17°

28°

Parma

Maraffi, Gardini e Burlenghi: un weekend indimenticabile

Maraffi, Gardini e Burlenghi: un weekend indimenticabile
Ricevi gratis le news
0

 Alberto Dallatana

Weekend indimenticabile per il ciclismo giovanile parmense: tre vittorie fra Juniores e Allievi. E che vittorie. Due giornate indimenticabili: Maraffi che conquista a Budrio di Correggio il campionato regionale juniores a cronometro, regalando la prima gioia stagionale al Noceto Cycling Team; Gardini e Burlenghi che, divisi per correre in due diverse gare, vincono entrambi, regalando al Torrile una doppietta che, contemporaneamente, quest’anno non era ancora riuscita a nessuno in Italia.
Tre imprese che hanno lo stesso comune denominatore: la sorpresa.
Simone Maraffi prima di tutto. Basti pensare che il bercetese non aveva mai corso prima una cronometro in vita sua. A Budrio s'è piazzato secondo, alle spalle di Davide Martinelli (figlio di Giuseppe, ex professionista e attuale d.s. dell’Astana), che però è un lombardo, e quindi non gareggiava per il nostro campionato regionale.
Maraffi ha preceduto corridori come Dallagi, Damiano, Rocca dell’Airone, e Filippo Ranzi, tanto per citare i più forti. Maraffi ha conquistato quella maglia giallorossa che a Parma mancava dal 2006, quando a vincerla fu Malori. E’ un buon auspicio.
Il bercetese del Noceto ha, come spiega il suo d.s. Ellis Rastelli, «un talento ancora da scoprire. Simone è appena alla sua terza stagione agonistica, e migliora giorno dopo giorno».
Ora non può certo esimersi dal correre i campionati italiani a cronometro: «A questo punto - spiega Simone - perché non provarci?», «e - aggiunge Rastelli -, uno come lui meriterebbe la convocazione anche per quelli su strada».
L’anno scorso, con Maraffi, fra gli Allievi del Noceto correva anche Giulio Burlenghi. Arrivava da una stagione ottima a Torrile fra gli Esordienti, ma purtroppo non seppe mai mettersi in luce.
Quest’anno il ritorno a Torrile, i primi piazzamenti fra gli Allievi e domenica la vittoria a Genivolta (Cremona), al termine di una fuga con altri due atleti. Tutto ciò nel giorno del suo sedicesimo compleanno. Solo qualche mese fa sembrava un corridore sulla via del tramonto, ora può considerarsi definitivamente rinato.
«Ho ricominciato ad allenarmi duramente, a mangiare pane e salita. E i risultati si vedono».
A completamento del successo, è anche arrivato il quarto posto del suo compagno Andrea Cornacchione, vincitore della volata del gruppo.
Pensare che a Genivolta non correvano tutti gli Allievi del Torrile, ma solo una parte.
L’altra metà della squadra era in Toscana, a Valtriano (Pisa). Marco Gardini non aveva mai corso prima di domenica nella regione-culla del ciclismo, ma si è fatto subito conoscere. Prima attaccando in salita, poi battendo tutti in volata (da segnalare il buon settimo posto del suo compagno Davide Seletti).
Per Gardini si tratta del terzo successo stagionale.
Ha 16 anni, si ispira a Tom Boonen e sogna di vincere un giorno la Parigi-Roubaix, ma intanto ha due obiettivi a breve termine: «Fare bene ai campionati italiani, sia su strada che su pista. Ora però mi godo questa bella vittoria, che dedico a zia Alba, appena dimessa dopo un ricovero all’ospedale».
E con questo, sono ben sette i weekend nei quali, fra le categorie agonistiche (dagli Esordienti ai Dilettanti) i parmensi centrano almeno una vittoria.
E domenica, a Modena, c'è il campionato regionale Juniores su strada... 
 
 
 
 
 
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lealtrenotizie

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

ITALIA/MONDO

SPORT

SOCIETA'

MOTORI