13°

28°

Parma

GCR e inceneritore: "un silenzio che grida vendetta"

Ricevi gratis le news
0

E' stupefacente come il silenzio ancora persista sulla questione dell'inceneritore di Parma. Ci sono evidenti illegittimità segnalate, pubblicate, sottolineate a più riprese anche dagli organi di stampa. Eppure ancora nessuno si muove per fermare quello che rischia di diventare un mostro giuridico oltre che una emergenza sanitaria. Enia ha ottenuto libertà di azione da organi che non avevano competenza per poter dare la patente di guida sullo smaltimento di rifiuti.
Ancora oggi a Ugozzolo le ruspe si muovono senza avere legittimità di azione, se davvero vogliamo seguire pedissequamente le leggi e gli indirizzi in tema di gestione dei rifiuti.
Ci chiediamo come sia possibile che schiere di consiglieri, di minoranza e di maggioranza, che siedono nei diversi consessi, cittadini, provinciali, regionali, nazionali, ancora non abbiano messo in luce questa vicenda per chiarire davanti ai loro elettori, ai cittadini, ai territori che li hanno delegati, come stanno in realtà le cose e far emergere tutte le evidenti storture che si sono perpetrate per anni in questa vicenda.
Tutto nasce da un piano provinciale di gestione dei rifiuti che emette un verdetto: è necessario un impianto avanzato per la gestione dei rifiuti. E' l'anno 2005, da allora sono passati 5 lunghi anni di nuove scoperte, avanzamenti tecnologici, nuove direttive europee che obbligano gli stati membri a ridurre, riusare, riciclare prima di recuperare il residuo, magari con tecnologie meno invasive della combustione.
Dalle conclusioni del Ppgr è scaturita la proposta di Enìa verso un inceneritore da 130 mila tonnellate. La multiutility ha poi chiesta strada libera all'Autorità d'ambito territoriale (Ato), proponendosi come esecutore del Ppgr. Qui comincia la serie di storture, perché la risposta di Ato è chiara: «Non siamo competenti in materia di smaltimento dei rifiuti».
Ato risponde in questi termini perché la stessa legge regionale istitutiva ne ha chiarito le competenze e i limiti. Ma nella stessa risposta Ato si dice non contraria all'impianto, considerazione che non ha ovviamente alcun effetto autorizzativo.
Ma il consiglio comunale di Parma si fa forza di questa non autorizzazione per approvare nel marzo del 2006 un accordo con Enìa per localizzare l'inceneritore a Ugozzolo ed avviare tutto l'iter per il cambio di destinazione d'uso e relativi adempimenti. Di per sé anche la delibera del consiglio non ha valore perché si basa su un'autorizzazione che non esiste.
Ma si va avanti, tutti d'amore e d'accordo, senza nulla eccepire.
Enia prosegue sulla sua strada e presenta il progetto vero e proprio in Provincia.
Si aprono le danze della Conferenza dei servizi e si valuta il progetto, si producono osservazioni, il progetto viene praticamente rifatto da Enìa, si giunge infine all'approvazione della Valutazione di impatto ambientale e alla delibera provinciale.
Il dado è tratto ma a questo punto c'è un progetto che riguarda il pubblico e che andrebbe messo a gara per far vincere la migliore proposta. Invece Enìa gestisce in proprio tutta la faccenda, non si va a gara, i costi sono ancora coperti da segreto, Enìa nega ai cittadini il Piano finanziario, evidenziando il fatto che nemmeno rispetto la delibera del consiglio comunale dove di impegnava alla assoluta trasparenza.
Oggi non si sa nulla di quanto costerà questo impianto, tutto dipende dalle scelte non sindacabili di Enìa e, ironia della sorte, perfino le gare a sua volta organizzate dal gestore raggiungono punte di imbarazzo, quando ad esempio su un plafond di 34 milioni di euro, mica noccioline, si presenta un sol concorrente, uno dei soliti noti, tagliando rilassato il traguardo dell'aggiudicazione.
Tutto questo traballante edificio, che fa acqua da tutte le parti, minato dalle fondamenta, sta in piedi soltanto perché la classe dirigente fa finta di nulla, finge di disinteressarsi ad un problema che invece tocca da vicino un'inter comunità, un largo territorio, oggi libero da camini, domani, chissà, azzoppato dalle ceneri tossiche.
Un esile scheletro a cui basterebbe un soffio per spargere a terra le sue scarne ossa.
Associazione gestione corretta  rifiuti e risorse di Parma - Gcr

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolta anche una squadra di basket di Parma

16 indagati e sequestro per 25 milioni. Come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

IL FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Incendio in una ditta di luminarie natalizie. Il Comune: "Chiudete le finestre"

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno