-4°

12°

salute

Epatite B: da Parma una nuova speranza di cura

Epatite B: da Parma una nuova speranza di cura, rafforzando il sistema immunitario. La scoperta pubblicata sull’ultimo numero di Nature Medicine

Nella foto, da sinistra, il Prof. Carlo Ferrari, Il prof. Simone Ottonello e la biologa Paola Fisicaro

Ricevi gratis le news
0

Hanno isolato e studiato singolarmente le cellule anti-virali per eccellenza, i linfociti T, che nei pazienti infettati cronicamente dal virus dell’epatite B sono “esauriti”. Ne hanno scandagliato l’assetto genico. E hanno scoperto infine come rigenerarli, grazie all’uso di specifici farmaci ad azione su una loro singola componente, il mitocondrio, ossia la centrale energetica della cellula. Come se fossero delle batterie esaurite ne hanno ricaricato le pile.
La scoperta, che arriva da un gruppo di ricercatori coordinati dal Prof. Carlo Ferrari, è stata pubblicata sull’ultimo numero di Nature Medicine una delle più prestigiose riviste mondiali in ambito biomedico e apre nuove frontiere nella cura dell’epatite B, malattia del fegato che colpisce nel mondo circa 400 milioni di persone in modo cronico.
Lo studio dimostra infatti come il trattamento con antiossidanti specifici per il mitocondrio determini un miglior funzionamento dei linfociti T, che sono le cellule responsabili della risposta immunitaria anti-epatite.
Il lavoro, sostenuto dalla Regione Emilia-Romagna con uno specifico programma di ricerca, ha come primo firmatario la biologa Paola Fisicaro dell’unità operativa di Malattie Infettive ed Epatologia e nasce da una collaborazione tra il team di ricercatori della struttura diretta dal prof. Ferrari e il gruppo di ricerca del prof. Simone Ottonello del Dipartimento di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale, che opera anche all’interno del Laboratorio del Tecnopolo Biopharmanet-Tec dell’Università di Parma.
La persistenza dell’infezione nei pazienti affetti da epatite cronica dipende infatti da un black-out della risposta immunitaria nei confronti del virus e può causare danno epatico cronico che può evolvere in cirrosi e talvolta in epatocarcinoma. «Le terapie al momento disponibili – spiega Ferrari - pur ben tollerate, devono generalmente essere somministrate per l’intera vita del paziente e spesso non sono in grado di stimolare una risposta immunitaria adeguata a controllare il virus in modo stabile».
«Lo studio – precisa Fisicaro - si è focalizzato sull’analisi dell’intero set di geni espressi dalla popolazione di linfociti TCD8, quelli più importanti per la protezione antivirale, che sono generalmente deboli o assenti, al fine di individuare eventuali alterazioni suscettibili di correzione farmacologica, nell’ipotesi che un ripristino funzionale di queste cellule possa rappresentare una nuova ed efficace modalità terapeutica per l’epatite cronica B». Lo studio, in vitro, è stato condotto sia su pazienti cronici affetti da infezione persistente da parte di HBV, sia su soggetti guariti dall’epatite B, con risoluzione spontanea dell’infezione poche settimane dopo averla contratta.
Una grande difficoltà incontrata nell’esecuzione di questo studio è consistita nel numero estremamente esiguo di linfociti T recuperabili dal sangue periferico dei pazienti con infezione cronica da HBV. A questa limitazione si è riusciti a far fronte anche grazie alla collaborazione con i ricercatori del team di genomica del Professor Massimo Levrero dell'Istituto Italiano di Tecnologia di Roma (CNLS-IIT), che hanno messo a punto un sistema sperimentale per valutare il profilo d’espressione di specifici set di geni a livello di “singola cellula”.
«Tecnologie di assoluta avanguardia - spiega Ottonello – ci hanno consentito di isolare singole cellule del sangue, caratterizzando il profilo genico individuale e permettendoci di scoprire che i linfociti T HBV-specifici dei pazienti cronici presentano un profilo d’espressione genica fortemente alterato, soprattutto per quanto riguarda i geni coinvolti nel metabolismo energetico, con marcate alterazioni funzionali a carico dei mitocondri, le “centrali energetiche” della cellula».
Facendo seguito a questa osservazione, il gruppo di ricercatori ha dimostrato come il trattamento con farmaci antiossidanti selettivi per il mitocondrio porti ad un sensibile ripristino funzionale dei linfociti T e quindi ad un miglioramento della risposta immunitaria. «Questo risultato – conclude Fisicaro - offre nuove speranze per il trattamento dell'infezione cronica da HBV, ma anche di altre patologie (di tipo virale e non) contrassegnate da un deficit funzionale dei linfociti T e dall’assenza di risposte immunitarie adeguate».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giornata di sole sul LungoParma: le foto di Luca Radici a Michelle Maccagni

fotografia

In posa sul LungoParma in una giornata di sole Foto

Il royal baby di Meghan e Harry in arrivo ad aprile

inghilterra

Il royal baby di Meghan e Harry in arrivo ad aprile

Alseno: festa al Colle San Giuseppe. Ecco chi c'era: foto

feste pgn

Alseno: festa al Colle San Giuseppe Ecco chi c'era: foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Locanda del culatello

CHICHIBIO

«Locanda del culatello» C'è del nuovo e del buono nella Bassa

Lealtrenotizie

Aeroporto di Parma: infrastruttura decisiva per il territorio

12 tg parma

Aeroporto Verdi, si va verso accordo con Bologna per il rilancio e nuovi voli Video

Ricerca

Imballaggi a base di cristalli e oli: il progetto anti-sprechi dell'Università di Parma

pablo

Polizia allertata dai consiglieri di quartiere: e i pusher scappano abbandonando le dosi

1commento

TEP

Dal fine settimana 9 nuovi bus sulle strade di Parma. Novità sul fronte filobus

IL CASO

Pur di mettere nei guai l'amante della moglie, si autodenuncia e viene condannato

Triste record

41enne parmigiana arrestata tre volte in dieci giorni

incendio

Fienile con 800 balloni divorato dalle fiamme a Medesano: dopo oltre 20 ore, l'intervento continua Video

CULTURA

Parma ha ricordato Arturo Toscanini a 62 anni dalla morte Foto

MARZOLARA

Partita con rissa: indagini in corso. Daspo in arrivo?

carabinieri

Mezzi da lavoro spariti a Parma e Collecchio: ritrovati in zona Ceno Foto

nas

Un lavoratore in nero: multato un bar, sequestrati 11 chili di alimentari  Foto

donne

Donne in gabbia: difendersi dalla morsa della gelosia

elementari

La consigliera del ministro: «La scuola di Noceto un modello per tutta Italia»

LA SCELTA

Sarà il parmigiano Danilo Coppe a demolire il ponte Morandi

INTERVISTA

Saimir Pirgu: «Orgoglioso del debutto con Verdi al Teatro Regio»

Aziende

A Parma corre la green economy, agroalimentare in testa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

May, sconfitta devastante. Ma non c'è alternativa

di Paolo Ferrandi

LA BACHECA

Ecco 20 nuove offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

milano

Durante i restauri alla casa trovano un cadavere murato

immigrati

Migrante respinto si lancia dall'aereo e manda in tilt Malpensa. Rintracciato nella notte

SPORT

Rugby

Casellato si pente, squalifica meno pesante

12 tg parma

Il mercato del Parma: El Kaddouri sempre più vicino, Di Gaudio verso il Verona Video

SOCIETA'

SPAGNA

Il papà del bimbo nel pozzo: "Abbiamo speranza che sia vivo"

fotografia

Torrechiara visto dall'alto di... un drone: foto e video di Giovanni Garani

MOTORI

CROSSOVER

Fiat 500X: ecco la versione Mirror Cross

ANTEPRIMA

La nuova Mazda3 sarà anche Mild Hybrid