16°

28°

Parma

Viero (Iren): "Vignali ci dica se il termovalorizzatore si fa oppure no" Il sindaco: "Chiedo solo trasparenza"

Viero (Iren): "Vignali ci dica se il termovalorizzatore si fa oppure no" Il sindaco: "Chiedo solo trasparenza"
Ricevi gratis le news
25

"Il sindaco Vignali ci dica se il termovalorizzatore si fa oppure no. Ma si sappia che ad oggi abbiamo già appaltato lavori per 120 milioni di euro e che se il termovalorizzatore non si farà i danni ad oggi sarebbero di 80 milioni di euro, di cui chiederemo il ristoro, visto che il gruppo si è esposto". A dirlo è stato questa mattina l'amministratore delegato di Iren Ambiente Andrea Viero, che ha convocato un incontro nella sede di strada Santa Margherita per fare chiarezza sui costi dell'impianto in costruzione a Ugozzolo, dopo le indiscrezioni circolate negli ultimi tempi. Viero ha anche confermato che il costo complessivo sarà di 193 milioni di euro e che i circa 13 milioni in più rispetto ai 180 milioni inizialmente previsti non andranno a incidere sulla tariffa applicata, che l'azienda si impegna a mantenere uguale a quella del 2008, indicizzata. Viero ha chiarito che tutti i dati sono nella disponibilità dei soggetti che hanno partecipato alla conferenza di servizi (quindi anche Comune e Provincia) fin dal luglio 2007.
"Se decidono che non l'inceneritore non si può fare - ha poi aggiunto - qualcuno dovrà spiegare a Iren dove portare le 88mila tonnellate di rifiuti che Parma produce ogni anno".

Vignali: “Chiedo solo trasparenza” -  “Nessun balletto mediatico e nessun tentennamento, ma la legittima chiarezza che un sindaco, di fronte alle novità che quotidianamente emergono attorno al termovalorizzatore, ha il dovere di chiedere per tutelare i suoi cittadini”. Risponde così il sindaco Pietro Vignali all’ad di Iren Andrea Viero.  “Il sindaco deve conoscere il Piano economico finanziario - scrive in una nota stampa - Lo scorso 19 luglio, in una lettera, ho chiesto il Pef a Iren. In risposta, undici giorni dopo, mi è stato detto che non era ancora pronto in quanto, tra le diverse motivazioni, non si aveva la certezza della tariffa. Ora si dice che i costi sono aumentati e che le tariffe si assesteranno a quelle del 2008: io devo però capire su che base sono stati fatti questi conti. Così come mi sembra legittimo auspicare che i costi per la realizzazione non aumentino ancora”. Quindi il sindaco Vignali parla dell’esposto del Comitato: “Mi sembra più che normale l’aver conferito un mandato ad un avvocato per verificare la fondatezza o meno dell’esposto in Procura del Comitato Gestione corretta rifiuti”. “Ripeto – conclude il sindaco – la mia è una richiesta di trasparenza doverosa, alla luce anche degli impegni che ho preso in Consiglio comunale di rendere questa operazione il più possibile chiara ai cittadini”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • mirco

    26 Novembre @ 11.36

    Signori, se fino ad ora la raccolta differenziata non è decollata è perchè Enia, Iren & company non hanno interessi ad incentivarla. Devono dimostrare che l'inceneritore serve perchè la differenziata non funziona...è un cane che si mangia la coda. L'inceneritore crea una quantità di rifiuti da sotterrare in discarica (ceneri tossiche) molto maggiore rispetto a quello che non si riuscirebbe a recuperare con un impianto come quello di Vedelago, meno della metà dell'inceneritore. Inoltre il primo punto da cui partire è cambiare gli imballaggi...se ce ne sono meno, meno sarà da riciclare...spero di essere stato chiaro in poche righe. Poi dobbiamo essere noi cittadini Capite bene che se il comune o la provincia(non ricordo bene) vuole incentivare la raccolta differenziata creando delle tariffe + basse per i cittadini + meritevoli, l'inceneritore dovrà comunque essere alimentato per funzionare, quindi arriveranno rifiuti da altre province dove la raccolta differenziata non è spinta. E chi ci garantisce che non vengano buttati dentro rifiuti tossici come succede negli altri inceneritoiri già chiusi per questo motivo? La ns classe politica e dirigenziale non ci ha mai dato prova di poterci fidare di loro quando ci sono così tanti soldi in gioco A proposito di Villani : si è prodigatto x non fare costruire una centrale a biomasse a Collecchio perchè diceva che era inqunante. Adesso va a fare il dirigente IREN di un inceneritore? Bella coerenza...complimenti, un uomo da prendere come esempio

    Rispondi

  • Armella

    26 Novembre @ 11.11

    Aristarco, ecco il piano B: i 193 milioni di euro saranno spesi per potenziare la raccolta differenziata. Come lei giustamente dice, molte persone non sanno come si ricicla... e allora le educhiamo con corsi, pubblicità, iniziative ecc. Poi, si mettono delle persone (ma ci sono anche delle macchine che lo fanno) a controllare i rifiuti in modo da dividerli in maniera ancora più accurata. E in ultimo, se non si vuole proprio costruire un centro per il riciclo dei rifiuti, si spediscono dove questi centri già esistono (tipo Vedelago, Treviso). La raccolta differenziata e il riciclo sono possibili, basta volerlo.

    Rispondi

  • GIACOMO

    26 Novembre @ 10.50

    SIG ARISTARCO COPI IL LINK QUI SOTTO E GUARDI LA PRIMA DOCUMENTAZIONE COSI VEDIAMO CHI PARLA A VANVERA E FA DEL TERRORISMO PSICOLOGICO.... INVITO TUTTI A VISIONARE QUESTO LINK: http://iltirreno.gelocal.it/versilia/cronaca/2010/07/08/news/sigilli-all-inceneritore-di-pietrasanta-2153299 QUESTO è IL RISULTATO DI COSA PRODUCE UN INCENERITORE :ARRICCHIMENTO DI POCHI A DISCAPITO DELLA SALUTE DI TUTTI.

    Rispondi

  • Geronimo

    26 Novembre @ 07.54

    Gualtiero ma come ti salta in mente di fare simili domande, sua eccellenza luigi giuseppe villani (non sono ignorante, scrivo volutamente minuscolo) ha mille cose da fare, non lo ha ancora fatto perchè sarà impegnato a ritirare le ultime cose dal comune di Noceto, sarà a Bologna per il consiglio regionale, deve coordinare qualche riunione del partito, nel tempo libero svolgerà la sua professione in ospedale a Piacenza, deve pensare alla sua squadra di rugby, deve dare istruzioni alla lista civica per come governare Parma. Insomma c’è tempo per l’inceneritore, poi tanto la soluzione si trova, certo la colpa sarà di quel comunista (anzi scusate, komunista) di Ubaldi. A proposito di chi critica Ubaldi, ho sentito varie interviste su giornali e televisioni (dai Gazzetta, fatelo anche voi perchè da voi non le ho lette queste cose anche se è facile che le abbia perse perchè mancava un titolo di richiamo) in cui Ubaldi fa mea culpa perchè lui ha iniziato questo giro di scatole cinesi che ha preso una piega sbagliata. A mio parere una persona, per di più un politico, che ammette gli errori ha tutta la mia stima.

    Rispondi

  • LC

    25 Novembre @ 23.17

    In primis, sono d’accordo con concetta. Non voglio - in primis - che Parma finisca come Napoli. In secundis, ritengo che Giacomo, faccia solo terrorismo psicologico di bassa lega. Se vi sono dei dati a sostegno di quanto dice, li deve citare in modo che possano essere appropriatamente valutati e senza parlare a vanvera! In tertiis, ritengo che, in linea di principio, sia ovvio che si debba essere a favore dell’ opzione anti-termovalorizzatore. Se si riesce a fare a meno di un inceneritore è ovvio che non deve essere costruito. Però ho, a questo proposito, un dubbio e una richiesta. Dubbio: riusciremo a effettuare una raccolta differenziata seria e capillare? Il dubbio sorge perché il sottoscritto constata che nei cassonetti della differenziata ci entra poi di tutto. Riscontro infatti che molta gente non ha chiaro nei dettagli quali materiali vadano nella differenziata e quali no. Ad esempio, pochi sanno che la carta da forno non deve essere messa nel contenitore differenziata della carta? Richiesta: non esiste nel mondo una città grande come Parma che faccia a meno dell’ inceneritore (a parte le città del terzo mondo che gettano tutto in discarica). Se si decide per l’ ipotesi anti-termovalorizzatore, voglio che si definisca comunque un piano B, perché non voglio che Parma si trasformi come Napoli.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Giulia: «Volate oltre l'odio»

La Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

PARMA

Gervinho, che gol!

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

Assistenza pubblica

Trent'anni di automedica

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

SERIE A

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

2commenti

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

parma

Lavoro nero: sospesa la licenza a un kebab di via D'Azeglio. Multati altri locali

Controlli interforze in diverse zone della città

1commento

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

E' Berlusconi l'arma anti Di Maio di Salvini

di Vittorio Testa

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Medicina

Primo trapianto di faccia in Italia. E' su una donna

governo

Pensioni: ipotesi quota 100 con 36-37 anni contributi

1commento

SPORT

il videocommento

Grossi: "La "fame" di vittoria funziona. La squadra ha dato cuore e polmoni" Video

Pallavolo

L'Italia perde con la Russia al quinto set, ma è già in final-six Foto

SOCIETA'

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"