19°

Parma

Traffico internazionale di cocaina ed eroina: arresti anche a Parma

Traffico internazionale di cocaina ed eroina: arresti anche a Parma
Ricevi gratis le news
29

Ventotto corrieri utilizzati da un’organizzazione criminale nigeriana per un vasto traffico internazione di cocaina ed eroina sono stati arrestati dalla Squadra Mobile della Questura di Trieste e dalla Polizia di Frontiera del capoluogo giuliano. Nell’operazione, che si sta concludendo in queste ore, sono stati sequestrati 17 chili di cocaina ed eroina. Gli arresti sono stati eseguiti a Trieste, Venezia, Milano, Bolzano, Bologna, Varese, Verona, Reggio Emilia, Parma, Messina, Padova e Roma a partire dallo scorso novembre con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo della Direzione Centrale Anticrimine.
L'inchiesta, denominata «Hermes» e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Trieste, è scattata dopo l'arresto di un cittadino lituano, controllato dalla Polizia di Frontiera di Trieste a bordo di un treno proveniente dall’Ungheria e diretto a Napoli. Durante la perquisizione, in un borsone, gli agenti hanno trovato quasi due chili di eroina purissima destinati a trafficanti nigeriani operanti nella zona di Napoli. Le indagini hanno portato alla scoperta di una vasta rete di trafficanti nigeriani di droga che, utilizzando connazionali e cittadini dell’Est europeo, facevano entrare in Italia cocaina proveniente dal Sudamerica ed eroina prodotta in Afghanistan, poi inviata in Europa attraverso la «rotta balcanica». L'attività investigativa si è svolta anche all’estero, con il coordinamento dell’Interpol e la collaborazione delle Polizie spagnola e olandese, per la presenza in quei Paesi di alcuni capi dell’organizzazione criminale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Giorgio G.

    08 Settembre @ 13.04

    @Cesco. Un giorno un ragazzo va nel campetto sotto casa compera la sua dose, con quei soldi lo spacciatore compra la pistola per minacciare la prostituta della quale fa il protettore. Con i soldi della vendita della droga, in oltre, corrompe le forze dell' ordine per potere spacciare continuamente indisturbato. Sempre con i soldi della droga compra altre ragazze da mettere sulla strada e sempre con quei soldi corrompe ancora le forze dell' ordine per garantirsi lo spazio per le "ragazze" per la strada. Intanto lo stato spende soldi per reprimere lo spaccio investendo soldi nelle forze armate, che però sono anche corrotte dallo spacciatore e lo lascieranno spacciare fino a che non troveranno qualcun' altro che possa pagare di più, imprigionare il primo per poi vederlo ancora fuori dopo due giorni perchè magari non ha documenti in regola. Il ragazzo, nel frattempo, sale sulla sua macchina e imbocca la prima strada...l'effetto della droga prende il via...e mentre tu cammini beato su un marciapiede con la tua donna,lui passa fianco a voi in strada, rimanendo nei limiti di velocità senza sgarrare una virgola e voi neppure ve ne accorgete ... Ti piace di più questa storia?

    Rispondi

  • Gio

    08 Settembre @ 12.46

    Sono convinto che se non ci fosse chi la distribuisce sarebbe diverso.Questo mescolarsi fra i nostri giovani è deleterio. Certo lo scontento che c'è nei nostri giovani non è poca cosa e non si risolve solo eliminando gli spacciatori però almeno avremmo meno esempi negativi e meno occasioni per "farsi" "rovinarsi".

    Rispondi

  • Gio

    08 Settembre @ 12.42

    Va bene Gianluca. Purtroppo moltissimi in regola e con un lavoro regolare e retribuito nel giusto vengono "beccati" a spacciare o altro.... Questo già da tanti anni non solo ora. Fra le altre cose anche gli Italiani spesso non sono retribuiti molto bene. E' vero comunque che dietro alle disgrazie altrui molti se ne approfittano. Imprenditori o pseudo imprenditori che danno lavoro a chi si fa sfruttare di più.

    Rispondi

  • Armella

    08 Settembre @ 09.35

    Marco, leggi almeno i commenti fino alla fine prima di rispondere "beata ignoranza". Oltre a parlare dei "figli di papà", dicevo anche che se al nigeriano venisse data la possibilità di lavorare come operaio (bada bene) in regola, senza farsi sfruttare e con tutti i suoi diritti di lavoratore, non credo che sceglierebbe di andare a spacciare. Può essere vero che alcuni spacciano perché guadagnano meglio che in fabbrica e perché erano criminali già nel loro paese, ma molti altri ci sono costretti a causa della loro situazione di illegali che non gli permette di guadagnarsi da vivere in altro modo.

    Rispondi

  • Geronimo

    08 Settembre @ 08.48

    @Michela nessuno difende i venditori di morte, si cerca solo di non generalizzare e scadere nel razzismo. Per me un nigeriano non è automaticamente uno spacciatore, come un italiano non è automaticamente una persona onesta.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno