17°

27°

Parma

Inceneritore, l'associazione Gcr chiede aiuto ai sindaci per fare chiarezza

Ricevi gratis le news
10

L'associazione Gestione Corretta Rifiuti (Gcr) chiede aiuto ai sindaci del Parmense affinché ottengano da Iren le informazioni utili per chiarire alcuni punti riguardanti il progetto dell'inceneritore.
Gcr ha scritto una lettera aperta ai sindaci di Parma e di 23 paesi della provincia che sono soci di Iren. L'associazione che si batte contro l'inceneritore spiega che, a suo avviso, i cittadini hanno diritto di conoscere in quali modi e attraverso quali impianti saranno smaltite le ceneri. In più, Gcr rinnova la richiesta del Piano Economico Finanziario (Pef) di questo progetto. «Riteniamo che voi - dice la lettera di Gcr ai sindaci - in qualità di soci di Iren, abbiate il diritto di conoscere questi e tanti altri aspetti del progetto e riteniamo peraltro che Iren nulla dovrebbe temere a divulgare pubblicamente informazioni in modo chiaro e trasparente che metterebbero a tacere i tanti detrattori di questo tipo di impianti».

IL TESTO COMPLETO DELLA LETTERA AI SINDACI:  

Richiesta di aiuto ai Comuni della Provincia di Parma soci di Iren

Ai Sindaci ed agli Assessori all'Ambiente dei comuni di:

BUSSETO
COLLECCHIO
FELINO
FONTEVIVO
FORNOVO DI TARO
LANGHIRANO
MEDESANO
MEZZANI
MONTECHIARUGOLO
NOCETO
PARMA
POLESINE PARMENSE
ROCCABIANCA
SALA BAGANZA
SAN POLO D’ENZA
SAN SECONDO PARMENSE
SISSA
SORAGNA
SORBOLO
TIZZANO VAL PARMA
TORRILE
TRAVERSETOLO
TRECASALI
ZIBELLO

Spettabili amministratori,
come alcuni di voi già sapranno l'Associazione Gestione Corretta Rifiuti di Parma sta lavorando fin dal 2006 per proporre sistemi alternativi all'inceneritore rifiuti di Iren attualmente in fase di costruzione presso Ugozzolo (Parma)

Vi scriviamo per aver un aiuto da parte vostra nell'ottica di ottenere e divulgare ai cittadini tutte le informazioni utili ai fini della massima trasparenza sull'impianto. Un impianto classificato dalla legge italiana come industria insalubre di classe prima per il quale esiste una delibera del consiglio comunale di Parma che impegna Enia alla massima trasparenza e libero accesso da parte di associazioni e cittadini su tutti gli atti relativi al progetto (delibera 45 del 31 marzo 2006).

Nonostante questa delibera e nostre ripetute richieste ci troviamo in difficoltà ad ottenere una serie di informazioni per noi utili a meglio comprendere alcuni aspetti del progetto.

Vi sono parecchi aspetti che vorremmo chiarire ma, per non disperderci in mille rivoli abbiamo pensato di chiedere il vostro aiuto per ottenere le risposte alle seguenti 2 domande:

1)come derivato della combustione da rifiuti l'impianto produrrà ogni anno 38.900 tonnellate di ceneri contenenti metalli pesanti, furani e diossine. Nel progetto definitivo non risulta quale sarà la destinazione finale di queste ceneri. Chiediamo che venga chiarita da Iren se e dove è prevista una discarica di servizio oppure se, come da alcuni prospettato in occasione di dibattiti televisivi, le stesse verranno conferite a cementifici. Anche in questo caso vorremo conoscere i nomi degli impianti deputati ad utilizzare queste ceneri nel loro cemento, pratica questa in palese contrasto con le nuove tendenze dell'architettura sostenibile.

2)il Piano Economico Finanziario dell'inceneritore è un documento necessario per capire come da Iren verrà recuperato l'investimento del PAI che, inizialmente ammontante a 175 milioni di Euro è ora lievitato nelle dichiarazioni ufficiali a 193 milioni di Euro. Secondo la legge italiana il gestore può recuperare l'investimento solo incidendo sulle tariffe per cui ci risulta difficile capire come sarà possibile avere le stesse tariffe del 2008 come più volte dichiarato da Enia/Iren (anche in questo caso in sedi non ufficiali). Il PEF è un documento necessario anche per fugare ogni dubbio su eventuali ampliamenti previsti della capacità dell'impianto che, sempre secondo notizie di stampa potrebbe già prevedere una terza linea di incenerimento oltre alle 2 già previste ed approvate.

Riteniamo che voi, in qualità di soci di Iren, abbiate il diritto di conoscere questi e tanti altri aspetti del progetto e riteniamo peraltro che Iren nulla dovrebbe temere a divulgare pubblicamente informazioni in modo chiaro e trasparente che metterebbero a tacere i tanti detrattori di questo tipo di impianti.

Vi ringraziamo anticipatamente per il contributo che vorrete dare alla nostra associazione di cittadini il cui unico interesse è quello di perseguire il benessere ambientale del territorio e dei cittadini e delle aziende che vi operano.

Associazione Gestione Corretta Rifiuti e Risorse di Parma - GCR

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • milena

    08 Febbraio @ 14.42

    qui studio inceneritori in ER http://www.arpa.emr.it/pubblicazioni/moniter/generale_1526.asp

    Rispondi

  • NA

    08 Febbraio @ 12.39

    @ la camola. iren è una società privata strana visto che i soci un misto fra comuni e privati . e anche se dicono di tutto e niente i comuni hanno un tornaconto dalla costruzione del " MOSTRO"

    Rispondi

  • Francesco

    08 Febbraio @ 10.31

    BRAVO SIGNOR FILIBERTO ! Lei è una persona intelligente e ragionevole (anche se portarsi a casa la spazzatura che trova per strada mi sembra, sinceramente, un pò esagerato.....) . Se tutti gli ambientalisti fossero come lei , credo che l' ecologia sarebbe più considerata e farebbe più strada. Invece ci sono i Gian Paolo. Dire che E' STATA FATTA LA SCELTA OMICIDA DI COSTRUIRE UN MOSTRO INQUINATORE CHE DISSEMINERA' DI TUMORI IL TERRITORIO E' TERRORISMO ALLO STATO PURO ! I fumi degli inceneritori contengono senz' altro sostanze cancerogene, ma dire che una sostanza è cancerogena, di per sè, vuol dire poco. Noi viviamo in mezzo ai cancerogeni. Respiriamo cancerogeni , beviamo e mangiamo cancerogeni. Vivere più a lungo di quanto si vivesse in passato è cancerogeno. Prendere troppo sole sulla spiaggia d' estate è cancerogeno. "Fare la lampada" troppo spesso e troppo a lungo è cancerogeno. Non parliamo poi del fumo e degli scarichi delle macchine ! Bisogna vedere in quale quantità ed a quale concentrazione l' effetto cancerogeno si manifesta. Questo non vuol dire che, siccome l' ambiente è già pieno di queste sostanze , sia un bene aggiungerne altre. Vuol dire però che è molto difficile stabilire quale sia la responsabilità di una specifica e singola fonte , come un inceneritore, nel contribuire all' inquinamento ambientale nel suo complesso. Poi bisogna quantificare il maggiore rischio per ciascuna singola persona. Il "mostro inquinatore" , più inquinatore di quello attuale , che è stato in funzione per molti anni al Cornocchio, ha "disseminato di tumori il territorio" ? Potrebbe anche darsi, ma, allora , chi ha i dati li fornisca , invece di andare a soffiare nei fischietti e sventolare bandierine davanti al Municipio ! Il calcolo è piuttosto complicato , e , certamente, non è in grado di farlo chi crede di promuovere le proprie opinioni sporcando i muri con bombolette di vernice spray, che poi viene cancellata , ovviamente , a nostre spese. Questi non sono cittadini consapevoli, sono fanatici e basta .

    Rispondi

  • Gian Paolo

    07 Febbraio @ 19.25

    Ora, scrivere sui muri è sicuramente un atto da condannare, ma paragonarlo alla scelta omicida di costruire un mostro inquinatore che disseminerà di tumori il territorio non risolvendo il problema dei rifiuti, mi sembra degno di Emilio Fede.

    Rispondi

  • filiberto

    07 Febbraio @ 19.14

    @senzanome non credo che quelli contro l'inceneritore propongano nel breve termine rifiuti zero ma solo massimizzare la differenziata e trattare il rimanente in altro modo diverso dall'incenerimento (in rete troverà tutte le informazioni se vorrà... parolina magica vedelago) . Riguardo a me le posso dire (a titolo esemplificativo) che separo la parte di plastica dalle buste postali rimuovo la parte superiore plastica di alcuni contenitori del latte cerco di usare al massimo i mezzi pubblici o la bicicletta e quando vado a fare una passeggiata in campagna e trovo della sporcizia sul ciglio della strada nel limite del possibile me la porto a casa e la butto via ... Io cerco di comportarmi nel modo più civile possibile e cerco di coinvolgere più persone possibile in quest circolo virtuoso penso che l'incenerimento dei rifiuti sia il passato e che ci siano altre strade percorribili

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ecco i nuovi iPhone appena arrivati sugli scaffali

HI-TECH

Ecco i nuovi iPhone appena arrivati sugli scaffali Video

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Lavoro nero: sospesa la licenza a un kebab di via D'Azeglio. Multati altri locali

Foto d'archivio

parma

Lavoro nero: sospesa la licenza a un kebab di via D'Azeglio. Multati altri locali

Controlli interforze in diverse zone della città

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

2commenti

NUOTO

Commenti beceri verso Giulia Ghiretti: denuncia (e tanto sostegno) via Facebook

L'atleta paralimpica pubblica la schermata con alcuni commenti per i quali si definisce "disgustata"

WEEKEND

Tra street food in Ghiaia, sport in Cittadella e mercatini: l'agenda del sabato

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

Verdi Off

Danza verticale e giochi di luce: pubblico con il fiato sospeso in piazza Duomo Foto Video

PARMA

Viale Vittoria: cartello anti-spaccio già strappato e gettato nella campana del vetro Foto

2commenti

Emergenza

Droga: consumatori insospettabili e sempre più giovani

PARMA-CAGLIARI

Oggi ci vorrà un Parma da battaglia

Segui gli aggiornamenti in tempo reale dalle 15

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

8commenti

Colorno

Tortél Dóls: ora è guerra tra confraternita e sindaco

Montechiarugolo

Addio a Carboni, il sindaco che amava la sua terra

Meteo

Settembre da record: dall'11 al 20 i giorni più caldi in 140 anni. E la pioggia non arriva

Scuola

Cattedre vuote: a Parma mancano 1.260 insegnanti. E 300 bidelli

CRAC

Spip, chiesti 2 anni e 10 mesi per Buzzi. Frateschi e Costa rischiano 2 anni e mezzo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Vigile del fuoco precipita da 7 metri e muore ad Ancona Video

cosenza

Parroco vende oro della Madonna delle Grazie "per sanare i debiti della parrocchia"

SPORT

GOLF

Secondo giro del Tour Championship: Molinari in difficoltà

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"