18°

Parma

Sala: «Ecco la mia verità»

Sala: «Ecco la mia verità»
Ricevi gratis le news
0

 E' ritenuto dagli inquirenti una delle figure chiave  del crac del secolo: imputato a Parma, processato  (e assolto) a Milano, indagato  in Svizzera. Luca Sala fino ad ora, però, aveva preferito tenere il basso profilo. C'è stato di mezzo anche un arresto in Slovenia, ma a Milano ha già incassato una doppia assoluzione - in primo grado, nel processo per aggiotaggio, verdetto a suo favore bissato prima dell'estate in appello (il pm aveva chiesto per lui una condanna a cinque anni). Da noi è imputato nel filone di Bank of America - davanti al gup Sarli - insieme a altri ex manager e funzionari della banca d'affari statunitense.  
Ma ora ecco Sala  uscire allo scoperto con una lunghissima intervista, che occupa un'intera pagina curata da Emanuele Gagliardi e Giovanni Mariconda, - intitolata «Da ben sette anni attendo giustizia» - uscita sul Corriere del Ticino. In Svizzera, Sala - ex manager di Bofa ed ex consulente dell'impero che fu di Calisto Tanzi - è al centro di un procedimento penale legato al dissesto finanziario del gruppo agroalimentare italiano coordinato dal procuratore federale Pierluigi Pasi, ormai alle battute finali.  
I reati ipotizzati sono quelli di riciclaggio, falsità in documenti, truffa, corruzione attiva e passiva. A Bellinzona, nel 2011, davanti al Tribunale penale federale, sarà probabilmente celebrato uno dei processi più complessi degli ultimi anni. Come si legge sul CdT:  «A Sala viene in sostanza rimproverato di essersi appropriato indebitamente attraverso articolate operazioni finanziarie e con l’aiuto di altre persone (una ventina tra cui intermediari finanziari, alcuni avvocati nonché un istituto bancario grigionese) di valori patrimoniali di pertinenza del gruppo Parmalat». Sala, che  ha sempre respinto le accuse (lo difende l’avvocato Daniele Timbal di Lugano), nell'intervista al Corriere del Ticino racconta la sua verità.
«Faccio notare che al momento non esiste ancora un atto di accusa e non ci è stato preannunciato in maniera chiara come la stessa accusa sarà strutturata. Ciò dopo quasi sette anni di un’inchiesta a dir poco penosa per me, con particolare riferimento alla procedura di estradizione avviata dalla Procura federale svizzera e sfociata nel mio arresto in Slovenia, ove mi trovavo per un viaggio di lavoro. Ho trascorso alcuni mesi in carcere, prima in Slovenia, poi a Berna  e poi a Lugano. È stata un’esperienza per me traumatica, durata alcuni mesi, anche se per fortuna interrotta, dopo alcune settimane dal mio arrivo a Lugano, per opera del giudice istruttore federale e dell’autorità di ricorso. Per dare degli ordini di paragone - afferma Sala - , il fondatore di Parmalat non è mai stato interrogato in Svizzera e ha passato un periodo di carcerazione – in Italia – inferiore al mio».
Sulle accuse rigettate, ecco cosa dice Sala:  «Nei fatti non si è mai data una risposta alla domanda di fondo: per quali motivi e sulla base di quali prove concrete può essere affermato che i fondi riconducibili alla mia attività finanziaria, nell’ambito di finanziamenti di società dal Gruppo Parmalat, avrebbero un’origine illecita? A questo proposito la Procura federale sembra rinviare alle indagini della Procura di Parma. A Parma, comunque, a tutt’oggi non è ancora stato avviato il processo vero e proprio nei miei confronti e nei confronti anche di altri ex colleghi di Bank of America. Il processo principale invece è prossimo alla conclusione. A me sembra sorprendente che l’interesse della Procura federale sia focalizzato su Luca Sala e su 28 milioni di dollari: il crac di Parmalat è riferito a 14 miliardi di euro e in questa vicenda manager, consulenti e sussidiarie di Parmalat risulta avessero posizioni finanziarie importanti in Svizzera». 
Come spiega i 28 milioni di dollari sotto sequestro in Liechtenstein e Svizzera che per l’accusa sono riconducibili a lui? «Io sacrificavo la mia vita al lavoro, alla banca, a Parmalat e ad altri clienti, con giornate lavorative impossibili. Io continuo a ritenere che i proventi da me conseguiti siano frutto lecito della mia opera intellettuale e di conoscenza, grazie alla quale sia la banca, sia Parmalat hanno guadagnato assai più di me».
Si poteva evitare il crac Parmalat? «Sinceramente non lo so, non ho mai avuto sufficienti informazioni sul reale stato del gruppo. Si poteva però limitarne i danni. Ad esempio, è stato documentato da articoli di giornale e da atti processuali che la Procura di Parma già a marzo 2002 (cioè quasi due anni prima del default) aveva a disposizione atti d’indagine che dimostravano le pratiche di finanziamento illecite tra società controllate da Calisto Tanzi. Mi riferisco ai prestiti concessi dal gruppo Parmalat, quotato in Borsa e posseduto dalla famiglia Tanzi solo al 51%, in favore di società controllate al 100% dalla famiglia Tanzi e operanti nel settore turistico, che nulla aveva a che fare con Parmalat. Purtroppo pare che questi atti abbiano solo dato origine a una denuncia per evasione fiscale: la stampa ha riportato che sarebbe stata sanata con qualche migliaia di euro». 

 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Zanza

Maurizio Zanfanti, detto "Zanza"

RIMINI

Malore fatale in auto con una ragazza: è morto "Zanza" , re dei playboy della Riviera romagnola

Mirco Levati "paparazzato" con Belen

GOSSIP

Mirco Levati "paparazzato" con Belen Foto

Harlem Gospel Choir

Auditorium Paganini

Arriva l'Harlem Gospel Choir

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

LA CURIOSITA'

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

di David Vezzali

4commenti

Lealtrenotizie

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

L'INCHIESTA

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

1commento

PARMA

Scontro auto-bici in via Zarotto: un ferito

Fuga di gas nella notte: vigili del fuoco in via Gobetti

FIDENZA

Stazione, 23enne aggredita da un extracomunitario

3commenti

LAUREA

La farfalla Giulia è diventata dottoressa

3commenti

CONTROLLI

Polizia a cavallo nei parchi cittadini

Fontevio

Choc anafilattico, vivo per miracolo. La farmacista: "Ecco come l'ho salvato" Video

LUTTO

Addio ad Armido Guareschi, ex patron della Lampogas

PARMA

Lavori in Cittadella: arrivano operai e ponteggi Foto

LANGHIRANO

Castello di Torrechiara chiuso, rabbia e proteste

2commenti

FIDENZA

Vandalismo: distrutto il lunotto di una Lancia Y

Corniglio

Sesta diventa un set per il film di Giovanni Martinelli

EXPORT

A Parma boom nel secondo trimestre: +13%

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

3commenti

Teatro Due

Jeffery Deaver presenta stasera il nuovo romanzo

16 novembre

Le "stelle" illuminano la città: per il terzo anno la Guida Michelin presentata a Parma

PARMA

Sparano "per gioco" a un distributore e una finestra: denunciati tre giovani Foto

La pistola era ad aria compressa. La finestra è stata danneggiata. Sono intervenuti i carabinieri

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il non-detto dietro la legge di stabilità

di Domenico Cacopardo

CHICHIBIO

Borgo Casale - Chef giovane, con qualità ed equilibrio

ITALIA/MONDO

CHIETI

Violenta rapina a Lanciano: arrestati tre romeni. E si cerca il capobanda italiano

genova

Crollo del ponte, ferrovia a pieno regime dal 4 ottobre

SPORT

sport

D'Aversa: "Napoli fortissimo, ma nella vita niente è impossibile" Video

BASEBALL

Parma Clima: Yomel Rivera raggiunge i compagni in Arizona

SOCIETA'

GUSTO LIGHT

La ricetta "green" - Vellutata delicata ai cannellini

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel