12°

26°

Parma

La memoria della città si sposta in via Spezia

La memoria della città si sposta in via Spezia
Ricevi gratis le news
0

Comunicato stampa

La realizzazione della nuova Cittadella degli Archivi, in via La Spezia, inizia a prendere forma. Il primo passo verso la creazione di un polo tecnologicamente all’avanguardia per la consultazione del patrimonio archivistico della città, conservato fino a poche settimane fa all’interno dell’Ospedale Vecchio, è già iniziato con la costruzione dei tre edifici che conserveranno l’intera documentazione dell’Archivio comunale. Nei prossimi mesi nell’area degli ex magazzini comunali troveranno spazio anche le strutture dedicate alle “carte” dell’Archivio di Stato.
 
La sala consultazione e gli uffici per il prestito
Il primo stralcio della Cittadella degli Archivi, inaugurato oggi, è composto dai tre edifici destinati ad accogliere la nuova sede dell’Archivio comunale. Gli utenti potranno accedere dalla palazzina uffici, al cui interno si trovano appunto i locali destinati all’amministrazione e alla gestione dell’archivio, l’area operativa dove avviene l’identificazione, lo stoccaggio e l’estrazione dei documenti che saranno inseriti nel sistema robotizzato, oltre ad una sala di studio  aperta al pubblico per la consultazione e lo studio dei documenti  – dotata di una ventina di posti a sedere – e ad una sala attigua riservata ai tecnici dove saranno consultabili le licenze edilizie e gli strumenti urbanisti. La palazzina, che ha una superficie complessiva di circa 300 metri quadrati, è dotata di servizi igienici sia per il pubblico che per i dipendenti, attrezzati per accogliere i disabili. La sala studio, al momento già operativa, è stata allestita dal personale dell’Archivio comunale, in modo da ridurre i costi del trasferimento dall’Ospedale Vecchio e velocizzare le operazioni. A tal proposito va ricordato che il servizio di consultazione, durante le operazioni di trasferimento della documentazione, è stato chiuso al pubblico solo per tre giorni, mentre ora è pienamente operativo. Il volume di documentazione messo a disposizione dei cittadini e degli studiosi nel corso del 2010 ammonta a 24.500 unità archivistiche.
Dall’ingresso di questa palazzina, l’utente potrà accedere anche ai locali dell’Archivio di Stato, mentre le sale di consultazione dei due archivi sono dotate di un collegamento diretto per rendere più agevole lo scambio di materiale archivistico.
 
Un archivio “lungo” 40 chilometri
L’intero patrimonio documentale dell’Archivio comunale sarà conservato in due edifici. Il primo, diviso su due piani per una superficie complessiva di 880 metri quadrati, è stato realizzato ex novo con tecnologie antisismiche, ed è dotato di 5 chilometri lineari di scaffalature tradizionali (cioè non automatizzate). Al piano terra è stato posizionato un archivio di tipo compattabile, mentre al primo piano sono stati montati scaffali tradizionali. I due piani sono messi in comunicazione da una scala e da un montacarichi per il trasporto dei documenti. La struttura è posizionata di fianco, lato sud, alla palazzina uffici, ed è accessibile soltanto dal personale dell’Archivio.
Il secondo edificio ha una superficie di 1750 metri quadrati e, a differenza del precedente, è stato dotato di un impianto completamente automatizzato per lo stoccaggio e l’estrazione dei contenitori, che sono stati disposti su un sistema di scaffalature lungo 35 chilometro lineari. Per ragioni di sicurezza, la struttura è accessibile solo dai tecnici addetti alla manutenzione dell’impianto automatizzato. Questo edificio, già esistente, è stato oggetto di un’operazione di riqualificazione e restauro, che ha permesso la rimozione della copertura in eternit.
 
 
Il sistema di archiviazione
L’archiviazione avverrà secondo canoni tradizionali sia secondo un sistema robotizzato. I documenti destinati all’archivio meccanizzato sono conservati all’interno di contenitori di plastica che, prima della collocazione definitiva, vengono identificati con un apposito “codice” di riconoscimento in grado di legare il contenuto alla scatola. Tutti i codici vengono memorizzati in una banca dati gestita dal personale dell’Archivio e l’estrazione dei documenti è guidata da un pannello di controllo installato nell’area operativa. Un robot esegue la ricerca, e una volta individuato il contenitore lo depone su un nastro convogliatore che lo porta direttamente all’archivista. Il sistema automatizzato, elaborato dalla società Archivi Robotica di Prato, consente la piena tracciabilità di qualsiasi documento in prestito, riportando il giorno di uscita e il nome della persona che lo ha richiesto.
 
Gli Archivi di Stato
Nell’area di via La Spezia nei prossimi mesi verranno inaugurati anche i tre edifici destinati al patrimonio documentale conservato nell’Archivio di Stato. Il primo edificio ultimato sarà quello posizionato di fianco agli uffici dell’Archivio Storico Comunale, e sarà grande 800 metri quadrati per un totale di 13 chilometri di scaffali. Entro i primi mesi del 2012 dovrebbe essere ultimato l’edificio lungo via La Spezia (mille metri quadrati di superficie per circa 20 chilometri di scaffalature), mentre nel 2013 sarà terminato anche l’ultimo locale, con una superficie di circa 1000 metri quadrati. 
 
DICHIARAZIONI:
 
“Si tratta di un primo tassello di un complesso destinato a diventare la Cittadella degli Archivi - ha spiegato il sindaco Pietro Vignali -. Oggi inauguriamo due edifici, strutture tecnologicamente avanzate, che ospitano l’Archivio comunale, poi procederemo con la realizzazione dell’Archivio storico di Stato, al momento collocato presso l’Ospedale Vecchio. Tutto questo ci consentirà da una parte di realizzare la Cittadella degli Archivi, dall’altra con il trasloco dell’Archivio di Stato l’avvio dei lavori nell’Ospedale Vecchio, intervento cruciale del progetto di riqualificazione dell’Oltretorrente”.
 
“E’ un intervento realizzato egregiamente, con grande dedizione, portato avanti dal personale dell’Archivio del Comune che ha prodotto in tre giorni tutto il trasferimento di questi documenti. E’ il primo stralcio di un progetto molto più ampio che vedrà l’arrivo qui anche dell’Archivio di Stato”, ha aggiunto l’assessore ai Lavori pubblici, Giorgio Aiello.
 
Per l’assessore al Patrimonio, Giuseppe Pellacini “la città si arricchisce di una nuova e importante struttura, realizzata in tempi rapidi e senza disservizi. Il fatto di avere a disposizione un impianto automatizzato consentirà di offrire all’utenza un servizio ancora migliore nell’accesso ai documenti che sono patrimonio della nostra città”.
 
  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Traversetolo: calici e musica sul tramonto

FESTE PGN

Traversetolo: calici e musica sul tramonto Foto

Previsioni del tempo e soluzione Cubo di Rubik

FLORIDA

Aggiorna il meteo mentre risolve il cubo di Rubik in diretta tv

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon  Gallery

newcastle

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

CHICHIBIO

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Caso sms, la rabbia di Lucarelli: "Danno pesantissimo all'immagine del club"

PARMA CALCIO

Caso sms, la rabbia di Lucarelli: "Danno pesantissimo all'immagine del club" Video

1commento

SORBOLO

Si sente male in casa, salvato da sindaco e carabinieri

agenda

E' il sabato di San Giovanni, ecco tutte le tortellate (e non solo)

PARMA

Lauryn Hill entusiasma la Cittadella: le foto della serata

LUTTO

Addio a Benecchi, storico oste di borgo dei Grassani

3commenti

PARMA

Spaccio in Oltretorrente, i residenti: "Chiediamo l'identificazione dei clienti" Video

6commenti

Processo

Public money, le difese: «Assolvete Costa e Villani»

2commenti

GAZZAREPORTER

"Anche per gli strajè è San Giovanni": foto dalla Germania

"Le tradizioni sono dure a morire", commenta il lettore Valerio

Ambiente

Le Guardie ecologiche: «Non possiamo più tutelare la natura come prima»

2commenti

BORGOTARO

Addio a Maria Rosaria Brugnoli, colonna del volontariato

PARMA

Proges, positivo il bilancio 2017. Michela Bolondi alla presidenza

Traversetolo

Musulmani, la polemica sul cambio di sede

1commento

Collecchio

Rompono i vetri ma nell'auto non c'è niente

1commento

BEDONIA

Addio alla maestra Maria Luisa Serpagli

PARMA

Incidente a Pontetaro sulla tangenziale cispadana: due feriti Gallery

AUTOSTRADA

Traffico intenso fino al primo pomeriggio in A1 e in Autocisa

In A15 si sono registrati fino a 7 km di coda tra Aulla e l'A12

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Censimento dei rom e schedature più urgenti

di Filiberto Molossi

2commenti

EDITORIALE

Contro il Parma il più assurdo dei processi

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

ROMA

La morte dello chef Narducci e dell'assistente: automobilista indagato per omicidio stradale

INCIDENTE

Auto con quattro ragazzi fa un volo di 21 metri a Napoli

SPORT

motori

F1, Gp Francia: Hamilton in pole, terza la Ferrari di Vettel

calcio

Mondiali: Belgio-Tunisia 5-2

SOCIETA'

Piacenza

Capriolo incastrato fra le sbarre: lo liberano i vigili del fuoco Video

IL DISCO

I Rockets “on the road”

MOTORI

MOTORI

Hyundai i20: restyling di sostanza

RESTYLING

La nuova Jeep Renegade in 5 mosse