20°

Parma

Il pusher ragazzino patteggia 16 mesi. E torna libero

Ricevi gratis le news
24

Albanese, giovanissimo e spacciatore di cocaina. Bledar Tafa, 19 anni, era stato arrestato venerdì pomeriggio dai poliziotti della Squadra mobile, sezione narcotici. Forse pensava di riuscire a farla franca, visto che dalla perquisizione personale era uscito pulito. Ma è bastato andare a frugare un po' nell'appartamento dove viveva  per trovare la scorta di cocaina da vendere. E  per il ragazzo  sono scattate le manette.
A quanto pare il ragazzo s'era messo a spacciare soprattutto nella zona della stazione. La sua presenza in certi orari sempre nella stessa zona e i movimenti circospetti non erano sfuggiti agli uomini  dell'antidroga. Venerdì pomeriggio l'avevano fermato per strada: addosso però non aveva niente, nemmeno una dose. Irregolare sul territorio italiano e incensurato, l'albanese viveva in un appartamento di via Cagliari. Non è stato facilissimo neanche individuare la casa giusta. Una volta arrivati davanti all'appartamento «sospetto» i poliziotti hanno provato ad aprire la porta con le chiavi che Tafa aveva in tasca: la porta era quella giusta ed è cominciata la perquisizione. Non c'è voluto molto per fare saltar fuori la droga: hanno trovato trenta grammi di cocaina divisa in sei ovuli, un etto di sostanza da taglio e un bilancino elettronico di precisione.
A quel punto per il pusher albanese è scattato l'arresto: trasferito nel carcere di via Burla,  ieri è stato processato per direttissima. Davanti al giudice Gabriele Nigro, Tafa,  incensurato, ha patteggiato  1 anno e 4 mesi di reclusione.  La pena è stata sospesa. E il ragazzo è stato scarcerato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Geronimo

    23 Febbraio @ 11.54

    Piero, il suo discorso non fa una piega ma sempre più spesso si preferisce dare la colpa ai magistrari sempre più rossi e politicizzati. Facciamo un esempio su questo fatto, il ragazzino è clandestino quindi dovrebbe essere mandato al proprio paese ma perchè non si fa? non ci sono soldi quindi il massimo che si può fare è il foglio di via anche se il giudice è il primo a sapere che il ragazzo non tornerà in Albania. In seocndo luogo veniamo alla sentenza, il patteggiamento non è una sentenza ma è un accordo tra difesa e accusa per giugere ad una conclusione veloce della vicenda che comunque deve esserre accettata dal giudice. Il giudice ha accettato il patteggiamento tenendo conto delle possibili pene per questi tipi di reati quindi ha applicato la legge. La sospensione della pena perchè è avvenuta? perchè c'è una legge che prevede per reati con pene infeiori ai 3 anni, unite alla fedina penale pulita (questo caso lo è) di far si che l'imputato non vada in carcere quindi anche in questo caso il giudice ha applicato la legge. Mettiamo il caso che il giudice avesse condannato l'imputato ad una pena di 10 anni da scontare in carcere, secondo voi cosa sarebbe successo? sicuramente ricordo degli avvocati difensori dell'imputato con conseguente scarcerazione del giovane e provvedimento disciplinare nei confronti del giudice che ha emesso la prima sentenza. Siamo ancora sicuri che la colpa sia dei comunisti centri sociali preti e quant'altro?

    Rispondi

  • ParmigianoFiero

    23 Febbraio @ 09.10

    Sul termina "abbronzato" concordo e non dimentichiamo che tale termine è stato usato dal capo del NOSTRO Governo rivolgendosi al Presidente degli USA! Ma questa è un'altra storia... Quello che mi lascia maggiormente contrariato è il fatto che la massiccia presenza di immigrati ha fatto aumentare in modo esponenziale il verificarsi di fatti crimininali e ciò, inutile negarlo, è la verità! La criminalità c'era anche prima, infatti non ho detto che la hanno portata gli immigrati, ho detto che la hanno fatto aumentare, sia ben chiaro. E non mi si venga a parlare di Tanzi e la Parmalat, quella è un'altra storia così come il "bunga bunga" del Premier. Qui si sta discutendo di come la giustizia lavora male. Le Forze dell'Ordine (viste come "forze di repressione" da diverse persone che scrivono in questa sede) compiono il loro dovere, POI, i magistrati pensato al resto, lasciando liberi i criminali e ciò non può che creare una certa avversione da parte del popolo verso la Magistratura. Certo, poi, ci sono anche quelli per i quali i poliziotti sono TUTTI fascisti (e tirano fuori la storia dei vigili, che, IO RITENGO COLPEVOLI, ma non tutti sono cosi, come non tutti gli immigrati sono criminali) e i magistrati sono eroi di umanità a lasciare libero lo spacciatore di turno. Come detto più volte, fare di tutta l'erba un fascio è sbagliato, ma allo stesso modo, è errato negare l'evidenza dei fatti. Da quando l'immigrazione (specialmente clandestina) ha assunto tali proporzioni, la piccola criminalità (per modo di dire, meglio i soldi rubati da Tanzi o una coltellata in pancia?) è cresciuta di pari passo. Tutto qui.

    Rispondi

  • gazzettadiparma.it

    23 Febbraio @ 08.34

    Gigi, nelle sue mail ci sono diverse imprecisioni. Innanzitutto quella su pubblicazione e ultima parola: le sue mail hanno dovuto attendere solo perchè verso le 21 chiudiamo fino alla mattina dopo (spesso siamo in due e a volte un solo redattore). Fra l'altro oggi sarei di riposo, quindi lei avrà la possibilità dell'ultima parola senza problemi: ma le sue allusioni sul pubblicare ciò che vogliamo sono fuori strada. E se lei leggesse un po' meno sperficialmente questo sito e il suo spazio commenti vedrebbe decine di commenti critici verso di noi regolarmente pubblicati. - La frase sulla penultima pagina è a sua volta superficiale: se questo mestiere le sembra così facile, e se le sembra che la Gazzetta sia solo il giornale delle necrologie, provi lei a fare un giornale e poi ci rivediamo fra 275 anni... Vede, io non so che mestiere faccia lei, ma so che non mi permetterei mai di venire nella sua azienda o nel suo negozio e dare - da perfetto ignorante in materia - giudizi su una attività a me sconosciuta. Bene: le assicuro che il giornalismo non è meno complesso di qualunque altro lavoro. E quindi, se un giornale è davvero il giornale dei parmigiani, è perchè c'è parecchia professionalità (e lo dico quasi dal di fuori, visto che per 24 anni sono stato in tv ed ora al web) in TUTTE le sue pagine. Come ho già detto ad altri, auguro alla sua azienda la stessa longevità - "Nigor": ho sempre sostenuto anch'io che a Parma la parola può avere un significato più attenuato che altrove per il rapporto con il dialetto. Ma su come è stata utilizzata nella vicenda Bonsu, sia io che lei dobbiamo lasciare decidere ai giudici, sempre per via che è bene che ognuno pensi al suo mestiere. Io (forse diversamente da lei) non ho nessun pregiudizio, nè in negativo nè in positivo: aspetto di sapere dai tribunali che cosa è accaduto, e come cronista lo racconterò, senza nessuna "gogna" - Infine, lei mi ha risposto citando la parola "negro": e di questo le ho già detto. Ma nelle sue tre mail ha dimenticato che Marta ha invece usato la parola "abbronzato": e questa, l'ho detto e lo ripeto, mi sembra una bassezza profonda. Anche perchè (e non vedo cosa c'entrino i "movimenti sociali"), è vero che bisogna attendere le sentenze prima di dare giudizi sul comportamento dei vigili, ma una cosa già chiara esiste: un ragazzo, fosse anche stato per un "equivoco in buona fede", è stato aggredito e maltrattato. E qualunque discorso su questa vicenda, anche da parte dei più convinti sostenitori della buona fede dei vigili, dovrebbe partire dal rispetto e dalla solidarietà per l'unica vittima della vicenda fin qui accertata. Senza battute idiote come quella di Marta. (G.B.)

    Rispondi

    • pier luigi

      23 Febbraio @ 09.14

      La ringrazio per il proscieguo della mia attività che spero sia lunga, quella del pensionato! In relazione alla penultima pagina, lei è più informato di me sul richiamo che ha, in specie, per i lettori di quotidiani di provincia, non è una colpa di per sè. Riguardo ai giudici, avendo fatto parte di una 'giuria popolare' in processi con presidente il Dr. Pico , pm il Dr. Mattioli, quello che mi è rimasto impresso è stata la presenza (giusta o sbagliata) del togato in fase di riunione di consiglio, quando si tratta di stabilire se uno è colpevole o innocente! Checchè se ne dica è una presenza ingombrante! Rimane il fatto che l'uomo può sbagliare anche se togato, o meglio rimane sempre il fattore dei 'due punti di vista' che possono portare a giudizi diversi. Il brutto è che, come è successo ieri, uno possa trascorrere un certo periodo in carcere e agli arresti domiciliari con conseguente perdita di onore e popolarità a causa di indagini su teoremi più che su prove (sicilia docet, rappresentante pdl). Forse sarebbe stato meglio allontanare da Parma il processo Bonsu. Per chiudere rimane il fatto temporale, questi post potrebbero durare all'infinito, e come detto, rimarremmo legati ai nostri punti di vista! Le faccio una confessione, amo Giovannino, il primo libro che ho letto è stato 'la favola di Natale' ed era dei primi anni cinquanta, auguri a Lei!.

      Rispondi

  • gianfranco ferrari

    23 Febbraio @ 07.19

    Oggi chissà a quale attività si dedicherà ?

    Rispondi

  • pier luigi

    22 Febbraio @ 21.35

    A sproposito, ha letto di quello del PDL, un anno di carcere, due anni di domiciliari e in secondo grado assolto perchè il fatto non sussiste. Non è peggio che dare del 'negro' ad un negro? chi paga, quel pm o quant'altro che ha 'creato' le prove del primo processo o il giudice o i giudici del primo processo? questo è ?rovinato' il nostro è un eroe!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

PGN

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Smartphone: da nemici ad alleati in classe

HI-TECH

Smartphone in classe: nemici o alleati?

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Massaggi

FIAMME GIALLE

Prostituzione: sequestrati 22 centri massaggi cinesi, 34 denunciati

Identificate 25 ragazze cinesi. Il denaro era spedito in Cina via money transfer

1commento

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

VIABILITA'

Incidente in viale Milazzo, due auto coinvolte. Code anche in Autocisa

CARABINIERI

Operazione antidroga: arrestato tunisino sfuggito all'arresto in giugno

Il 30enne, residente a Parma, è stato fermato al porto di Genova, al suo rientro dalla Tunisia

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

1commento

Via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

1commento

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

2commenti

L'ESPERTO

Terreni comunali: quando è possibile l'usucapione

di Arturo Dalla Tana*

ITALIA/MONDO

MONTE SERRA

Incendio nel Pisano: 700 sfollati, in azione i Canadair. "Scenario apocalittico" Foto

Napoli

"Lo sposo è scappato con i soldi dei regali". Scoppia una rissa al matrimonio

1commento

SPORT

CALCIO

Doping: Giuseppe Rossi a processo, chiesto un anno di stop

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel