18°

Parma

In via Volturno una culla termica per i neonati abbandonati

In via Volturno una culla termica per i neonati abbandonati
Ricevi gratis le news
9

Monica Tiezzi

Diverrà operativa fra una set­timana, ma è già stata installata nella «casetta» costruita appo­sitamente in via Volturno, la cul­la termica, moderna versione della «ruota degli esposti», de­stinata ad accogliere i neonati di mamme in difficoltà. Un'inizia­tiva voluta dalla Fondazione Francesca Rava e da KPMG Ita­lia che ha trovato a Parma im­mediata accoglienza e il soste­gno, oltre che dell'Azienda ospe­daliero- universitaria, anche del Comune.

La culla «Ninna ho» di Parma (l'«ho» finale sta per ospedale, a mettere l'accento sulla scelta di coinvolgere gli ospedali) sarà la quinta in Italia del progetto, do­po quelle già installate a Varese (Azienda ospedaliera), Milano (Policlinico Mangiagalli), Roma (Policlinico Casilino) e Napoli (Ospedale Federico II). Altre so­no in programma a Padova e Fi­renze.

Tutti i particolari sulla Gazzetta di Parma in edicola

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Angioldo

    15 Dicembre @ 12.02

    Ribadisco, chi ha intenzione di sbarazzarsi di un neonato attraverso un cassonetto probabilmente ha una situazione tale per cui l'ultimo dei suoi pensieri è quello di trovare una collocazione adeguata a quello che in quel momento è solo un "fagotto " di cui disfarsi. Uno strumento molto valido (e a quel che vedo poco conosciuto) è il parto anonimo in ospedale con possibilità di abbandono del neonato in struttua ospedaliera. La ruota degli esposti nasce in tempi i cui le scarse conoscenze in materia di contraccezione, l'assoluta mancanza di rispetto per la condizione femminile, e l'assoluta ed egemone azione assistenziale delle organizzazioni cattoliche ha messo a punto questo strumento che per le mutate condizioni socio culturali di nostri giorni appare anacronistico anche nella versione iper tecnolgica. Suggerisco massicce e diffuse (in ogni ambiente) campagne di informazione poliglotte in modo da raggiungere anche i più disagiati e potenzialmente a maggior rischio abbandono, possibilmente rispettose ache delle altrui radici religiose. Resto perplesso sulla possibilità di garantire al contempo anonimato e sicurezza nel luogo di collocazione della "culla termica" e sulla efficienza di un servizio espletato in modo così estremamente saltuario.

    Rispondi

  • Francesca

    14 Dicembre @ 17.20

    caro Creator cercare un modo o forse un modo in più per salvare la vita di un neonato non è mai demagogia. Forse è vero che non tutti sanno che ciò può essere fatto in \"tutta\" sicurezza e in anonimato anche in ospedale o forse non tutti si fidano del completo anonimato.... sta di fatto che è, e rimane un modo per cercare di salvare una vita umana e di strapparla allo straziante gesto dell\'abbandono in un angolo di strada o peggio ancora in un cassonetto. Nessuno dice che sia l\'unico modo... è una possibilità in più. E se anche solo un neonato verrà salvato in questo modo la tua demagogia sarebbe fritta in padella!!!! L\'iniziativa merita tutto il rispetto, una volta tanto.

    Rispondi

  • Angioldo

    14 Dicembre @ 13.01

    Vedo che molti non conoscono la possibilità di partorire in ospedale in tutta sicurezza poi abbandonare ivi il neonato in completo anonimato, sarebbe opportuno pubblicizzare tali procedure, questa è una proposta concreta il resto è demagogia e...beata ignoranza|| La storia del cassonetto è un dramma vero ed un delitto gravssimo cui hi è dedito non sarà certo dissuaso dall'esistenza delle ruote degli esposti hi-tech

    Rispondi

  • Nocciola

    14 Dicembre @ 12.50

    @Marc0: hai ragione, ma purtroppo in italia va di moda il disfattismo, per cui non va mai bene nulla! Secondo alcuni bisognerebbe intavolare discussioni su discussioni e tavole rotonde su ogni minima cosa, anche la pi insignificante (per il gusto di parlare e intascare soldi senza fare un tubo, io aggiungerei)... intanto però il tempo passa e non si combina nulla. E' un'iniziativa lodevole questa, che può permettere a certe donne (scusate, ma con tutto il rispetto, chi abbandona un figlio non merita di essere chiamata madre) di salvare il proprio bambino invece che di sbarazzarsene in modo crudele e vergognoso. La riservatezza non è un problema, dato che altrove hanno già sperimentato con successo questo sistema: le videocamere di sorveglianza non riprendono chi abbandona il bimbo.

    Rispondi

  • daniela peri

    14 Dicembre @ 11.59

    Sicuramente è una iniziativa lodevole, anche perchè nei secoli passati esistevano già le ruote presso Chiese , conventi (vedi SS. Annunciata e suore Clarisse a Parma) sicuramente un deterrente che dovrebbe servire ad evitare l'abbandono in cassonetti di neonati. Vorrei però chiedere alle Autorità competenti come intendono gestire gli essere umani abbandonati : Voglio dire, sono previsti anche Orfanotrofi dove parcheggiare i bambini fino a quando saranno concluse le procedure lunghe , burocratiche e stressanti per le adozioni e gli afffidi ? Non è una polemica ma una critica costruttiva a fin di bene .

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Zanza

Maurizio Zanfanti, detto "Zanza"

RIMINI

Malore fatale con una ragazza: è morto "Zanza", re dei playboy

Mirco Levati "paparazzato" con Belen

GOSSIP

Mirco Levati "paparazzato" con Belen Foto

Harlem Gospel Choir

Auditorium Paganini

Arriva l'Harlem Gospel Choir

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

LA CURIOSITA'

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

di David Vezzali

4commenti

Lealtrenotizie

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

L'INCHIESTA

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

1commento

CALCIO

Napoli-Parma: turnover leggero per i crociati, confermati Gervinho e Inglese Diretta dalle 21 

Segui gli aggiornamenti minuto per minuto a partire dalle 21

FIDENZA

Stazione, 23enne aggredita da un extracomunitario

3commenti

LAUREA

La farfalla Giulia è diventata dottoressa

3commenti

CONTROLLI

Polizia a cavallo nei parchi cittadini

1commento

Fontevio

Choc anafilattico, vivo per miracolo. La farmacista: "Ecco come l'ho salvato" Video

LUTTO

Addio ad Armido Guareschi, ex patron della Lampogas

PARMA

Scontro auto-bici in via Zarotto: un ferito

Fuga di gas nella notte: vigili del fuoco in via Gobetti

PARMA

Lavori in Cittadella: arrivano operai e ponteggi Foto

LANGHIRANO

Castello di Torrechiara chiuso, rabbia e proteste

2commenti

FIDENZA

Vandalismo: distrutto il lunotto di una Lancia Y

Corniglio

Sesta diventa un set per il film di Giovanni Martinelli

12 TG PARMA

Rifugiati: il Ciac lancia una petizione sul web contro il decreto Salvini Video

EXPORT

A Parma boom nel secondo trimestre: +13%

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

3commenti

Teatro Due

Jeffery Deaver presenta stasera il nuovo romanzo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I «like», la morte e il valore della vita

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

Borgo Casale - Chef giovane, con qualità ed equilibrio

ITALIA/MONDO

mafia

Aemilia, il procuratore generale di Bologna: "Usare l'aula bunker anche per l'appello"

CHIETI

Violenta rapina a Lanciano: arrestati tre romeni. E si cerca il capobanda italiano

SPORT

procura

Moto, Fenati ora è indagato per violenza privata

sport

D'Aversa: "Napoli fortissimo, ma nella vita niente è impossibile" Video

SOCIETA'

GUSTO LIGHT

La ricetta "green" - Vellutata delicata ai cannellini

PARMA

Il pubblico della fiera come i piloti Ferrari: l'emozione del pit-stop a "Mercanteinauto"

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel