19°

31°

Parma

Al vér pramzàn dalla vecchia «Giära» alla «pisonära» del Regio

Al vér pramzàn dalla vecchia «Giära» alla «pisonära» del Regio
Ricevi gratis le news
0

 Carlo Allodi

 Si può scrivere del dialetto parmigiano senza parlare di ciò che hanno rappresentato nella sua storia il vecchio mercato della Ghiaia e il mitico loggione del teatro Regio? Certamente no. La «Giära» e la «piccionaia» hanno avuto soprattutto fino al secondo dopoguerra un ruolo così importante che qualcuno, scherzosamente, le ha chiamate le «culle» del nostro vernacolo. In questi luoghi storici della parmigianità per lungo tempo si è parlato il dialetto più genuino e frizzante di cui si abbia memoria. 
Tra le bancarelle della  Ghiaia che fu
Il mercato della Ghiaia, con la sua varia umanità, le bancarelle, le atmosfere, i personaggi popolari che lo animavano sembrava il cliché del parmigiano del sasso e in questo ambiente il dialetto la faceva da protagonista indiscusso. Anzi, dentro il luogo simbolo della città sembrava non esistesse altra lingua. Girare tra i banchi di primo mattino e ascoltare certe battute fulminanti, certi sfottò, gli slogan delle ortolane e delle vecchie venditrici di limoni o di chincaglieria, ti metteva subito di buonumore.
La «carovana facchini» e i suoi  altisonanti «stranomi» 
E se questo non bastava c'era sempre la «carovana facchini», costituita in prevalenza da uomini provenienti dai capannoni della Navetta o dai Capannoni dello zucchero, vere e proprie vestali del dialetto, come possono testimoniare i loro «stranomi altisonanti»: «Magnapónghi», «Marlètta», «Cagaréla», «Pasturón», «Mälfàt», «Fiss’ción», «Caldarén» e via dicendo. Tutto questo, ovviamente per il passato. Il futuro ci riserva una Ghiaia nuova e più luccicante, ma un po' meno parmigiana, dove il nostro dialetto dovrà vedersela con una concorrenza multietnica di lingue, dall’albanese al rumeno, dal congolese al portoghese, al cinese, all’algerino. 
Il loggione, dove stroncature e trionfi si urlano solo in «pramzàn»
L'altro tempio della parmigianità e del suo vernacolo, che finora non sembra aver subito, a differenza del mercato popolare, grosse contaminazioni anche se il dialetto che vi si parla non sembra più quello di una volta, è il loggione del Regio, dall’800 croce e delizia di ogni cantante d’opera.  
Nella «fossa dei leoni» le stroncature o i trionfi di un artista si sono sempre decretati rigorosamente in «pramzàn». E forse anche per questo le «bocciature» risultano ancora oggi più brucianti, come quel famoso «sìncov!» («cinque!») gridato ad un tenore di buona reputazione, ma forse non in serata di grazia dopo una famosa romanza verdiana. 
Da Barilli a Pedretti: i cantori  della sagacia «loggionista»
Sulla vitalità del nostro dialetto all’ultimo piano del Regio esiste una ricca letteratura che va dal libro-monumento al loggione «Il Paese del melodramma» di Bruno Barilli a «I dan l’Otello» di Renzo Pezzani (vero e proprio capolavoro della poesia vernacolare) al volume «Lassù in loggione» (Guanda editore), raccolta di una divertente rubrica in dialetto curata per oltre un trentennio sulle pagine della «Gazzetta» dall’indimenticabile (e indimendicato) giornalista e critico cinematografico Paolo Pedretti, di cui ricorre il prossimo maggio il ventesimo anniversario della scomparsa. Pedretti, alle prime di ogni stagione lirica, si mescolava tra i loggionisti e coglieva al volo le loro reazioni, i battibecchi e i loro salaci giudizi nella lingua popolare, che poi trasfondeva nella sua rubrica, la prima ad essere letta all’indomani sulla recita. Pedretti amava il dialetto, «tutto il dialetto in generale, poiché - come ha osservato acutamente il critico letterario Giuseppe Marchetti nella sua introduzione al volume uscito postumo - era certo che dal dialetto provenisse ancora, per coloro che sanno udire, il suono della tradizione, quella, appunto, che rende magica l’atmosfera del loggione e intenso, quasi unico, il suo modo di ascoltare la musica». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La prima prova della Maturità: foto dalle scuole di Parma

ESAME

La prima prova della Maturità: foto dalle scuole di Parma

Dogana opening party al Best: ecco chi c'era Foto

FESTE PGN

Dogana opening party al Best: ecco chi c'era Foto

Torna a Parma la Festa della Musica

SPETTACOLI

Parma, torna la Festa della Musica

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La VIP più bella di Parma? Conduce Benedetta Mazza

GAZZAFUN

Ecco altri VIP parmigiani: li conosci tutti? Scoprilo subito!

Lealtrenotizie

Parma, "tentato illecito". Serie A a rischio

CALCIO

"Tentato illecito", deferiti Calaiò e il Parma. La società: "Accusa sconcertante"

Ceravolo non è deferito. A rischio la serie A: si riapre uno spiraglio per il Palermo? - Il Parma Calcio 1913 sottolinea di non aver ricevuto comunicazioni e rassicura i tifosi

32commenti

Parma calcio

Carra: "La Serie A del Parma non può essere messa in discussione" Video

PARMA

Auto esce di strada e prende fuoco: un ferito grave in tangenziale Il video

12 TG PARMA

Parma calcio: cosa succederà ora e cosa rischia davvero

PARMA

Incidente in via Burla: muore un motociclista 49enne

La vittima dell'incidente è Paolo Superchi

2commenti

12 tg parma

Maturità a Parma, primo scritto fra tensione e scaramanzia: parlano i ragazzi Video

La traccia più seguita? La poesia di Alda Merini

PARMA

Massacro di via San Leonardo: Solomon in tribunale, udienza rinviata a luglio

ANIMALI

Nella riserva Lipu di Torrile è stato osservato il rarissimo Falaropo beccolargo

L’eccezionale evento, registrato nei giorni scorsi, conferma ancora una volta l’importanza di questa zona umida nella nostra Bassa

1commento

12 TG PARMA

L'assemblea annuale dell'Upi, diretta di 12TvParma dalle 16,55

VOLANTI

Spaventa e minaccia i passanti con un bastone chiodato: denunciato 21enne nigeriano

L'africano è accusato anche di ricettazione: aveva due carte di credito rubate a una donna di Bologna

19commenti

ECONOMIA

Bonatti, commessa di oltre mezzo miliardo per un gasdotto in Canada

Incarico ottenuto da TransCanada Corporation per la costruzione di una parte della pipeline Coastal Gaslink

TRAVERSETOLO

«Nitro» e il suo fiuto infallibile: ritrovata la pistola della rapina in villa

GAZZAREPORTER

Via Madre Teresa di Calcutta, rifiuti abbandonati "in diretta": le foto di un lettore

PARMA

Zone 30 e interventi per la sicurezza: le novità nei quartieri Pablo e San Leonardo Foto Video

1commento

PARMA

Da Borgotaro al concorso al Palacassa con il bimbo da allattare

MEDESANO

Moto contro capriolo: grave 50enne nocetano

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dazi, i pericoli di una guerra commerciale globale

di Paolo Ferrandi

SONDAGGIO

Estate, tempo di musica e tormentoni: vota la tua hit Anni '80 preferita

ITALIA/MONDO

Astronomia

Scoperta la materia che mancava all'universo

Modena

Nuotatore di Montecchio morto a 24 anni: la Procura ordina nuovi accertamenti

SPORT

RUSSIA 2018

Una brutta Spagna soffre ma piega l'Iran

Bellezze...mondiali

La Polonia ha perso, ma le sue tifose (sugli spalti) hanno vinto Gallery

SOCIETA'

Social Network

Instagram raggiunge un miliardo di utenti e sfida YouTube

MODENA

L'Osteria Francescana di Massimo Bottura è ancora il ristorante migliore del mondo

MOTORI

ANTEPRIMA

Ecco la nuova S60, la prima Volvo costruita negli Usa

RESTYLING

La Mercedes Classe C fa il pieno. Di novità