14°

27°

Parma

Michelotti: dall'Oltretorrente agli stadi di tutto il mondo

Michelotti: dall'Oltretorrente agli stadi di tutto il mondo
Ricevi gratis le news
6

Alberto MIchelotti sta per compiere 80 anni. Un compleanno da celebrare, anche con un libro: «Dirige Michelotti da Parma. Vita e passioni di un grande arbitro» di Claudio Rinaldi, con prefazione di Gianni Mura (Mup editore, 272 pagine), sarà in vendita con la «Gazzetta», in anteprima nazionale, da sabato prossimo al prezzo speciale di € 9 ,90.

Stasera puntata speciale a Bar sport

Gabriele Balestrazzi

«Dirige Miche­lotti da Par­ma » titola il libro, rie­cheggiando la formula classica degli alto­parlanti allo stadio e degli in­viati attraverso le radioline, quando il calcio in diretta do­menicale era solo «Tutto il cal­cio minuto per minuto» e quel­l'arbitro era il «signor» Miche­lotti da Parma (o il signor Lo Bello da Siracusa e così via). E fin da subito, pagina dopo pa­gina, si scopre che in quel «di­rige », e nel lungo salto di Al­berto Michelotti dall'umile ma orgogliosa miseria dell'Oltretor­rente parmigiano ad una fama mondiale, c'è una storia quasi toscaniniana, con un fischietto al posto della bacchetta.

Quel pugno al centravanti

C'è anche una scena alla Don Camillo, intendendo l'inclina­zione talvolta «manesca» del parroco guareschiano. E' il pu­gno che segna il debutto dell'ar­bitro in Seconda categoria: ne fa le spese, a Fornovo, il centra­vanti bullo di paese («un pisto­lone alto così» ricorda Alberto) che nell'invocare un rigore non dato commette l'errore di insul­tare la mamma di Michelotti. E a quel punto scatta il destro, che manda a terra il centravanti («Gli ho spostato la mandibo­la »). Ma che non impedirà al­l'arbitro- pugile di portare avanti una carriera che i suoi dirigenti, a iniziare da Ferruccio Bellè, già intuiscono promettente, e che davvero lo condurrà a popola­rità e stima intercontinentali.

La storia di un campione

E' la storia di un campione vero il libro su Alberto Michelotti di Claudio Rinaldi, caporedattore della Gazzetta che è tornato a gustarsi la ricerca e la curiosità del cronista. E ha così raccon­tato un fuoriclasse dei più gran­di e genuini che lo sport di Par­ma possa vantare. E se a voi pa­re che l'arbitro sia solo un im­piegatizio comprimario dei gio­catori, perdipiù senza nerbo e personalità come troppo spesso si vede sui nostri campi, guar­date a centro pagina l'atleta che si staglia nel bianconero della foto (che come sempre parla da sola) di Romano Rosati. Vien voglia di trasportare l'immagi­ne ai giorni nostri, adattando una delle michelottiane frasi in dialetto a situazioni tipo-Totti, con quella mano sinistra che già da sola impone rispetto e con cui Alberto ammonirebbe sdrammatizzando: «Di Pupone, dagh un taj sjonò ‘t vè fora»...

Chiedere ad esempio a Mario Corso, campione di un'Inter che dominava Italia ed Europa 45 anni prima di Mourinho, che prova ad intimidire Michelotti ­debuttante alla «Scala» di San Siro - sibilandogli, dopo una de­cisione contraria all'Inter: «Lei non arbitrerà mai più a San Si­ro... ». «Ah sì? - ribatte Alberto -Allora pedalare, pedalare», in­dicando gli spogliatoi. E se Cor­so accenna a rifiutarsi di uscire, Michelotti non batte ciglio: «Al­lora vado fuori io», prima che i dirigenti nerazzurri accorrano ad ammorbidire il mancino campione interista, che per pri­mo misura così l'allergia del fi­schietto parmigiano alle suddi­tanze psicologiche: cinque gior­nate di squalifica.

Ma Corso - racconta il libro ­sarà solo il primo della serie, perchè Michelotti non ha paura di nessuno: rispetta gli atleti ma esige rispetto a sua volta.

Un romanzo d'Oltretorrente

Il filo degli episodi e degli aned­doti si snoda a comporre una coinvolgente e divertente mo­viola di carta. E alla fine il libro è molto più della storia di un grande dello sport: è uno spic­chio del romanzo di quell'Oltre­torrente di cui la nostra città deve andar fiera. Splendida e commovente la figura del­la madre di Alberto: in­dimenticabile la scena nella quale la donna pu­nisce a zoccolate il mae­stro di solfeggio che ave­va etichettato il piccolo Alberto come «bastardo», per non avere indossato a lezione la camicia nera (e pare davvero, come suggerisce Gian­ni Mura, di immaginarla sullo schermo, come un'intensa An­na Magnani parmigiana).

E' una bella storia della nostra città, grazie anche alla felice scelta di conservare tante frasi in quel dialetto dei borghi che Michelotti, sul campo, rese il proprio efficacissimo esperanto.

Una storia in pramzan e una chiusa in napoletano: lo sponta­neo e commovente striscione del San Paolo per l'ultima partita («Tu sì 'na cosa grande»), che idealmente oggi esponiamo sul­la torta degli imminenti 80 anni di un campione.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Matteo

    19 Maggio @ 14.58

    Un saluto a una persona vera, piena di umanità e di quella parmigianità schietta e libera da orpelli che è e deve rimanere il nostro vanto. Consiglio di leggere il libro perchè è un affresco imperdibile della Parma di una volta, dell'Oltrettorrente e dei sui splendidi abitanti.

    Rispondi

  • Marco

    18 Maggio @ 17.17

    Beh la festa a sorpresa sarà un successone, soprattutto dopo aver detto il giorno (e perchè non l'ora e dove si terrà) sarà una cosa veramente inaspettata. A parte gli scherzi, sentendolo parlare in tv non è che mi dia l'impressione di capirne tantissimo di calcio, però il libro con tutti gli aneddoti che potrà raccontare Michelotti deve essere veramente interessante. Comunque, è un grande personaggio Parmigiano.

    Rispondi

  • giorgio

    10 Maggio @ 08.54

    un grande arbitro e soprattutto un personaggio ricco di umanità e di parmigianità,poliedrico,amante della musica e della buona tavola.

    Rispondi

  • ROBERTO

    09 Maggio @ 18.34

    ciao caro zio Alberto, stiamo organizzando una bellissima festa a sorpresa per il 15 luglio 2010 subito dopo aver celebrato la presa de la Bastille à Paris. Un grande abbraccio provinciale ad un grande uomo Roberto

    Rispondi

  • gazzettadiparma.it

    09 Maggio @ 17.32

    Ti rispondo da ex ragazzo in quegli anni '70, milanista e riveriano: i dubbi su quel rigore mi restano (ma non era scandaloso fischiarlo, perchè il mani di Anquilletti ci fu), però gli scudetti al Milan li "rubava" semmai Lo Bello. Alberto, nonostante le battute sul suo lavoro e sui presunti legami con la Fiat, è in realtà sempre rimasto al di sopra dei sospetti: ripeto, è stato un fuoriclasse. Ma non lo diciamo noi in quanto Gazzetta parmigiana: lo dissero, con quello striscione mai ripetuto per nessun altro arbitro, i tifosi di Napoli. Quando forse il calcio viveva anche di sentimenti. E Michelotti, credimi, lo meritava. (Gabriele Balestrazzi)

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Star Smallville incriminata per traffico sessuale

televisione

Star di "Smallville" incriminata per traffico sessuale

Nadia Toffa per la prima volta senza parrucca

social network

La prima volta di Nadia Toffa senza parrucca: selfie con la mamma

Swinging Ballroom Closing Party: ecco chi c'era alla festa

FESTE

Swinging Ballroom Closing Party: ecco chi c'era alla festa Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

LA MOSTRA

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

Lealtrenotizie

La doppietta di Barillà riporta il Parma al secondo posto Foto

serie b

La doppietta di Barillà riporta il Parma al secondo posto Foto

I crociati in 10 per infortunio nel finale del secondo tempo

1commento

polizia

Il market dello spaccio? Installato nel greto della Parma. Cinque in manette Video

In tutto 13 arresti e oltre 65 chili di droga sequestrati

5commenti

scomparso

San Secondo, da 24 ore non si hanno notizie di Claudio. Chi l'ha visto?

incidente

Mezzano superiore, finisce con l'auto nel fossato: ferito un 65enne

felino

Parcheggiava con un permesso disabili falso intestato a un morto

dopo il maltempo

Sicurezza del territorio: 62 interventi finanziati dalla Regione, da Colorno all'Appennino

carabinieri

Sborsa 30mila euro per una Porsche usata ma è una truffa: tre denunciati

1commento

VIA SIDOLI

Scende dall'autobus: 83enne assalita e rapinata

2commenti

FURTI

Notte di raid nelle assicurazioni: cosa cercavano i ladri?

5commenti

Addio

Giancarlo Bonassi, l'antesignano delle guide turistiche

L'agenda

"Nel segno del giglio" e non solo: un sabato tra dischi in vinile, libri e musica

Tribunale

Picchia e perseguita la fidanzata: condannato a due anni

parma

Lotta alla zanzara tigre: si parte (con obblighi anche per i privati)

tg parma

Talking teens: quando le statue di Parma prendono voce Video

cosa cambia

Parma-Carpi al Tardini: ecco le modifiche alla viabilità

SALSO

Elezioni, spunta una nuova lista civica: Salso Futura

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Intese difficili. La prossima settimana è decisiva

di Domenico Cacopardo

NOSTRE INIZIATIVE

"Il terzo giorno": la mostra in 8 pagine speciali

ITALIA/MONDO

stranieri

Giovane pakistana uccisa da padre e fratello in patria. Voleva sposare un italiano

il caso

Testa di maiale nella sede di associazione islamica del Reggiano

1commento

SPORT

GAZZAFUN

Parma-Carpi 2-1: fate le vostre pagelle

impresa

Scialpinismo: record italiano alla Patrouille des glaciers

SOCIETA'

GAZZAFUN

“La morta in Tär" e le belle storie in dialetto: rispondi al nostro quiz

usa

"Carrie" tifa per l'amica "Miranda" governatrice di New York

MOTORI

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover

NOVITA'

Audi A7 Sportback: linea da coupé, qualità da ammiraglia