18°

Parma

Protesta contro gli sfratti: la Rete Diritti in casa occupa il Duc

Protesta contro gli sfratti: la Rete Diritti in casa occupa il Duc
Ricevi gratis le news
7

Circa quaranta persone hanno dato vita nel pomeriggio a una protesta al Duc, occupando per qualche ora gli uffici comunali. La Rete Diritti in casa ha organizzato la protesta per chiedere una risposta agli amministratori pubblici riguardo ai problemi di alcune famiglie in difficoltà. Lo slogan dello striscione era chiaro: "Case per tutti. Sfratti per nessuno". La protesta è terminata quando le forze dell'ordine hanno sgomberato il Duc.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • parmense doc

    02 Ottobre @ 12.52

    io non dico che katia torri porta i clandestni a parma: dico solo che col suo movimento, le sue proteste, la sua difesa contro le espulsioni ect fa di tutto per farli restare e farli passare davanti agli italiani

    Rispondi

  • katiatorri

    02 Ottobre @ 09.35

    purtroppo wolf,invece la realtà la conosco più di lei e ,infatti,ieri al duc c'erano anche famiglie italiane che non hanno casa o stanno per perderla non perchè le case le danno agli immigrati in strada come loro,ma perchè per le fascie più povere non le costruiscono proprio o le tengono vuote come le famose 20 in via olivieri rimaste chiuse per più di due anni e solo ora,dopo diverse dinunce e un presidio,in via di ristrutturazione.La famiglia Cela,non italiani,ha 14 punti per l'assegnazione di un alloggio di emergenza è in strada dal gennaio scorso...in compenso la famiglia di Giuseppe italiana,finirà in strada con due bimbi ,uno di pochissimi mesi ,il prossimo 21 ottobre,siamo già riusciti ad evitare l'esecuzione dello sfratto ma il 21 l'ufficiale giudiziario tornerà in forze,lei ci sarà per questa famiglia italiana?non credoperchè lei,magari in buona fede,non ha capito quello che han capito Giuseppe,Cela,Nicoletta,Fatma e altri ossia che la divisione fra poveri serve solo a chi vuol continuare ad affittare cantine a 400 euro,l'unione porta a rendere effettivo il diritto alla casa per tutti

    Rispondi

  • Cristiano

    02 Ottobre @ 08.41

    Eh,certo Wolf. Le politiche migratorie non sono determinate da dinamiche di sfruttamento, sia storico che attuale, di alcuni paesi su altri,ma dall'attività alacre di Katia Torri. Chi non l'ha vista stipare dei motoape di migrati e portarli coattivamente nella nostra città? Anche rispetto alla nazionalità di chi si rivolge allo Sportello Diritti in Casa è predeterminata:gli Italiani che vediamo affiancati dalle persone della Rete sono,oramai è assodato,solo dei figuranti segati da Uomini e Donne. La nostra città è sedicentemente democratica,ma questo non ti solleva dal dovere, almeno di fronte alla tua coscienza, di dire banalità stereotipate. La Rete,e molti cittadini come me l'hanno visto di persona, si occupano di tutti coloro che richiedono un aiuto,e si battono per gli ultimi, di qualsiasi colore siano. Il tuo altro modo di vedere le cose è certo lecito, ma rifletti se non sia opportuno sgrossarlo di banalità, ed esprimerlo in modo meno stereotipato. Le Politiche abitative della nostra città sono risibili, perchè mascherano con parole come edilizia popolare l'edificazione di condomini il cui affitto calmierato è fuori portata per coloro che sono davvero nelle peste, italiani e non. Cosicchè le case realmente "popolari" hanno liste d'attesa inacettabili,mentre quelle calmierate hanno bandi che vanno parzialmente o completamente deserti. Questi sono fatti che si possono toccare con mano,il resto invece rimane ciò che è:aria fritta. Ma che Katia Torri sia alla base di un problema da lei stessa creato:dai mò...si può fare di meglio,non credi?

    Rispondi

  • parmense doc

    02 Ottobre @ 01.03

    io ho un vicino di casa, moroso! oltretutto rumorosissimo..meno male è arrivato lo SFRATTO...che fa me lo devo tenere secondo katia torri? è 1 anno che non fa dormire nessuno...

    Rispondi

  • wolf

    02 Ottobre @ 00.07

    >Egr.Sig.a Catia Torri, lei se la prende con l’Amministrazione Comunale rea di NON avere costruito abitazioni POPOLARI in rapporto alla RICHIESTA cittadina…..SCUSI ma il problema se lo è creato lei stessa, nell’importare e SOSTENERE SMISURATAMENTE i MIGRANTI nella NOSTRA città…..purtroppo però, esiste un’altra verità che NON è quella che lei va da tempo RECLAMIZZANDO…e mi riferisco alle NUMEROSE famiglie BISOGNOSE Parmigiane e ITALIANE, che nonostante abbiano effettuato regolare domanda d’alloggio all’ACER, si sentono rispondere che NON hanno il punteggio necessario per usufruire di tale SERVIZIO, poiché INNUMEREVOLI MIGRANTI, a causa della loro situazione di ASSOLUTA INDIGENZA, sono matematicamente in possesso di un punteggio inferiore e pertanto hanno MASSIMA PRECEDENZA !!.....EBBENE, dato che in questa città di Parma, vige un ALTA concezione DEMOCRATICA e di profonda difesa delle NOSTRE RADICI, personalmente le dico che NON SONO ASSOLUTAMENTE d’ACCORDO con le sue GENIALI TEORIE….sicuramente LESIVE, RAZZISTE e POLITICAMENTE INDOTTRINATE, verso i suoi stessi concittadini PARMIGIANI !!.....

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana mantiene il titolo di Miss Italia. "Quelle foto osè erano rubate"

decisione

Carlotta Maggiorana mantiene il titolo di Miss Italia. "Quelle foto osé erano rubate"

Zanza

Maurizio Zanfanti, detto "Zanza"

RIMINI

Malore fatale con una ragazza: è morto "Zanza", re dei playboy

Mirco Levati "paparazzato" con Belen

GOSSIP

Mirco Levati "paparazzato" con Belen Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il Cammino dei sapori: dall’Appennino al mare tra natura e gastronomia

La copertina del libro

NOSTRE INIZIATIVE

Il Cammino dei sapori: dall’Appennino al mare tra natura e gastronomia

Lealtrenotizie

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

L'INCHIESTA

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

1commento

CALCIO

Napoli-Parma: turnover leggero per i crociati, confermati Gervinho e Inglese Diretta dalle 21 

Segui gli aggiornamenti minuto per minuto a partire dalle 21

FIDENZA

Stazione, 23enne aggredita da un extracomunitario

3commenti

LAUREA

La farfalla Giulia è diventata dottoressa

3commenti

CONTROLLI

Polizia a cavallo nei parchi cittadini

1commento

Fontevio

Choc anafilattico, vivo per miracolo. La farmacista: "Ecco come l'ho salvato" Video

LUTTO

Addio ad Armido Guareschi, ex patron della Lampogas

università

UniRankings 2019: l'ateneo di Parma 501esimo nella classifica mondiale

PARMA

Scontro auto-bici in via Zarotto: un ferito

Fuga di gas nella notte: vigili del fuoco in via Gobetti

PARMA

Lavori in Cittadella: arrivano operai e ponteggi Foto

LANGHIRANO

Castello di Torrechiara chiuso, rabbia e proteste

2commenti

FIDENZA

Vandalismo: distrutto il lunotto di una Lancia Y

Corniglio

Sesta diventa un set per il film di Giovanni Martinelli

12 TG PARMA

Rifugiati: il Ciac lancia una petizione sul web contro il decreto Salvini Video

EXPORT

A Parma boom nel secondo trimestre: +13%

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I «like», la morte e il valore della vita

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

Borgo Casale - Chef giovane, con qualità ed equilibrio

ITALIA/MONDO

mafia

Aemilia, il procuratore generale di Bologna: "Usare l'aula bunker anche per l'appello"

CHIETI

Violenta rapina a Lanciano: arrestati tre romeni. E si cerca il capobanda italiano

SPORT

procura

Moto, Fenati ora è indagato per violenza privata

sport

D'Aversa: "Napoli fortissimo, ma nella vita niente è impossibile" Video

SOCIETA'

GUSTO LIGHT

La ricetta "green" - Vellutata delicata ai cannellini

LA CURIOSITA'

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

4commenti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel