19°

Parma

Il rapporto semestrale della Dia al Parlamento: "La 'Ndrangheta tenta di ampliare gli interessi al Nord"

Il rapporto semestrale della Dia al Parlamento: "La 'Ndrangheta tenta di ampliare gli interessi al Nord"
Ricevi gratis le news
25

Dal Piemonte al Veneto, passando per la Liguria, l’Emilia-Romagna (Parma compresa) e anche la Toscana, la 'Ndrangheta ha ramificazioni in buona parte delle regioni settentrionali: cosche che godono di una certa autonomia ma che per le decisioni strategiche dipendono sempre dalla casa madre calabrese. È quanto emerge dalla relazione semestrale della Direzione investigativa antimafia (Dia) consegnata al Parlamento.
Ecco nel dettaglio come le cosche si sono infiltrate nelle regioni più produttive del Paese.

EMILIA-ROMAGNA - Secondo la Dia, le cosche sono operative nelle province di Parma, Bologna, Modena e Reggio Emilia, dove vi è una presenza «diretta» della cosca Grande Aracri e vi sono personaggi riconducibili alle 'ndrine dei Barbaro, Strangio, Nirta e dei Bellocco. Sono inoltre in corso tentativi da parte delle varie famiglie di allargare il raggio d’azione anche nelle altre province della regione.

PIEMONTE - Si registra, scrive la Dia, una «qualifica presenza di soggetti riconducibili alle 'ndrine del vibonese, della locride, dell’area ionica e tirrenica della provincia di Reggio Calabria». Cosche che «attraverso imprese controllate» hanno i loro interessi prevalentemente nel settore degli appalti pubblici dove, spesso, operano attraverso i subappalti.
Un altro «settore primario» dei gruppi 'ndranghetisti è rappresentato dal traffico di droga, per gli elevati profitti che consente. Tra le operazioni portate a termine nel primo semestre di quest’anno, la Dia ricorda il sequestro di beni a due fratelli residenti a Tortona, figli di un noto esponente della 'Ndrangheta reggina ucciso nell’ambito della faida che negli anni '70 contrappose i Facchineri ai Raso-Albanese-Gullace.

LIGURIA - Nella regione «è tradizionalmente radicata - scrive la Dia - la presenza di note espansioni di 'ndrine a Genova, nel ponente ligure e nella riviera di levante».
Traffico di stupefacenti, estorsioni, usura, gioco d’azzardo, controllo dei locali notturni per lo sfruttamento della prostituzione «costituiscono i maggiori settori dell’arricchimento» per le cosche. E «non meno importante è la significativa presenza, attraverso capitali di incerta provenienza, nei campi dell’imprenditoria edile e dello smaltimento dei rifiuti».

VENETO - Si registrano «segnali di interesse» della 'Ndrangheta verso i settori dell’economia locale e vi è una «significativa incidenza percentuale delle segnalazioni per operazioni finanziarie sospette effettuate nella regione» tanto da indurre la Dia a svolgere controlli più persuasivi.

TOSCANA - La regione è diventata «territorio di elezione di alcune qualificate propaggini della 'Ndrangheta». E anche se attualmente i processi di radicamento nel tessuto socio, economico ed imprenditoriale della regione «non hanno svelato sostanziali soluzioni di continuità», indicano comunque «l'esigenza di una realistica presa d’atto sulla rinnovata pericolosità delle presenze di elementi riconducibili alle cosche mafiose calabresi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • sveglia

    18 Novembre @ 12.30

    Tale notizia era necessaria per tutti quelli che credevano di vivere nel paese della meraviglie e che la criminalità organizzata fosse solo quella del sud, che magari fa più rumore e che serve a distogliere l'attenzione dalla mafia dei colletti bianchi che impera da tempo al nord. Che si svegli anche chi pensa che la mafia/camora sia arrivata in treno da reggio calabria e che basti mettere una frontiera o una sbarra come per il passaggio a livello...... Dove c'è un corruttore c'è sempre un corrotto, anche se vestito bene e con la erre moscia e punta il dito contro qualcun'altro. Benvenuti nel modo reale.

    Rispondi

  • Geronimo

    18 Novembre @ 11.40

    Edi 08:30 ma perchè dove sono state fatte queste leggi (chiaramente sui controlli delle mafie) tutto ha funzionato? è il sistema che è sbagliato e la politica non va di certo contro la mafia. L'alibi comunque a parma fa ridere, si viene trovati con le mani in pasta e la colpa è di ubaldi (ma bip non eri con ubaldi alle elezioni? non eri con lui quando era sindaco?) o dei governi rossi della città (ma bip non sono finiti nel 1998?)

    Rispondi

  • Geronimo

    18 Novembre @ 10.55

    Edi lei ha ragione ma chiediamoci perchè le amministrazioni non attuano i controlli previsti dalla legge o peggio eliminano questi controlli? siamo sicuri che a guadagnarci sia solo la mafia? E le aziende del nord che hanno appalti al sud? riciclo di rifiuti pericolosi verso il sud? tutta colpa delle aziende calabresi? La mafia è universale, non è del sud è di tutti solo che è meglio che non si sappia

    Rispondi

  • pier luigi

    18 Novembre @ 10.08

    Scusate ma Piacenza è 'fuori'? forse perchè non ha costruito? oppure rientra nell'ombra di Lodi? Parma è sugli scudi nel bene e nel male ed avendo molta 'carne al fuoco', ipoteticamente, è quella più esposta. Ma pensate al ponte calatrava di reggio, quanto è costato? e a modena cosa è successo (hanno un termovalorizzatore e non vi sono stati movimenti contro, mentre a Parma....) non si muove foglia che il 'partito non voglia'.

    Rispondi

  • michele

    18 Novembre @ 08.30

    lo so che una legge così non passerà mai, era una provocazione, ma dato che uno non è colpevole fino al 3° grado di giudizio, che "l'odore" di mafia non è un certezza (altrimenti DOVREBBE essere già in galera), che di prestanome coi loro soldi ne trovano a vagonate... non se ne esce più

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Via Europa, il cantiere provoca il caos

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

All'Esselunga di via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno