18°

28°

Parma

Salone del Camper, 53mila visitatori nel primo weekend di apertura

Salone del Camper, 53mila visitatori nel primo weekend di apertura
Ricevi gratis le news
4

Nel primo weekend di apertura il Salone del Camper di Parma ha registrato 53mila presenze. Gli appassionati del turismo all’aria aperta provenienti da tutta Italia - spiegano gli organizzatori in una nota - hanno affollato i padiglioni del quartiere fieristico, dove hanno potuto osservare e analizzare il meglio della produzione italiana ed europea di veicoli ricreazionali e componentistica. Tutto esaurito anche nelle aree di sosta riservate a camper e caravan.
«Un’affluenza che è andata al di là delle nostre attese - commentano da Parma Fiere - e di cui siamo particolarmente soddisfatti. Il trend si è confermato nella giornata di oggi e pensiamo si attesterà sugli stessi livelli anche nel prossimo fine settimana».  «Un interesse così elevato da parte del pubblico - afferma Apc-Associazione produttori caravan e camper - è senz'altro una indicazione molto positiva per il mercato, coincidente con i segnali giunti dal Caravan Salon di Dusserdolf. Anche se è presto per cantare vittoria, siamo fiduciosi che questo successo possa essere l’inizio di una vera ripresa per tutto il settore».

Interviste al Salone del Camper: «Sempre in viaggio. Per sentirsi liberi»
Il coronamento di un sogno coltivato da ragazzi, una precisa filosofia di vita finalizzata all’esaltazione della libertà ma anche la voglia di esplorare luoghi la cui esistenza, molto spesso, non è attestata nemmeno dalle cartine geografiche più aggiornate.
Sono tra le principali motivazioni che spingono l’esercito di camperisti a sobbarcarsi migliaia e migliaia di chilometri alla scoperta di incantevoli scenari paesaggistici: mare, boschi, montagne, città d’arte. Un esercito di giramondo al volante, sempre all'insegna della scoperta e della libertà. Curiosando fra gli stand parmigiani, noti con quanta facilità si mescolino storie ed avventure così diverse tra loro: ci sono quelli che hanno provato una simile esperienza per gioco e non sono più riusciti a resistere al fascino della «continua scoperta», altri invece per i quali viaggiare in camper regala emozioni impagabili.

«La cosa bella è che puoi possedere tanti soldi ma la soddisfazione di pranzare ammirando il panorama di certe zone montuose, dove non esistono case o alberghi, puoi togliertela solo se ti muovi in camper - racconta Luca, originario di Mantova -. Con la mia famiglia percorro in media 15 mila chilometri all’anno: non importa quanto sia grande il tuo mezzo, basta saper scegliere bene i luoghi». I costi dei camper sono particolarmente onerosi, ma c'è pure chi sceglie la soluzione del noleggio. E’ il caso di una giovane coppia di Verona, Stefano Malesani e Giulia Zanetti, che hanno recentemente visitato la Francia. «Un’esperienza straordinaria - spiegano - che ti fa toccare con mano il senso di libertà, senza avere troppi vincoli: in questo modo hai la possibilità di stare maggiormente a contatto con la gente e la natura che ti circondano».
Eppure in certe zone italiane i camperisti non sono visti di buon occhio. «Qualche settimana fa, in Trentino, un vigile ci ha addirittura invitato a parcheggiare il camper all’esterno del paese: roba da non credere!», esclama il genovese Franco Mancuso. Che aggiunge: «A livello infrastrutturale dovremmo prendere esempio dalla Francia: lì almeno i parcheggi per questi mezzi sono gratuiti».
Nel nostro paese esistono appositi club riservati ai camperisti che organizzano viaggi e raduni.
 Il più rappresentativo è il «Camper Club La Granda», che può contare su 18 sezioni territoriali e 2000 soci. «Curiamo l’aspetto ludico e quello dell’aggregazione facendo divertire la gente di ogni età - sottolinea il presidente del club, Piero Marenco -. Nel 2011, per i 150 anni dell’Unità d’Italia, ripercorreremo le orme di Garibaldi: da Genova alla Sicilia. D’altronde lo spirito del camperista è quello di non stare mai fermo». Come dargli torto? vit. rot.
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Luciano

    13 Settembre @ 19.31

    Ieri,con un amica in bicicletta,ne abbiamo incrociati tre in fila(camper),su una stradina di campagna,larga due metri.Non vi dico i nostri commenti.Ma chi si credono di essere!!

    Rispondi

  • Giorgio Del Gobbo

    13 Settembre @ 13.09

    Inseriamo in questo spazio un'e-mail arrivata da un lettore: "Sono un camperista molto arrabbiato! Sono arrivato in Parma il giorno di venerdì 10 alle ore 17.00. All’ingresso del parcheggio il personale addetto mi ha ricevuto molto gentilmente provvedendo a consegnarmi il tagliando di presenza e avvertendo che la sosta era a pagamento a partire dal giorno successivo cioè da quando la fiera apriva i battenti. Sono entrato in fiera il giorno di sabato alle ore 10.00 e da subito ho potuto toccare con mano l’inefficienza dell’organizzazione. L’atrio dell’ingresso principale era strapieno; era le persone occupavano per metà l’antingresso coperto. L’ingresso in fiera avveniva attraverso i tornelli si doveva strisciare e talvolta ristrisciare il biglietto cosa che ha fatto rallentare in maniera indecente l’entrata. Prima di entrare sono rimasto in coda per 45 minuti. All’interno le cose non si presentavano in maniera migliore. Non mi lamento per l’elevato numero di persone presenti. E’ arcinoto che per questi eventi la presenza dei camperisti è sempre stata più che numerosa. Mi lamento per l’assenza di posti a sedere, panchine o quant’altro. Si vedeva la gente riposare seduta sopra i paracarri o sugli zoccoli dei muri degli stand. Era mia intenzione pranzare all’interno della fiera anche perché era severamente vietato uscire in quanto per il reingresso si doveva acquistare un secondo biglietto! C’era un ristorante con prezzo fisso di 28.00 euro! ovviamente con tale prezzo è stato snobbato dai camperisti. Nel piazzale vicino all’ingrasso è stata innalzata una unica struttura mobile con self-service. Ebbene la copertura di tale struttura era in pvc e le pareti laterali per metà chiuse da pesati fogli di plastica, praticamente un forno, i pochi tavoli naturalmente occupati e doppia fila da 50 metri per arrivare al bancone. Rinunciato al pranzo rimaneva l’alternativa dei punti di ristoro bar all’interno degli stand. Anche qui la cosa non presentava aspetti migliori, non tanto per la presenza massiccia di persone quanto per l’assenza completa , talvolta, di tavoli e sedie. Finalmente trovato un tavolo libero, dopo 40 minuti di coda mi è stato possibile acquistare una bottiglietta d’acqua, al banco avevano finito tutto. Da far presente che il self-service fuori della fiera apriva alle 19.30. Evidenziando queste carenze al personale in completo nero ,giacca e cravatta, mi è stato detto semplicisticamente che non prevedevano una affluenza così massiccia! Ammesso e non concesso che sia vero ciò non costituisce una attenuante, al contrario mi conferma l’incapacità dell’ente nel gestire eventi di tale portata. Molto amareggiato domenica mattina decido di partire rinunciando ad una seconda giornata di visita. Dulcis in fundo al pagamento del parcheggio la ragazza addetta alle riscossioni rammaricata mi dice che ha avuto ulteriori disposizioni ed è costretta a riscuotere il pagamento anche della notte tra venerdì e sabato, quando ero arrivato mi era stato rassicurato che quella notte era gratuita; 8 euro possono essere poca cosa è la presa in giro molto più devastante. Di certo in fiera a Parma non verrò mai più. Cordiali saluti. Giorgio Del Gobbo

    Rispondi

  • marco

    13 Settembre @ 10.22

    Io mi sento più libero andando in ALBERGO! Pago il conto e sono libero da meccanici, assicurazione, garage, pneumatici... non ci voglio pensare !

    Rispondi

  • guido

    12 Settembre @ 21.30

    Finalmente il sito internet dedicato al Salone! Ho potuto informarmi sulle notizie utili. Fiera da rivedere nella organizzazione. grazie, guido

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

Montechiarugolo

Addio a Carboni, il sindaco che amava la sua terra

WEEKEND

Tra street food in Ghiaia, sport in Cittadella e mercatini: l'agenda del sabato

Meteo

Settembre da record: dall'11 al 20 i giorni più caldi in 140 anni. E la pioggia non arriva.

COLLECCHIO

Polemica sui bus vecchi, il Comune: «In arrivo nuovi mezzi»

Emergenza

Droga: consumatori insospettabili e sempre più giovani

Colorno

Tortél Dóls: ora è guerra tra confraternita e sindaco

CRAC

Spip, chiesti 2 anni e 10 mesi per Buzzi. Frateschi e Costa rischiano 2 anni e mezzo

Scuola

Cattedre vuote: a Parma mancano 1.260 insegnanti. E 300 bidelli

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

consorzio di tutela

Bertinelli: "Troppo falso Parmigiano vogliamo una 'legge autenticità' "''

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"