18°

28°

Parma

Al vér pramzàn dalla vecchia «Giära» alla «pisonära» del Regio

Al vér pramzàn dalla vecchia «Giära» alla «pisonära» del Regio
Ricevi gratis le news
0

 Carlo Allodi

 Si può scrivere del dialetto parmigiano senza parlare di ciò che hanno rappresentato nella sua storia il vecchio mercato della Ghiaia e il mitico loggione del teatro Regio? Certamente no. La «Giära» e la «piccionaia» hanno avuto soprattutto fino al secondo dopoguerra un ruolo così importante che qualcuno, scherzosamente, le ha chiamate le «culle» del nostro vernacolo. In questi luoghi storici della parmigianità per lungo tempo si è parlato il dialetto più genuino e frizzante di cui si abbia memoria. 
Tra le bancarelle della  Ghiaia che fu
Il mercato della Ghiaia, con la sua varia umanità, le bancarelle, le atmosfere, i personaggi popolari che lo animavano sembrava il cliché del parmigiano del sasso e in questo ambiente il dialetto la faceva da protagonista indiscusso. Anzi, dentro il luogo simbolo della città sembrava non esistesse altra lingua. Girare tra i banchi di primo mattino e ascoltare certe battute fulminanti, certi sfottò, gli slogan delle ortolane e delle vecchie venditrici di limoni o di chincaglieria, ti metteva subito di buonumore.
La «carovana facchini» e i suoi  altisonanti «stranomi» 
E se questo non bastava c'era sempre la «carovana facchini», costituita in prevalenza da uomini provenienti dai capannoni della Navetta o dai Capannoni dello zucchero, vere e proprie vestali del dialetto, come possono testimoniare i loro «stranomi altisonanti»: «Magnapónghi», «Marlètta», «Cagaréla», «Pasturón», «Mälfàt», «Fiss’ción», «Caldarén» e via dicendo. Tutto questo, ovviamente per il passato. Il futuro ci riserva una Ghiaia nuova e più luccicante, ma un po' meno parmigiana, dove il nostro dialetto dovrà vedersela con una concorrenza multietnica di lingue, dall’albanese al rumeno, dal congolese al portoghese, al cinese, all’algerino. 
Il loggione, dove stroncature e trionfi si urlano solo in «pramzàn»
L'altro tempio della parmigianità e del suo vernacolo, che finora non sembra aver subito, a differenza del mercato popolare, grosse contaminazioni anche se il dialetto che vi si parla non sembra più quello di una volta, è il loggione del Regio, dall’800 croce e delizia di ogni cantante d’opera.  
Nella «fossa dei leoni» le stroncature o i trionfi di un artista si sono sempre decretati rigorosamente in «pramzàn». E forse anche per questo le «bocciature» risultano ancora oggi più brucianti, come quel famoso «sìncov!» («cinque!») gridato ad un tenore di buona reputazione, ma forse non in serata di grazia dopo una famosa romanza verdiana. 
Da Barilli a Pedretti: i cantori  della sagacia «loggionista»
Sulla vitalità del nostro dialetto all’ultimo piano del Regio esiste una ricca letteratura che va dal libro-monumento al loggione «Il Paese del melodramma» di Bruno Barilli a «I dan l’Otello» di Renzo Pezzani (vero e proprio capolavoro della poesia vernacolare) al volume «Lassù in loggione» (Guanda editore), raccolta di una divertente rubrica in dialetto curata per oltre un trentennio sulle pagine della «Gazzetta» dall’indimenticabile (e indimendicato) giornalista e critico cinematografico Paolo Pedretti, di cui ricorre il prossimo maggio il ventesimo anniversario della scomparsa. Pedretti, alle prime di ogni stagione lirica, si mescolava tra i loggionisti e coglieva al volo le loro reazioni, i battibecchi e i loro salaci giudizi nella lingua popolare, che poi trasfondeva nella sua rubrica, la prima ad essere letta all’indomani sulla recita. Pedretti amava il dialetto, «tutto il dialetto in generale, poiché - come ha osservato acutamente il critico letterario Giuseppe Marchetti nella sua introduzione al volume uscito postumo - era certo che dal dialetto provenisse ancora, per coloro che sanno udire, il suono della tradizione, quella, appunto, che rende magica l’atmosfera del loggione e intenso, quasi unico, il suo modo di ascoltare la musica». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

Montechiarugolo

Addio a Carboni, il sindaco che amava la sua terra

Meteo

Settembre da record: dall'11 al 20 i giorni più caldi in 140 anni. E la pioggia non arriva.

COLLECCHIO

Polemica sui bus vecchi, il Comune: «In arrivo nuovi mezzi»

Emergenza

Droga: consumatori insospettabili e sempre più giovani

Colorno

Tortél Dóls: ora è guerra tra confraternita e sindaco

CRAC

Spip, chiesti 2 anni e 10 mesi per Buzzi. Frateschi e Costa rischiano 2 anni e mezzo

Scuola

Cattedre vuote: a Parma mancano 1.260 insegnanti. E 300 bidelli

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

consorzio di tutela

Bertinelli: "Troppo falso Parmigiano vogliamo una 'legge autenticità' "''

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"