12°

24°

Parma

Cementificazione, Parma al terzo posto

Ricevi gratis le news
16

Centinaia di migliaia di bambini vengono sempre più privati di spazi fondamentali di verde e costretti a vivere in città e territori sempre più insani, squallidi e asociali. Il peggiore esempio è a Taranto, dove ogni bimbo ha a disposizione come "verde" uno spazio equivalente a una foglia di insalata (0,2 mq). Le cifre emergono dall’Atlante dell’infanzia in Italia, presentato oggi da Save the Children.
Tra i il 1998 e il 2006 la cementificazione del suolo ha raggiunti livelli altissimi in molte città italiane: in testa alla classifica Roma, con un incremento annuo di 336 ettari di suolo "impermeabilizzato", per un totale di 23 chilometri quadrati di costruzioni; seguono Venezia, Parma, Milano, Taranto. Napoli, pur non essendo nella top ten, condivide tuttavia con Milano il primato di città per tre quarti della sua superficie ricoperta da cemento e costruzioni e priva di aree verdi attrezzate.
Il Nord spicca anche per gli elevati tassi di inquinamento dell’aria, anche in rapporto al resto d’Europa: Torino, Milano, Brescia, Padova, Modena, Bergamo, Pescara, Napoli, Venezia, Rimini e Reggio Emilia si segnalano non solo in Italia ma anche in Europa per il maggior numero di giorni di superamento del valore limite di particolato, polveri sospese nell’aria che penetrano nelle vie respiratorie causando problemi cardio-polmonari e asma. E in molte di queste città risultano oltre i livelli di guardia anche le concentrazioni di biossido di azoto. E se la città peggiore per quantità di verde è Taranto, poveri di verde sono anche i bambini che vivono a Imperia, Savona, Lecco, Ascoli Piceno, Chieti, Crotone e Olbia che non possono contare su più di 5 mq di verde ciascuno. Il primato in positivo, cioè di capoluogo di provincia ben al disopra della media nazionale per verde pro-capite (che è di 106 metri quadri per abitante), spetta invece all’Aquila con 2.787 metri quadri, i cui giovani abitanti tuttavia debbono fare i conti con le ferite aperte e lasciate dal terremoto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • pgaibazzi

    20 Novembre @ 11.04

    La distruzione del suolo è gravissima per l’ambiente, la salute (tumori, malattie respiratorie, allergie ecc.), l’economia. Occorre recuperare gli edifici esistenti, ristrutturare e/o sostiture edifici di scarso valore o decisamente brutti e non consumare più suolo. L’ordine delle priorità va ristabilito: prima la salute, la qualità della vita, della convivenza sociale. Abbiamo il patrimonio culturale e artistico maggiore al mondo (che lasciamo colpevolemente cadere), prodotti di eccellenza che rischiano di scomparire. Da lì possono nascere ricchezza e occupazione. No Tibre, basta bretelle, termovalorizzatori e centrali a biomasse… Spero che Barilla (e imprenditori illuminati) sappiano orientare diversamente la politica produttiva perchè la Fodd walley non richiede solo promozione, pubblicità ma politiche concrete. Ad esempio nelle centrali a biomasse bruceranno legno e mais! prodotti dai fertilissimi terreni dell’Emilia. Si tolgono inutilmente terreni produttivi per installare utilissimi pannelli solari che potrebbero stare sui tetti. Perchè Barilla non stringe accordi con i nostri agricoltori per produrre e ritirare cereali biologici e preparare prodotti di qualità certificata a Km zero? Qualità, salute, occupazione, cultura, scienza e ricerca. Non asfalto e cemento!

    Rispondi

  • sabcarrera

    18 Novembre @ 22.47

    Ma il cemento rende veramente o le industrie "private" del cemento sono sempre a batter cassa dal contribuente?

    Rispondi

  • francesco

    18 Novembre @ 17.50

    Dunque, Parma è la terza città d'Italia "per occupazione del territorio", ossia in soldoni, cemento ( con tutto quel che si porta dietro anche in termini di criminalità mafiosa), alle spalle di Roma e Mestre-Venezia, mentre Milano e perfino il sud arrancano sotto. E’ proprio il caso di dire che questa notizia è l’ultima, forse la più pesante delle tegole che ormai cadono come piovesse sulla testa del povero Vignali, perché colpisce al cuore il sistema di potere, fondato appunto sul cemento, che governa la città dai tempi di Ubaldi, e “ temprando lo scettro a' regnatori gli allòr ne sfronda, ed alle genti svela di che lagrime grondi e di che sangue”, per citare Ugo Foscolo. Del resto ormai gli stessi industriali che lo avevano plebiscitato come sindaco tre mesi prima dell’annuncio ufficiale della sua candidatura alle elezioni comunali , e dunque di conserva la stessa Gazzetta di Parma ( che ormai guarda alle sue disavventure con un distacco da giornale anglosassone che non è mai stato nelle sue corde e spara pure quest’ultima notizia con bella evidenza senza remore censorie) hanno mollato il sindaco Vignali . Insomma, da destra e da sinistra la tenaglia si stringe.......

    Rispondi

  • cavazzini francesco

    18 Novembre @ 17.20

    il cemento rende di piu' del verde, chi se ne frega della salute vero?

    Rispondi

  • cele

    18 Novembre @ 16.41

    E fossero almeno belle queste costruzioni, sia abitazioni che centri commerciali, anche esteticamente sono un pugno in un occhio. Ma gli architetti non avrebbero avere anche un senso estetico?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Corona paparazzato con Belen, Silvia Provvedi lo lascia!

milano

Belen al ristorante con Corona: il gossip impazza

Nathalie Caldonazzo

Nathalie Caldonazzo

ROMA

Incidente stradale per la Caldonazzo: ferita

E' morto Marco Garofalo, coreografo di tanti show

TELEVISIONE

E' morto Marco Garofalo, coreografo di "Amici"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Formazione e specializzazione: le armi vincenti per trovare lavoro

CONSIGLI

Formazione e specializzazione: le armi vincenti per trovare lavoro

Lealtrenotizie

Precipita in un bosco facendo parapendio a Langhirano: ferito un 50enne

tragedia sfiorata

Precipita in una scarpata facendo parapendio a Langhirano: ferito un 50enne Video

anteprima gazzetta

Bimba di dieci anni, da Bari salvata al Maggiore dopo mesi da incubo Video

ARTE

"Il Terzo Giorno" porte aperte al Palazzo del Governatore Fotogallery

ALLUVIONE

Pizzarotti attacca la procura: "Crede che le persone siano individui da sbattere in prima pagina"

Il sindaco su Fb: "Oggi ci vuole un pazzo per fare il sindaco"

16commenti

METEO

Anticipo d'estate, caldo anomalo in mezza Europa

Temperature da inizio giugno a Nord, picchi di 27-28 gradi

PARMA

Auto si ribalta in via Montebello: ferita una 72enne Video

1commento

manifestazione

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

Polemica

Parco del Dono, abitanti contro migranti

22commenti

ASSEMBLEA

Parmalat: Bernier conferma i target 2018. Scontro con il fondo Amber

L'INCHIESTA

Maxi frode, via agli interrogatori di garanzia

PROGETTO

Esselunga, formazione per nuove assunzioni

la foto

Intervento dei vigili dei fuoco in via Mantova

tg parma

Circolo La Raquette: indetto il nuovo bando per la gestione Video

PARMA

Trovata una bicicletta: di chi è?

La polizia municipale pubblica la foto su Twitter

tg parma

Scontro auto-scooter in viale Pasini: un ferito, disagi al traffico Video

L'incidente si è verificato attorno alle 11

Montecchio

«Nuvola», morta la maestra paladina della natura

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Casellati subito prigioniera dei veti

di Vittorio Testa

L'ESPERTO

Termovalvole: se non si usa il riscaldamento si paga solo la quota fissa

di Mario Del Chicca*

1commento

ITALIA/MONDO

Brescia

Bimbo di 4 anni muore investito dalla mamma

Parco d'Abruzzo

Un orso muore durante la cattura e si riapre la polemica

SPORT

Rugby

L'addio di Manici: "Il mio corpo dice basta, ora farò l'allenatore" Video

Calciomercato

Morata, ecco il bomber di ritorno

SOCIETA'

Musica

Nessun colpevole per la morte di Prince

MOBILITA'

Auto senza pilota: parte anche in Italia la sperimentazione

MOTORI

MOTORI

Audi e le altre: la Design week a quattro ruote

MOTORI

Mahindra KUV100, il city Suv che non ti aspetti