14°

27°

Parma

Ma non si dica che tutti i clandestini sono criminali

Ma non si dica che tutti i clandestini sono criminali
Ricevi gratis le news
3

di Giuliano Molossi

A prima vista è un dato che fa impressione: Parma sesta in Italia per numero di immigrati clandestini. Sesta provincia su 103. Più di Milano, di Bologna, di Genova, di Napoli, di Torino.  In Italia la media è di 11 clandestini ogni mille abitanti, a Parma sono 20. Le prime dieci città per numero di stranieri irregolari sono tutte del Nord.
I numeri non si discutono. Ma vanno analizzati con attenzione. Il sesto posto non significa affatto, come qualcuno si affretterà a dire, che Parma è la sesta città più pericolosa d'Italia.
 E questo per una ragione molto semplice: perché la parola clandestino non significa automaticamente delinquente.
 Moltissimi clandestini, anche a Parma, hanno un lavoro, una famiglia e sono brave persone.  Sono «irregolari», lavorano senza contratto; sono colf, badanti, lavapiatti, operai.
Tutta gente che non è stata ancora regolarizzata, ma che vuole esserlo al più presto e che chiede l'aiuto del datore di lavoro per mettersi a posto.  Che ha già un tetto e un lavoro e che manda i figli all'asilo e a scuola.
Lavorano in nero perché è quello che gli è stato offerto e non pagano le tasse. Ma in cambio di un contratto regolare abbandonerebbero volentieri la loro situazione di precarietà. Sono tanti, tantissimi in questa situazione. Sono clandestini, ma non sono delinquenti. Insieme a loro, anche a Parma, ci sono altri clandestini che non ne vogliono proprio sapere di un lavoro onesto, che non sanno che farsene di 900 euro al mese per sgobbare da mattino a sera e che invece puntano ad arricchirsi in poco tempo in maniera illecita, dallo spaccio di droga agli scippi, dai borseggi ai furti nelle case.
 Stanno qui da noi perché il nostro è il Paese di Bengodi: anche se  ti beccano con le mani nel  sacco, fai un paio di giorni  in gattabuia e poi torni  fuori, pronto a  ricominciare.
 E'  comprensibile la  frustrazione delle forze  dell'ordine: li prendono, li  fanno arrestare e dopo  neanche una settimana se  li rivedono davanti agli  occhi.
 Adesso, stando almeno  agli impegni che il nuovo  governo ha preso con gli  elettori, questa pacchia  per i clandestini criminali  dovrebbe finire.
  Si dice che  aumenteranno, e non di  poco, le pene minime per  molti reati per  far sì che  chi fa uno scippo, una  rapina o una violenza  sessuale non possa godere,  come accade oggi, di tutti  quei benefici che gli  consentono di restare in  libertà o di venire affidato  ai servizi sociali.
 Il  clandestino dovrà essere  processato per  direttissima o con rito  immediato, condannato se  riconosciuto colpevole e  immediatamente  rinchiuso nelle patrie  galere per restarci il tempo  stabilito dalla sentenza.
 E'  quello che pretende  giustamente la gente,  quella che si sente sempre  più insicura a casa  propria: la certezza della  pena. Se uno viene  condannato a tre anni deve  fare tre anni.
 E non tre giorni,  come capita oggi.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuliano g.

    15 Maggio @ 15.49

    Tanto per completare i dati informativi apparsi sulla Gazzetta di martedì 13 sarebbe interessante sapere quanti sono gli stranieri regolari, quanti sono quelli che hanno presentato domanda di regolarizzazione, ed eventualmente avere una stima di quanti sono quelli che vivono a Parma ma che non hanno presentato domanda di regolarizzazione per qualche strana ragione.

    Rispondi

  • Francesco

    13 Maggio @ 18.11

    Direttore, l' approvazione della legge Bossi-Fini fu vista con diffidenza , per non dire osteggiata , da Confindustria , che temeva, se le fosse venuta a mancare la massa dei clandestini , di perdere un grosso serbatoio di mano d' opera sottopagata o "in nero". I rimpatri coatti , che la Legge prevede, non sono mai stati fatti, perche' la Magistratura annulla le ordinanze ed anche perche' non ci sono i soldi per pagare i biglietti di aerei e navi , che non riportano i clandestini a casa gratis. La prima cosa che un clandestino fa, arrivando in Italia , se ha un documento d' identita' del suo Paese, e' distruggerlo, dopo di che , alle nostre Autorita' , dichiara il nome e la nazionalita' che gli fanno comodo. Ce ne sono che , identificati con le impronte digitali , risultano aver dichiarato cinque o sei nomi diversi. Si spostano frequentemente sul Territorio , per cui , spesso, hanno un documento con un indirizzo , per esempio, di Agrigento , ma, in realta' , abitano a Vicofertile. Nei casi rarissimi in cui si tenta di fare un rimpatrio coatto cambiano le carte in tavola, prendendoci in giro. Per esempio, dichiarano di essere tunisini , ma, poi, quando li si riporta in Tunisia, alla Polizia di Frontiera tunisina , dicono che non e' vero , e che sono marocchini, sicche' la Tunisia ce li rimanda indietro... La maggior parte dei clandestini non arriva coi barconi a Lampedusa , ma, quelli che arrivano li' , provengono dalle vicine coste libiche , ma non sono cittadini libici , per cui la Libia non li rivuole indietro . E' indispensabile che questa gente non venga lasciata ad infestare il nostro Territorio , ma sia tenuta sotto custodia in "campi" , detti "di accoglienza", che sono, in ralta' , campi di prigionia di dubbia legittimita' , perche' la nostra Costituzione , finche' , ancora per poco, ce la lasciano, stabilisce che non si possono prendere misure restrittive della liberta' personale , se non per sentenza della Magistratura. E' anche del tutto indispensabile che , chi ha commesso reati , resti a scontare la sua condanna in carcere , perche' ,questa gente, le "denunce a piede libero" le usa per scopi igienici. Tutto cio' per quanto riguarda l' immigrazione straniera. E per quanto riguarda quella interna ? Ha potuto sapere quanti reati vengono compiuti nel Nord Italia da settentrionali e quanti da immigrati meridionali ? Quante, delle rapine fatte in banca a Parma , sono state fatte da Parmigiani ? Per questo che facciamo ? Finta di niente ?

    Rispondi

    • giuliano g.

      16 Maggio @ 13.15

      Appofitto dell'occasione. Il proverbio dice "batti il ferro fin ch' è caldo" Se delle persone sconosciute entrassero in casa vostra senza chiedere permesso o il vostro parere, cosa pensereste ? Gli stranieri come tali in qualsiasi contesto storico hanno sempre suscitato sospetti e un senso di rifiuto . Se poi sono in gran numero danno fastidio perchè tendono ad aggregarsi tra di loro, a fare i propri interessi, a non sentirsi responsabili nei confronti della nazione e quindi ancora di più suscitano sospetto e ansia. Siamo oltre sessanta milioni di abitanti, con 190 abitanti per km quadrato, non siamo mai stati un paese dotato di risorse naturali se mai abbiamo esportato gente in sovvrappiù e adesso ne arrivano degli altri Sono stati fatti dei referendum senza che la popolazione ne sentisse il bisogno , in questo caso nella popolazione ci sono tali sentimenti di fastidio da giustificare un referendum specifico sulla questione.

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Avicii - Best moments live

MUSICA

Avicii, best moments live: i concerti più belli del dj svedese Video

Arriva "Homeland 7" ma l'ottava serie sarà l'ultima

serie tv

Arriva "Homeland 7" ma l'ottava serie sarà l'ultima

Star Smallville incriminata per traffico sessuale

televisione

Star di "Smallville" incriminata per traffico sessuale

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

LA MOSTRA

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

Lealtrenotizie

Parma, tanto cuore per tornare al secondo posto. E lunedì tocca al Frosinone Risultati e classifica

2-1 al Carpi

Parma, tanto cuore per tornare al secondo posto. E lunedì tocca al Frosinone Risultati e classifica

"Vittoria incerottata e sofferta: 3 punti findamentali", Videocommento di Grossi - Barillà: "Vitoria dedicata a Lucarelli e Munari" Video

5commenti

serie b

D'Aversa: "Restiamo con i piedi per terra" Video

scomparso

San Secondo, da 24 ore non si hanno notizie di Claudio. Chi l'ha visto?

polizia

Il market dello spaccio? Installato nel greto della Parma. Cinque in manette Video

In tutto 13 arresti e oltre 65 chili di droga sequestrati

9commenti

Ospreys 37-14

Le Zebre chiudono (in casa) con una vittoria

incidente

Mezzano superiore, finisce con l'auto nel fossato: ferito un 65enne

felino

Parcheggiava con un permesso disabili falso intestato a un morto

4commenti

gazzareporter

Bici "parcheggiata" in via Marchesi

arte

Lorenzo Dondi protagonista al Fuorisalone di Milano Foto

dopo il maltempo

Sicurezza del territorio: 62 interventi finanziati dalla Regione, da Colorno all'Appennino

carabinieri

Sborsa 30mila euro per una Porsche usata ma è una truffa: tre denunciati

1commento

VIA SIDOLI

Scende dall'autobus: 83enne assalita e rapinata

6commenti

FURTI

Notte di raid nelle assicurazioni: cosa cercavano i ladri?

5commenti

Addio

Giancarlo Bonassi, l'antesignano delle guide turistiche

L'agenda

"Nel segno del giglio" e non solo: un sabato tra dischi in vinile, libri e musica

Tribunale

Picchia e perseguita la fidanzata: condannato a due anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Intese difficili. La prossima settimana è decisiva

di Domenico Cacopardo

IL VINO

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

India

Scatta la pena di morte per chi stupra le bambine

La Spezia

Rifacimento di piazza Verdi: due arresti per tangenti

SPORT

MotoGp

Marquez penalizzato: da primo a quarto in griglia

GAZZAFUN

Parma-Carpi 2-1: fate le vostre pagelle

SOCIETA'

GAZZAFUN

“La morta in Tär" e le belle storie in dialetto: rispondi al nostro quiz

Gran Bretagna

Star e colpi di cannone per il compleanno di Elisabetta

MOTORI

NOVITA'

Audi A7 Sportback: linea da coupé, qualità da ammiraglia

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover