19°

30°

Parma

La "cassa" che salva la città dalle alluvioni

La "cassa" che salva la città dalle alluvioni
Ricevi gratis le news
2

 Sono pochi i parmigiani che l'hanno vista dal vivo, ma tutti sanno che esiste, anche se spesso se lo scordano. Parliamo della cassa di espansione sulla Parma realizzata a Marano dalla Pizzarotti in tempi da record fra il luglio del 2004 e il novembre del 2005 per quanto riguarda la diga in cemento che «frena» la corsa della «Pärma voladóra» (ormai solo un ricordo per la città) e rappresenta un esempio di ingegneria idraulica fra i più importanti in Europa. 

La «cassa», che in pratica è una diga «anomala», visto che ha il compito di trattenere l'acqua della Parma soltanto per il tempo necessario a evitare che l'ondata di piena possa procurare dei danni, è stata inaugurata il 26 novembre del 2005 e da allora, di fatto,  la nostra città è al sicuro dagli eventi ricorrenti di piene ed esondazioni che ne hanno segnato la storia e hanno fatto paura anche negli immediatamente precedenti il suo completamento.
Il suo costo complessivo è stato di oltre 32 milioni di euro ma in realtà è una spesa che, per i danni che può evitare non solo alla città, ma anche nella zona a valle compreso Colorno, si ammortizza da sola nel corso degli anni. La  sicurezza idraulica che garantisce rappresenta un fatto epocale.    Da quando, in epoca preromana, la  Parma  modificò il suo corso che originariamente sfociava nell'Enza all’altezza di S.Ilario, e andò quindi a confluire nel torrente Baganza, originando così i problemi di esondazione ricorrenti, Parma si è liberata dell'«incubo» delle piene solo  quando è entrata in funzione. 
La storia dell'opera, in realtà, è stata più travagliata del dovuto, perché le briglie iniziali e il grande argine che circonda tutto il bacino artificiale sono stati realizzati, sempre dalla Pizzarotti, negli anni compresi fra il 1988 e il 1994. Poi, a causa di problemi  collegati all'iter burocratico dell'assegnazione dei lavori, tutto è stato fermo per 10 anni. Fino a quando, nel 2004 l'Aipo ha assegnato il completamento della cassa di espansione all'Ati con capofila Pizzarotti e partecipante il Ccpl di Reggio Emilia. A quel punto l'impresa parmigiana, nel giro di soli 16 mesi, ha completato tutte le opere di calcestruzzo     in anticipo sui tempi contrattuali, cominciando immediatamente a funzionare.  Un funzionamento che viene attivato nei momenti di emergenza e che per l'ultima volta si è avuto la scorsa vigilia di Natale, quando le piogge copiose hanno portato una forte ondata di piena nella Parma. Che però, proprio grazie alla «cassa», è passata quasi inosservata e senza procurare nessun allarme sotto i ponti di una città che ora non ha più paura del suo torrente. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • berio

    20 Febbraio @ 18.54

    il lago non si farà mai semplicemente perchè l'acqua la perde dalla parte di Martorano. In pochi l'hanno vista? Certo, se l'accesso è chiuso.

    Rispondi

  • ettore

    20 Febbraio @ 13.26

    Ma non doveva diventare una specie di lago per attività sportive? Che fine ha fatto questo progetto? Possibile che non si riesca a sfruttare in modo migliore questa distesa d'acqua?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

Parma attiva il piano regionale. Stop alle auto più inquinanti

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

consorzio di tutela

Bertinelli: "Troppo falso Parmigiano vogliamo una 'legge autenticità' "''

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

7commenti

sicurezza

Pd: "Fondi per le periferie, scippo del governo". M5S: "Progetti esecutivi garantiti"

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

2commenti

12 TG PARMA

Incendio a Fontanellato: non si esclude l'origine dolosa del rogo Video

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

3commenti

gazzareporter

Viale Vittoria, nuovi cartelli anti-spaccio Foto

1commento

GAZZAREPORTER

Rudo a gogò!

Lo sfogo di un lettore in pieno centro

LA POLEMICA

Sagra della Croce, pochi bagni chimici a Collecchio

messa

La Guardia di finanza di Parma celebra san Matteo, il patrono

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

GOLF: Tour Championship

Molinari, primo giro in sordina. "Ora tocca migliorare" Videointervista

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"