19°

29°

Parma

Il «principe» e lo sbirro: una coppia da film

Il «principe» e lo sbirro: una coppia da film
Ricevi gratis le news
0

Laura Frugoni

II poliziotto e il principe della notte. Il primo, che da 38 anni si allaccia la divisa da sbirro tutti i santi giorni, il secondo che inanella massime sull'esistenza alternativa («la trasgressività è la mia regola di vita»). Il poliziotto e il principe della notte, pare il titolo di un film: e difatti un film insieme alla fine l'hanno fatto, il sostituto commissario di polizia Antonio Ciotta e l'attore Alberto Petrolini, e già questa è una storia - da raccontare - nell'altra storia, quella della loro amicizia trentennale. Il film s'intitola «La fortuna è cieca» ed è un cortometraggio. Nel cast spiccano  parecchie altre facce che Parma ben conosce, tutta gente che nella vita fa altro e ha accettato di slancio questa sfida: diventare attori per un giorno (tre giorni, in verità: tanto sono durate le riprese). C'è il guru della boxe Adriano Guareschi, c'è il resuscitatore delle chiome perdute Cesare Ragazzi (che è un bolognese doc), il cantante Gianni Bella fa un cameo, tanto per citare i più noti. Ma anche dentro un film che dura un soffio è possibile inventarsi un'altra vita. E fu così che allo sbirro Ciotta fu permesso  per una volta di passare dall'altra parte: nel «corto»,  girato intorno a un tavolo da gioco, impersona «il losco», un tizio ambiguo che non toglie gli occhiali neri nemmeno quando sbircia le carte in mano.  «Io credo che un buon investigatore debba essere anche un po' losco per entrare nella mentalità criminale», appunta sornione il sostituto commissario. Siciliano da Paceco, paesino in provincia di Trapani, entrò in polizia appena fatti i diciott'anni. «Quando nasci in posti così o fai il mafioso o fai il poliziotto oppure resti uno dei tanti che si lascia vivere. Io non volevo essere uno dei tanti, e ho scelto la divisa. Potrei già andare in pensione, ma rimando sempre: sono troppo innamorato di questo lavoro». A Parma sbarcò nel gennaio del '75, tranne qualche parentesi (un anno alla nostra squadra mobile, un anno in quella di Trapani) è sempre stato in forza all'Ufficio volanti della questura e  tuttora lo puoi trovare lì, tutti i giorni. Poliziotto per vocazione. Ma con l'attore che c'azzecca?

In risposta pesca un aforisma: «Chaplin diceva che il vero disastro nella vita non è fallire ma non osare. L'ho fatto per gioco, tutto ciò che è nuovo mi affascina e a recitare mi sono trovato a mio agio». Con Petrolini si conobbero una sera di trent'anni fa, ai tempi in cui quelli della notte parmigiana si trovavano al Nabila. «Io facevo l'attore di fotoromanzi», ricorda Petrolini, sigaro perenne tra i denti e aria mai smessa del play-boy che flirtava con Grace Jones e Brigitte Nielsen.  «Ho fatto il fotomodello per le grandi firme della moda, sono stato il primo a recitare in una pubblicità per il telefono». Roba pionieristica, lo spot era per la Sip e il telefono era a gettoni. Petrolini faceva il camionista che saltava giù dal Tir e s'infilava in una cabina. Ora saltella disinvolto dal ladro seduttore (per Tinto Brass) all'allenatore sull'orlo della crisi isterica (per Pupi Avati,  «Una sconfinata giovinezza»). Nel corto intorno al tavolo da gioco, Petrolini recita Petrolini: sempre il sigaro, sempre principe, di una notte  sempre giovane. E ora chiosa: «Quello dello spettacolo è un mondo durissimo: per resistere bisogna alzare la soglia del dolore». Due così così fanno tanto diavolo e acqua santa. Qual è la chiave di un'amicizia che non t'aspetti? «Forse dura proprio perché siamo agli opposti - risponde Ciotta - Petrolini è uno senza regole, ad esempio è un ritardatario cronico, non arriva mai. E quando vedo che comincia ad andare fuori binario, lo riporto dentro. La cosa buffa è che ci incontriamo solo di notte». E poi c'è questo amore per il cinema. Meglio un Oscar o catturare «diabolik» Messina Denaro? «Direi l'Oscar - dice Ciotta - io sono un poliziotto, è il mio lavoro. Il cinema è il sogno».   

.Com'è nata l'idea del film «La fortuna è cieca»
E il micro-noir parmigiano ha già vinto un premio
La fortuna sarà anche cieca, ma intanto un premio è già arrivato. Al Festival del cinema di  cortometraggi di Lauingen (Dusseldorf), c'erano 130 film in gara e «La fortuna è cieca»  s'è aggiudicato il premio per il miglior «corto» e la miglior regia.
Il regista è di origini bussetane: Gianluca Menta, in arte Gl Mental. Sua l'idea di ambientare questa micro-storia (il corto dura 22 minuti) nel mondo del poker texano. Tre giorni di riprese in un locale di Salsomaggiore, trasformato per l'occasione nel regno del Texas hold'em. Ne è uscita una parabola noir in salsa parmigiana, una metafora della vita scaturita dall'incontro-scontro di tipi umani molto diversi tra loro. Nella vita c'è chi vince e c'è chi perde, e capita che il vincitore finisca per essere chi non t'aspetti.    Il soggetto l'ha firmato il pittore salsese Pol Testi, che ha pure il ruolo centrale e «rivelatore» nella pellicola. 
«Tutto è nato da un incontro a cena al Cuore Matto di Poviglio l'estate scorsa - racconta Ciotta  - il proprietario del locale è Gigi Colombi e anche lui ha recitato nel film. Al regista mancava qualche caratterista, qualche “maschera” particolare e così fece la proposta sia a me che ad altri. Nei “corti” quasi sempre gli attori sono presi dalla strada». E non è un caso che nelle prime immagini si vedano i protagonisti nella loro vita di tutti i giorni: il maestro di boxe Guareschi con i guantoni, il poliziotto Ciotta che smonta da una pantera...  Per rendere meglio l'atmosfera noir è stato scelto il bianco e nero, i dialoghi ridotti all'osso: gran parte della partita si risolve in un gioco di sguardi. Tra nuvole di fumo e lunghe sbirciate alle carte,  la spunterà un giocatore cieco, che poi se ne va appoggiandosi al bastone bianco. Finale con sentenza della voce fuori campo al principe dei biscazzieri Petrolini, l'ultimo a essere «fatto fuori» dal vincitore non vedente: «Allora bel principe, ti ha battuto. Neanche le vedeva le carte: ascoltava solo il battito del tuo cuore». 


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

Il caso

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

Intervista

Pertusi: «Nel mio sangue scorre Verdi»

Libro

Un saggio su Bartali, eroe mito del Novecento

COLLECCHIO

Sagra della Croce, pochi bagni chimici

Pieveottoville

E' morta Renata Barbieri, «colonna» del volontariato

FONTANELLATO

Brucia la corte dei Boldrocchi: addio al recupero?

san leonardo

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento. Video: lo spaventoso incendio - 2

1commento

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale Video

Ecco i progetti annunciati dal Comune

6commenti

Crédit Agricole

Giampiero Maioli insignito Cavaliere della Legione d’Onore dall'Ambasciata Francese

anteprima gazzetta

Sicurezza a Parma, il caso ora è politico: "Ma ai parmigiani interessa che si faccia qualcosa"

1commento

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Si comincia con la danza verticale "Full Wall" e l'installazione "Macbeth"

LAGASTRELLO

Un fungaiolo cade in un dirupo e muore fra il Parmense e la Lunigiana

Il recupero del corpo è difficile, perché si trova in una zona impervia

carabinieri

Salumi contraffatti: sequestri a Parma (Reggio e Piacenza) Video

PARMA

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

GAZZAFUN

10 piazze della nostra provincia: in quale comune siamo?

ITALIA/MONDO

MILANO

Pedofilia: 6 anni e 4 mesi a don Galli

OMICIDIO-SUICIDIO

Uccide la madre e si getta da un ponte nel Reggiano

SPORT

EUROPA LEAGUE

Zampata di Higuain: il Milan stende il Dudelange

Serie C

Sospese fino a data da destinarsi le gare dell'Entella

SOCIETA'

STATI UNITI

Aragoste sedate con la marijuana prima di finire in pentola

dublino

Aereo tenta l'atterraggio: il vento costringe a riprendere il volo

MOTORI

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse