18°

28°

Parma

Trapianto di rene AB0 incompatibile da donatore vivente: a Parma per la prima volta in Italia

Trapianto di rene AB0 incompatibile da donatore vivente: a Parma per la prima volta in Italia
Ricevi gratis le news
0

Comunicato stampa
 

Il primo trapianto di rene AB0 incompatibile da donatore vivente mai eseguito in Italia è stato effettuato nelle scorse settimane presso l’Ospedale Maggiore di Parma. Se ne dà notizia oggi per il positivo decorso post-operatorio.

Si tratta di un intervento per lo più eseguito in paesi quali il Giappone, gli Stati Uniti ed in Svezia e che fornisce una nuova opportunità per il trapianto di rene da donatore vivente. Ciò risulta particolarmente rilevante a causa della ridotta disponibilità di donatori cadavere. I tempi di attesa per il trapianto da cadavere si sono infatti in Italia progressivamente allungati sino a superare i tre anni di media. In Italia i trapianti di rene da vivente sono meno del 5% del totale: l’utilizzo di donatori AB0 incompatibili potrebbe aumentare di almeno il 20-30% le opportunità di  identificare  un potenziale donatore vivente. La legislazione italiana regola i trapianti di rene da vivente in modo rigoroso.

Nel caso del trapianto eseguito a Parma, il rene è stato donato dalla moglie, di gruppo sanguigno A1, al marito, di gruppo sanguigno 0.

Per definire il gruppo sanguigno di un soggetto, è importante ricordare che esistono due tipi di molecole presenti naturalmente sulla superficie dei globuli rossi e delle cellule del rene come di altri organi: il tipo A (distinto ulteriormente nei sottotipi A1 e A2) e il tipo B. Ciascuno di noi può possedere o entrambe le molecole (gruppo AB), o una sola delle due (gruppo A o gruppo B), o nessuna di esse (gruppo 0).  I soggetti di ciascun gruppo producono naturalmente anticorpi rivolti contro i gruppi sanguigni che non possiedono e la quantità di anticorpi contro il gruppo sanguigno estraneo (“titolo”) varia da soggetto a soggetto.  Per esempio, i soggetti di gruppo 0 producono anticorpi sia contro il gruppo A sia contro il gruppo B; un soggetto di gruppo A produce anticorpi contro il gruppo B (e viceversa un soggetto di gruppo B produce anticorpi contro il gruppo A); un soggetto di gruppo AB non produce invece anticorpi.

L’incompatibilità di gruppo sanguigno AB0 è stata a lungo considerata una controindicazione assoluta al trapianto di rene. Il trapianto di rene in un soggetto AB0 incompatibile comporta infatti l’immediata aggressione da parte degli anticorpi del ricevente nei confronti dell’organo trapiantato, con conseguente rigetto e perdita irreversibile della funzionalità dell’organo. Maggiore è il titolo degli anticorpi presenti nel gruppo sanguigno del ricevente, più precoce e grave è il rigetto.
I primi trapianti di rene AB0 incompatibile effettuati nel mondo, con successi peraltro rari, risalgono agli anni ’80, ma solo negli ultimi anni, grazie ai progressi nelle strategie terapeutiche, si sono potuti raggiungere risultati paragonabili a quelli dei normali trapianti da donatore vivente ABO-compatibili.

Per effettuare un trapianto di rene AB0 incompatibile è necessario instaurare sul ricevente un trattamento desensibilizzante, che ha inizio circa un mese prima del trapianto. Il trattamento desensibilizzante prevede la rimozione di anticorpi dal sangue tramite una procedura detta aferesi e l’inibizione della produzione di anticorpi contro il gruppo sanguigno estraneo. A Parma si è adottato un protocollo che ricalca quello utilizzato in Svezia, e che fa ricorso ad una particolare tecnica di aferesi che prevede la rimozione selettiva degli anticorpi contro il gruppo sanguigno estraneo e la somministrazione di farmaci immunosoppressori che inibiscono la produzione degli anticorpi.

Il fatto che il donatore fosse di gruppo sanguigno A1 e che l’iniziale titolo degli anticorpi del ricevente fosse elevato sono due fattori che hanno caratterizzato l’intervento eseguito ed hanno reso più impegnativa la terapia desensibilizzante.
Dal punto di vista chirurgico, l’intervento risulta identico ai normali trapianti di rene.
Il decorso del paziente trapiantato è attualmente regolare e sovrapponibile a quello di un normale trapianto ABO-compatibile. 

Il paziente è stato seguito da Umberto Maggiore, responsabile del reparto degenze del Centro Trapianti dell’U.O. di Nefrologia e da Carlo Buzio direttore dell’U.O. di Nefrologia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma. Gli interventi sono stati eseguiti dai chirurghi Maria Patrizia Mazzoni e Enzo Capocasale (U.O. Clinica chirurgica e dei trapianti d’organo, diretta da Mario Sianesi) e Raffaele Dalla valle (U.O. Chirurgia d’urgenza, diretta da Ernesto Tamborrino). Fondamentale per il trattamento desensibilizzante è stata inoltre la collaborazione con Maria Sassi (U.O Immunoematologia e trasfusionale, diretta da Massimo Franchini), e Paola Zanelli (U.O. Genetica medica diretta da Mario Savi).
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

L'amarezza di Pizzarotti e Casa: «Poliziotti in più solo grazie a Minniti»

SICUREZZA

L'amarezza di Pizzarotti e Casa: «Poliziotti in più solo grazie a Minniti»

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

VIABILITA'

Via Europa, insieme al cantiere partono anche i disagi

Lentigione

Piena dell'Enza, risarcimenti e polemiche

STAZIONE

Sfilò 15 euro a un giovane e lo aggredì, condannato

TIZZANO

Frana di Capriglio, l'ira del sindaco Bodria: «I lavori subito o evacuo il paese»

Fontevivo

«Grattato» il parmigiano: giallo alla Festa dell'Uva

SERIE A

Parma, che tour de force

sicurezza

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

5commenti

anteprima gazzetta

"La (poca) sicurezza a Parma sta diventando un caso nazionale"

2commenti

sissa trecasali

Un altro rave party sulle rive del Po (a Coltaro): 28 denunciati Video

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

5commenti

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

2commenti

gazzareporter

"Acqua alta" in un vagone del treno Bologna-Milano

centro

Ponte Romano, lavori finiti: apertura confermata il 7 ottobre Video

Parma (e regione)

Ondate maltempo 2016-2107, entro il 23 ottobre le domande di risarcimento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

MONZA

Portata in Pakistan con l'inganno chiede aiuto (con una lettera) a scuola

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: la più piccola è morta

SPORT

Pallavolo

Mondiale: Slovenia rimontata, en plein Italia

CHAMPIONS

Magie di Icardi e Vecino, l'Inter vince all'ultimo respiro

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

gossip

Il re delle notti? "Troppo noioso", la moglie lascia Bob Sinclar

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design