17°

27°

Parma

Vignali sul bilancio: "Rigore e responsabilità senza rinunciare allo sviluppo"

Ricevi gratis le news
0

“Rigore e responsabilità”. Per due volte il sindaco Pietro Vignali ha pronunciato queste due parole nel discorso politico di presentazione in Consiglio del previsionale 2011, “un bilancio il migliore possibile secondo noi con le arie che tirano, che investe sulla persona, aumentando la spesa sul welfare senza ritoccare le tariffe, e individuando alcune priorità di sviluppo selettivo e qualitativo”. Il riferimento è alla ricerca agroalimentare e alla logistica, settori dove la città ha già un’alta specializzazione da mettere in gioco. Selettivo, quindi, perché “la crisi non può che indurci a fare investimenti mirati. Questo bilancio normalizza la spesa senza però rinunciare alla crescita”.
Una scelta, questa, che va avanti da diversi anni nei bilanci comunali e che viene gratificata dai dati: “Tra i diversi sistemi locali – ha ricordato il sindaco - occorre distinguere tra quei contesti che hanno preferito assetti più modesti e quelli che invece hanno mantenuto intatte le basi della propria capacità di produrre valore. L’analisi degli ultimi dati colloca sicuramente il sistema Parma in questo secondo gruppo”.  Un merito però da dividere con l’imprenditoria: “Sicuramente le imprese parmensi hanno messo in campo una grande capacità adattativa per reggere l’urto della crisi e non erodere le basi della loro forza competitiva”.
 Buona parte del discorso di Vignali si è incentrato poi sui tagli e sulle regole imposte dallo Stato ai Comuni: “Quella attuata è una decisione centralista, dove le istituzioni ad ogni livello scaricano su quelle gerarchicamente inferiori le proprie decisioni e i tagli, lo Stato alla Regione, la Regione al Comune. Comuni che invece dovrebbero essere trattati meglio visto che hanno rappresentato lo sviluppo e il motore dello sviluppo del Paese”. Per questo secondo Vignali il 2011 sarà uno dei più duri per gli enti locali, in attesa che lo Stato sblocchi il federalismo fiscale e un patto di stabilità “irrazionale che, come ha detto il presidente dell’Anci e sindaco di Torino Sergio Chiamparino, colpisce soprattutto il nord. Un patto di stabilità che invece dovrebbe essere meno rigido e più rispondente alle esigenze dei Comuni”. Infine i tempi di approvazione dell’esercizio 2011: “Come tutti gli anni lo approviamo prima della fine dell’anno e prima della Finanziaria, per evitare l’esercizio provvisorio. Questo va a vantaggio dell’Amministrazione e della sua città. Procederemo eventualmente ad una variazione di bilancio per recepire, se ci saranno, le nuove regole”.
 
BROGLIA: "BILANCIO CHE PRIVILEGIA LO SVILUPPO DEL TERRITORIO" - “Questo è un bilancio che rispecchia ancora una volta la filosofia politica che caratterizza questa Amministrazione di privilegiare lo sviluppo del territorio e la sua economia, il sostegno alle famiglie e alle persone, l’adeguamento dei servizi e delle infrastrutture in grado di soddisfare le esigenze attuali e future. L’obiettivo è un costante e progressivo miglioramento della qualità della vita a costi sostenibili per il cittadino”. E’ quanto ha detto l’assessore Gianluca Broglia oggi, in Consiglio comunale, presentando il bilancio 2011. “Pur con tante difficoltà e incertezze, la Giunta ha comunque deciso di rispettare il termine del 31 dicembre per l’approvazione dei documenti di programmazione finanziaria, al fine di evitare l’esercizio provvisorio e consentire sin dall’inizio del nuovo anno una gestione operativa improntata su previsioni finanziarie e obiettivi correlati già definiti e formalmente approvati”, ha sottolineato l’assessore al Bilancio.
“La spesa corrente - ha proseguito Broglia - diminuisce complessivamente, rispetto al 2010, del 10,40%, passando da euro 201 milioni del 2010 ad euro 180 milioni del 2011. Tale decremento è ascrivibile alla razionalizzazione, al contenimento dei costi di funzionamento della struttura amministrativa e al maggiore rigore, lasciando invariato e, su alcune politiche ritenute strategiche e prioritarie, aumentandolo l’investimento di risorse finanziarie”
E ancora: “Nonostante la decurtazione di risorse finanziarie attraverso la pesante manovra ‘estiva’ con evidenti e inevitabili ripercussioni, vogliamo mantenere inalterate le politiche del welfare, mi riferisco all’ambito che viene definito ‘Servizi alla persona’ - sociale, educativo, famiglia, sport e giovani -, per il quale gli stanziamenti di spesa incrementano da euro 53,1 milioni del 2010 a euro 55,1 (+ 2 milioni corrispondenti al 3,83%),  Entrate correnti: “Il finanziamento delle spese correnti viene garantito anzitutto dalle entrate correnti (tributarie, trasferimenti correnti, extratributarie) che, complessivamente segnano un decremento rispetto al 2010, passando da euro 189 milioni a euro 179 milioni, ascrivibili oltre che ai minori trasferimenti anche alle entrate extratributarie in quanto, tutte le entrate di natura demaniale e immobiliare sono state trasferite a Parma Infrastrutture congiuntamente ai costi di manutenzione ordinaria e operativi correlati alla corretta gestione dei beni affidati. Ulteriori 11 milioni di euro sono finanziati dalla quota parte di proventi derivanti da contributi di costruzione e 4 milioni di euro derivanti da plusvalore dismissioni patrimoniali e mobiliari destinati al finanziamento di parte della quota capitale delle rate di ammortamento per rimborso mutui e prestiti. Voglio sottolineare il grande senso di responsabilità dell’Amministrazione comunale che, in un momento di difficoltà e di incertezze come questo, ha comunque deciso di ridurre l’incidenza delle entrate straordinarie nel finanziamento delle spese correnti: questo dato non può che essere valutato in considerazione della nostra pressione fiscale dello 0,4% la più bassa in Emilia Romagna dopo Rimini e della considerevole capacità di rimborso annuale del proprio indebitamento”.
“Per quanto riguarda le entrate tributarie nonostante che risentano degli interventi normativi degli anni passati la principale voce di entrata continua ad essere rappresentata dall’ICI per euro 39,4 milioni. Nel bilancio 2011 per la prima volta si è provveduto a iscrivere proventi per ‘Compartecipazione recupero evasione tributi e imposte. L’importo dei trasferimenti dello Stato si riduce rispetto all’anno 2010 di euro 6.594.014,47, pari al -14,73%”.
Spese correnti: “Ammontano a complessivi euro 180 milioni con un decremento di euro 21 milioni. Analizzando le voci di spesa per interventi, la riduzione più rilevante riguarda le prestazioni di servizi in relazione ad alcune azioni di razionalizzazione e contenimento dei costi decisi dall’Amministrazione ovvero al trasferimento a Parma Infrastrutture dei costi di manutenzione ordinaria e operativi correlati alla corretta gestione dei beni affidati. Il decremento delle spese di personale è ascrivibile sia alle misure di blocco delle dinamiche retributive che agli interventi per la riduzione del numero dei dipendenti pubblici. Nella manovra definita prima dell’estate alcune rilevanti decisioni riguardano il pubblico impiego, con l’intento di disciplinare rigorosamente la dinamica retributiva e di riproporre interventi per il contenimento della consistenza del personale. Nonostante l’aumento delle spese per i servizi alla persona, per il secondo anno consecutivo cala la spesa complessiva attraverso la razionalizzazione su consulenze”.
Investimenti: “L’Amministrazione comunale - ha concluso Broglia - propone con questo bilancio un programma di 63 milioni di euro, a cui vanno aggiunti i 103 milioni di euro relativi a opere che saranno realizzate con lo strumento del leasing in costruendo e 30 milioni relativi a contributi conto impianti per investimenti realizzati da società soggette a controllo analogo quali Parma Infrastrutture e It City. La scelta dell’Amministrazione per quanto riguarda gli investimenti 2011 va verso tre direzioni: il completamento di opere già avviate, gli interventi per la qualità degli spazi pubblici sui quartieri e i cosiddetti progetti strategici. Quest’ultimi comprendono sia le infrastrutture che i servizi alla persona, in primis le scuole. Tutto questo senza ricorso all’indebitamento”.


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ecco i nuovi iPhone appena arrivati sugli scaffali

HI-TECH

Ecco i nuovi iPhone appena arrivati sugli scaffali Video

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

Lealtrenotizie

Un disperso nella zona di Albareto: soccorritori al lavoro

Il Soccorso alpino: foto d'archivio

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

2commenti

PARMA

Viale Vittoria: cartello anti-spaccio già strappato e gettato nella campana del vetro Foto

2commenti

WEEKEND

Tra street food in Ghiaia, sport in Cittadella e mercatini: l'agenda del sabato

Verdi Off

Danza verticale e giochi di luce: pubblico con il fiato sospeso in piazza Duomo Foto Video

Emergenza

Droga: consumatori insospettabili e sempre più giovani

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

PARMA-CAGLIARI

Oggi ci vorrà un Parma da battaglia

Segui gli aggiornamenti in tempo reale dalle 15

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

8commenti

Colorno

Tortél Dóls: ora è guerra tra confraternita e sindaco

Montechiarugolo

Addio a Carboni, il sindaco che amava la sua terra

Meteo

Settembre da record: dall'11 al 20 i giorni più caldi in 140 anni. E la pioggia non arriva

COLLECCHIO

Polemica sui bus vecchi, il Comune: «In arrivo nuovi mezzi»

CRAC

Spip, chiesti 2 anni e 10 mesi per Buzzi. Frateschi e Costa rischiano 2 anni e mezzo

Scuola

Cattedre vuote: a Parma mancano 1.260 insegnanti. E 300 bidelli

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

L'ESPERTO

Lavoro all'estero: il requisito dei 183 giorni

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

cosenza

Parroco vende oro della Madonna delle Grazie "per sanare i debiti della parrocchia"

SPORT

GOLF

Secondo giro del Tour Championship: Molinari in difficoltà

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"