accuse Video

11commenti

sorbolo

Incastrato per il furto al bar. Ma nello zaino aveva anche altri bottini: di chi sono?

arresto

Ubriaco, danneggia sei auto parcheggiate e poi si scaglia contro i carabinieri

4commenti

tg parma

Sergio Romano al Collegio Europeo: "In Siria vittoria russa" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Guerre, sete, matrimoni e calci di rigore

di Michele Brambilla

CONSIGLI

Formazione e specializzazione: le armi vincenti per trovare lavoro

ITALIA/MONDO

LUCCA

Minacce e offese al professore: indagati 3 minorenni Il video

2commenti

INGV

Terremoto: lieve scossa a Reggio Emilia

SPORT

Calcio

E Simy fa Ronaldo

MOTOMONDIALE

Gp delle Americhe: Marquez e Rossi verso il prossimo round?

SOCIETA'

SALUTE

Dall'analisi del sangue la diagnosi precoce per il tumore al polmone

l'intervista

Isabella Rossellini: "Io stuprata, ma è tardi per denunciare"

1commento

MOTORI

MOTORI

Mahindra KUV100, il city Suv che non ti aspetti

AUTO

Scaduto l’obbligo di pneumatici invernali: è ora del cambio stagionale