-1°

tardini

Parma-Spezia, partita a rischio: scatta l'«isola»

Parma-Spezia, partita a rischio: scatta l'«isola»
Ricevi gratis le news
10

Tifoserie amiche, Parma e Spezia. Fino a quindici-vent'anni fa, quando l'«idillio» si è infranto. Finì a botte durante un'amichevole sul campo di Salsomaggiore, e da allora l'odio è dichiarato. Così, la partita di stasera al Tardini rientra tra quelle da monitorare con attenzione, tanto che - tra le 18 e le 18,30 - attorno allo stadio scatterà la maxi isola che bloccherà il traffico a tutti i mezzi, se non autorizzati.
Un match ad alto rischio, secondo la questura. Che, ieri mattina, durante la riunione operativa, ha predisposto il piano di sicurezza per far fronte all'arrivo di circa un migliaio di sostenitori degli aquilotti liguri. Quattro i pullman della tifoseria organizzata che certamente arriveranno a Parma, ma ovviamente molti di più saranno i supporter che raggiungeranno la città con mezzi propri. Un centinaio gli uomini delle forze dell'ordine schierati per controllare l'entrata al Tardini e l'uscita dallo stadio, evitando soprattutto che gli ultras vengano a contatto.
Il fischio d'inizio è previsto per le 20,30, tuttavia almeno un paio d'ore prima sarà bloccato il traffico sullo Stradone e sui viali che convergono allo stadio. Una decisione che, come sempre, potrebbe creare notevoli disagi alla circolazione, anche se le festività in parte limiteranno i problemi.
Lucchese, Carrarese, Pisa e Genoa: sono queste le rivalità storiche per lo Spezia. Ma ciò non toglie che anche la ruggine più recente con il Parma possa far temere qualche scontro. Il rischio c'è. Le contromisure, però, sono state programmate. r.c.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Paolo

    27 Dicembre @ 23.17

    paolo.regg@email.it

    Toh, questa è bella! Il riferimento ai camion sullo Stradone è relativo alla fotografia e, guarda caso, in collegamento ad una partita di calcio a rischio di guerriglia urbana. Sono d’accordo sul fatto che siano messi in funzione anti-terrorismo all’assembrarsi di folla, nella fattispecie per un incontro di calcio. Però il corpo del mio commento è stato sulla follia delle tifoserie: e sono d’accordo anche che non siano tutte così: ma nel calcio c’è una certa frequenza alla violenza gratuita tra le tifoserie: è la cronaca a dirlo. Se nelle tifoserie non ci fosse una tale irrazionale violenza che bisogno ci sarebbe di mobilitare tanta Polizia, chiudere una fetta di città e disturbare gran numero di gente che nulla c’entra con il calcio? È quello che io intendevo dire. I camion sono un corollario alle mie osservazioni. E, guardando in trasparenza la cosa, che necessità c’è stata di far giocare le partite in ogni giorno delle settimana mentre un tempo avvenivano tutte di domenica? Non è la stessa cosa. Adesso i disturbanti blocchi avvengono anche quando la gente deve avere libertà di movimento ed altro per lavoro od attività importanti e non soltanto per una gita domenicale come un tempo. E poi perché per quattro scalmanati si deve impedire la libertà anche la domenica? E, sempre in riferimento alle tifoserie, un tempo tanta rivoluzione non era necessaria per il divertimento di qualcuno rispetto ai tanti che vogliono semplicemente vivere in pace.

    Rispondi

  • Paolo

    27 Dicembre @ 18.37

    paolo.regg@email.it

    Toh, questa è bella! Il riferimento ai camion sullo Stradone è relativo alla fotografia e, guarda caso, in collegamento ad una partita di calcio a rischio di guerriglia urbana. Sono d’accordo sul fatto che siano messi in funzione anti-terrorismo all’assembrarsi di folla, nella fattispecie per un incontro di calcio. Però il corpo del mio commento è stato sulla follia delle tifoserie: e sono d’accordo anche che non siano tutte così: ma nel calcio c’è una certa frequenza alla violenza gratuita tra le tifoserie: è la cronaca a dirlo. Se nelle tifoserie non ci fosse una tale irrazionale violenza che bisogno ci sarebbe di mobilitare tanta Polizia, chiudere una fetta di città e disturbare gran numero di gente che nulla c’entra con il calcio? È quello che io intendevo dire. I camion sono un corollario alle mie osservazioni. E, guardando in trasparenza la cosa, che necessità c’è stata di far giocare le partite in ogni giorno delle settimana mentre un tempo avvenivano tutte di domenica? Non è la stessa cosa. Adesso i disturbanti blocchi avvengono anche quando la gente deve avere libertà di movimento ed altro per lavoro od attività importanti e non soltanto per una gita domenicale come un tempo. E poi perché per quattro scalmanati si deve impedire la libertà anche la domenica? E, sempre in riferimento alle tifoserie, un tempo tanta rivoluzione non era necessaria per il divertimento di qualcuno rispetto ai tanti che vogliono semplicemente vivere in pace.

    Rispondi

  • xxl

    27 Dicembre @ 14.20

    @Paolo, i due mezzi pesanti credo siano per il pericolo di terroristi che si lanciano con automezzi tra la folla. Quindi ai 4 c..... Che si divertono a fare i teppisti non dimentichiamoci di ringraziare chi ha riempito le città di potenziali terroristi.

    Rispondi

  • Paolo

    27 Dicembre @ 11.42

    paolo.regg@email.it

    Un’inquietante fotografia dello Stradone sbarrato da due mezzi pesanti che coprono la graziosa bomboniera del Petitot; l’annuncio di una parte della città chiusa alla vita normale degli abitanti; forze dell’ordine schierate. E per che cosa? Uno spettacolo, una partita di calcio, un gioco. E perché? Per l’intolleranza e la temuta scellerataggine di chi quel gioco (si sottolinea “gioco”) piace a danno di una moltitudine di gente che vuol vivere in pace e magari è indifferente a quattro ragazzotti che inseguono un pallone su un prato. Perché questo è il calcio. Di certo gioca l’ottusità di amministratori pubblici che si ostinano a mantenere quell’arena ludica in città anziché portarla in un luogo dove la follia di pochi non nuocerebbe ai tanti tranquilli. Ma anche la voluta incapacità, sempre di chi ha in mano la cosa pubblica, di voler risolvere la follia di quei pochi che mettono in ostaggio la vita di una città per un nulla. Sì, è un nulla, un gioco, qualcosa che ha un significato finché resta tale, un divertimento, niente più. Che può piacere, ma non piacere. Ma perché questo divertimento deve diventare una guerriglia urbana minacciata e troppo spesso avvenuta? E l’autorità anziché reagire con la dovuta energia, subisce la follia dei pochi e pone disagi ai molti pacifici. Ma il calcio è un “business” che fa girare soldi. Ecco quindi la ragione. Il dio euro che ora domina su tutto ed ha reso sporco un normale divertimento, oltre ad ormai quasi tutto nella vita della gente. Non si parli quindi più di sport. Non ne è neanche una pallida immagine. Almeno evitiamo questa ipocrisia.

    Rispondi

    • Enzo

      27 Dicembre @ 14.13

      in un commento che è stato ovviamente cestinato, ho sottolineato che la foto rappresenta una misura anti terrorismo, che vedremo anche (ad esempio) al concerto di fedez, e nulla c'entra con ultras ecc

      Rispondi

      • 27 Dicembre @ 15.09

        E che vedrà anche stasera sullo Stradone. Non a causa dei tifosi spezzini - non c'è scritto da nessuna parte - ma come misura di sicurezza in ogni occasione in cui al Tardini si disputa un incontro-

        Rispondi

        • Enzo

          27 Dicembre @ 16.32

          E che vedrò stasera, ma che non c'entra nulla con l'articolo, che a leggerlo sembra quasi che i disordini saranno certi, che di sicuro verrà messa a ferro e fuoco la città, e dal tono del giornalista sembra quasi che se lo auguri per poi poter scrivere qualcosa sul calcio e sugli ultras.

          Rispondi

    • Filippo

      27 Dicembre @ 14.07

      I due mezzi pesanti servono a scoraggiare attentati di altro tipo: hai molte ragioni, ma le tifoserie non c'entrano.

      Rispondi

    • Antico

      27 Dicembre @ 13.14

      Nota una certa malafede in quanto scritto visto che i camion non sono stati posti per impedire scontri tra tifoserie ma bensì per impedire che si attuano attentati terroristici tramite mezzi pesanti.

      Rispondi

      • 27 Dicembre @ 15.11

        Non c'è scritto da nessuna parte che sia a causa delle tifoserie. Quella è l'immagine di come si presenterà stasera lo Stradone, come misura di sicurezza in ogni occasione in cui al Tardini si disputa un incontro-

        Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

C'è anche un ex calciatore del Parma all'Isola deifamosi

Ghezzal quando giocava nel Parma (foto d'archivio)

Canale 5

C'è anche un ex calciatore del Parma all'Isola dei famosi

Ecco le nomination per gli Oscar 2019: dieci per La Favorita e Roma.

Cinema

Ecco le nomination per gli Oscar 2019: dieci per La Favorita e Roma

Quasi 6 mln e 21.9% per 1/a parte Adrian

ASCOLTI TV

Quando c'è il Molleggiato in scena quasi 6 milioni di spettatori per "Adrian"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nino Frassica a Roccabianca, Amanda Sandrelli a Fidenza, aspettando Flashdance al Regio

VELLUTO ROSSO

Attesa per Flashdance al Regio

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Nasce la figlia e lui diventa violento: condannato

MALTRATTAMENTI

Nasce la figlia e lui diventa violento: condannato

SPACCIO

Due anni e mezzo allo studente che teneva in casa quasi 2 chili di marijuana

incidente

Eia, tamponamento nella notte: due feriti

Romagnosi

«La mia civetta? Un simbolo dell'antica Grecia»

BALI LAWAL

Da top model a mediatrice culturale: «Insegno ai giovani ad essere liberi»

Borgotaro

È morto Marco Terroni, il prof cercatore di funghi

BERCETO

Addio al consigliere comunale Roberto Ablondi

LUTTO

Maria Gorreri, stroncata da una malattia rarissima a 60 anni

Teatro Due

RezzaMastrella, l'adrenalina in scena

immigrazione

"Caso Cara", Pizzarotti: "Pagina nera del governo"

bedonia

Scopre il ladro in casa, lo insegue e lo riconosce: arrestato un giovane del paese Video

Parma

Minacce, insulti e tensione alla biglietteria della stazione: denunciata una 25enne

legambiente

Brescia, Lodi e Monza le città più inquinate. Parma seconda in Emilia: "Si respira smog un giorno su tre"

2commenti

sentenza

Tecnici rapiti in Libia: condannati 3 manager della Bonatti, "Pronti all'appello"

La società: «Pur non condividendo l’esito del giudizio, siamo vicini alle famiglie dei dipendenti deceduti nei tragici fatti».

Udinese-Parma

Parma-San Daniele, dal campo alla tavola lo sfottò è...affettato Video

La storia

Linda Vukaj, dalla fuga in barcone ai viaggi da fotografa senza confini-Gli scatti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Da Cagliari è salpato il partito del non voto

di Vittorio Testa

2commenti

LA BACHECA

Ecco 78 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

sindacato

Cgil, Landini segretario generale. Lo sfidante Colla sarà il vice

Mantova

Lo chef stellato Tamani rapinato e sequestrato per 1 ora nel suo ristorante

SPORT

calciomercato

E' fatta, Piatek va al Milan (per 40 milioni)

arbitri

Nicchi: "Var, i tifosi tranne pochi scemi sono meglio di addetti ai lavori"

SOCIETA'

WASHINGTON

Le cascate del Niagara ghiacciate Video

ristoranti stellati

Chef italiano festeggia la terza stella Michelin in Francia

MOTORI

ANTEPRIMA

Toyota, il nuovo Rav4 arriva a marzo

MOTORI

Citroën: ecco C3 Uptown, l'auto «pour homme»