18°

Parma

Via Zarotto: bimbo e madre falciati da un'auto. Il piccolo è gravissimo in Rianimazione

Via Zarotto: bimbo e madre falciati da un'auto. Il piccolo è gravissimo in Rianimazione
Ricevi gratis le news
30

Un incidente drammatico e gravissimo è avvenuto nel tardo pomeriggio in via Zarotto.

All'incrocio con via Bandini, una donna di origine moldava stava attraversando la strada insieme al figlio di 4 anni (pare sulle strisce, ma ovviamente la dinamica è ancora in corso di accertamento) intorno alle 17.  Qualcuno parla poi di un movimento brusco del bambino, altri dicono che i due erano comunque sulle strisce: quel che è certo, è che è sopraggiunta un'auto che li ha investiti.

Subito gravissime sono apparse le condizioni del piccolo, che è stato ricoverato  in Rianimazione. La prognosi è riservata.

Anche la donna è stata trasportata al Maggiore: le sue condizioni sono meno gravi, ma ora la donna segue ovviamente con drammatica apprensione la sorte del figlio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ALAN RISOLO

    27 Novembre @ 09.31

    Io credo che sarebbe OPPORTUNO che i VIGILI URBANI, anziche istituire inutili posti di blocco volti ad aumentare le casse del COMUNE con sanzioni assurde (SPAZZOLE TERGICRISTALLO USURATE) iniziassero a multare le infrazioni più significative, come ad esempio MANCATA PRECEDENZA SULLE STRISCIE PEDONALI. Io lo vedo tutti i giorni e loro stessi spesso non rispettano tale obbligo

    Rispondi

  • francesco

    26 Novembre @ 21.52

    Nel 2008 ci sono stati nella provincia di Parma 138 incidenti ( 46 in città) che hanno coinvolto i pedoni, con 5 morti ( tre in città ) e 139 feriti ( 48 in città). Nè va dimenticato che i danni alle famiglie delle vittime rimangono enormi e solo in parte conosciuti e considerati: il 90% dei nuclei familiari di deceduti o di vittime rimaste inabili (si stima che ad ogni morto corrispondono 2 o 3 invalidi gravi) subisce una sostanziale diminuzione della qualità della vita,mentre solo il 30% dei disabili ritorna a svolgere a tempo pieno il lavoro precedente. Questo della viabilità è un altro dei campi in cui l’amministrazione non decide, in una città dove c’è il paradosso pericoloso di una densità automobilistica superiore alla media italiana ( 62 autovetture su cento abitanti, quando a New York, dicesi New York, sono solo 20 su cento !) e di un notevole uso della bici : volete creare una città a misura di auto o a misura di mobilità sostenibile ? Volete che questo diventi sempre meno un paese per vecchi o semplicemente per gente che vuol vivere la città in modo meno stressato e inquinante degli incalliti automobilisti ( a Milano uno su due abitanti – dicono le statistiche – ormai è incapace di lasciare l’auto a casa anche per andare a comprare le sigarette all’angolo e non mi sembra proprio il caso di incoraggiare questa tendenza anche a Parma, magari solo per far piacere ai soliti ottusi commercianti ancora convinti che l’auto sempre e comunque incoraggi gli acquisti nonostante le evidenze contrarie in tutta Europa, come ha fatto l’amministrazione liberalizzando gli accessi alle zone interdette il sabato e la domenica, come se settemila auto che entrano quotidianamente in un centro grande come un fazzoletto fossero poche ) ? Volete far diventare ciclisti e pedoni una razza in via di estinzione ? Volete che la convivenza difficile ciclisti-automobilisti degeneri in una guerra di comportamenti a rischio dall’una e dall’altra parte che hanno sempre più - già ora - il tono della sfida e della provocazione reciproca ( oltre che essere frutto di incoscienza ed inconsapevolezza del pericolo ), per non parlare degli atti vandalici sulle auto, compreso qualche occasionale falò ? E che si arrivi agli eccessi di Roma e Milano dove si vedono giovani ciclisti bardati come guerrieri tallonati da presso da automobilisti e tassisti intolleranti ? Volete che continui lo stillicidio di pedoni e ciclisti investiti e non di rado uccisi sulle strisce o le piste ? No ? ? E allora non bastano piste ciclabili purchessia, spesso a spizzichi e bocconi ( comunque siamo lontani dai 150 chilometri di ciclabile collegati a ben 7 parcheggi scambiatori ovvero 34 metri ciclabili per abitante di Reggio Emilia, dove è diffuso il Bici bus, che porta sei bambini su dieci in bici a scuola su percorsi protetti) o bike sharing ( colonnotti spesso fuori uso o vuoti) , occorre che chi si muove a piedi e in bici - gli utenti deboli - sia tutelato, oltre che autotutelarsi con comportamenti consapevoli. Quindi : a) moltiplicare i semafori a prenotazione : visto che è inutile avere delle strisce pedonali o delle piste ciclabili con diritto di precedenza sulle auto e moto, se poi le auto o le moto non si fermano o, se si fermano, lo fanno all’ultimo momento ( nonostante la giurisprudenza abbia stabilito ripetutamente che il pedone o ciclista deve poter attraversare “ in tutta sicurezza”), né si può pretendere che ciclisti e pedoni siano tutti dei kamikaze pronti ad immolarsi pur di affermare il loro diritto , bisogna moltiplicare i semafori a prenotazione , unico modo per far fermare auto e moto e passare “in tutta sicurezza” e senza il terrore ed i patemi d’animo che ormai attanagliano chiunque attraversi, visti i continui episodi tragici ai loro danni ( ci sono strade, come viale Mentana, dove è consigliabile fare testamento prima di attraversare). Sempre in quest’ottica, bisognerebbe prevedere che in corrispondenza di ogni incrocio tra piste ciclabili e strade normali sia apposto sulla carreggiata un segnale di stop per auto e motoveicoli. b) Diffondere a tutto il centro storico ( come s’è fatto a Lodi, per esempio, ) le “zone trenta”, quelle dove non si può andare a più di trenta allora, mica soltanto nell’estrema periferia di Piazza Lubiana e dintorni come ora!

    Rispondi

  • Oscar

    26 Novembre @ 18.25

    I sono, pedone, ciclista e automobilista, dipende dalle necessità. Sicuramente a Parma, i più indisciplinati non sono gli automobilisti. Pedoni e più ancora i ciclisti li definisco ASPIRANTI SUICIDII!

    Rispondi

  • paolo

    26 Novembre @ 17.14

    @gianluca .. dalle tue parole si capisce al volo che tu sei uno di quelli che piuttosto di fermarsi gli asfalta...

    Rispondi

  • sabcarrera

    26 Novembre @ 16.57

    moni - "sui marciapiedi soprattutto dove non c'e' la pista ciclabile!" Forse non lo sai ma piuttosto di prendere la careggiata alle macchine del terrore a Parma hanno messo le piste ciclabili su i marciapiedi. addirittura sul Lungoparma passando dalle fermate degli autobus. La soluzione è di mettere le strisce sopra un dosso alto o un limite di 30 kmh. Spesso è un giovane a guidare in eccesso di velocità o altro allora alzare l'età minima per la patente.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Zanza

Maurizio Zanfanti, detto "Zanza"

RIMINI

Malore fatale in auto con una ragazza: è morto "Zanza" , re dei playboy della Riviera romagnola

Mirco Levati "paparazzato" con Belen

GOSSIP

Mirco Levati "paparazzato" con Belen Foto

Harlem Gospel Choir

Auditorium Paganini

Arriva l'Harlem Gospel Choir

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

LA CURIOSITA'

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

di David Vezzali

4commenti

Lealtrenotizie

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

L'INCHIESTA

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

1commento

PARMA

Scontro auto-bici in via Zarotto: un ferito

Fuga di gas nella notte: vigili del fuoco in via Gobetti

FIDENZA

Stazione, 23enne aggredita da un extracomunitario

3commenti

LAUREA

La farfalla Giulia è diventata dottoressa

3commenti

CONTROLLI

Polizia a cavallo nei parchi cittadini

Fontevio

Choc anafilattico, vivo per miracolo. La farmacista: "Ecco come l'ho salvato" Video

LUTTO

Addio ad Armido Guareschi, ex patron della Lampogas

PARMA

Lavori in Cittadella: arrivano operai e ponteggi Foto

LANGHIRANO

Castello di Torrechiara chiuso, rabbia e proteste

2commenti

FIDENZA

Vandalismo: distrutto il lunotto di una Lancia Y

Corniglio

Sesta diventa un set per il film di Giovanni Martinelli

EXPORT

A Parma boom nel secondo trimestre: +13%

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

3commenti

Teatro Due

Jeffery Deaver presenta stasera il nuovo romanzo

16 novembre

Le "stelle" illuminano la città: per il terzo anno la Guida Michelin presentata a Parma

PARMA

Sparano "per gioco" a un distributore e una finestra: denunciati tre giovani Foto

La pistola era ad aria compressa. La finestra è stata danneggiata. Sono intervenuti i carabinieri

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il non-detto dietro la legge di stabilità

di Domenico Cacopardo

CHICHIBIO

Borgo Casale - Chef giovane, con qualità ed equilibrio

ITALIA/MONDO

CHIETI

Violenta rapina a Lanciano: arrestati tre romeni. E si cerca il capobanda italiano

genova

Crollo del ponte, ferrovia a pieno regime dal 4 ottobre

SPORT

sport

D'Aversa: "Napoli fortissimo, ma nella vita niente è impossibile" Video

BASEBALL

Parma Clima: Yomel Rivera raggiunge i compagni in Arizona

SOCIETA'

GUSTO LIGHT

La ricetta "green" - Vellutata delicata ai cannellini

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel